La lotta con i coltelli non ha scopo di aggressione, ma è una maniera per sopravvivere e difendersi da un attacco. Se vuoi imparare l’autodifesa con un coltello, hai bisogno di intelligenza, equilibrio e precisione. Inoltre devi sapere come portare un coltello in modo sicuro e legale, oltre a proteggerti da potenziali attacchi.

Parte 1 di 3:
Portare con sé un Coltello

  1. 1
    Informati circa le leggi che riguardano il trasporto di coltelli nella tua zona. Nella maggior parte dei luoghi, è consentito avere con sé quasi tutti i coltelli, sia a lama aperta che a serramanico, ma se vuoi iniziare a tenerlo come arma di difesa personale devi conoscere attentamente le leggi per tutelarti anche da un punto di vista legale. In Italia, la legittimità del trasporto del coltello varia in funzione del contesto. Ad esempio, è del tutto legale e naturale avere un coltello mentre si fa un’escursione nei boschi, un po’ meno in discoteca.
    • Nella maggior parte dei luoghi, è legale possedere e trasportare i coltelli bowie, quelli pieghevoli e gli altri coltelli tipo da caccia.
    • Quelli a scatto, i dirk, lo stiletto, il balisong, il machete e altri generi di armi "ingannevoli" sono considerati armi improprie e trattati in maniera diversa nei vari Paesi. Ad esempio, potresti possederli legalmente ma non potresti trasportarli.
  2. 2
    Scegli il giusto coltello per autodifesa. In genere i coltelli per questo scopo sono a lama fissa, dalla lunghezza di 13-18 cm, ma la cosa più importante che devi valutare è la sensazione che ti trasmette l'arma quando la impugni e che sia adatta al tuo stile di combattimento. Le tecniche di autodifesa possono essere applicate con quasi tutti i tipi di lama, che sia fissa, a serramanico o di altri generi.
    • Afferra un righello per misurare la tua presa dalla seconda nocca dell’indice fino alla seconda nocca del mignolo. Devi procurarti un buon coltello che abbia l’impugnatura più o meno lunga tanto quanto la tua presa.
    • Le sagge parole del personaggio Crocodile Dundee sono in qualche modo vere quando si parla di coltelli per la difesa personale. Un grosso coltello minaccioso è sicuramente più efficace per mantenerti al sicuro rispetto a un coltellino svizzero. In ogni caso, puoi imparare la tecnica a prescindere dalle dimensioni della lama che hai con te.
  3. 3
    Mantieni il coltello pulito e in ottime condizioni. Una lama smussata è un coltello ben più pericoloso, quindi è fondamentale che tutti i tuoi strumenti da taglio, che siano per la difesa personale, per la caccia o per la cucina, siano ben affilati, puliti e perfetti. Impara ad affilare le lame per essere certo che siano sempre ben taglienti.
    • I coltelli a serramanico devono essere oliati regolarmente affinché il meccanismo sia sempre morbido.
  4. 4
    Allenati per l’autodifesa. Se, durante una lotta, prendi il coltello ma non sai come usarlo in tua difesa, è probabile che alla fine quello pugnalato sarai tu. Se non sai come difenderti, è meglio evitare di portare con te un coltello a questo scopo. Prendi lezioni di tecniche generali di autodifesa per imparare a tenere sotto controllo l’ambiente e te stesso durante dei confronti fisici.
    • I corsi di combattimento con coltello e bastone sono ampiamente disponibili nelle grandi città. Fai qualche ricerca per capire cosa puoi trovare e chiedi molte informazioni in merito alle lezioni individuali per imparare come maneggiare un coltello in maniera corretta e sicura.
    • In linea generale, dovresti considerare il coltello come un mezzo per intimidire qualcuno che vuole provocare una rissa e non come un’arma che utilizzerai davvero. Dovresti prendere il tuo coltello solo se l’avversario brandisce il suo.
    • In alcuni luoghi, impugnare o muovere il coltello in maniera minacciosa è un crimine punibile con multe e anche la reclusione.
    Consiglio dell'Esperto
    Adrian Tandez
    Adrian Tandez
    Esperto di Autodifesa

    Nel Kali, un'arte marziale filippina, c'è molto allenamento con i coltelli. Una delle cose che insegniamo si chiama "mettere in pericolo il serpente", il che significa che se qualcuno prova ad attaccarti con un coltello, il tuo obiettivo numero uno è neutralizzare la mano che impugna l'arma. Quindi, se hai un coltello, devi provare a ferire il braccio o la mano che tiene l'arma, con l'obiettivo che il tuo avversario la lasci andare.

  5. 5
    Esercitati con i pennarelli. Quando inizi ad allenarti nel combattimento con i coltelli, fai un piccolo esperimento. Trova un compagno più debole di te, uno sparring partner gracile, un fratello minore oppure tua sorella, e armalo di pennarello senza tappo. Togliti la camicia e chiedi al tuo avversario di cercare di “colpirti” quante volte possibile mentre tu cerchi di fermarlo. Alla fine conta i segni che sono rimasti sul tuo corpo. Immagina se il pennarello fosse stato un coltello.
    • Anche se tu fossi esperto di autodifesa, uno sportivo MMA, un karateka, ti accorgeresti presto di una dura verità: non è molto difficile per una persona colpirti con una lama in uno scontro ravvicinato in spazi stretti e il coltello lo può trasformare in un nemico mortale, se non sai cosa stai facendo.
    • Questo metodo di allenamento è ottimo per esercitare le tue abilità di lotta con le lame in perfetta sicurezza. Non tentare mai di allenarti con una lama affilata. Usa dei pennarelli o dei coltelli da allenamento.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Difendersi con un Coltello

  1. 1
    Valuta il tuo aggressore. Se hai deciso di avere con te un coltello, devi essere certo di non usarlo in una rissa. Dovresti brandirlo solo se temi per la tua vita in un confronto fisico, se il tuo avversario è armato di pistola, coltello o un’altra arma per minacciarti. Ricorda di usare il coltello, per prima cosa, per evitare lo scontro e solo in seguito per difenderti, se necessario.
    • Non usare un coltello contro un avversario che lotta a mani nude. Impara l’autodifesa senza armi e cerca di evitare a tutti i costi lo scontro fisico.
    • Se qualcuno si avvicina a te in modo minaccioso, guardagli le mani e le tasche. Se vedi un’arma, estrai il coltello.
  2. 2
    Impara a estrarre il coltello in sicurezza. Se si tratta di un modello a lama fissa, fai in modo che sia sempre puntato lontano dal tuo corpo. Mantieni una presa salda all’impugnatura e distendi il braccio armato, assumendo una postura di difesa. Solitamente, la maggior parte delle persone porta, a questo scopo, il coltello sul lato opposto alla mano dominante.
    • I coltelli pieghevoli stanno comodamente in tasca anche se, in questo modo, l’azione sarà un po’ lenta e impacciata. Procurati un coltello pieghevole che abbia un meccanismo rapido di apertura che puoi azionare con il pollice una volta che l’hai estratto dalla tasca.
    • Non esiste un solo modo per portare ed estrarre un’arma bianca. Molto dipende dalle preferenze personali. Prova con diversi tipi di coltelli per trovare quello che si adatta meglio alle tue caratteristiche.
  3. 3
    Afferra il coltello in maniera appropriata. Esistono molte prese differenti che si utilizzano nelle tecniche di autodifesa con i coltelli, in base alla comodità della persona. Esercitati a estrarre e tenere in mano la tua arma nella maniera più comoda e sicura possibile, quella dettata dal tuo stile di combattimento, dalla tua forza e dal peso della lama. L’impugnatura base, e anche la più semplice da imparare, è quella a martello.
    • Le prese in avanti prevedono che il coltello sia tenuto dal manico con le dita che lo circondano, il filo della lama in avanti e la punta verso l’alto. Le varie prese dipendono molto dalla posizione di rinforzo del pollice, ma quella di base è l’impugnatura a martello, in cui il pollice si chiude sopra le altre dita per mantenere salda l’arma.
    • Le prese rovesciate solitamente sono esattamente uguali a quelle in avanti, ma il filo della lama è rivolto verso di te. Non sono consigliate per i principianti.
  4. 4
    Il tuo corpo deve essere sempre dietro la lama. È della massima importanza usare il coltello come strumento di difesa per proteggere a ogni costo il viso, il collo e il tronco dagli attacchi. Cerca di “farti piccolo” incassando la testa fra le spalle, allungando il braccio armato davanti a te, piegato a 45°.
    • Non allungare del tutto l’arto perché saresti vulnerabile agli attacchi.
    • Usa l’altro braccio per difendere il petto, il collo e l’addome mentre ti nascondi dietro il coltello. Il braccio non armato non deve mai fare da scudo al resto del corpo, porta in avanti sempre quello con il coltello.
  5. 5
    Muoviti costantemente. Se tu e l’avversario siete entrambi armati di coltello, fai un grande passo indietro senza mai dare le spalle; il coltello deve restare sempre fra te e l’aggressore. Immagina che ci sia una calamita che mantiene la lama puntata verso l’altra persona.
    • Di solito ti puoi muovere in una delle quattro direzioni: in avanti, indietro o con un movimento circolare a destra o sinistra. Dovresti spostarti sempre nella stessa direzione per proteggere te stesso e diminuire le probabilità di essere colpito. Non rimanere mai fermo sui due piedi e non farti cogliere alla sprovvista.
  6. 6
    Usa il coltello come fonte di distrazione. La maggior parte degli aggressori non è intenzionata ad attaccarti, soprattutto se hai appena estratto un coltello e dai l’impressione di saperlo usare. Se qualcuno ti minaccia con un coltello e tu estrai il tuo a difesa, si spera che la questione finisca così. In teoria, mostrare l’arma e distrarre l’avversario dovrebbe porre termine al conflitto.
    • Estrai il coltello e pronuncia qualche parola di avvertimento come: "Questo è un coltello militare che mi ha dato il mio istruttore di combattimento che lavora per la Blackwater. Lo affilo ogni sera e, credimi, non ti consiglio di avvicinarti. Salutiamoci qui e ciascuno continui per la sua strada".
    • Keith Richards, un appassionato di coltelli, ama ripetere che l’unico scopo per cui bisogna estrarre un coltello è quello di distrarre l’avversario poco prima di porre fine alla lotta con un calcio fra le gambe. Non è una cattiva idea.
  7. 7
    Para ogni colpo schivando e controllando il braccio con cui il tuo avversario cerca di colpirti. Il combattimento con coltelli non ha molto a che fare con quello con le spade. Non udirai le lame scontrarsi fra loro e non ci saranno molte parate; tuttavia, è sempre importante schivare un colpo che potrebbe essere devastante muovendoti di lato, girandoti di 90° verso l’esterno del braccio armato del tuo avversario e poi usando la mano libera per afferrare il suo gomito e tentare di disarmarlo.
    • È sempre meglio usare il coltello per colpire o bloccare il braccio dell’aggressore invece che tentare di afferrarlo.
    • Se non hai altra scelta, devi proteggere i tuoi organi vitali con il braccio libero. Un taglio sul braccio, per quanto grave, è sempre meglio di una pugnalata al plesso solare.
    • Leggi la sezione successiva per ulteriori informazioni in merito ai colpi di difesa per disarmare l’avversario.
  8. 8
    Evita sempre le risse, se possibile. Estrarre e usare il coltello deve essere l’ultima risorsa a cui ricorrere solo se la tua vita è in pericolo. Se puoi evitare di confrontarti del tutto o scappare, fallo invece di ritrovarti in una situazione potenzialmente letale.
    • Se ricevi un brutto taglio o una pugnalata, metti pressione immediatamente sulla ferita per cercare di fermare l’emorragia e rivolgiti al pronto soccorso. Mantieni la pressione sulla ferita finché non sarai nelle mani di un medico.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Colpire con un Coltello

  1. 1
    Togliti dal raggio d’azione del braccio armato dell’avversario. La lotta con i coltelli non è fatta per gli incontri ravvicinati ma per mantenere le distanze. Per la maggior parte del tempo schiverai e ti abbasserai aspettando il momento giusto per colpire rapidamente con una mossa in grado di disarmare l’aggressore e porre fine alla rissa definitivamente. Se hai l’impressione che qualcuno ti stia attaccando con un pugnale, fai un ampio passo indietro.
    • Prenditi un minuto per valutare l’ambiente circostante e spostati in campo aperto. Devi avere la possibilità di indietreggiare senza problemi. Se sei bloccato in uno spazio ristretto, avrai più difficoltà a difenderti.
  2. 2
    Cerca di disarmare l’aggressore. La maggior parte dei teppistelli da quattro soldi cercherà di colpirti nella zona del viso in modo selvaggio e scoordinato, approfitta di questa opportunità per fermare in fretta il combattimento quando questo accade. Quando l’avversario ti attacca, la tua risposta dovrebbe essere rapida, precisa e in grado di porre fine alla rissa immediatamente.
    • Se l'aggressore tenta un fendente lento, verso l’addome, muoviti simultaneamente a lui facendo un grande passo indietro. Quando si troverà con il braccio disteso verso di te, porta il tuo coltello sopra il suo avambraccio, con la punta verso il basso e colpiscilo al polso cercando di fargli cadere l’arma.
    • Se punta verso l’alto, muoviti sempre simultaneamente con l’aggressore e fai un passo indietro e di lato per poi colpire il suo braccio dal basso verso l’alto con il tuo coltello. Punta all’avambraccio e alla zona del polso per far perdere la presa al tuo nemico.
  3. 3
    Non usare mai l’altro braccio come "scudo". Si tratta di un errore molto comune quello di cercare di bloccare i colpi con il braccio libero per spostarli e poi avvicinarsi per contrattaccare. Teoricamente potrebbe anche avere senso, ma uno o due tagli sul braccio "che para" causati dal coltello del tuo nemico ti faranno perdere sangue e diventerai via via sempre più debole rendendo i tuoi tentativi di "colpi ravvicinati" molto improbabili. Invece impara a usare la tua arma per bloccare e colpire con una sola mossa.
    • Se ti accorgi che hai la possibilità di afferrare, con la mano libera, il polso della mano armata dell’avversario, allora si tratta di un’altra situazione e potresti provare a farlo.
    • Ovviamente, se il momento è disperato, potresti valutare di “sacrificare” un braccio per proteggere la gola o il viso ma, come avrai notato nell’allenamento con il pennarello, la tua posizione peggiorerà molto in fretta. Dovrai essere rapido con dei colpi per disarmare l’aggressore e porre fine allo scontro fisico.
  4. 4
    Non lanciare mai il coltello. L’ultima cosa in assoluto che devi fare in un confronto corpo a corpo con i coltelli è quello di perdere la tua arma. Difendersi a mani nude da un aggressore armato di pugnale è molto difficile e il tuo allenamento con i pennarelli dovrebbe avertelo già dimostrato. Colpire una persona lanciando la lama è piuttosto improbabile, ciò che invece è quasi certo è che perderai il tuo coltello e sarai in grave pericolo. Tieni sempre la tua arma in mano.
    Pubblicità

Consigli

  • Continua a esercitarti e ricorda che non diventerai mai un maestro da un giorno all’altro.
  • Segui un allenamento professionale. Ci sono molti centri che sono specializzati in combattimenti con "armi bianche".

Pubblicità

Avvertenze

  • Se scateni un combattimento con il coltello, devi essere preparato ad accettarne tutte le conseguenze e devi essere certo che ne valga la pena. Ai perdenti toccano delle suture, un intervento chirurgico e, forse, una lenta agonia.
  • Non lanciare mai il coltello se non sei sicuro al 100% che andrà a segno o se stai combattendo contro più di una persona. Se riesci a colpire l’obiettivo nel 99% dei casi, resta comunque un 1% di possibilità che tu perda la tua arma ed è comunque poco probabile che tu abbia una statistica di lancio perfetta.
  • Sappi che se ti stai difendendo contro un aggressore che non ha il coltello e tu lo estrai, egli potrebbe usarlo come arma contro di te se riuscisse a impossessarsene. Se non sei in pericolo di vita, riconsidera la tua decisione di brandire un coltello.
  • In Gran Bretagna avere con sé un coltello è considerato reato tranne in "circostanze ragionevoli".
  • Dovresti coinvolgerti in un combattimento con il coltello solo per difenderti e solo se anche il tuo avversario ne ha uno. Non dovresti essere tu l’aggressore e come prima cosa dovresti cercare di scappare, se possibile.
  • In molti Paesi l’uso dei coltelli non è considerato autodifesa, a meno che il tuo aggressore sia armato (con un’altra lama o un’arma da fuoco); potresti essere incarcerato per questo motivo.
  • Non possedere e non portare mai un coltello se è illegale nel tuo Paese. Quelli a scatto (la cui lama esce dal manico schiacciando un bottone) sono spesso proibiti, così come quelli a farfalla (i coltelli il cui manico è diviso in due parti mantenute unite sulla punta dalla lama). Ricorda di verificare le normative vigenti presso il distretto di polizia prima di uscire in pubblico con un coltello.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 20 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 25 281 volte
Categorie: Sport & Fitness
Questa pagina è stata letta 25 281 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità