Il corpo ospita migliaia di batteri che svolgono un ruolo importante per mantenerti in salute. Una infezione batterica si verifica quando questi batteri si riproducono a dismisura e senza controllo, invadendo altre parti del corpo, oppure quando dei batteri nocivi vengono introdotti nel tuo organismo. Una infezione può essere lieve, ma può anche trasformarsi in qualcosa di grave. Continua a leggere per imparare come riconoscerne una e trattarla di conseguenza.

Parte 1 di 5:
Trattamenti Medici

  1. 1
    Presta attenzione ai sintomi. Ecco elencati i sintomi di potenziali infezioni batteriche che possono richiedere un trattamento medico:
    • Febbre, soprattutto con un grave dolore alla testa, al collo o al petto.
    • Difficoltà respiratorie o dolore al petto.
    • Tosse che persiste per più di una settimana.
    • Sfogo cutaneo o gonfiore che non scompare.
    • Aumento di dolore nel tratto urinario (che può essere durante la minzione, nella parte bassa della schiena o nel basso addome).
    • Dolore, gonfiore, calore, fuoriuscita di pus o striature rosse che si estendono da una ferita.
  2. 2
    Fissa un appuntamento con il medico. L'unico modo certo per stabilire da quale infezione batterica sei affetto consiste nel farti visitare da un medico. Se temi di avere un'infezione, chiama il tuo curante e programma subito una visita. Il medico potrebbe sottoporti a un esame del sangue, alla cultura delle urine o a un tampone della zona infetta per determinare quale tipo d'infezione ti ha colpito.
    • Tieni presente che solo un medico è in grado di diagnosticare un'infezione batterica. Se pensi che questo sia il tuo caso, prendi nota dei sintomi e recati dal tuo curante per trovare un trattamento il prima possibile.
  3. 3
    Informati dal tuo medico circa i diversi tipi di antibiotici. Se gli chiedi dettagli in merito ai diversi tipi di antibiotici che sono disponibili, sarà più facile per te capire quale vorrà prescriverti.
    • Gli antibiotici ad ampio spettro combattono una vasta gamma di batteri. Questi sono in grado di eliminare i batteri gram-positivi e gram-negativi, per cui il medico potrà prescriverti uno di questi farmaci, se non è sicuro del tipo di infezione che hai.
      • Amoxicillina (Augmentin), tetraciclina e ciprofloxacina sono esempi di antibiotici ad ampio spettro.
    • Gli antibiotici a medio spettro colpiscono un gruppo di batteri. Tra questi i più comuni sono la penicillina e la bacitracina.
    • Gli antibiotici a spettro ristretto sono indicati per il trattamento di un tipo specifico di batteri. Le polimixine rientrano in questa piccola categoria di antibiotici. La cura diventa molto più facile e più efficace quando il medico conosce il tipo di infezione batterica che ti ha colpito.
  4. 4
    Segui le istruzioni fornite dal medico su come trattare l'infezione. È il curante che sceglie il tipo di antibiotico più adatto alla tua situazione e al tipo di batteri specifici che hanno causato l'infezione. Ricorda che ci sono molti tipi differenti di antibiotici e solo il medico può prescrivertene uno adatto a te.
    • Assicurati di sapere esattamente quanto antibiotico devi prendere e quando. Alcuni farmaci devono essere assunti con il cibo, altri invece devono essere presi la sera e così via. Informati presso il medico o il farmacista se non capisci le indicazioni della posologia riportate sul bugiardino.
  5. 5
    Assicurati di prendere sempre il ciclo completo di antibiotici che ti vengono prescritti. Se non porti a termine la cura, l'infezione può peggiorare e i batteri possono anche diventare resistenti al farmaco, rendendo così più difficile curare le infezioni successive.
    • Anche se ti senti meglio, devi prendere tutti gli antibiotici per uccidere i batteri responsabili dell'infezione che sono ancora presenti nell'organismo. Se interrompi il trattamento troppo presto, non potrai mai debellare completamente l'infezione.
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Pulire una Ferita per Prevenire un'Infezione Batterica

  1. 1
    Evita un'infezione della pelle pulendo e fasciando correttamente la ferita fin da subito. Un trattamento tempestivo e adeguato di primo soccorso è fondamentale per cercare di prevenire un'infezione batterica; tuttavia, non devi mai cercare di curarti da solo, se la ferita è grave e profonda. Se è ampia, arriva alla carne o sanguina molto, devi cercare aiuto medico immediato.
  2. 2
    Lavati le mani prima di medicare una ferita. Se hai le mani sporche quando tratti la zona lesa, aumenti le probabilità di provocare un'infezione batterica. Lavati quindi le mani con acqua calda e sapone antibatterico per 20 secondi e asciugale accuratamente. Indossa dei guanti puliti in lattice o vinile, se sono disponibili.
    • Evita i guanti in lattice, se sei allergico a questo materiale.
  3. 3
    Mantieni una certa pressione sulla ferita finché smette di sanguinare. Se l'emorragia è grave, devi però rivolgerti immediatamente al medico; non cercare di curare una ferita profonda da solo; vai al pronto soccorso o chiama il 118.
  4. 4
    Pulisci la lesione con acqua corrente calda. Tieni la zona colpita sotto un leggero flusso d'acqua per pulirla. Non usare il sapone sulla ferita, a meno che non risulti visibilmente sporca. In questo caso, pulisci delicatamente tutto intorno alla lesione con un sapone neutro. Assicurati però di non usare il perossido di idrogeno per detergere la zona, perché può interferire nel processo di guarigione.
    • Se noti dei residui o della sporcizia nella ferita, puoi cercare di toglierli con una pinzetta preventivamente sterilizzata con l'alcool. Se non te la senti di farlo, rivolgiti a un medico per il trattamento.
  5. 5
    Applica una pomata. Una pomata antibiotica, come Neosporin, promuove una guarigione più rapida e permette di mantenere l'infezione sotto controllo. Applica delicatamente la crema sull'area colpita dopo averla pulita.
  6. 6
    Fascia la ferita. Se si tratta solo di un piccolo graffio, lascialo all'aria aperta; se, però, è una lesione più profonda, devi coprirla con una garza sterile. Una benda antiaderente fissata in posizione con del nastro medicale è la soluzione migliore per le ferite più grandi, anche se vanno bene dei semplici cerotti grandi. Assicurati di non mettere la parte adesiva della benda o cerotto sulla ferita, in quanto potrebbe riaprirla quando togli la medicazione.
    • Cambia la garza una volta al giorno, se è sporca. Un buon momento per sostituirla è quando fai la doccia.
  7. 7
    Controlla se appaiono segni d'infezione. Se la ferita è rossa, gonfia, drena pus, vedi delle striature rosse che si irradiano dalla zona o semplicemente peggiora, devi chiamare il medico.
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Prevenire un'Intossicazione Alimentare di Tipo Batterico

  1. 1
    Tieni le mani pulite. Prima di toccare il cibo, dovresti sempre lavarti le mani con sapone antibatterico e acqua per 20 secondi. Asciugale bene con un panno pulito e asciutto. Se devi maneggiare della carne cruda, lavati le mani dopo averla toccata, per evitare la contaminazione crociata con altri alimenti o superfici.
  2. 2
    Lava bene il cibo. Lava accuratamente la frutta e verdura cruda prima di mangiarla; anche gli alimenti biologici devono essere lavati. Usa un detergente antibatterico sulle superfici che entrano in contatto con gli alimenti crudi per uccidere i batteri potenzialmente pericolosi.
    • Usa un tagliere diverso per ogni tipo di cibo. Devi procurarti un tagliere per la frutta e verdura e un altro per le carni crude, per evitare la contaminazione crociata.
  3. 3
    Assicurati di cuocere bene gli alimenti. Segui accuratamente le istruzioni quando prepari i cibi crudi, per cucinarli nella maniera corretta. Usa un termometro per carni per assicurarti di cuocere la carne alla giusta temperatura.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Prevenire la Diffusione di Infezioni Batteriche

  1. 1
    Lavati le mani. I lavaggi meticolosi e frequenti delle mani (soprattutto dopo aver toccato il viso, la bocca, il naso, quando sei malato, dopo aver toccato un'altra persona malata o dopo aver cambiato il pannolino di un bambino) può ridurre drasticamente il numero di germi a cui ti puoi esporre.
    • Lava le mani con acqua tiepida (o calda) e sapone per almeno 20 secondi. Assicurati di pulire anche tra le dita e sotto le unghie. Al termine risciacquale con acqua corrente.
  2. 2
    Copriti il viso se tossisci o starnutisci. Evita di trasmettere batteri agli altri quando sei malato coprendo bocca e naso quando tossisci o starnutisci. In questo modo trattieni i germi ed eviti di diffonderli per tutta la stanza e potenzialmente sulle altre persone presenti.
    • Lavati sempre le mani dopo aver tossito o starnutito, se hai messo la mano davanti al viso, prima di toccare un'altra persona o superfici comuni come le maniglie delle porte o gli interruttori della luce.
    • Puoi anche coprire la bocca o il naso con la piega del gomito (la parte interna). Questo può contribuire a limitare la diffusione dei germi senza la necessità di lavarti le mani ogni 2 minuti, quando sei malato.
  3. 3
    Rimani a casa durante la malattia. Puoi limitare la diffusione dei germi stando lontano dagli altri mentre hai un'infezione in corso. Se ti è possibile, resta a casa dal lavoro (o svolgi il lavoro da casa tramite il computer per quel giorno); i colleghi apprezzeranno sicuramente questa tua accortezza.
  4. 4
    Tieni i tuoi figli a casa quando sono malati. I centri ricreativi estivi e le scuole spesso pullulano di germi infettivi. È molto frequente che in questi ambienti le infezioni vengano trasmesse da un bambino all'altro, provocando la malattia nei bambini e stress nei genitori. Puoi evitare tutto ciò tenendo tuo figlio a casa quando è malato. In questo modo, probabilmente, guarirà più velocemente grazie alle tue cure ed eviterai che altri bambini possano ammalarsi a causa di eventuali contagi.
  5. 5
    Mantieni aggiornati i vaccini. Assicurati che sia tu che i tuoi figli abbiate fatto tutti i vaccini raccomandati per l'età e l'area geografica. I vaccini aiutano a prevenire le infezioni e le malattie prima che si verifichino, cosa decisamente da preferire alle eventuali cure da mettere in atto in seguito.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Conoscere le Infezioni Batteriche più Comuni

  1. 1
    Conosci le infezioni da stafilococco. Gli staphylococci, più conosciuti semplicemente come "stafilococchi", sono cocchi gram-positivi disposti a grappolo. Il termine "gram" di gram-positivi si riferisce alla reazione del batterio alla colorazione gram quando viene osservato al microscopio. Il termine "cocco" indica la forma del batterio, visto al microscopio, che ricorda quella di una sfera. Questi tipi di batteri normalmente entrano nel corpo attraverso un taglio o una ferita.
    • Lo stafilococco aureus è il tipo più comune di stafilococco che genera infezioni. Questo tipo può causare polmonite, intossicazioni alimentari, infezioni della pelle, avvelenamento del sangue o sindrome da shock tossico.
    • Lo staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA) causa un'infezione difficile da trattare, in quanto non risponde ad alcuni antibiotici e si pensa che il ceppo si sia sviluppato in seguito all'abuso degli antibiotici. Per questo motivo, molti medici non prescrivono antibiotici, a meno che non sia assolutamente necessario.
  2. 2
    Informati in merito alle infezioni da streptococco. Gli streptococchi sono cocchi gram-positivi con una disposizione a catena e sono un tipo piuttosto comune di batteri. Questi causano il mal di gola, polmonite, cellulite infettiva, impetigine, scarlattina, febbre reumatica, glomerulonefrite acuta, meningite, otite media, sinusite e molte altre infezioni.
  3. 3
    Conosci l'Escherichia coli. Spesso indicato semplicemente come E. Coli, è un batterio a forma di bastoncino gram-negativo e si trova nelle feci degli animali e degli esseri umani. Ci sono diversi ampi gruppi di batteri E. Coli. Alcuni ceppi sono dannosi, ma per la maggior parte non lo sono. L'E. Coli può causare diarrea, infezioni gastrointestinali, infezioni del tratto urinario, infezioni respiratorie e molte altre.
  4. 4
    Conosci le infezioni da salmonella. La salmonella è un batterio a forma di bastoncino gram-negativo che può colpire e danneggiare il tratto digestivo. Può causare malattie gravi e solitamente richiede un trattamento antibiotico prolungato. Carne, uova e pollame crudi o poco cotti possono contenere la salmonella.
  5. 5
    Conosci le infezioni da Haemophilus influenzae. L'H. influenzae è un bacillo gram-negativo che si trasmette per via aerea, quindi è altamente contagioso. Può causare infezione dell'epiglottide, meningite, otite media e polmonite. Può anche provocare un'infezione grave con una conseguente disabilità permanente. Potrebbe addirittura diventare fatale.
    • L'H. influenzae non è coperto dal comune vaccino antinfluenzale che agisce sulla normale influenza virale, ma la maggior parte dei bambini viene vaccinata contro questo batterio nella prima infanzia (il vaccino si chiama "anti-Hib").
    Pubblicità

Consigli

  • Se sei allergico a uno specifico tipo di antibiotico, indossa un braccialetto o tieni sempre con te un documento in cui è indicata la tua allergia, nell'eventualità che non sia possibile comunicare queste informazioni in caso di emergenza.
  • Usa un gel antibatterico a base di alcol, se non riesci a lavarti subito le mani, ma non usarlo come normale sostituto del lavaggio con l'acqua.
  • Se hai frequenti contatti con qualcuno che ha un'infezione batterica, assicurati di lavarti le mani ed evita il contatto fisico, per quanto ti è possibile, in modo da restare al sicuro.

Pubblicità

Avvertenze

  • Presta attenzione ai segni di una reazione allergica quando prendi degli antibiotici. È possibile sviluppare una reazione a qualsiasi età, a prescindere dalla pregressa esposizione a un particolare farmaco. Tra questi sintomi ci possono essere eruzioni cutanee (soprattutto orticaria o pomfi) e difficoltà respiratorie. Chiama il medico se temi di avere una reazione e interrompi subito l'assunzione dell'antibiotico.
  • I bambini sotto l'anno di età che prendono degli antibiotici ad ampio spettro possono avere un rischio maggiore di sviluppare l'asma. Tieni comunque presente che, se il medico prescrive a tuo figlio questo farmaco, probabilmente è perché i benefici superano i rischi. In alcune circostanze un antibiotico ad ampio spettro può essere l'unica soluzione per combattere un'infezione.
  • Negli adulti che assumono gli antibiotici ad ampio spettro i batteri possono diventare resistenti ai farmaci stessi.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Evitare l'Avvelenamento Alimentare

Come

Prevenire l'Amebiasi

Come

Evitare un'Infezione Batterica da Helicobacter Pylori

Come

Eseguire una Colorazione di Gram

Come

Capire se Hai un'Infezione da Streptococco alla Gola

Come

Affrontare la Vaginosi Batterica

Come

Curare la Cellulite Infettiva

Come

Cucinare il Pollo

Come

Riconoscere i Sintomi dell'Avvelenamento da E. Coli

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Verificare la Febbre Senza un Termometro

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Laura Marusinec, MD
Co-redatto da
Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato co-redatto da Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995. Questo articolo è stato visualizzato 41 885 volte
Questa pagina è stata letta 41 885 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità