Come Dare un Aspetto Anticato ai Mobili in Legno

3 Metodi:Creare un'Usura GeneraleUsare la VerniceApplicare lo Strato di Finitura

Nulla è comparabile all'aspetto inconfondibile del legno antico, ma nessuno ha il tempo di aspettare che i mobili e gli accessori invecchino naturalmente. In questo caso, si ricorre a una tecnica per "anticare" la superficie in modo da ottenere istantaneamente un aspetto usurato, trasformando completamente un oggetto nell'arco di pochi minuti. Esistono diversi metodi che puoi mettere in pratica, ma i principi di base sono sempre gli stessi: una combinazione di colpi, urti e pressione per rendere il legno come un vecchio cimelio di famiglia invece che una riproduzione economica.

1
Creare un'Usura Generale

  1. 1
    Smeriglia i bordi. Ripassa gli angoli del mobile con un foglio di carta vetrata. Opta per quella a grana molto fine applicando una pressione variabile nelle diverse aree per conferire un aspetto usurato più naturale; in alternativa, usa diversi fogli con grana differente per cambiare leggermente le caratteristiche delle superfici.[1]
    • Puoi anche decidere di levigare le zone piane, soprattutto quelle lisce e lucide che rivelano la vera età del materiale.
    • Alcuni colpi strategici di carta vetrata conferiscono a un legno nuovo di zecca un aspetto antico.
  2. 2
    Logora le tavole di legno con la ghiaia. Appoggiane semplicemente una a terra e ricoprila completamente con uno strato di pietrisco; mettine un'altra sopra e cammina lentamente su di essa da un'estremità all'altra. Il tuo peso fa penetrare i sassolini nelle tavole lasciando dei segni caratteristici e con una distribuzione casuale.[2]
    • Non limitarti a camminare, ondeggia avanti e indietro, salta e fai altri movimenti analoghi in base al livello di usura che vuoi ottenere.
    • Ricorda di capovolgere le tavole e trattare anche le facce opposte di entrambe, se sono visibili una volta montate.
    • Questo rimedio fa risparmiare tempo quando lavori con il legno grezzo al posto dei mobili o di altri oggetti già assemblati.
  3. 3
    Scheggia il legno con un oggetto smussato. Prendi un martello, un cacciavite, una catena pesante, una scarpa con il tacco alto o un altro oggetto simile e usalo per colpire tutta la superficie; l'impatto dovrebbe lasciare delle ammaccature che sembrano il risultato di urti, cadute e colpi ricevuti nel corso degli anni.[3]
    • Se vuoi ottenere un risultato quanto più realistico possibile, le catene sono particolarmente utili, dato che le maglie colpiscono con un angolo diverso a ogni urto.[4]
    • Fai attenzione a non esagerare; troppe ammaccature possono far sorgere il sospetto che l'oggetto sia stato anticato in maniera artificiale.
  4. 4
    Usa le viti per creare dei fori di tarli. Infila 5-6 viti in un bastone di legno sottile in modo che la punta trapassi sull'altro lato; colpisci ripetutamente il mobile che vuoi anticare con questa "mazza ferrata" variando la forza, in modo da creare una serie di fori che assomigliano a quelli lasciati dagli insetti.[5]
    • Cambia la posizione delle viti sul bastone o colpisci con angolazioni diverse per evitare che i fori rispettino tutti la medesima disposizione.
  5. 5
    Scheggia i bordi con uno scalpello. Posiziona la punta piatta di questo strumento (o di un punteruolo) in diagonale rispetto al legno e picchiettala con un martello. Muoviti lungo tutto il materiale colpendo qua e là; ricorda di incidere il legno a intervalli irregolari.[6]
    • Se vuoi che l'oggetto abbia un aspetto molto usurato, inserisci lo strumento a maggiore profondità e asporta interi frammenti di materiale.
    • Ricrea delle fessure che donano molta personalità agli accessori in legno, in particolare i pezzi che sopportano parecchio carico, come i telai delle porte, le scrivanie, i tavolini da caffè e le travi.

2
Usare la Vernice

  1. 1
    Smeriglia leggermente il legno. Prima di buttarti a capofitto nel lavoro per anticare l'oggetto, strofina un blocco smeriglio o della carta vetrata a grana fine su tutto il materiale. In questo modo, apri i pori del legno e permetti alla vernice di penetrare, ottenendo una finitura duratura che, ironicamente, non risentirà dell'azione del tempo.[7]
    • Leviga con delicati movimenti circolari iniziando dalla porzione centrale e spostandoti gradualmente verso l'esterno.
    • Piega la carta vetrata sui bordi netti e falla scorrere su tutta la superficie con movimenti fluidi.
  2. 2
    Vernicia il pezzo con un colore leggero. L'ideale è una tonalità come il bianco, l'avorio o l'opale; non esagerare con la prima mano di vernice, devi solamente applicare un po' di colore e non raggiungere la copertura totale.[8]
    • Spalma lo strato di base sugli angoli, nelle fessure e in tutte le zone difficili da raggiungere usando la punta del pennello.
    • I colori chiari sono più visibili sotto altri strati di vernice, rendendo l'effetto più evidente.
  3. 3
    Lascia che la prima mano si asciughi completamente. Riponi l'oggetto in un luogo fresco e asciutto; il processo richiede circa 8-10 ore, ma si consiglia di aspettare fino a 24 ore, in modo che la vernice abbia avuto parecchio tempo per stabilizzarsi. Quando il colore è asciutto, puoi passare alla fase successiva del progetto.[9]
    • Non toccare il legno verniciato mentre si asciuga;
    • Se preferisci che si vedano le venature naturali invece che uno strato di colore, ignora questo passaggio e inizia subito la fase di "invecchiamento".
  4. 4
    Applica un secondo strato di colore. Scegline uno più acceso che contrasti con la base più chiara e applicalo su tutto l'oggetto; stendi diverse mani finché non raggiungi l'intensità che desideri e la superficie non appare liscia come vuoi.[10]
    • Cambia la direzione delle pennellate per far penetrare il colore nelle crepe sottili e nelle altre zone irregolari.
    • Per evidenziare l'aspetto anticato, ripassa lo strato finale con una tonalità pastello e sbiadita, ad esempio un rosso mattone, un giallo polveroso o un color uovo di pettirosso.[11]
  5. 5
    Strofina la vernice con uno straccio bagnato. Inumidisci un panno o una spugna morbida da cucina e strizzalo per eliminare il liquido in eccesso; utilizzalo poi per sfumare il colore mentre è ancora leggermente appiccicoso al tatto. In questo modo, esponi lo strato di pittura più chiara che crea l'illusione che il pezzo sia stato riverniciato nel corso degli anni.[12]
    • Lavora lentamente e strofina il colore applicando una pressione minima per evitare di asportarne troppo in una volta sola.
    • Se togli accidentalmente più vernice di quanta desideri, spalmane semplicemente un altro strato fresco e ricomincia da capo.[13]
    • Per un risultato ancora più evidente, puoi smerigliare la superficie con carta vetrata molto fine.[14]

3
Applicare lo Strato di Finitura

  1. 1
    Lascia il legno così com'è. Se preferisci che un elemento abbia un aspetto rustico, potresti decidere di non verniciarlo affatto. Qualche graffio e ammaccatura sono l'ideale per questo progetto, soprattutto se stai utilizzando un pezzo di legno di recupero che è già un po' usurato.
    • Se decidi invece di proseguire con il trattamento, applica uno strato di vernice trasparente con il pennello per gli ultimi tocchi finali.
  2. 2
    Colora il materiale. Intingi un pennello a setole morbide o l'angolo di uno straccio pulito nell'impregnante liquido e tamponalo su tutta la superficie. Diffondi il pigmento finché non è distribuito in maniera uniforme applicando strati successivi, se necessario; ricorda di scegliere una tonalità che si abbini con le venature naturali del materiale con cui stai lavorando e che si sposi bene con il prodotto finito.[15]
    • Per esempio, un intenso color castagna o mogano fa sembrare la cassettiera come se fosse stata maneggiata per generazioni, mentre le tonalità più delicate possono essere utilizzate per ottenere un effetto "usurato da clima" sui mobili da giardino e le strutture esterne.
    • L'impregnante giusto nasconde il colore sciatto del legno nuovo di zecca e accentua i segni di usura che hai realizzato conferendo all'oggetto un aspetto senza tempo.[16]
  3. 3
    Rovina la finitura per invecchiare ulteriormente il materiale. Non appena hai applicato l'impregnante, usa uno straccio asciutto per strofinare le zone umide e rimuovere il pigmento in eccesso; quello che resta penetra nelle venature sottolineando le caratteristiche superficiali, pur apparendo sbiadito.[17]
    • Per ottenere delle tonalità più intense, lascia che il prodotto penetri nel legno per diversi minuti prima di strofinarlo.
    • È meglio aggiungere altro impregnante poco alla volta finché non ottieni l'effetto desiderato piuttosto che esagerare e cercare di rimuoverlo in seguito con ogni mezzo.
  4. 4
    Proteggi la finitura anticata con uno strato finale di vernice trasparente. Spennella uno strato uniforme di lacca o poliuretano sulla superficie e lascia che si asciughi per tutta la notte prima di applicare un'altra mano; questo strato protegge il legno da polvere, graffi ed elementi atmosferici, preservando tutte le modifiche che hai fatto.[18]
    • Usa un prodotto idrorepellente sui pezzi che devono essere usati o esposti all'aperto.
  5. 5
    Aspetta che lo strato di finitura si asciughi per 4-6 ore. Attendi che la vernice o il poliuretano non sia più appiccicoso al tatto prima di spostare, assemblare o maneggiare il pezzo in altro modo. La pazienza viene ricompensata da una finitura resistente e duratura; in seguito, potrai goderti la rustica eleganza del tuo oggetto nuovo ma vecchio![19]
    • Le vernici trasparenti hanno a volte bisogno fino a 4 settimane per "stagionare" completamente; nel frattempo, vale la pena riporre al chiuso gli oggetti che si trovano all'aperto per evitare che l'umidità interferisca con il processo.

Consigli

  • I negozi di ferramenta, i depositi di legname e le discariche sono luoghi perfetti in cui cercare legno di recupero da usare per questo progetto.
  • Tutte le modifiche che apporti alla superficie sono artificiali, quindi il legname nuovo di zecca acquisisce un buon aspetto anticato quanto i materiali vecchi che hanno perso la propria brillantezza.
  • Compra un mobile usato presso un negozio di antichità o un mercatino delle pulci e riportalo in vita con una combinazione di colori e trattamenti di superficie.
  • Cerca del legno che presenti caratteristiche naturali uniche come fori di nodi, strisce macchiate, zone corrugate e altri motivi che attirano l'attenzione; queste peculiarità fanno risaltare il pezzo anche dopo averlo invecchiato e colorato.
  • Tieni almeno un pezzo di legno di scarto a portata di mano, oltre a vernici e impregnanti, per provare le varie tecniche di invecchiamento prima di metterle in pratica sul mobile vero e proprio.

Cose che ti Serviranno

  • Superficie di legno
  • Carta vetrata o blocco smeriglio
  • Martello, cacciavite, catena o altro oggetto pesante (per usurare)
  • Punteruolo o scalpello
  • Ghiaia di diverse dimensioni
  • Vernice acrilica, smalto o pittura a gesso
  • Impregnante per legno
  • Vernice trasparente o in poliuretano
  • Pennello a setole morbide
  • Straccio pulito o spugnetta da cucina

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Lavorare il Legno

In altre lingue:

English: Distress Wood, Deutsch: Holz künstlich altern, Español: envejecer madera, Français: donner au bois un aspect vieilli, Português: Envelhecer Madeira, Русский: искусственно состарить деревянную поверхность, Nederlands: Hout oud laten lijken, Bahasa Indonesia: Memberi Efek Antik pada Kayu, Čeština: Jak udělat patinu na dřevě

Questa pagina è stata letta 68 396 volte.

Hai trovato utile questo articolo?