Potresti trovarti in alcune situazioni di emergenza, tra la vita e la morte, in cui una persona sta sanguinando eccessivamente. In tali circostanze, potrebbe essere necessario usare un laccio emostatico da applicare su un arto. Si tratta di un dispositivo di compressione, in genere una striscia di materiale morbido e flessibile, che viene avvolto attorno a un braccio o a una gamba, che viene poi ritorto per stringerlo con lo scopo di controllare l'emorragia. Per eseguire la procedura non devi mai usare una striscia sottile, un filo di ferro, un cavo che possa tagliare o lacerare la pelle e i muscoli quando stringi.[1]

Parte 1 di 2:
Applicare Pressione su una Ferita Sanguinante

  1. 1
    Controlla la situazione. Il tuo compito è di stabilizzare la vittima ed evitare che sanguini troppo. Ogni volta che ti trovi in una situazione di emergenza, in cui qualcuno ha una forte emorragia ed esce sangue a fiotti, per prima cosa devi applicare pressione per fermare la fuoriuscita ematica. Se la pressione non è sufficiente, devi valutare in fretta se usare un laccio emostatico casalingo. Devi usarlo solo se l'emorragia non si ferma nonostante la pressione (e comunque mai al collo o al torace/addome).[2]
  2. 2
    Telefona per chiamare i soccorsi. Chiama il 118 o altri servizi di emergenza il prima possibile. Se ti trovi da solo accanto alla vittima sanguinante, cerca di mantenere l'emorragia sotto controllo prima di cercare aiuto.
    • Se c'è qualcuno presente sul luogo dell'incidente, chiedi a una persona specifica di chiamare il 118, mentre tu ti occupi della ferita.[3] Se ti trovi in gruppo, non limitarti a dire: "Qualcuno chiami l'ambulanza!", ma rivolgiti direttamente a una persona e dille: "Tu, con il giubbotto verde, chiama il 118!".
  3. 3
    Esamina la ferita. Per decidere cosa fare esattamente, devi valutare il tipo di lesione. Se non riesci a vederne l'estensione a causa del sangue, non perdere tempo. Trova un panno pulito e togli il sangue per ispezionare subito il tipo di taglio. Togli e/o taglia un pezzo di tessuto o la bigiotteria che copre la ferita, solo se necessario. Tuttavia, se è rimasto qualche oggetto estraneo all'interno, non estrarlo. Lascia che sia il personale medico a occuparsi di qualunque elemento rimasto intrappolato o conficcato nella lesione.[4]
    • Se hai il tempo e le risorse appropriate, lava le mani o metti dei guanti sterili, per evitare il rischio di contrarre infezioni o di diffondere eventuali malattie a trasmissione ematica.
  4. 4
    Applica pressione. Una volta valutata attentamente la ferita, eleva la parte lesionata il più in alto possibile. Solleva la parte del corpo della vittima che ha subito l'infortunio a un'altezza maggiore del cuore, in modo da rallentare il flusso sanguigno. Quindi, usando un panno pulito, una garza, una maglietta o qualunque altro pezzo di tessuto che hai a disposizione, crea una fascia compressiva da appoggiare sopra la ferita sanguinante. Copri la lesione con la fasciatura e premi molto forte.
    • Se si tratta di un taglio superficiale, è sufficiente applicare una semplice pressione.
    • Se si tratta di una ferita da punta, una frattura esposta, una ferita da arma da fuoco o lesioni di altro tipo, più traumatiche, dovrai fare qualcosa di più che premere. Tuttavia, applicare pressione è sempre la prima cosa da fare.
  5. 5
    Mantieni la pressione. Una volta applicata, devi mantenerla come minimo per 15 minuti. Se la ferita continua a sanguinare, devi tenerla per il maggior tempo possibile.
    • Se la fasciatura compressiva inizia a sporcarsi di sangue, non toglierla. Limitati ad applicarne un'altra sopra quella bagnata. Se la togli, infatti, rischi di compromettere il coagulo che si sta formando sul taglio.
    • Se il tessuto non è impregnato di sangue, ti sembra che l'emorragia si sia fermata e la lesione non è molto grave, puoi sollevare la fasciatura e controllare la situazione.[5]
  6. 6
    Fai attenzione ai segni di shock. Quando la ferita è particolarmente grave, la vittima potrebbe entrare in uno stato di shock. Prendi nota di qualunque cambiamento del suo comportamento e del suo stato di coscienza. Se ti sembra in stato di shock, chiama l'ambulanza, se non l'hai già fatto prima. I segni a cui devi prestare attenzione sono:[6]
    • Svenimento o perdita di coscienza;
    • Vertigini o capogiri;
    • Debolezza o difficoltà a stare in piedi;
    • Pupille dilatate;
    • Pelle pallida, umida e fredda;
    • Tachicardia o respirazione accelerata;
    • Comportamento poco attento e poco consapevole, alterazione nel modo di rispondere alle domande, aumento dello stato confusionale, paura o irrequietezza.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Usare il Laccio Emostatico

  1. 1
    Prendi in considerazione l'uso del laccio emostatico. Se la pressione non ha fermato l'emorragia, sei in un ambiente selvaggio, non hai la possibilità di chiamare i soccorsi per qualche motivo, ci sono troppe ferite da trattare con la pressione o ti trovi in qualunque altra situazione di emergenza, devi applicare il laccio emostatico per fermare la fuoriuscita di sangue dalla ferita della vittima. Ricorda che si tratta assolutamente dell'ultimo rimedio da usare in una situazione di estrema emergenza.[7][8] Questo perché il suo utilizzo comporta una serie di gravi problemi.
  2. 2
    Valuta i fattori di rischio. Se devi necessariamente usare il laccio emostatico per salvare la vita di qualcuno, tieni presente che possono sorgere diverse complicazioni e devi prenderle in considerazione prima di procedere. I fattori che devi valutare sono:[9][10][11]
    • Se il laccio viene applicato in maniera troppo lasca può aggravare l'emorragia. Il sangue arterioso è sottoposto a una pressione maggiore rispetto a quello venoso, così se il laccio stringe poco, il sangue arterioso continua a scorrere, mentre viene bloccato quello venoso.
    • Se viene tolto troppo presto può provocare danni ai vasi sanguigni compressi, oltre al fatto che l'emorragia può riprendere.
    • Quando viene tenuto per troppo tempo può danneggiare nervi, muscoli e vasi sanguigni. Come regola generale, ricorda che provoca danni permanenti se viene tenuto in posizione per più di un'ora o due.
    • Se viene applicato in una zona sbagliata, come troppo lontano dalla ferita o su un'articolazione, può essere inefficace.
    • Quando viene applicato correttamente, può essere molto doloroso.
  3. 3
    Prepara il laccio emostatico. Se stai per realizzarne uno appropriato, hai bisogno del materiale adatto per la zona del corpo su cui devi usarlo. Dovrebbe essere largo almeno 2,5-5 cm. I lacci emostatici più piccoli devono essere utilizzati per le braccia, mentre quelli più spessi vanno bene per le gambe. Strappa o taglia una striscia di stoffa da una camicia, un asciugamano o un lenzuolo per creare il laccio di tessuto.
    • Se è troppo stretto o sottile può lacerare la pelle, mentre se è molto largo devi legarlo in maniera molto stretta affinché sia efficace.
    • Assicurati che il tessuto non sia elastico o scivoloso, in modo che non si muova.
    • Puoi anche usare un accessorio già pronto, come una cintura o una cravatta.[12][13][14]
  4. 4
    Applica il tessuto. Affinché sia efficace, devi posizionarlo nel posto giusto. Deve trovarsi a circa 5 cm a monte della ferita e devi stringerlo a una pressione sufficiente per interrompere completamente il flusso sanguigno dell'arteria.
    • Non devi applicarlo su un'articolazione, come il gomito o il ginocchio. In queste zone i vasi sanguigni sono protetti, non è quindi possibile bloccare il flusso ematico quando si piega l'articolazione. Ricorda inoltre di non mettere il laccio sopra i vestiti, perché potrebbe scivolare una volta stretto.
    • Il sangue arterioso è quello che sgorga a fiotti a causa dell'azione di pompaggio del cuore.
    • Non legare mai il laccio su altre parti del corpo che non siano braccia o gambe.[15][16][17]
  5. 5
    Legalo. Fai un normale nodo quadro per chiuderlo e assicurati che sia ben stretto. Se pensi di utilizzare un oggetto per mantenerlo serrato, devi fare due nodi. Il primo nodo è quello che permette di stringere il laccio sull'arto; su questo devi poi appoggiare un bastoncino di legno o di metallo liscio lungo circa 15-20 cm, che agisce come una "manovella", e fare un altro nodo.
    • Assicurati che il bastoncino sia liscio, in modo che non possa tagliare la pelle della vittima o il laccio stesso. Potrebbe trattarsi di un bastoncino, un utensile di metallo liscio, una penna o matita oppure qualche altro oggetto lungo.[18][19][20]
  6. 6
    Stringi il laccio emostatico. Se stai usando una cintura, stringila il più possibile per fermare l'emorragia. Se hai applicato la manovella, serra il laccio più che puoi ruotando il bastoncino su se stesso, in modo da stringere la fasciatura attorno all'arto.
    • Se la ferita è su una gamba, il laccio deve essere stretto in maniera più decisa rispetto a quello su un braccio, perché nelle gambe i vasi sanguigni sono più grossi.[21][22][23]
  7. 7
    Aspetta l'arrivo dell'ambulanza. Una volta applicato il laccio emostatico, devi aspettare che arrivino i soccorsi. Annota l'ora in cui l'hai legato; quando arriverà il personale sanitario, dovrai fornirgli questa informazione. Se il servizio di emergenza ritarda, raffredda l'arto lesionato applicando del ghiaccio o un impacco freddo, in maniera da ridurre i danni ai tessuti causati dalla prolungata applicazione del laccio.
    • Non togliere il laccio emostatico, a meno che tu non possa mettere pressione diretta sulla ferita. Se puoi, toglilo con molta cautela, controllando se la lesione sanguina ancora e prestando attenzione a eventuali segni di shock della vittima.
    • Se vedi che il sangue continua a uscire dalla ferita, non togliere il laccio.[24][25][26]
    Pubblicità

Avvertenze

  • Applicare il laccio emostatico è molto rischioso, deve essere fatto esclusivamente su braccia o gambe e solo se non ci sono altre alternative per salvare la vita della persona.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Organizzare una Cassetta del Pronto Soccorso

Come

Trattare una Ferita

Come

Chiamare i Servizi di Emergenza

Come

Trattare una Ferita da Punta

Come

Trattare le Ferite Superficiali

Come

Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede

Come

Trattare una Frattura del Mignolo del Piede

Come

Togliere una Spina

Come

Stabilire se un Dito è Fratturato

Come

Curare una Contusione al Dito del Piede

Come

Trattare le Costole Incrinate

Come

Fasciare il Mignolo del Piede Fratturato con il Nastro Adesivo Medico

Come

Eliminare un Livido

Come

Curare Velocemente le Ferite (Usando Metodi Semplici e Naturali)
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Harrison Lewis, EMT
Co-redatto da
Soccorritore
Questo articolo è stato co-redatto da Harrison Lewis, EMT. Harrison Lewis è un Soccorritore Registrato a Livello Nazionale che vive in California. Ha conseguito la certificazione presso il NREMT (National Registry of Emergency Medical Technicians) e completato il corso di RCP/Primo Soccorso per Soccorritori Professionisti nel 2014. Questo articolo è stato visualizzato 2 583 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 2 583 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità