La nausea è una sensazione di malessere nello stomaco generalmente associata al bisogno di vomitare. I sintomi sono gli stessi anche quando il disturbo è di tipo cronico, anche se non sempre sopraggiunge il vomito. La nausea persistente può avere numerose cause (patologie gastrointestinali, infezioni croniche, vertigini, costante stato di ansia, allergie alimentari, eccetera) che in molti casi sono difficili da diagnosticare, a differenza invece dei fattori scatenanti più comuni, tra cui gravidanza, avvelenamento alimentare o influenza intestinale. Anche se il medico non riesce a comprendere l'origine del disturbo, ci sono molti rimedi che possono aiutarti a curare la nausea, indipendentemente dalla causa.

Parte 1 di 3:
Curare la Nausea Cronica in Autonomia

  1. 1
    Fai un test di gravidanza. La definizione di nausea cronica ha un significato diverso per ogni persona. Alcuni pensano che i sintomi debbano durare più di una settimana perché il disturbo possa definirsi cronico, altri ritengono che la durata minima sia un mese. La gravidanza è una causa della nausea molto comune (meglio nota con il termine di nausea mattutina), che può durare qualche settimana, ma anche molto più a lungo. Se sei una donna sessualmente attiva e avverti la nausea al mattino da una settimana o più, acquista un test di gravidanza in farmacia e scopri se sei incinta.
    • Le nausee mattutine sono più comuni durante il primo trimestre di gravidanza, ma in alcuni rari casi possono durare anche per tutti i nove mesi.
    • Il rimedio migliore per curare le nausee mattutine consiste nell'evitare i fattori scatenanti, tra cui per esempio gli odori, il caldo, l'umidità o i rumori forti e il movimento reale o percepito.
    • Se sei incinta e la nausea persiste da più di qualche settimana, prendi un appuntamento con il ginecologo per farti dare dei consigli.
  2. 2
    Leggi il bugiardino dei farmaci che stai assumendo. Gli effetti collaterali causati dai medicinali sono un'altra causa molto comune di una nausea apparentemente inspiegabile, in special modo tra le persone anziane. Virtualmente ogni farmaco, da banco o con obbligo di prescrizione, può scatenare la nausea come effetto collaterale, ma i responsabili più comuni sono i chemioterapici, gli antidolorifici (in special modo gli oppiacei), gli antidepressivi (SSRI) e gli antibiotici.[1]
    • Leggi l'elenco di effetti collaterali che possono essere causati dai medicinali che stai assumendo e valuta se la nausea può essere associata a uno di essi.
    • Esegui una ricerca online per scoprire se altre persone che stanno assumendo lo stesso farmaco soffrono inspiegabilmente di nausea.
    • Chiedi al medico di poter ridurre le dosi del farmaco in questione o di sostituirlo con un altro che garantisce gli stessi benefici.
  3. 3
    Riduci il consumo di alcolici. Anche se bere alcol è fortemente radicato nella nostra cultura e viene considerata un'attività sociale accettata, la verità è che l'etanolo è una sostanza tossica per l'organismo, che può provocare numerosi sintomi negativi, inclusa la nausea. Dopo aver bevuto troppo la sera prima, è comune svegliarsi nauseati e frastornati, ma se la nausea è cronica potresti essere allergico all'alcol. Analizza i tuoi sintomi per capire se possono essere collegati al consumo di bevande alcoliche.
    • Se valuti che la causa della nausea potrebbe essere l'alcol, dovrai ridurne il consumo o evitarlo completamente.
    • Alcune etnie sono più suscettibili agli effetti negativi provocati dall'alcol a causa di una minor presenza degli enzimi che servono a scomporre e processare l'etanolo. Questo fenomeno è particolarmente evidente negli asiatici e nei nativi americani.[2]
    • Passa ai drink analcolici (cocktail e birre senza alcol e succo d'uva) invece di bere il vino, se vuoi mantenere l'abitudine di frequentare bar e locali con gli amici.
  4. 4
    Mangia degli alimenti semplici e al naturale. Indipendentemente dalla causa che provoca la nausea, i cibi grassi, fritti o molto speziati tendono ad aggravare il disturbo. Pertanto dovresti cercare di mangiare ingredienti semplici, poveri di grassi ma ricchi di fibre, come pane integrale, crusca e frutta e verdura fresca.[3] Inoltre cerca di masticare lentamente e fai dei pasti leggeri, ma frequenti.
    • Se hai difficoltà a trattenere il cibo nello stomaco, sgranocchia dei cracker semplici o del pane tostato durante il corso della giornata.
    • Se riesci a tollerare solo piccole quantità di cibo, componi il piatto con pesce bianco, petto di pollo, riso, patate lesse o pane. Anche le verdure vanno bene, ma evita quelle che possono causare la formazione di gas intestinali e aggravare la nausea, come cavolfiore, cavolo e cipolle.
    • Dovresti attendere 6 ore prima di mangiare qualunque alimento solido dopo aver vomitato. Nel frattempo puoi bere un brodo di carne leggero.
  5. 5
    Valuta se puoi essere allergico a qualche alimento. Non è facile diagnosticare le allergie alimentari, nonostante siano spesso causa di nausea cronica e disturbi di stomaco. Gli allergeni più comuni includono uova, pesce, latte vaccino (e prodotti derivati), arachidi, noci, soia (e prodotti derivati), frutti di mare (gamberi, granchi, cozze) e frumento.[4] Presta attenzione a come ti senti nei minuti che seguono l'assunzione di certi cibi.
    • Prova una dieta di eliminazione (rimuovendo un alimento alla volta) per vedere se la nausea migliora o svanisce.
    • Altri sintomi che possono essere causati dagli allergeni includono: gonfiore che interessa qualunque area del viso o della gola, congestione a carico delle vie respiratorie, prurito, orticaria, mal di testa, annebbiamento mentale e difficoltà a respirare.
    • Se pensi di poter avere un'allergia alimentare, chiedi al medico o a un nutrizionista di consigliarti esami specifici.
  6. 6
    Evita gli odori forti. Oltre a non mangiare i cibi grassi, fritti o molto speziati, dovresti anche evitare di annusarne gli effluvi nell'aria dato che generalmente peggiorano i sintomi della nausea. Altri odori intensi che possono farti sentire peggio includono quello di aglio, cipolla o curry, le fragranze dei profumi, il fumo di sigarette e gli odori corporei.[5] Smetti di andare al ristorante finché non ti senti meglio e cerca di essere l'artefice della maggior parte dei tuoi pasti. Evita le aree riservate ai fast food e ristoranti e le profumerie quando vai in un centro commerciale.
    • Indossa una mascherina chirurgica o applica una crema al mentolo sotto alle narici, se hai la necessità di ridurre l'impatto degli odori forti quando sei fuori casa.
    • Altri fattori che possono scatenare la nausea a cui dovresti fare attenzione, quando sei in casa o in altri luoghi, includono calore intenso, umidità e luci tremolanti.
  7. 7
    Mantieni l'organismo idratato. Una scarsa idratazione cronica è una condizione molto più diffusa di quel che pensi, in special modo nei periodi in cui il clima è caldo e umido. La maggior parte delle persone consuma ogni giorno numerose bevande, ma non tiene conto del fatto che contengono grandi quantità di caffeina e zuccheri raffinati, che possono favorire un'eccessiva perdita di liquidi da parte del corpo. Oltretutto il rischio di soffrire di disidratazione grave aumenta se la nausea è associata a frequenti episodi di vomito.[6]
    • Dovresti bere circa 8 bicchieri d'acqua (minerale o filtrata) al giorno. Il fabbisogno di liquidi aumenta quando fai attività fisica o sudi molto.
    • Se fai fatica a trattenere l'acqua nello stomaco, bevi a piccoli sorsi o lascia sciogliere lentamente in bocca un cubetto di ghiaccio.
    • Evita le bevande che contengono caffeina, come tè nero, caffè, cioccolata calda, bibite frizzanti a base di cola ed energy drink.
    • Evita il latte, se sei intollerante al lattosio. I possibili sintomi, come gonfiore, crampi addominali e dissenteria, aggraverebbero la nausea.
    • Se a causa del vomito o della dissenteria stai perdendo molti liquidi, hai bisogno di ripristinare le corrette quantità di elettroliti (sali minerali) nell'organismo. Un rimedio semplice e naturale consiste nel bere dei succhi di frutta e verdura diluiti, oltre all'acqua.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Curare la Nausea Cronica con Rimedi Naturali

  1. 1
    Prepara delle infusioni di erbe. Oltre a idratare il corpo senza rischiare di provocare ulteriori danni a causa della caffeina o di altre sostanze dannose, le tisane consentono di curare la nausea grazie alla naturale capacità di alcune erbe di calmare lo stomaco e la mente. Per esempio, la menta e la camomilla sono note per essere in grado di dare sollievo allo stomaco.[7]
    • Le erbe che possono contribuire a ridurre l'ansia e lo stress e avere un impatto positivo sulla nausea includono camomilla, radice di valeriana, passiflora e kava.
    • Puoi acquistarle in erboristeria, spesso anche in bustine già pronte, e usarle per preparare un'infusione ogni volta che ne senti il bisogno.
    • Non usare l'acqua bollente per preparare questo tipo di tisane, altrimenti potresti distruggere le sostanze benefiche contenute nelle erbe; è sufficiente che sia molto calda. Generalmente il tempo di infusione consigliato è di 15 minuti.
  2. 2
    Usa lo zenzero. Anch'esso è un elemento naturale che è stato usato per secoli come rimedio contro la nausea. Oltre ad avere proprietà antinfiammatorie è considerato un carminativo, dato che è in grado di limitare la formazione di gas durante la digestione: responsabili del gonfiore e dei dolori addominali che possono causare o aggravare la nausea.[8] Puoi usare la radice di zenzero per preparare una tisana oppure acquistarlo in forma di capsule, pastiglie o compresse da masticare.
    • La maggior parte delle bevande commercializzate con il nome di "ginger ale" (ginger in inglese significa proprio "zenzero") non contiene realmente lo zenzero, all'infuori di alcune che vengono vendute nei negozi specializzati in alimenti biologici o naturali. In ogni caso è meglio evitare le bibite frizzanti o lasciarle sgasare prima di berle.
    • Lo zenzero marinato (tipicamente abbinato al sushi) può essere un'alternativa gustosa e abbastanza semplice da trovare.
    • Qualunque sia la forma scelta, dovresti assumere lo zenzero circa 15-30 minuti prima di mangiare per ridurre le probabilità che sopraggiunga la nausea.
  3. 3
    Valuta di assumere un integratore di vitamina B6 (piridossina). I risultati di alcuni studi indicano che può contribuire ad alleviare la nausea cronica e il vomito, in special modo nelle donne incinte. La dose raccomandata è di 30 mg di piridossina al giorno, da assumere per un massimo di cinque giorni consecutivi.
    • Gli integratori di vitamina B6 possono rivelarsi utili solo in alcuni casi, in base alle cause della nausea cronica, ma sono convenienti e generalmente può valere la pena provare.
    • Un eccesso di vitamina B6 (più di 100 mg quotidiani) può irritare i nervi e provocare addormentamento o formicolio negli arti. Assicurati di non assumerne più di 50 mg al giorno per non mettere a serio rischio la tua salute.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Curare la Nausea Cronica con i Farmaci

  1. 1
    Chiedi al medico di consigliarti un farmaco contro la nausea. Se i rimedi naturali e casalinghi non hanno prodotto l'effetto sperato e il medico non è in grado di capire quale sia la causa che provoca il disturbo, assumere dei farmaci per combattere la nausea può essere una valida opzione.[9] Quelli da banco possono funzionare, ma per quelli più forti è necessaria la prescrizione medica.
    • I farmaci contro la nausea prescritti abitualmente includono quelli a base di granisetron cloridrato (come il Kytril), ondansetrone cloridrato (come lo Zofran), perfenazina (come il Trilafon), metoclopramide (come il Plasil) e tietilperazina (come il Torecan).[10]
    • Anche alcuni farmaci a base di cannabinoidi (derivati dal principio attivo della cannabis THC) possono essere utili per combattere la nausea.
    • Nota che tutti questi farmaci possono provocare effetti collaterali anche gravi, come ipertensione e difficoltà a controllare i movimenti muscolari. Discuti a lungo con il medico delle potenziali conseguenze negative di ogni farmaco.
    • Se a causa della forte nausea o del vomito non riesci ad assumere alcun tipo di farmaco per via orale, valuta con il medico di usare delle supposte.
  2. 2
    Valuta di assumere antibiotici per un breve periodo. Se il tuo medico (e altri specialisti) non sono in grado di capire perché soffri di nausea cronica, potrebbe valere la pena tentare di curarla con un breve ciclo di antibiotici. In molti casi le infezioni batteriche croniche di tipo leggero sono difficili da diagnosticare e spesso possono dare origine ad attacchi di nausea, in special modo se riguardano l'apparato gastrointestinale. Chiedi al medico quali potrebbero essere i pro e i contro dati dall'uso degli antibiotici.
    • È noto che gli stessi antibiotici possano causare la nausea, quindi dovresti avere delle prove che dimostrano la possibile presenza di un'infezione prima di assumerli.
    • Generalmente le infezioni batteriche alterano i risultati delle analisi del sangue. Se alcuni valori appaiono anomali, per esempio un numero esagerato di globuli bianchi, è possibile che il tuo sistema immunitario stia lottando contro un'infezione.
    • Anche le infezioni virali che colpiscono lo stomaco possono causare la nausea, ma gli antibiotici sono efficaci solo contro i batteri.
    • L'eritromicina è un esempio di antibiotico che il medico potrebbe prescriverti. Viene usato per promuovere il passaggio del contenuto intestinale. Le probabilità che questo tipo di antibiotico riesca a curare la nausea sono molto scarse e, in caso di assunzione prolungata, i dolori addominali potrebbero addirittura aumentare.
  3. 3
    Prova a usare l'agopressione. Questa tecnica terapeutica si basa sulla stimolazione di alcuni punti precisi del corpo per scatenare determinate reazioni fisiologiche. Il principio è lo stesso dell'agopuntura, ma in questo caso non vengono usati gli aghi. I risultati degli studi effettuati indicano che c'è un punto localizzato sul polso (chiamato punto P6) che, se premuto, è efficace per ridurre la nausea.[11] La maggior parte delle ricerche è stata condotta su donne incinte, ma premere il punto P6 può servire ad alleviare il disturbo anche in altri casi, per esempio quando la nausea è causata dal movimento o dall'ansia.
    • Puoi rivolgerti a un esperto di agopressione oppure puoi cercare dei video su internet che ti aiutino a localizzare il punto esatto sul polso per stimolarlo tu stesso.
    • Premere il punto P6 su uno dei due polsi per 30-60 secondi può essere sufficiente per ridurre la nausea. Se così non fosse, prova a massaggiarlo per 5 minuti.
    • Esegui una ricerca online e acquista un braccialetto studiato per stimolare il punto P6 mentre lo indossi, può essere utile per combattere la nausea causata dal movimento o dalla gravidanza.
  4. 4
    Consulta un chiropratico. Un altro trattamento terapeutico alternativo che può avere un impatto positivo sulla nausea quando la causa non è nota è la manipolazione spinale. Se le articolazioni, i nervi o i muscoli della parte superiore della colonna vertebrale sono irritati, l'equilibrio può risultare lievemente compromesso e provocare una leggera sensazione di stordimento e nausea. Attraverso la manipolazione del collo il chiropratico può riuscire a riallineare le vertebre spinali e ridurre le tensioni nella parte superiore della colonna; di conseguenza sparirà anche la nausea.
    • Generalmente per poter intervenire il chiropratico ha bisogno di analizzare una radiografia del collo per assicurarsi che la manipolazione non possa causare danni alla colonna vertebrale.
    • Durante la manipolazione potresti sentire le ossa scricchiolare in modo quasi completamente indolore. Questi rumori sono dovuti a bolle di gas, formatesi dentro alle articolazioni, che scoppiano senza causare danni.
    • In alcuni casi una seduta potrebbe essere sufficiente, ma è più probabile che ne servano da 3 a 5 per sistemare la porzione superiore del collo.
    Pubblicità

Consigli

  • Anche se i valori delle analisi del sangue sono nella norma, valuta di rivolgerti a un endocrinologo per controllare la funzionalità degli ormoni. La nausea potrebbe essere causata da uno squilibrio ormonale.
  • Una quantità esagerata di esercizio o attività fisica o la carenza di riposo possono aggravare la nausea.
  • La dieta BRAT, a base di banane, riso, mele e pane tostato, può essere molto utile per prevenire l'insorgere della nausea.
  • Viaggiare in automobile, pullman, treno o nave può fare aumentare la nausea. Se devi andare da qualche parte usando la macchina, è meglio che sia tu a guidare.
  • Alcuni pazienti che soffrono di nausea cronica non traggono alcun beneficio dall'uso di farmaci specifici contro questo disturbo. La psicoterapia cognitivo-comportamentale e le cure con antidepressivi possono essere utili, in questi casi.

Pubblicità

Avvertenze

  • Vai a farti visitare dal medico, se soffri di nausea cronica e da solo non riesci a capire quale sia la causa.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Usare un Preservativo

Come

Crescere In Altezza

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Farsi un Clistere

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Far Durare il Sesso Più a Lungo

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue

Come

Eseguire la Manovra di Epley

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Chris M. Matsko, MD
Co-redatto da
Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato co-redatto da Chris M. Matsko, MD. Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel 2007. Questo articolo è stato visualizzato 19 178 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 19 178 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità