La sindrome della permeabilità intestinale è una malattia autoimmune e alcuni medici ritengono che sia la causa principale di molte patologie gastrointestinali, oltre a problemi come la spossatezza cronica o la sclerosi multipla.[1] Sebbene sia un disturbo non ancora ampiamente riconosciuto come malattia, si ritiene che una porosità o permeabilità del tratto intestinale sia responsabile di un'ampia gamma di sintomi. Tra questi ci sono dolore cronico o disturbi dell'apparato digestivo, gonfiore, depressione, spossatezza cronica, allergie alla pelle e sfoghi cutanei. Sebbene non sia ancora chiaro con esattezza cosa provochi la malattia, è però possibile ridurne i sintomi apportando dei cambiamenti all'alimentazione e allo stile di vita.

Parte 1 di 2:
Favorire la Salute Intestinale con l'Alimentazione

  1. 1
    Tieni un diario alimentare e dei sintomi. È una buona idea scrivere un diario per qualunque tipo di disturbo o malattia gastrointestinale. Puoi annotare i piatti che mangi, quando li consumi e i sintomi che manifesti.
    • Un diario di questo tipo inoltre può aiutare il medico o il dietologo a trovare dei rapporti di causa-effetto tra gli alimenti specifici, o una combinazioni di essi, e i sintomi.
    • Se vuoi ottenere dei dati accurati, cerca di essere il più preciso possibile e annota nel diario la marca dei diversi prodotti, le dimensioni delle porzioni e ogni ingrediente presente negli alimenti trattati.
    • Prendi nota anche dei sintomi che manifesti, la loro durata, la gravità e il tempo trascorso dall'ultimo pasto consumato.
    • Aggiorna regolarmente il diario. In teoria dovresti prendere appunti per almeno due settimane scrivendo tutto ciò che mangi e i relativi sintomi, per poi mostrarli al medico o al dietologo per eventuali valutazioni.
  2. 2
    Segui una dieta ricca di fibre. Molti studi hanno dimostrato che mangiare molte fibre offre una vasta gamma di benefici, sia per la salute in generale, sia per l'apparato gastrointestinale.[2] Anche se soffri di una leggera forma di permeabilità intestinale, mangiando una quantità adeguata di fibre puoi aiutare l'apparato digestivo a funzionare in maniera corretta.
    • I benefici di una dieta ricca di fibre sono molti e comprendono: evacuazione regolare, riduzione del rischio di malattie intestinali come la diverticolite o le emorroidi, bassi livelli di colesterolo, glicemia stabile, aiuto in una perdita di peso sana.[3]
    • Recenti studi hanno anche dimostrato che le fibre possono aiutare a cambiare la flora intestinale aumentando la quantità dei batteri "buoni". Questo può influire positivamente sulla tua salute, soprattutto se sei particolarmente suscettibile a diverse patologie croniche come il diabete, il cancro al colon e le malattie immunitarie.[4]
    • Inserisci nella tua dieta diversi alimenti ricchi di fibre, in modo da assumerne almeno la quantità minima raccomandata. Le donne dovrebbero consumare circa 25 g di fibre al giorno, mentre gli uomini circa 38 g.[5]
    • Gli alimenti ad alto contenuto di fibre comprendono: cereali integrali al 100% (come il riso e la pasta integrali o la quinoa), frutta, verdura, fagioli, lenticchie e semi.
  3. 3
    Integra la dieta con molti grassi sani. Gli omega-3 sono grassi sani che favoriscono la salute del sistema digestivo.[6] Puoi inserire nella tua dieta gli alimenti che ne sono ricchi oppure prendere degli integratori.
    • Gli omega-3 sono acidi grassi specifici che si sono dimostrati molto salutari per il benessere del corpo. Recenti studi hanno rilevato che influiscono positivamente sui batteri presenti nell'intestino e possono ridurre il rischio di malattie gastrointestinali.[7]
    • Inoltre, possono combattere l'infiammazione, quindi sono in grado di alleviare quella già presente nello stomaco e nell'intestino.[8]
    • Se non ti piacciono gli alimenti che contengono omega-3, puoi assumere gli integratori. Quelli di olio di pesce o di semi di lino sono perfetti per integrare l'alimentazione con la giusta dose giornaliera di omega-3. Attieniti alle indicazioni riportate sulla confezione per stabilire la quantità ideale da prendere in base alla tua situazione.
    • In alternativa, puoi ottenere gli omega-3 in maniera naturale mangiando pesce grasso come il salmone, il tonno o lo sgombro. Eventualmente, puoi anche incorporare grassi sani dall'olio di oliva, dalla frutta secca, dai semi e dall'avocado.
  4. 4
    Mangia i probiotici. L'apparato gastrointestinale contiene miliardi di batteri diversi. Gli studi hanno rilevato che quando quelli "buoni" prevalgono nella flora batterica, ci sono meno rischi di soffrire di molte patologie e disturbi dell'apparato digestivo.[9]
    • Sono state fatte delle ricerche su prebiotici, probiotici e i loro effetti sulla salute del sistema digestivo; tali studi hanno rilevato che questo tipo di batteri "buoni" può migliorare la salute e l'integrità dell'intestino.[10]
    • I probiotici sono batteri buoni e puoi aggiungerli o trovarli già presenti naturalmente in alcuni alimenti.[11] Lo yogurt, il kefir, le verdure fermentate (come i sottaceti e il kimchi), le conserve di frutta e il chutney sono esempi di probiotici salutari.
    • In alternativa, puoi assumerli attraverso gli integratori. Prendi una dose tra i 5 e i 10 miliardi di unità al giorno.
  5. 5
    Inserisci nell'alimentazione anche cibi ricchi di prebiotici. Dovresti aggiungere anche questi alimenti quando decidi di assumere i probiotici, in modo da migliorare la salute dell'intestino.
    • I prebiotici rappresentano una fonte di cibo per i batteri probiotici. Sono presenti negli alimenti che contengono carboidrati non digeribili e costituiscono un'ottima fonte energetica per i batteri buoni.
    • Tra questi alimenti ci sono: cipolle, aglio, banane, miele, cereali integrali e carciofi.[12]
  6. 6
    Bevi molta acqua. La disidratazione rende più difficile per l'intestino riuscire a espellere le feci, provocando ulteriore infiammazione e aumentando il rischio di patologie gastrointestinali.[13] Devi mantenerti adeguatamente idratato per evitare questi effetti indesiderati.
    • Bevi almeno 8 bicchieri di acqua al giorno. Tuttavia, se soffri di qualche patologia del tratto gastrointestinale, se sei soggetto a costipazione o alla sindrome della permeabilità intestinale, dovresti aumentare il consumo di acqua fino a 13 bicchieri al giorno.[14]
    • Sebbene anche altre bevande possano contribuire a una corretta idratazione, l'acqua resta il liquido migliore, soprattutto mentre cerchi di guarire. Se possibile, dovresti scegliere in particolare acqua naturale, aromatizzata o caffè e tè decaffeinati.
    • Non dovresti bere bevande contenenti alcool e caffeina, oltre a quelle che contengono alte concentrazioni di zucchero.
  7. 7
    Limita l'assunzione di zucchero. Degli studi hanno riscontrato che le persone che consumano grandi quantità di zucchero raffinato o aggiunto hanno maggiori probabilità di soffrire del morbo di Crohn o di coliti ulcerose.[15]
    • Sebbene non ci sia una correlazione diretta tra lo zucchero e le malattie autoimmuni, vi è però un collegamento tra i due.
    • In particolare, devi ridurre lo zucchero aggiunto e quello raffinato. Questi sono prodotti altamente trasformati e lavorati industrialmente, contengono pochissimi valori nutritivi o ne sono completamente privi e vengono spesso aggiunti agli alimenti durante il processo industriale.[16]
    • Gli alimenti che sono particolarmente ricchi di questi tipi di zucchero sono: le bevande zuccherate (come le bibite gassate, quelle a base di caffè o i mix di succhi di frutta), i biscotti, le torte, le caramelle, i gelati, i pasticcini e altri prodotti da forno.
    • Limita il più possibile questi alimenti. Se ti stai curando da una malattia specifica o vuoi ridurre i sintomi, dovresti proprio eliminarli completamente dalla tua dieta.
  8. 8
    Prendi gli integratori di vitamina D. È difficile trovare questa vitamina negli alimenti, ma si tratta di un elemento nutritivo fondamentale per una varietà di processi fisiologici, inclusa la riduzione della flogosi.[17]
    • La vitamina D è essenziale per la salute delle ossa, per il sistema immunitario, ma si è anche riscontrato che è in grado di migliorare l'integrità dell'intestino e di calmare o lenire l'infiammazione dell'apparato gastrointestinale.[18]
    • Dato che le fonti alimentari di vitamina D sono scarse, dovresti assumere degli integratori. Parla, però, con il medico o con un dietologo qualificato prima di iniziare questa terapia, perché un consumo eccessivo di vitamina D è tossico.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Cambiare lo Stile di Vita

  1. 1
    Sottoponiti a regolari controlli medici. Se soffri di qualche patologia gastrointestinale cronica o ne manifesti improvvisamente i sintomi, devi chiamare il medico e farti visitare. È importante gestire questi sintomi o seguire una cura dopo aver formulato una diagnosi ufficiale.
    • Se non sei ancora andato da un gastroenterologo, valuta di fissare un appuntamento per degli accertamenti. Descrivigli i tuoi sintomi, la loro gravità, da quanto tempo li manifesti e forniscigli tutte le altre informazioni utili in merito.
    • Porta con te il diario alimentare e dei sintomi. Questo può aiutare il medico a valutare se il tuo problema è causato o aggravato da determinati alimenti specifici.
    • Prendi tutti i farmaci e attieniti alle istruzioni che ti vengono fornite dal medico. Seguile scrupolosamente e fai in modo di recarti al suo ambulatorio per delle visite regolari.
  2. 2
    Smetti di fumare. Il fumo di sigaretta è stato correlato a una varietà di effetti collaterali negativi, tra cui anche diverse patologie dell'apparato gastrointestinale.
    • Sebbene il fumo non sia stato direttamente associato alla permeabilità intestinale, è però noto che svolga un ruolo significativo nello sviluppo dei seguenti disturbi dell'apparato digestivo: cancro a bocca, esofago, stomaco, colon, fegato e pancreas, reflusso gastroesofageo, ulcera peptica, malattie epatiche, morbo di Crohn, polipi al colon, pancreatite e calcoli biliari.[19]
    • Smetti di fumare il prima possibile. Se puoi, dovresti smettere tutto d'un colpo. In questo modo interrompi immediatamente l'assunzione di sostanze tossiche nell'organismo.
    • Se non riesci a smettere da solo o all'improvviso, rivolgiti al medico per ottenere aiuto. Egli potrà prescriverti alcuni farmaci oppure consigliarti dei programmi di disintossicazione dal fumo.
  3. 3
    Riduci lo stress. Se sei troppo teso, i problemi gastrointestinali, come la permeabilità intestinale, possono peggiorare e i sintomi possono diventare più aggressivi.[20] Riuscendo a gestire e tenere sotto controllo lo stress puoi evitare di aggravare la situazione.
    • Pensa a tutti i fattori e gli elementi nella tua vita di ogni giorno che sono fonte di stress. Potresti avere troppi impegni di lavoro o dover fare degli spostamenti troppo lunghi per recarti al lavoro, magari hai troppi impegni familiari o problemi relazionali con amici o colleghi.
    • Cerca di praticare ogni giorno o diverse volte a settimana alcune attività rilassanti, che possano alleviare lo stress. Alcune di queste possono ridurre velocemente le tensioni. Puoi provare a fare meditazione, yoga, una passeggiata, parlare con gli amici o ascoltare musica.
    • Se ti rendi conto che alti livelli di stress hanno un impatto significativo sulla salute, dovresti rivolgerti a uno specialista di medicina comportamentale o a un life coach. Queste figure professionali potranno aiutarti a gestire e superare le tensioni per vivere meglio.
  4. 4
    Gestisci l'assunzione dei farmaci. Gli antibiotici e alcuni farmaci da banco possono essere utili per diversi tipi di malattie, ma se soffri di permeabilità intestinale in realtà possono aggravare la situazione.[21]
    • Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) sono noti per irritare lo stomaco e l'apparato digerente, se vengono assunti regolarmente.[22] Se vuoi giungere a una diagnosi precisa in merito ai tuoi disturbi gastrointestinali e vuoi curare i sintomi, non prendere questa classe di medicinali.
    • Valuta di parlare con il medico in merito ad altri metodi per gestire il dolore. Molte persone fanno affidamento sui FANS, come l'ibuprofene e l'aspirina, per alleviare il dolore cronico (come nel caso dell'artrite). Chiedi al medico altre soluzioni per ridurre l'impatto che hanno sullo stomaco e sull'apparato gastrointestinale.
    • Gli antibiotici sono aggressivi per l'apparato digestivo, ma dovresti sempre parlare con il medico prima di interrompere l'assunzione di qualunque antibiotico ti venga prescritto.
  5. 5
    Dormi. Il processo naturale di guarigione dell'organismo è più efficace quando il corpo riposa durante il sonno. Dovresti dormire 7-9 ore complete ogni notte, soprattutto nella fase iniziale della convalescenza.
    • Una mancanza di sonno adeguato può aumentare l'infiammazione nel corpo, che a sua volta può essere associata a diverse patologie gastrointestinali, tra cui la malattia infiammatoria intestinale, il cancro, il reflusso gastroesofageo e i disturbi epatici.[23]
    • Cerca di dormire minimo 7-9 ore ogni notte. Per aumentare le ore di sonno puoi coricarti prima o alzarti più tardi al mattino.[24]
    • Cerca inoltre di avere un sonno profondo. Spegni tutte le luci, i telefoni, il televisore o il computer, in quanto possono disturbare la qualità del riposo.
    Pubblicità

Consigli

  • Rivolgiti a un professionista. Parla con il gastroenterologo, il nutrizionista o altri medici specializzati per trovare un piano di trattamento specifico per la tua situazione. Ogni persona ha esigenze leggermente differenti, quindi un professionista della salute è la persona più indicata per trovare una terapia efficace per te.
  • Sii paziente e perseverante. Non puoi pensare di guarire dalla permeabilità intestinale in una notte, ma se mantieni sane abitudini di vita per diverse settimane o mesi, i danni maggiori potranno scomparire.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Vomitare al Volante

Come

Ammorbidire le Feci

Come

Vomitare nella Maniera Meno Scomoda Possibile

Come

Preparare un Clistere

Come

Liberarti Velocemente della Diarrea

Come

Alleviare la Stitichezza con il Massaggio Addominale

Come

Evitare di Vomitare

Come

Espellere i Vermi Parassiti dell'Intestino

Come

Mettere una Supposta

Come

Sapere se Hai Vermi Intestinali

Come

Riconoscere i Sintomi dell'Appendicite

Come

Smettere di Vomitare

Come

Usare il Sale Inglese come Lassativo

Come

Capire se Hai l'Esofagite
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 59 816 volte
Categorie: Apparato Digerente
Questa pagina è stata letta 59 816 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità