I denti dei cavalli hanno la radice aperta, ossia crescono di continuo e si basano sulla masticazione per rimanere della lunghezza corretta. In un mondo perfetto, la percentuale di usura verrebbe compensata da quella della crescita e i denti principali, i molari, si usurerebbero tutti allo stesso modo, rappresentando così costantemente la superficie ideale per masticare. I molari superiori, invece, sono più ampi di quelli inferiori e i cavalli masticano in modo circolare. Ciò significa che, nel corso del tempo, se il cavallo ha un morso irregolare, sui denti potrebbero formarsi punti diseguali a causa dell’usura non uniforme. Queste punte possono infilarsi nelle guance o nella lingua del cavallo, provocando dolore durante la masticazione. Il livellamento è il processo in cui i denti del cavallo vengono appunto “livellati” o limati con una lima dentale progettata appositamente per i cavalli. Capire quando è necessario livellare i denti del tuo cavallo può essere molto utile per evitargli di provare dolore e fastidio.

Metodo 1 di 3:
Notare i Segni Primari

  1. 1
    Nota se il cavallo ha difficoltà a mangiare. Le punte dentali nella bocca del cavallo potrebbero ferirgli le pareti della bocca (le guance) o della lingua e provocare dolore, un segno che i denti del cavallo dovrebbero essere livellati.
    • Il cavallo potrebbe manifestare segni di disagio quando mangia.
    • Il cavallo potrebbe metterci più tempo per mangiare e inclinare la testa mentre si nutre.
    • Nota che questi segnali potrebbero manifestarsi in modi diversi.
  2. 2
    Se il cavallo inizia a mangiare in modo disordinato, potrebbe soffrire di dolore al cavo orale. Il cavallo potrebbe mangiare in modo poco curato, sbavando e facendosi sfuggire il cibo di bocca.
    • Alcuni cavalli avranno bisogno di tenere la testa di lato quando masticano, causando così una forte salivazione. In tal caso il tuo cavallo avrà sempre il mento umido. Il cavallo tende a sbavare perché ingoiare richiede un movimento della lingua che può essere molto doloroso, a causa delle punte irregolari. Invece di ingoiare, quindi, finirà per sbavare.
    • A volte la saliva sarà sporca di sangue a causa delle ferite presenti nelle membrane mucose delle pareti della bocca.
  3. 3
    Cerca segni di soffocamento, che spesso è causato da grumi secchi di cibo. Il dolore al cavo orale rende il cavallo più riluttante a masticare e lo rende più incline a ingoiare cibo non spezzettato o misto a poca saliva. Queste palle secche di cibo possono incastrarsi nell’esofago (il tubo che collega la bocca allo stomaco) e far soffocare il cavallo. Fra i segni di questo problema è possibile constare una protuberanza visibile sul lato sinistro del collo, in linea con l’esofago, che si muove dagli angoli della mandibola alla linea delle spalle.
    • Nei cavalli questo problema non è grave come negli esseri umani, in quanto la trachea non resta bloccata e il cavallo può comunque respirare. In ogni caso, il blocco di cibo può aumentare, causando nel cavallo colpi di tosse, in aggiunta a disagio e dolore.
    • Se viene bloccato da un grumo di fieno, la saliva non può muoversi quando il cavallo ingoia: per questo motivo l’animale tenderà a sbavare.
  4. 4
    Nota se il cavallo ha le guance gonfie. È segno che tende a non inghiottire grandi quantità di erba o fieno. Il cavallo tende ad accumulare palle di fieno o erba fra denti e guance, in modo da formare un cuscinetto protettivo o una barriera. Questi cuscinetti rivestono le guance mentre l’animale mastica e riducono il dolore.
    • Puoi accorgerti della loro presenza se il cavallo ha le guance gonfie, proprio come un criceto.
    • Il cavallo tenderà anche a sputare queste palle sul pavimento, un altro segno che indica che i suoi denti hanno bisogno di essere livellati.
  5. 5
    Cerca di notare se il cavallo evita il morso. Un cavallo dalla bocca secca probabilmente non si sentirà a proprio agio indossando il morso. Quando il morso entra in contatto con la bocca secca, il cavallo cerca di proteggersi facendolo scivolare in un posto diverso, dove faccia meno male. Cerca quindi di evitare il morso e di scuotere la testa o di piegare il collo per farlo scivolare fuori.
    • Un cavallo in genere tranquillo e ben educato potrebbe trasformarsi in un animale che scuote la testa quando viene cavalcato o che cerca di evitare di indossare il morso, piegando in modo eccessivo il collo.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Notare i Segni Secondari

  1. 1
    Pesa il cavallo per controllare se sia dimagrito. Un cavallo che ha bisogno di cure potrebbe perdere peso. Il cavallo preferisce quindi mangiare cibo che richiede meno masticazione.
    • Un altro motivo per cui il cavallo potrebbe dimagrire è che non mastica il cibo in modo approfondito. Masticare aiuta a scomporre le cellule e le fibre, rendendo più facile la digestione e permettendo di trarre il massimo dai valori nutrizionali.
    • Presta attenzione se il cavallo sembra molto magro o emaciato. Se il cavallo ha molto dolore alla bocca, potrebbe mangiare solo il minimo possibile, preferendo addirittura morire di fame piuttosto che star male.
    • Il cavallo potrebbe essere più sonnolento del solito a causa della mancanza di energia.
  2. 2
    Cerca i segni di indigestione e coliche. Le palle di cibo potrebbero anche arrivare allo stomaco ma, non riuscendo a venire processate dall’intestino, possono provocare indigestioni o coliche. I sintomi includono malessere addominale, che si può manifestare come irrequietezza, continua oscillazione della testa verso i fianchi, calci allo stomaco, respiro rapido e leggero, stato di agitazione generale, occhi sbarrati e narici dilatate.
  3. 3
    Cerca I segni della presenza di pezzi di cibo interi negli escrementi del cavallo. Dato che le punte dentali sono dolorose e causano una masticazione meno accurata, il cavallo tenderà a ingoiare pezzi di cibo interi. Nel cibo scarsamente masticato sarà possibile trovare pezzi grandi di fieno e pezzi interi di grano, che l’intestino non è in grado di scomporre e digerire completamente. Per questo motivo le feci del cavallo conterranno pezzi interi di cereali o grano e frammenti di fieno non digerito.
  4. 4
    Annusa l’alito del cavallo per vedere se è peggiorato. Se il tuo cavallo soffre di punte dentali, è più facile che il cibo rimanga intrappolato nella bocca, diventando quindi rancido e iniziando a puzzare.
    • Le piaghe o le afte della bocca potrebbero infettarsi e causare l’alito cattivo (alitosi).
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Esaminare Direttamente i Denti

  1. 1
    Imbavaglia il cavallo per assicurarti che la bocca rimanga aperta durante l’esame. L’esame diretto dei denti richiede di sistemare uno speciale bavaglio nella bocca del cavallo, in modo che questa rimanga semi-aperta. Questo passaggio eviterà che il cavallo mastichi lo speculum una volta introdotto e permetterà di esaminare l’intera superficie dei denti.
  2. 2
    Esamina i denti problematici con uno speculum per confermare la diagnosi. I denti problematici sono i molari, che si trovano sul fondo della bocca. Questi denti sono troppo lontani per essere visti senza l’aiuto di uno speculum apposito. Non è un procedimento doloroso e viene tollerato dalla maggior parte dei cavalli.
    • Lo speculum orale è uno strumento simile a una torcia, con una lama piatta e dai bordi arrotondati, che può essere infilato nella bocca dell’animale per esaminargli i denti.
    • Un veterinario o un odontotecnico equino avrà accesso a un simile strumento.
    • Se il cavallo ha la tendenza a muovere molto la testa, potrebbe essere consigliabile usare un supporto, annodando la corda principale in modo che la testa sia bloccata in una posizione leggermente sollevata, bloccando così il movimento e permettendo di ispezionare con calma la bocca dell’animale.
  3. 3
    Ispeziona regolarmente la bocca del cavallo per controllarne i sintomi. Anche se non dovessi notare segni di sofferenza, un controllo annuale è consigliabile per i cavalli fra i 5 e i 20 anni di età.
    • Sotto i 5 anni il cavallo è in piena crescita: sono quindi necessari controlli più frequenti per assicurarsi che i denti si formino nel modo giusto e che gli archi dentali siano allineati.
    • Allo stesso modo, dopo i 20 anni di età è più probabile che il cavallo sviluppi problemi dentali, come corone frammentate o infezioni alle radici. È consigliabile effettuare due controlli all’anno.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Diventare Amico di un Cavallo

Come

Fare i Sette Giochi di Parelli

Come

Mantenere l'Equilibrio su un Cavallo al Galoppo

Come

Curare una Colica in Cavalli e Pony

Come

Mettersi in Forma per Andare a Cavallo

Come

Domare un Cavallo

Come

Capire l'Età di un Cavallo dai Suoi Denti

Come

Lavare un Cavallo

Come

Pulire il Fodero di un Cavallo

Come

Trattare i Problemi agli Occhi del Cavallo

Come

Dare da Mangiare a un Cavallo

Come

Montare a Cavallo

Come

Sverminare il Cavallo

Come

Fare una Puntura a un Cavallo
Pubblicità

Riferimenti

  1. Principles of Equine Dentistry. David Klugh. CRC Press. 1st edition
  2. Equine Dentisty. Easley, Dixon & Schumacher. Saunders Press. 3rd edition

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 8 439 volte
Categorie: Cavalli
Questa pagina è stata letta 8 439 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità