L'artrite è sostanzialmente l'infiammazione delle articolazioni. Se soffri di artrite alle mani, probabilmente hai un'infiammazione in una o più articolazioni delle mani o dei polsi. È un disturbo che può essere causato da una malattia (osteoartrite o artrite reumatoide) o da una lesione. Per cercare di gestire il dolore, la flogosi e altre alterazioni nelle mani, è importante trattare il problema in modo appropriato.[1]

Metodo 1 di 3:
Ottenere Cure Mediche

  1. 1
    Prendi i farmaci che ti vengono consigliati. Il medico potrà raccomandarti determinati medicinali da assumere regolarmente per ridurre l'infiammazione e il dolore causati dall'artrite. Alcuni di questi prodotti, come l'ibuprofene (un antinfiammatorio), non richiedono la prescrizione medica e puoi assumerli diverse volte al giorno. I farmaci descritti di seguito sono noti per alleviare il malessere e la flogosi dovuti a tale patologia:[2]
    • Antinfiammatori non steroidei: conosciuti anche come FANS, includono l'ibuprofene (Brufen); la maggior parte di questi è disponibile in farmacia in libera vendita, ma puoi farti prescrivere dal medico dei FANS più forti, che hanno un concentrato di principio attivo maggiore.[3]
    • Corticosteroidi: sono usati soprattutto per tenere sotto controllo l'infiammazione. Questi farmaci vengono somministrati per via endovenosa. Quelli per uso orale sono generalmente indicati per l'artrite reumatoide.[4]
    • Analgesici: sono specifici per alleviare il dolore, ma non riducono l'infiammazione; tra questi il più diffuso è il paracetamolo (Tachipirina). Sono disponibili anche in forma di crema e possono essere strofinati sulla pelle attorno all'area dolorante. Puoi trovare gli analgesici a basso dosaggio e una varietà di prodotti in crema per uso topico in farmacia senza bisogno di ricetta, mentre le versioni più forti richiedono una prescrizione medica.[5]
    • Farmaci antireumatici modificanti la malattia: conosciuti anche come DMARD (acronimo che deriva dal termine inglese), agiscono nel modificare il processo artritico. Si tratta di medicinali disponibili solo su prescrizione medica.[6]
    • Modificatori della risposta biologica: sono indicati soprattutto per l'artrite reumatoide e agiscono bloccando i passaggi specifici del processo infiammatorio del corpo. Anche in questo caso, può prescriverli solo il medico.[7]
    • Farmaci per l'osteoporosi: aiutano a rallentare la perdita di tessuto osseo o a costruire nuove ossa. Ne esistono di diverse tipologie e sono in vendita solo su prescrizione.[8]
  2. 2
    Gestisci il dolore con le iniezioni. Se i farmaci antinfiammatori non alleviano il disagio, il medico potrà raccomandarti di eseguire regolarmente delle iniezioni nell'articolazione artritica. Si tratta in genere di anestetici e steroidi, il cui effetto può durare anche diversi mesi.[9]
    • Anche se questo trattamento ti sembra efficace, ricorda che puoi usarlo solo come misura temporanea e non in maniera continuativa e indefinita.
  3. 3
    Stecca le mani e/o i polsi. Oltre ai farmaci o iniezioni – o in sostituzione – puoi decidere di usare una stecca. Questo dispositivo permette di sostenere e stabilizzare le mani e/o i polsi per ridurre lo stress che subiscono durante determinate attività.[10]
    • Solitamente, le stecche vanno indossate tutti i giorni per un numero limitato di ore e non costantemente. La maggior parte di coloro che soffrono di artrite tende a usare tale accessorio quando svolge delle attività specifiche che potrebbero causare più dolore, per esempio quando digita al computer, guida, dipinge o cura il giardino.
  4. 4
    Valuta la chirurgia per le tue mani sofferenti. Sfortunatamente, i farmaci e le iniezioni non sempre sono efficaci quanto si desidera. Un'altra opzione che puoi prendere in considerazione è l'intervento chirurgico. L'esatta procedura a cui potresti essere sottoposto dipende dalla tua situazione specifica, ma lo scopo principale è quello di ridurre il dolore nel lungo periodo.[11][12]
    • La prima e migliore tra le opzioni chirurgiche è quella che prevede di salvare o ricostruire l'articolazione. Tuttavia, se ciò non è possibile, il chirurgo provvederà a innestare una protesi o procedere con una fusione dell'articolazione.
    • La fusione tra due articolazioni può ridurre notevolmente il dolore, ma ne impedisce in modo irreversibile il movimento. L'immobilità articolare permette di eliminare il dolore perché viene impedito qualunque tipo di attrito tra le ossa.
    • L'innesto di una protesi consiste nella sostituzione dell'articolazione originale con una artificiale, che in genere è di plastica, metallo o ceramica e può durare molto a lungo. Questa procedura non solo elimina ogni dolore, ma permette di continuare a usare la mano normalmente.
  5. 5
    Sottoponiti alle dovute terapie alla mano dopo la chirurgia. A prescindere dal tipo di intervento subito, in seguito dovrai eseguire la terapia alla mano (un tipo di fisioterapia). Subito dopo la procedura chirurgica potrebbe essere necessario indossare costantemente una stecca per limitare i movimenti mentre la zona interessata guarisce. Dovrai inoltre cambiare il tipo di attività finché la mano o il polso non sarà abbastanza forte.[13]
    • La maggior parte dei pazienti torna in genere alle normali attività circa 3 mesi dopo la chirurgia. Tuttavia, la velocità di recupero dipende fortemente dall'impegno che dedichi per prenderti cura della mano o del polso.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Alleviare il Dolore con Rimedi Casalinghi

  1. 1
    Applica un impacco di ghiaccio per ridurre la flogosi. Se l'articolazione è gonfia e dolorosa a causa dell'artrite, puoi usare un impacco freddo o di ghiaccio per alleviare il disagio.[14]
  2. 2
    Tieni le mani al caldo. Se l'infiammazione artritica provoca dolore che non scompare, il calore può essere di aiuto. Effettivamente, molti pazienti lamentano in genere maggior dolore negli ambienti freddi e trovano che tenere le mani e i polsi costantemente caldi (per esempio indossando i guanti) può alleviare il disagio.[15]
    • Anche indossare guanti di cotone durante il sonno per tenere le mani al caldo aiuta a limitare il dolore.[16]
    • Fai degli impacchi con cera di paraffina calda sulle mani ogni mattina, per averle belle calde fin dall'inizio della giornata. Si tratta di bagni di paraffina calda che puoi conservare in uno slow cooker e riutilizzare molte volte.
  3. 3
    Procurati dei dispositivi di assistenza. L'artrite alle mani può impedire di svolgere determinate attività, come togliere il coperchio di un vasetto, afferrare qualcosa saldamente, aprire un contenitore con chiusura facendo leva e così via. Esistono molti accessori in commercio che possono rendere più semplici tutte queste mansioni, soprattutto se non sempre hai accanto altre persone che possano aiutarti.[17]
    • Il web è in genere la fonte migliore per stabilire quali prodotti sono disponibili e trovare quello più utile per il tuo scopo. Puoi fare una ricerca online digitando "dispositivi di assistenza per artrite mani" oppure rivolgiti alle ortopedie della tua zona e cerca i prodotti più efficaci per te.
  4. 4
    Prendi degli integratori di glucosamina e condroitina. Puoi trovare questi composti nelle principali farmacie e negozi di prodotti naturali. Si è riscontrato che sono in grado di ridurre il dolore e la rigidità in coloro che soffrono di osteoartrite, ma non sono efficaci per tutti allo stesso modo. Puoi prendere questi integratori per due mesi e vedere se hanno un effetto positivo sulle tue mani e polsi. Se però non trovi sollievo, non ha senso continuare con questo trattamento.[18]
    • Tieni presente che i produttori di questi integratori li pubblicizzano come composti in grado di ricostruire la cartilagine nelle articolazioni. Tuttavia, non ci sono studi scientifici che possano confermare la veridicità di tali affermazioni da parte dei fabbricanti.
  5. 5
    Mangia più pesce. Gli acidi grassi omega-3, presenti in molti tipi di pesce e negli integratori in capsule di olio di pesce, possono ridurre potenzialmente la quantità di infiammazione del corpo. Sebbene non siano efficaci per tutti, vale la pena fare un tentativo con i supplementi alimentari o integrando la dieta con più pesce.[19]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Esercitare le Mani

  1. 1
    Piega il pollice. Tieni la mano dritta in una posizione comoda e rilassata con tutte le dita e il pollice ben dritti. Piega quindi il pollice verso il palmo (o il più lontano che puoi) e cerca di toccare la base del mignolo. In seguito riportalo alla posizione originale.[20]
    • Ripeti questo esercizio molte volte con la mano destra, finché non provi disagio.
    • Quando hai terminato con questa mano, passa alla sinistra.
  2. 2
    Distendi le dita. Punta la mano destra verso l'alto con tutte le dita ben dritte e le une vicino alle altre. Piegane le punte verso il basso, in direzione del centro del palmo. Piega solo la prima e seconda nocca, mantenendo la mano e le dita dritte. Al termine, riportale alla posizione di partenza.[21]
    • Piega e raddrizza le dita lentamente e con un movimento fluido.
    • Ripeti l'esercizio tutte le volte che sei in grado di farlo usando la mano destra.
    • Al termine, passa alla sinistra.
  3. 3
    Fai un pungo. Appoggia la parte esterna di dita, mano e polso destri su una superficie piana. Inizia tenendo la mano a 90° rispetto alla superficie con le dita ben dritte. Senza sollevare la mano dal tavolo, chiudila a pugno ma non serrare con forza. Appoggia il pollice all'esterno del pugno; infine riporta le dita alla posizione di partenza.[22]
    • Apri e chiudi lentamente la mano in maniera fluida. Quando chiudi il pugno, non serrare le dita con forza.
    • Ripeti l'esercizio tutte le volte che sei in grado di farlo, usando la mano destra.
    • Quando hai terminato, puoi esercitare quella sinistra.
  4. 4
    Incurva le dita per formare la lettera "C" con la mano. Tieni la destra davanti a te, come se dovessi stringere quella di un'altra persona. Tieni le dita dritte e ben aderenti le une alle altre. Usando il pollice e le dita, curva la mano a forma di "C", come se stessi tenendo la lattina di una bibita. Raddrizza le dita nella posizione originale.[23]
    • Apri e chiudi la mano lentamente e con un movimento fluido;
    • Ripeti l'esercizio tutte le volte che sei in grado senza provare disagio;
    • Al termine, passa alla mano sinistra.
  5. 5
    Crea dei cerchi con le dita e il pollice. Tieni la mano destra davanti a te, come se stessi per stringere quella di un'altra persona. Mantieni le dita dritte e ben aderenti tra loro. Inizia a incurvare l'indice e il pollice in modo che le punte si tocchino e formino un cerchio. Ripeti il procedimento con il medio, l'anulare e infine il mignolo.[24]
    • Piega e raddrizza le dita lentamente senza movimenti a scatti;
    • Esegui tutte le ripetizioni che sei in grado di fare con la mano destra;
    • Quando hai finito, esercita la mano sinistra.
  6. 6
    Fai scivolare le dita su un tavolo. Appoggia la mano destra su una superficie piana con il palmo verso il basso, le dita dritte e leggermente distanziate tra loro. Il pollice deve puntare lontano dalla mano. Inizia dal dito indice e fallo scorrere verso sinistra finché non si distanzia molto dal medio. Ripeti il medesimo movimento con il medio, l'anulare e il mignolo.[25]
    • Quando hai spostato tutte le dita della mano destra, riportale alla posizione iniziale e ripeti l'esercizio tutte le volte che sei in grado.
    • Quando hai finito, passa alla mano sinistra.
    • A prescindere da quale mano stai esercitando, devi sempre spostare le dita verso il pollice.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Massaggiare le Mani

Come

Alleviare i Dolori Artritici

Come

Curare la Ritenzione Idrica

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Controllare se una Ferita è Infetta

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi

Come

Migliorare la Postura

Come

Controllare i Linfonodi

Come

Curare l'Infezione di un'Unghia Incarnita

Come

Alleviare il Dolore delle Unghie Incarnite del Piede

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea

Come

Riconoscere i Sintomi dell'HIV
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Troy A. Miles, MD
Co-redatto da
Chirurgo Ortopedico
Questo articolo è stato co-redatto da Troy A. Miles, MD. Il Dottor Miles lavora come Chirurgo Ortopedico specializzato in Ricostruzione Articolare per Adulti in California. Si è laureato in Medicina all'Albert Einstein College of Medicine nel 2010. In seguito ha realizzato un internato alla Oregon Health & Science University e ha ottenuto una borsa di studio all'UC Davis. Questo articolo è stato visualizzato 13 805 volte
Questa pagina è stata letta 13 805 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità