Scarica PDF Scarica PDF

Se hai recentemente scoperto di avere un'ernia, vorrai iniziare a curarla immediatamente. È la cosa migliore che puoi fare seguendo le indicazioni del tuo medico, ma ci sono anche cose da fare – e da evitare. Qui comprenderai come curare la tua ernia e assicurare che questo problema non si verifichi di nuovo. Per tenere a bada il dolore, inizia a leggere il primo passaggio.

Metodo 1
Metodo 1 di 2:
Curare l'Ernia

  1. 1
    Usa il freddo per lenire il dolore. Una busta di ghiaccio istantaneo è un modo per lenire il dolore, ma non esercitare troppa pressione! Questo potrebbe potenzialmente causare più danni. Basta avvolgere una busta di ghiaccio istantaneo in un asciugamano e tenerla sull'area interessata per 10-15 minuti. Aspetta che si sia ristabilita la temperatura corporea e se necessario applica un'altra busta di ghiaccio.
    • Il gonfiore può essere alleviato sempre con il freddo. Tuttavia, un serio rigonfiamento necessita un immediato intervento medico.
  2. 2
    Cerca di evitare di alzare oggetti pesanti. Ci sono alcuni lavori che richiedono molto sforzo sia fisico che muscolare. Devi evitare attività come spostare mobili, prendere in braccio i tuoi figli, fare lavori di falegnameria.
    • Rischi di aggravare la tua ernia se eserciti troppa pressione sul tuo fisico, particolarmente a livello di quei muscoli resi più deboli a causa del tuo stato di salute.
  3. 3
    Evita alimenti che pensi possano peggiorare la situazione. Non dovresti mangiare cibi che ti facciano sentire gonfio o che causino qualsiasi tipo di stress gastrico, anche se in piccola parte. Qualsiasi cibo che che ti dia la più leggera sensazione di bruciore, indigestione o nausea deve essere evitato.
    • Esempi di alimenti da evitare sono gli alcolici, bevande a base di caffeina, cioccolata, pomodori, cibi grassi, piccanti e alimenti o bevande acide (limoni, arance o fragole).
  4. 4
    Pratica yoga. Lo yoga è uno dei modi migliori per migliorare la tua condizione se hai un'ernia. Un semplice esercizio che puoi fare è inspirare, trattenere l'aria per circa tre secondi e poi espirare lentamente. Esegui 10 ripetizioni. Puoi praticare questo esercizio ogni ora. Aspetta due ore dopo ogni pasto.
    • Quando hai preso confidenza con l'esercizio puoi trattenere il respiro per 5-7 secondi.
  5. 5
    Prova cinti erniari o fasce postoperatorie. Questi sono dispositivi usati per tenere l'ernia in posizione facendo pressione sull'area colpita. Indossale creando pressione per impedire che l'ernia si ingrandisca.
    • Questo trattamento è solo un approccio temporaneo prima dell'intervento chirurgico. Non è consigliabile indossare la cintura per lungo tempo perché la pressione esercitata può indebolire i tessuti circostanti.
    • A un certo punto questi dispositivi possono risultare utili nel caso di un'ernia riducibile o che possa regredire da sola.
  6. 6
    Considera di sottoporti a un intervento a cielo aperto. Questa procedura è eseguita in anestesia generale. Il chirurgo praticherà un'incisione vicino alla protuberanza, e l'ernia verrà spinta indietro nella sua giusta posizione. Dopo questa fase, i tessuti muscolari saranno cuciti insieme, chiudendo l'ernia. È un'operazione relativamente semplice.
    • In altri casi si utilizzerà un cerotto composto di materiale biologico posizionato sopra l'ernia, sovrapposto ad essa. Col tempo, il tuo organismo incorporerà il materiale, rinforzando la zona riparata.
  7. 7
    Considera l'intervento chirurgico in laparoscopia. La laparoscopia è una tecnica chirurgica microinvasiva. Questo significa che durante l'intervento sarai sottoposto a un trauma molto minore. Ecco come funziona:
    • Una microcamera viene inserita nella cavità addominale. Vengono praticate tra le due e le quattro incisioni, in questo modo gli strumenti chirurgici e il laparoscopio (videocamera) possono essere inseriti.
    • L'addome verrà quindi gonfiato per agevolare la procedura chirurgica. Il chirurgo guarderà il campo operatorio tramite uno schermo.
    • Il medico utilizzerà appositi strumenti per riparare l'ernia.
    • Una volta riparata l'ernia, verrà fatto fuoriuscire il gas dalla cavità addominale e verranno suturate le incisioni.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 2:
Come Prevenire Future Complicazioni

  1. 1
    Evita sforzi. Specialmente nel caso di soggetti anziani: i muscoli sono già deboli, quindi non dovrebbe essere praticata un'attività che richieda sforzo fisico. Esempi variano dall'alzarsi all'andare di corpo. Tali movimenti intestinali possono creare tensione e pressione non solo ai muscoli, ma anche agli organi interni.
    • Per evitare sforzi mentre vai di corpo, prova ad andare al bagno regolarmente, bevi acqua in abbondanza e, soprattutto nel caso degli anziani, segui una dieta ricca di cibi morbidi evitando quegli alimenti che induriscono le feci.
  2. 2
    Smetti di fumare. Il fumo può irritare il tratto digestivo, peggiorando le complicazioni. È consigliabile smettere di fumare per evitare disturbi polmonari come la tosse cronica, che potrebbe essere un problema. È un tipo di tosse che sforza i polmoni (e quindi l'ernia): è importante non sforzare i tuoi muscoli.
    • La tosse cronica è progressiva e non si esaurisce mai. Inoltre, la pressione sulle pareti addominali o sul diaframma è il risultato della tosse cronica. Consulta un medico se hai questo disturbo, in modo da ricevere il trattamento appropriato per evitare complicazioni come l'ernia.
  3. 3
    Perdi peso. L'obesità può essere la causa di un'ernia – quando i muscoli addominali sono deboli (una conseguenza dell'obesità), gli organi e i tessuti circostanti non possono essere tenuti nella propria sede. Per ridurre il rischio di ernia (e di molte altre patologie correlate all'obesità), inizia immediatamente una dieta. Persino 5 chili in meno possono fare la differenza!
    • L'obesità rappresenta un fattore di rischio per molti disturbi e malattie. Se non è sufficientemente stimolante l'idea di ridurre il peso per minimizzare il rischio d'ernia, considera che perdendo peso vivrai più a lungo, riducendo il rischio di infarto, diabete e il carico a livello muscolare e articolare.
  4. 4
    Mangia sano. Una dieta ad alto contenuto di fibre stimolerà il transito intestinale, prevenendo sforzi a livello addominale. Mangiando frutta, verdura e cibi integrali in abbondanza – e rimanendo adeguatamente idratato – eviterai la costipazione.
    • Lamponi, pere, mele, piselli, fagioli, carciofi, broccoli, lenticchie e nocciole presentano un alto contenuto di fibre.
    • Puoi assumere anche una bevanda ad alto contenuto di fibre per favorire il transito intestinale. Il segreto sono un paio di cucchiai sciolti in acqua.
  5. 5
    Prendi in considerazione di cambiare le tue abitudini. Se hai un hobby o un lavoro che richiedano sforzi o alzare pesi, è consigliabile prendere le dovute precauzioni. Lo stesso discorso vale se stai in piedi per molto tempo. Dovrai seguire uno stile di vita che permette di muoverti senza sforzare eccessivamente la schiena, l'addome e i muscoli delle gambe.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Un'ernia è un problema serio. Rivolgiti a un medico.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Curare un Dito Insaccato
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Liberarsi Velocemente delle EmorroidiLiberarsi Velocemente delle Emorroidi
Riconoscere i Sintomi della LeucemiaRiconoscere i Sintomi della Leucemia
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Curare una Scottatura Solare al Cuoio CapellutoCurare una Scottatura Solare al Cuoio Capelluto
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Trattare il Mal di Gola dopo aver VomitatoTrattare il Mal di Gola dopo aver Vomitato
Camminare con una StampellaCamminare con una Stampella
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 5 386 volte
Questa pagina è stata letta 5 386 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità