Come Curare un Bimbo con la Diarrea

Scritto in collaborazione con: Laura Marusinec, MD

Un bambino soffre di diarrea quando almeno tre volte al giorno espelle feci acquose che sono motivo di allarme e preoccupazione. Tuttavia, puoi intervenire efficacemente se conosci l'esatta sintomatologia e ti informi sul trattamento. Affrontando il problema con una certa costanza e affidandoti all'assistenza del pediatra, ridurrai il rischio che si sviluppi un malessere o una patologia più grave.

Parte 1 di 4:
Controllare i Sintomi

  1. 1
    Cerca di capire se ci sono sintomi di un'infezione virale. Molte sono le cause della diarrea nei bambini, ma il più delle volte è attribuibile a un'infezione virale, come il rotavirus, spesso accompagnata da vari sintomi, tra cui mal di testa, mal di stomaco, vomito e febbre.[1]
    • Solitamente, la diarrea procurata da un'infezione virale dura dai 5 ai 14 giorni.[2]
    • Misura la temperatura corporea per vedere se ha la febbre. Molte volte indica un'infezione virale.
  2. 2
    Controlla la frequenza delle evacuazioni. Per stabilire la gravità del problema e le cure da adottare, è necessario osservare la frequenza con cui il bambino espelle le feci. Sotto trattamento, dovrebbe diminuire e la consistenza comincerà a diventare meno acquosa.[3]
    • Il metodo BRAT è studiato per i soggetti che vanno in bagno ogni quattro ore. Tuttavia, questa terapia alimentare non è consigliata per i bambini piccoli.
  3. 3
    Individua i segni che indicano disidratazione. Sebbene non costituisca un rischio elevato nei bambini affetti da diarrea in forma lieve, nei casi più gravi potrebbe verificarsi a causa dei liquidi persi. Individuando i sintomi prodromici di un'eventuale disidratazione, potrai curare il bambino in tempi brevi e nel miglior modo possibile.[4]
    • Cerca di capire se ha capogiri, la bocca secca o appiccicosa, urine giallo-scure, scarse o assenti e poche lacrime quando piange.[5]
    • Una grave forma di disidratazione può causare seri problemi di salute, come convulsioni e danni cerebrali. Chiama immediatamente il medico se noti nel bambino i seguenti sintomi: letargia, pelle secca, fresca, pallida o chiazzata, svenimento o confusione, frequenza cardiaca accelerata e iperventilazione.[6]
  4. 4
    Controlla gli effetti collaterali dei farmaci che sta assumendo. Se il bambino prende regolarmente dei farmaci o li ha presi recentemente a causa di un'altra malattia o disturbo, controlla gli effetti collaterali e verifica se includono la diarrea. In tal caso, consulta il pediatra per sapere qual è il modo migliore di procedere.[7]
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Cercare l'Assistenza del Medico

  1. 1
    Consulta il pediatra. Contattalo immediatamente se sei preoccupato o hai domande sulle condizioni del bambino. Quando soffre di diarrea, tieni d'occhio altri segni che possono indicare gravi affezioni, come febbre alta (oltre 38° C), disidratazione, tracce di sangue o muco nelle feci, feci nere simili a catrame o vomito frequente.[8]
    • Se stai cercando di alleviare i sintomi, ma la situazione non migliora nel giro di un paio di giorni o peggiora, fissa quanto prima un appuntamento dal pediatra.
    • Ricorda che la diarrea è un meccanismo fisiologico mirato a rimuovere un'infezione e che quest'ultima deve seguire il suo corso. Anche se le condizioni di salute del bambino non dovrebbero aggravarsi, probabilmente saranno necessari alcuni giorni prima che manifesti un miglioramento.
  2. 2
    Preparati all'appuntamento col pediatra. Cerca di ricostruire la durata e le caratteristiche del malessere di tuo figlio. Annota da quanto tempo ha la diarrea e quante evacuazioni si verificano nell'arco di 24 ore.
    • Identifica il colore e la consistenza delle feci e scopri se contengono tracce di sangue o muco.
    • Annota altri sintomi, come febbre o vomito, perché potrebbero indicare un'infezione.[9]
  3. 3
    Evita i farmaci da banco. Non somministrare a tuo figlio farmaci antidiarroici perché in genere sono destinati ai soggetti adulti e possono causare altre complicazioni nei bambini.[10]
    • Non somministrarli a meno che non siano stati prescritti dal medico.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Trattare i Sintomi nei Neonati

  1. 1
    Allatta spesso. Una delle maggiori preoccupazioni dei bambini affetti da diarrea è la disidratazione. Quindi, allattando tuo figlio più spesso del solito, gli fornirai i liquidi, le calorie e i nutrienti necessari per mantenersi idratato e in salute.[11]
    • Allattalo a ogni seno almeno per uno o due minuti ogni quarto d'ora finché i sintomi non diminuiscono o, se non allatti al seno, usa il latte artificiale e il biberon.[12]
  2. 2
    Aumenta la dose se usi il latte artificiale. In questo modo, potrai compensare la carenza di nutrienti e liquidi, che si tratti di un neonato o un bimbo più grande. L'integrazione nutrizionale necessaria dipende dalla statura e dall'età del soggetto: per esempio, 30 ml per i neonati e 90 ml per i bambini di 12 mesi a ogni poppata supplementare.[13]
    • Se non sei sicuro della quantità di cui ha bisogno tuo figlio, consulta il pediatra.
  3. 3
    Nutrilo con cibi semisolidi. Introducili nella dieta di tuo figlio se in precedenza li mangiava. Le banane o le patate schiacciate sono ricche di sostanze nutritive e possono aiutare i neonati affetti da diarrea a ristabilirsi.[14]
    • I cereali nel latte costituiscono un altro modo per introdurre nutrienti e liquidi nell'alimentazione infantile.[15]
  4. 4
    Consulta il medico per sapere se puoi somministrare una soluzione reidratante orale (SRO). Chiedi al pediatra maggiori informazioni su questo preparato se temi che tuo figlio non assuma abbastanza liquidi dall'allattamento al seno o dal latte artificiale. La SRO è una soluzione speciale che favorisce la reidratazione (contiene una combinazione di glucosio, elettroliti e minerali essenziali) e viene venduta nelle farmacie e sanitarie.[16]
    • Tuttavia, tieni conto che non garantisce ai bambini il loro fabbisogno nutrizionale e, quindi, non va considerata come un sostituto di una dieta sana, ma semplicemente come un integratore per la reidratazione. Una volta che noti un miglioramento, torna a nutrirlo col latte artificiale, allattarlo al seno o dargli cibi semisolidi.
  5. 5
    Proteggi le zone sensibili. I bambini che soffrono di diarrea possono manifestare eruzioni cutanee causate dai pannolini. Lava accuratamente tuo figlio dopo ogni evacuazione, tampona con un asciugamano e applica una crema o una pasta a base di ossido di zinco per evitare che la pelle si irriti.[17]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Trattare i Sintomi nei Bambini tra 1 e 11 Anni

  1. 1
    Somministra molti liquidi. La cosa più importante quando si verificano episodi diarroici è quella di aumentare la somministrazione dei liquidi. In questo modo, aiuterai tuo figlio a reintegrare quelli persi con l'emissione delle feci. In caso di diarrea moderata o grave, si raccomanda una dieta esclusivamente liquida accompagnata da una graduale reintroduzione dei cibi solidi.[18]
    • Le bevande chiare sono quelle più benefiche. Tuttavia, l'acqua naturale non reintegra i minerali persi. Prova ad aggiungere una soluzione reidratante orale (SRO) per favorire il recupero dei minerali e degli elettroliti persi.[19]
    • Se ha difficoltà a bere, incoraggialo a fare piccoli sorsi o succhiare frequentemente dei cubetti di ghiaccio per scongiurare la disidratazione.
    • Evita gli zuccheri raffinati e i succhi di frutta. Non dare a tuo figlio succhi di frutta, bibite o bevande sportive zuccherate, perché ammorbidiscono le feci.
  2. 2
    Nutri il bambino con pasti piccoli, frequenti e poco salati. In questo modo, non sarà soggetto a irritazioni dovute a un eccesso di cibo e lo aiuterai a calmare lo stomaco. Per favorire l'apporto dei nutrienti, conviene nutrirlo circa sei volte al giorno con porzioni più piccole anziché tre pasti abbondanti.[20]
    • Prova con alimenti ricchi di nutrienti, come le banane, le mele affettate, la pasta, il riso bianco o le verdure cotte.
    • Non negargli il cibo. Un apporto frequente di sostanze nutritive inibisce la durata dei sintomi.[21]
    • Evita i cibi ricchi di grassi. Il formaggio, la panna e persino lo yogurt intero possono provocare gonfiore e aumentare dolore e malessere causato dalla diarrea.
  3. 3
    Introduci integratori dietetici per la reidratazione e i probiotici dopo 24 ore. Dopo 24 ore il bambino inizierà ad avvertire i benefici della SRO e dei probiotici. La soluzione reidratante ripristina gli elettroliti persi, mentre i probiotici ristabiliscono la flora batterica, oltre a combattere la diarrea che contribuisce alla proliferazione di batteri nocivi nell'apparato gastrointestinale.[22]
    • Lo yogurt è il probiotico più comune e reperibile, ma l'alta concentrazione di grassi potrebbe procurare fastidi. Recati in farmacia o presso un negozio di alimenti biologici e compra un integratore a base di probiotici o lo yogurt magro con fermenti lattici vivi oppure chiedi consiglio al pediatra.
    Pubblicità

Consigli

  • Di solito, la diarrea cessa dopo tre o quattro giorni. Se dura più di una settimana, dovresti consultare il pediatra.
  • Qualsiasi bevanda deve essere somministrata in "contenitori puliti". Dal momento che il biberon è difficile da disinfettare, non usarlo perché potrebbe scatenare una reinfezione dovuta agli stessi agenti patogeni che hanno provocato la diarrea.
  • Sottoponi tuo figlio alle prove allergiche per sapere se soffre di un'allergia alimentare.

Pubblicità

Avvertenze

  • Se le feci sono chiare e liquide (dall'aspetto ad "acqua di riso"), contatta il pediatra. Indicano sicuramente un grave caso di colera.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995.
Questa pagina è stata letta 9 888 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità