Come Curare un Pesce Betta

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

In questo Articolo:Riconoscere le MalattieTrattamentiPrevenzione

Se sei già stato in qualche negozio di pesci, avrai probabilmente notato un piccolo pesce colorato in una solitaria boccia di plastica. Si tratta del meraviglioso pesce d'acquario Betta splendens, conosciuto anche come pesce siamese combattente. Purtroppo, molte volte questo pesce viene trasportato dalla sua località d'origine asiatica in condizioni igieniche precarie. Questo aspetto, unito allo stress correlato, lo rende particolarmente vulnerabile a diverse malattie, la maggior parte delle quali, però, è curabile con dei trattamenti tempestivi e le cure appropriate.

Parte 1
Riconoscere le Malattie

  1. 1
    Osserva le pinne alla ricerca di zone non omogenee o presta attenzione se il pesce non è particolarmente attivo come al solito. Potrebbe anche avere un colore più pallido del normale e presentare sul corpo delle macchie bianche simili al cotone. Questi sono segni di un'infezione micotica. I funghi possono svilupparsi nell'acquario, se questo non viene trattato con sale e altri prodotti specifici una volta versata l'acqua.[1]
    • L'infezione può diffondersi rapidamente da un pesce malato a un altro, quindi è importante intervenire tempestivamente.
  2. 2
    Osserva gli occhi del pesce per vedere se uno o entrambi protrudono dal cranio. Questo è il sintomo di un'infezione batterica che viene indicato con il termine "esoftalmia". Il pesce potrebbe soffrire di esoftalmo a causa dell'acqua sporca dell'acquario oppure per una malattia più grave come la tubercolosi. Purtroppo si tratta di una malattia non curabile e il pesce Betta è destinato a morire.[2]
  3. 3
    Controlla se presenta delle scaglie sporgenti o se appare gonfio. In questo caso, i sintomi indicano un'infezione batterica, l'idropisia, che colpisce i reni dell'animale; può causare insufficienza renale e accumulo di fluidi o gonfiore. I pesci indeboliti dalle condizioni precarie dell'acqua o dal cibo contaminato ne sono particolarmente suscettibili.[3][4]
    • Quando l'animale arriva a soffrire di problemi renali come conseguenza dell'accumulo di liquidi, non ha probabilmente modo di riprendersi. Non ci sono cure per l'idropisia, ma è possibile prevenirla evitando di nutrire il pesce con vermi vivi o cibi contaminati. Se temi che il tuo pesce abbia questa malattia, devi separarlo dagli altri esemplari, in modo da non diffondere il contagio.
  4. 4
    Presta attenzione alla presenza di puntini bianchi sul corpo che sembrano grani di sale o di sabbia. In questo caso, il pesce è affetto dalla malattia dei puntini bianchi (ictioftiriasi). I puntini sembrano leggermente rialzati e il pesce tende a strofinarsi contro gli oggetti presenti nell'acquario per lenire il prurito e l'irritazione. Potrebbe inoltre soffrire di problemi respiratori e boccheggiare sulla superficie dell'acqua. Questa patologia colpisce i pesci che sono stressati a causa della temperatura irregolare dell'acqua o delle fluttuazioni del pH.[5]
  5. 5
    Osserva le pinne o la coda nel caso fossero sfilacciate o sbiadite. In questo caso, il pesce è affetto da un'infezione batterica che porta alla cancrena di pinne, coda e bocca. In genere, tale malattia colpisce gli esemplari che sono vittime di bullismo da parte degli altri pesci dell'acquario o che vengono feriti dagli altri compagni che mordono loro le pinne. Un altro fattore è rappresentato dalle scarse condizioni igieniche della vasca.[6]
    • Fortunatamente, nella maggior parte dei casi le pinne e la coda si riformano, se la cancrena viene curata prontamente. Tuttavia, una volta ricresciute, queste parti del corpo non saranno più vivaci come prima.
    • In alcuni pesci Betta la marcescenza arriva a intaccare molte parti del corpo e le pinne, se il problema viene trascurato per molto tempo. Quando la malattia progredisce, il pesce potrebbe anche arrivare a perdere le pinne e altri tessuti del corpo; a questo punto, diventa difficile curare il disturbo e la decomposizione arriva praticamente a consumare tutto il corpo.
  6. 6
    Punta una torcia sul pesce per vedere se il corpo appare di colore dorato o simile alla ruggine. Questo è il sintomo della malattia del velluto (oodiniasi), dovuta a un parassita altamente contagioso. Se il tuo pesce è stato colpito, potresti notare che blocca le pinne contro il corpo, inizia a perdere il suo colore, l'appetito e potrebbe grattarsi continuamente contro le pareti o sulla ghiaia dell'acquario.[7]
    • L'oodinium è un parassita altamente contagioso e devi prenderti cura di tutto l'acquario, anche se i sintomi della malattia sono presenti su un singolo pesce.
  7. 7
    Verifica se il pesce galleggia su un lato del corpo o se resta sul fondo dell'acquario senza muoversi. Questi sono sintomi del disturbo della vescica natatoria, una malattia piuttosto diffusa tra i pesci Betta. È causata da un'eccessiva alimentazione, che porta a gonfiare la vescica natatoria; di conseguenza, il pesce è costretto a nuotare su un lato o restare sul fondo della vasca, perché i movimenti diventano troppo impegnativi.[8]
    • Questo disturbo è facile da trattare e non danneggia il pesce, quindi non devi temere che possa morire per tale affezione.
  8. 8
    Nota se ci sono delle striature bianche-verdastre sulla pelle. Questo è un sintomo della lernaea, un'infezione dovuta a parassiti crostacei che scavano nella pelle del pesce ed entrano nei suoi muscoli. Prima di morire rilasciano le uova, danneggiando e infettando il pesce.[9][10] Il pesce Betta può contrarre questa malattia per essere stato esposto ai parassiti nelle vasche del negozio di animali, se il cibo è contaminato oppure perché è stato contagiato da un altro esemplare introdotto nell'acquario.
    • Il pesce continuerà probabilmente a grattarsi contro gli oggetti presenti nella vasca nel tentativo di sbarazzarsi dei crostacei; i punti dove questi parassiti attaccano il pesce potrebbero essere gonfi.

Parte 2
Trattamenti

  1. 1
    Metti in quarantena il pesce infetto. Se vive con altri esemplari, usa una retina pulita per toglierlo dall'acquario e metterlo in un'altra vasca più piccola con un sistema di filtrazione appropriato. In questo modo, puoi ripulire l'acqua e l'acquario da ogni malattia senza danneggiare il pesce.
    • Verifica anche che la temperatura dell'acqua della vasca di quarantena sia corretta, intorno ai 25-27 °C.[11]
  2. 2
    Usa un prodotto medicato contro l'ictioftiriasi. Puoi trovarlo nei negozi di animali. Puoi trattare la malattia anche aumentando la temperatura dell'acqua, se la tua vasca ha una capienza maggiore di 20 litri. Se invece si tratta di un acquario piccolo, devi evitare di alzare la temperatura, altrimenti uccideresti il pesce Betta.[12]
    • Nel caso tu abbia una vasca grande, aumenta la temperatura gradualmente, per non creare uno shock termico al pesce, finché non raggiungi i 30 °C; questo permette di uccidere il parassita.
    • Se invece hai una vasca piccola, puliscila accuratamente, cambia completamente l'acqua e fai un trattamento con un prodotto specifico e un sale marino per acquari. Puoi decidere di trasferire il pesce in un altro contenitore provvisorio e aumentare la temperatura dell'acqua fino a 30 °C per uccidere i parassiti residui prima di introdurre nuovamente il tuo amico nell'acquario.
    • Puoi evitare lo sviluppo di questa malattia mantenendo costante la temperatura dell'acqua e pulendo la vasca regolarmente ogni settimana.
  3. 3
    Elimina i funghi con l'ampicillina e la tetraciclina. Questi farmaci possono uccidere i funghi e prevenire la crescita micotica responsabile della marcescenza della coda e delle pinne. Assicurati anche di pulire accuratamente l'acquario e di cambiare completamente l'acqua. Aggiungi uno di questi farmaci nella nuova acqua, oltre a un prodotto per eliminare la presenza dei miceti.[13]
    • Devi pulire l'acquario e cambiare tutta l'acqua ogni tre giorni, aggiungendo il medicinale a ogni cambio, per uccidere i funghi in modo efficace. Quando noti che il pesce non perde più tessuti dalla coda o dalle pinne, puoi tornare alle normali procedure di igiene per l'acquario.
    • Puoi usare l'ampicillina anche per trattare l'esoftalmia. Anche in questo caso, pulisci la vasca, cambia tutta l'acqua ogni tre giorni e aggiungi il farmaco a ogni cambio. I sintomi dovrebbero scomparire nel giro di una settimana.
  4. 4
    Applica un prodotto a base di rame per uccidere i parassiti esterni. Se il tuo pesce Betta mostra i segni della presenza di questi parassiti, come la lernaea, devi cambiare almeno il 70% dell'acqua. In seguito, tratta l'acqua restante con questo prodotto per uccidere i parassiti residui e le loro uova.[14]
    • Tale medicamento è disponibile nei negozi di animali.
  5. 5
    Non dargli troppo cibo, per evitare lo sviluppo dell'affezione della vescica natatoria. Questi pesci non hanno molto appetito, quindi devi nutrirli con piccole quantità di alimenti ogni giorno, per non sovralimentarli. Il tuo esemplare dovrebbe riuscire a finire tutta la sua razione nel giro di due minuti. Se rimangono troppi avanzi nell'acquario, possono peggiorare la qualità dell'acqua e rendere il pesce più vulnerabile alle malattie.[15]
    • Forniscigli un'alimentazione varia e ricca di proteine. Cerca nel negozio di animali i prodotti approvati per i pesci Betta, oltre a dargli del cibo congelato o elaborato per pesci tropicali.

Parte 3
Prevenzione

  1. 1
    Predisponi un kit di primo soccorso per il pesce. È abbastanza frequente che questo pesce contragga qualche malattia o infezione durante la sua vita, quindi devi essere preparato avendo a disposizione i farmaci per fornirgli le cure o i trattamenti appropriati in tempi rapidi e in modo efficiente. I farmaci possono provocare stress, quindi devi usarli solo se sei certo che siano strettamente necessari per curare una malattia o infezione specifica. È possibile trovare questi kit nei negozi di animali. Solitamente, dovrebbero contenere i seguenti medicinali:[16]
    • Mycopur: si tratta di un farmaco a base di rame che combatte le infezioni parassitarie, micotiche e da protozoi. Si rivela utile per molti problemi, come le malattie fungine e l'oodinium. Puoi utilizzarlo come prevenzione, se stai cercando di far adattare il pesce a un nuovo ambiente oppure ogni volta che introduci un nuovo esemplare Betta nell'acquario.
    • Canamicina: è un antibiotico disponibile in molti negozi di animali e di acquari. Si utilizza per debellare le infezioni batteriche.
    • Tetraciclina: è un antibiotico utilizzato per le infezioni batteriche meno gravi.
    • Ampicillina: si tratta di un antibiotico molto utile per trattare l'esoftalmia e altre infezioni; lo puoi acquistare nei negozi di acquari e online.
    • Dessamor: è un trattamento antifungino che funziona su diversi miceti e deve essere tenuto sempre a portata di mano.
    • Eritromicina e minociclina: questi medicinali sono spesso disponibili in compresse e si utilizzano per curare le infezioni lievi come la marcescenza delle pinne. Tuttavia, non sono così efficaci contro le malattie più gravi quanto gli altri farmaci.
  2. 2
    Cambia il 10-15% dell'acqua ogni settimana. In questo modo, elimini l'accumulo dei residui e tutto il materiale organico in decomposizione, dal cibo avanzato alle foglie e radici morte delle piante. Se esegui cambi parziali dell'acqua con scadenza settimanale, elimini le tossine e mantieni un ambiente pulito per i tuoi pesci.[17]
    • Non rimuovere le piante o le decorazioni che si trovano nella boccia o nell'acquario. Se togli questi elementi o li pulisci, puoi uccidere i batteri benefici che filtrano l'acqua della vasca; di conseguenza, peggiori la qualità del sistema di filtraggio. Allo stesso modo, non devi togliere il pesce dalla vasca quando esegui dei cambi parziali di acqua, perché stresseresti l'animale e lo esporresti a batteri pericolosi.[18]
    • Per eseguire dei cambi parziali, togli il 10-15% della vecchia acqua e sostituiscila con una pari quantità di acqua pulita di rubinetto senza cloro. Puoi usare un sifone per eliminare la sporcizia dal substrato di ghiaia e dalle decorazioni. Pulisci il 25-33% della ghiaia e delle decorazioni in questo modo. Prima di procedere al cambio dell'acqua, dovrai usare anche un raschietto per eliminare le alghe che si sono depositate sulle pareti dell'acquario o sulle decorazioni.[19]
    • Se la vasca contiene meno di 40 litri, devi cambiare il 50-100% dell'acqua almeno due volte a settimana o a giorni alterni. Se il contenitore non ha un filtro, devi cambiare tutta l'acqua almeno una volta al giorno per eliminare i rifiuti e le tossine. Se monti un coperchio o un filtro sull'acquario, puoi ridurre la frequenza dei cambi e allo stesso tempo proteggi il pesce Betta dalle infezioni o malattie.[20]
    • Controlla l'acqua una volta al giorno, per assicurarti che non sia torbida, schiumosa o che emani un cattivo odore; sono tutti segni di infestazione batterica e richiedono un cambio completo dell'acqua.[21] In questa maniera, impedisci al pesce Betta di ammalarsi o di contrarre delle infezioni.
  3. 3
    Aggiungi del sale per acquari per debellare ogni infezione batterica. Quelle che portano alla marcescenza di pinne e coda possono essere evitate versando un po' di sale nella vasca. Diversamente da quello da tavola, il sale per acquari non contiene additivi, come lo iodio o il silicato di calcio.[22]
    • Puoi aggiungere il sale anche non appena inizi a notare segni di malattia o infezione, in combinazione con i medicinali e altri prodotti opportuni. Ricorda di seguire sempre le istruzioni riportate sulle confezioni per quanto riguarda il dosaggio. In genere, i produttori consigliano un cucchiaio di sale per 20 litri di acqua.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Pesci

In altre lingue:

English: Cure Betta Fish Diseases, Español: curar las enfermedades de los peces betta, Русский: вылечить рыбку петушка, Português: Tratar as Doenças do Peixe Betta, Deutsch: Krankheiten bei Kampffischen heilen, Bahasa Indonesia: Menyembuhkan Penyakit Ikan Cupang, العربية: كيفية علاج أمراض سمكة البيتا, Français: soigner les maladies du Combattant, Nederlands: Zieke beta vissen genezen, Tiếng Việt: Chữa bệnh cho cá beta, 中文: 给斗鱼治病

Questa pagina è stata letta 19 948 volte.
Hai trovato utile questo articolo?