A volte i pesci sani sono soggetti a malattie. Alcune di loro sono facili da curare, mentre altre sono mortali. È per questo motivo che molti acquariofili installano una vasca per la quarantena, mettendola da parte (sottoposta a cicli di azoto e tenuta con pochissime decorazioni). Possono sorgere casi in cui nell'acquario principale sia necessario somministrare farmaci (la maggior parte uccidono la vegetazione vera), perciò se adori le piantine che hai allestito, dovrai ripiantarle di nuovo dopo l'inoculazione.

Conserva in qualsiasi momento questo articolo e il numero di telefono del veterinario accanto all'acquario, nel caso in cui la vasca si infetti.

Passaggi

  1. 1
    Conosci i sintomi delle malattie. Se noti uno dei seguenti sintomi, fai un esame dell'acqua. Se dovesse risultare qualcosa fuori posto, procedi a un cambio d'acqua del 50%. Quelli che seguono sono solo alcuni dei tanti sintomi.
    • Pinne cadenti
    • Respiro affannoso
    • Inattività
    • Inappetenza
    • Graffiarsi su rocce, decorazioni e qualsiasi cosa incontrino
    • Squame rivolte verso l'esterno a mo' di pigna
    • Ventre gonfio
    • Perdita del colore
    • Occhi opachi
    • Macchie viscose o simili alla consistenza del cotone su tutto il corpo
  2. 2
    Fai una diagnosi preliminare. Se il pesce ha uno dei sintomi suddetti, prova a scoprire con quale malattia hai a che fare. Prima di usare i farmaci, rimuovi il carbone dai filtri, in quanto può assorbire le medicine e non sarà utile al trattamento.
    • Infezione fungina. Appare sotto forma di macchie viscose o simili a bambagia sulla pelle del pesce. Per curarla, aggiungi un antimicotico.
    • Decomposizione di pinne e coda. La coda e/o le pinne del pesce iniziano ad accorciarsi. Questa malattia è più frequente nei pesci dalle pinne lunghe come i pesci combattenti (betta). Per curarla, effettua un cambio dell'acqua del 50% e aggiungi un antibiotico come l'ampicillina. Nei casi lievi puoi provare il Maracyn I e II insieme, a metà dose ciascuno.
    • Malattia dei puntini bianchi ("ich"). Appare sotto forma di puntini bianchi su tutto il corpo del pesce. È contagioso, quindi è necessario trattare tutta la vasca, prima di alzare la temperatura a 29° C. Aggiungi nell'acquario un po' di sale e Aquarisol.
    • Piccole macchie vellutate color oro sul pesce. Curale allo stesso modo del prurito.
    • Esoftalmo. Uno o entrambi gli occhi sporgono dalle cavità oculari. Per curarlo, aggiungi l'ampicillina.
    • Idropisia. Le squame del pesce sporgono verso l'esterno a mo' di pigna. Curala con il Maracyn 2 e acqua pulita.
    • Parassiti esterni. Il pesce si lancia per grattarsi su qualsiasi cosa incontri. Curalo con un farmaco come il BettaZing (anche se il pesce non è combattente) o il Clout.
    • Parassiti interni. Il pesce potrebbe perdere peso anche se mangia. Puoi somministrare il BettaZing.
    • Infezione batterica. Si riscontra dall'inattività e dalle macchie rosse sul corpo. Curala con l'ampicillina.
    • Tubercolosi. Somiglia a molte altre malattie, perciò è difficile da diagnosticare. Se trovi una gran quantità di pesci morti nell'acquario, potrebbe trattarsi di tubercolosi. Non esiste alcun trattamento, quindi dovrai buttare via tutto l'acquario e il corredo.
      • Se qualcuno ti dà questo consiglio: "Non ti preoccupare, la cosa peggiore che può succederti è un'infezione della pelle, ma niente di peggio", vuol dire che non conosce il problema. La tubercolosi nei pesci è estremamente contagiosa per gli esseri umani e causa sintomi simili.
    • Branchie infiammate. Le branchie del pesce non si chiudono fino in fondo o possono diventare rosse. Curale con l'ampicillina.
  3. 3
    Procedi alla sanificazione dell'acquario. Prima di spostare tutti i pesci nella vasca della quarantena, sciacqua la ghiaia sotto l'acqua calda usando un colino. Riempi l'acquario con l'acqua del rubinetto, metti le piantine di plastica, il dispositivo per il riscaldamento e il filtro. Aggiungi una soluzione di Formalin-3. Lasciala per un paio di giorni. Risciacqua tutto, sostituisci anche la cartuccia del filtro e attiva un ciclo di azoto prima di aggiungere i pesci.
  4. 4
    Previeni le malattie comuni. È sempre meglio prevenire che curare. Nutri i pesci somministrando una alimentazione varia, cambiando frequentemente l'acqua e tenendo a portata di mano un kit di primo soccorso per pesci in ogni momento.
    Pubblicità

Consigli

  • Tieni a disposizione un semplice un kit di primo soccorso in ogni momento.
  • Prevenire è meglio che curare.
  • A volte, anche se il pesce è di acqua dolce, i sintomi possono scomparire solo con l'aggiunta di sale per acquario (non quello da cucina!). Chiedi presso il negozio di zootecnia dove ti rifornisci se i pesci e gli invertebrati possono tollerare un po' di sale.

Pubblicità

Avvertenze

  • Fai molta attenzione ai farmaci e non esagerare MAI quando li usi.
  • Assicurati che il cibo vegetale che utilizzi (se possiedi una vegetazione vera) non abbia l'effetto collaterale di uccidere i pesci.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Ampicillina
  • Maracyn I and II
  • BettaZing o Clout
  • Antimicotico (Metafix)
  • Antiparassitario (Pimafix)
  • Formalin-3

wikiHow Correlati

Come

Capire se il Tuo Pesce Avrà i Piccoli

Come

Curare un'Affezione alla Vescica Natatoria nel Pesce Rosso

Come

Curare i Pesci Tropicali Affetti dalla Malattia dei Puntini Bianchi

Come

Salvare un Pesce Rosso Morente

Come

Stabilire se il tuo Pesce Rosso è Maschio o Femmina

Come

Prendersi Cura di un Pesce Rosso

Come

Cambiare l'Acqua della Boccia dei Pesci

Come

Capire se il Pesciolino è Morto

Come

Evitare che i tuoi Pesci Muoiano mentre sei in Vacanza

Come

Allestire un Acquario di Acqua Dolce

Come

Salvare un Pesce Rosso

Come

Scoprire se la Tua Guppy è Incinta

Come

Sapere se il tuo Pesce Betta è Malato

Come

Pulire un Acquario
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 11 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 20 083 volte
Categorie: Pesci
Questa pagina è stata letta 20 083 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità