La polmonite è un'infezione che si sviluppa nelle sacche d'aria all'interno dei polmoni. Può essere causata da batteri, virus o funghi che iniziano a moltiplicarsi. Questa malattia è più pericolosa per i bambini, gli anziani e coloro che hanno un sistema immunitario indebolito. Se pensi di avere la polmonite devi rivolgerti immediatamente al medico per un controllo; si tratta di una patologia che, in genere, può essere curata in maniera efficace.[1]

Metodo 1 di 2:
Riconoscere i Sintomi

  1. 1
    Individua i sintomi della polmonite. Se temi di essere affetto da questa infezione, è importante trattarla subito, prima che diventi più grave. I sintomi possono peggiorare gradualmente nell'arco di diversi giorni oppure manifestarsi improvvisamente ed essere molto gravi fin da subito. Tra i sintomi di polmonite ci sono:[2] [3]
    • Febbre.
    • Sudorazione e brividi.
    • Disagio nell'area toracica quando tossisci o respiri, soprattutto durante una respirazione profonda.
    • Respirazione rapida e superficiale (questo sintomo si manifesta solo quando fai attività fisica).
    • Senso di spossatezza.
    • Nausea, vomito o diarrea (questi sintomi sono particolarmente comuni nei bambini).
    • Tosse durante la quale potresti anche espellere del muco giallo, verde, color ruggine o rosa e sanguinolento.
    • Mal di testa.
    • Inappetenza.
    • Unghie delle mani bianche.
    • Senso di confusione, soprattutto tra le persone anziane.
    • Temperatura corporea più bassa del normale (questo sintomo si manifesta in particolare tra le persone anziane con un sistema immunitario debole).
    • Dolore articolare, delle costole, dell'area addominale superiore o della schiena.
    • Battito cardiaco accelerato.
  2. 2
    Vai dal medico se pensi di avere la polmonite. Tutti coloro che temono di avere questa infezione dovrebbero farsi visitare immediatamente, in quanto si tratta di una malattia che può essere mortale se non viene curata adeguatamente. Corri un rischio particolare di sviluppare un'infezione grave se rientri in una delle seguenti categorie:[4] [5]
    • Bambini sotto i 2 anni d'età.
    • Persone oltre i 65 anni.
    • Chi soffre di altre patologie come l'HIV/AIDS, problemi cardiaci o polmonari.
    • Persone sottoposte alla chemioterapia.
    • Coloro che prendono farmaci che sopprimono il sistema immunitario.
  3. 3
    Descrivi i sintomi al medico. In questo modo potrà capire da quanto tempo sei malato e quanto è grave l'infezione. Inoltre vorrà anche sapere:[6]
    • Se ti senti senza fiato o respiri rapidamente anche quando sei a riposo.
    • Da quanto tempo hai la tosse e se è peggiorata.
    • Se con la tosse espelli muco giallastro, verde o rosa.
    • Se provi dolore toracico durante l'inspirazione o l'espirazione.
  4. 4
    Lascia che il medico ausculti i polmoni. Egli ti chiederà di togliere la camicia e userà uno stetoscopio per controllare i tuoi polmoni. Non è una procedura dolorosa; il dottore ti chiederà di fare dei respiri profondi mentre ausculterà i rumori respiratori sia sul torace sia sulla schiena.[7]
    • Se sente dei crepitii o scoppiettii, significa che c'è in atto un'infezione.
    • Il dottore può anche picchiettare il torace durante la procedura, per capire se i polmoni sono pieni di liquido.
  5. 5
    Sottoponiti ad altri esami, se il medico lo ritiene necessario. Esistono diversi test che si possono eseguire per capire se hai un'infezione polmonare e la sua causa. Tra questi ci sono:[8] [9]
    • Una radiografia ai polmoni. Questo esame permette al medico di visualizzare la presenza di un'infezione e, se così fosse, in quale lato si è sviluppata e quanto si è diffusa. Anche questo esame non è doloroso; si tratta di una semplice "fotografia" dei polmoni. A volte viene consigliato di indossare una protezione di piombo per non esporre gli organi riproduttivi ai raggi X. Se pensi di essere incinta devi dirlo al medico, perché questo esame può essere pericoloso per il feto.[10]
    • Prelievo di un campione di sangue o di espettorato. Durante questo esame il medico preleverà del sangue o ti chiederà di sputare del catarro in una fiala; il materiale verrà poi inviato in un laboratorio per essere analizzato e stabilire esattamente qual è l'agente patogeno responsabile dell'infezione.
    • Se ti trovi già in ospedale e/o la tua salute è gravemente compromessa, dovrai sottoporti ad altri esami. Tra questi potrebbero esserci una emogasanalisi per determinare se i polmoni stanno rifornendo il sangue con un'adeguata quantità di ossigeno, una TAC (se ti trovi al pronto soccorso) o una toracentesi, che consiste nel prelievo da parte di uno specialista altamente qualificato di una piccola quantità di liquido tramite l'utilizzo di un ago che passa attraverso la pelle e i muscoli del torace; il campione verrà poi analizzato in laboratorio.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Trattare la Polmonite

  1. 1
    Prendi gli antibiotici. Sono necessari alcuni giorni prima di ottenere gli esiti degli esami e capire quale antibiotico è più efficace per la tua situazione specifica. Nel frattempo ti verrà prescritto un farmaco ad ampio spettro per iniziare la cura. A volte gli esami potrebbero rivelare che non c'è alcun agente patogeno, che il campione di espettorato è inadeguato o che non c'è setticemia (la coltura del sangue dà esiti negativi). Una volta stabilito il tipo di trattamento, i sintomi dovrebbero iniziare a migliorare nel giro di qualche giorno o settimana. Potresti sentirti affaticato per oltre un mese.[11] [12]
    • La maggior parte delle persone può essere curata a casa con gli antibiotici. Se i sintomi non si riducono dopo due giorni o iniziano a peggiorare, contatta subito il medico, perché probabilmente sarà necessario un tipo di farmaco diverso.
    • Potresti continuare a tossire per 2-3 settimane dopo aver terminato la cura antibiotica. Se ciò dovesse accadere, vai dal medico.
    • Tieni presente che gli antibiotici non sono efficaci contro la polmonite virale. In questo caso sarà il sistema immunitario che dovrà combattere l'infezione.
  2. 2
    Bevi molta acqua. Se hai febbre alta, sudorazioni e brividi, probabilmente stai perdendo molti liquidi. È importante restare ben idratato affinché l'organismo possa combattere l'infezione. Se soffri di grave disidratazione, dovrai andare in ospedale. Se provi sete o presenti qualcuno dei seguenti sintomi, devi bere più acqua:[13]
  3. 3
    Tieni sotto controllo la febbre. Se il medico acconsente, puoi ridurla prendendo dei farmaci da banco come l'ibuprofene (Brufen) o il paracetamolo (Tachipirina e altri).
    • Non assumere l'ibuprofene se sei allergico all'aspirina o ad altri farmaci antinfiammatori non steroidei, se soffri di asma, hai problemi renali o ulcere allo stomaco.[15]
    • Non dare farmaci che contengono acido acetilsalicilico a bambini piccoli o ragazzi adolescenti.
    • Consulta il medico prima di assumere questi farmaci, per essere certo che non interagiscano con altri medicinali da banco o su prescrizione, rimedi erboristici o integratori che stai già prendendo.
    • Non prendere questi farmaci se sei incinta, se stai allattando o se devi curare un bambino, senza prima averne parlato con il medico.
  4. 4
    Chiedi al medico dei farmaci antitussivi (sedativi della tosse). Egli potrà consigliarti questi medicinali se la tosse ti impedisce di dormire.[16] Tuttavia tieni presente che tossire può essere utile, perché rimuove il muco dai polmoni e può essere importante per guarire e recuperare meglio. Per questo motivo, il medico potrebbe anche sconsigliarti tali medicinali.[17]
    • Una tazza di acqua calda con limone e miele è un'alternativa naturale a questi farmaci; aiuta a lenire il dolore causato dalla tosse.
    • Se stai prendendo dei medicinali contro la tosse e anche dei farmaci da banco, leggi gli ingredienti, i principi attivi e assicurati che non siano gli stessi presenti in altre medicine che stai assumendo. Se così fosse, informane il medico, in modo da evitare il rischio di un'overdose accidentale.
  5. 5
    Sottoponiti a una broncoscopia se hai una polmonite da aspirazione. Questo tipo di infiammazione si verifica quando una persona soffoca e accidentalmente inala un piccolo oggetto nei polmoni. Se ciò si verifica, è necessario estrarre il corpo estraneo.[18]
    • Il medico inserirà un piccolo endoscopio nel naso o nella bocca per raggiungere i polmoni e rimuovere l'oggetto. Probabilmente riceverai un'anestesia per intorpidire il naso, la bocca e le vie aeree. In alcuni casi viene anche eseguita l'anestesia totale o vengono dati dei farmaci per aiutare il paziente a rilassarsi. Togliendo l'elemento estraneo, potrai guarire dall'infezione.
  6. 6
    Recati in ospedale se i trattamenti casalinghi non ti aiutano. Se non riesci a combattere l'infezione a casa e i sintomi peggiorano, verrai ricoverato in ospedale per delle cure più intensive. Dovrai rimanere in ospedale finché non ti sarai ristabilito se:[19]
    • Hai più di 65 anni.
    • Sei in stato confusionale.
    • Vomiti e non riesci a tenere i farmaci nello stomaco.
    • Respiri troppo rapidamente e devi essere collegato a una macchina per la ventilazione artificiale.
    • La temperatura è più bassa del normale.
    • Il battito cardiaco è troppo rapido (oltre 100 pulsazioni) o esageratamente lento (sotto le 50).
  7. 7
    Se il paziente è un bambino, portalo in ospedale nel caso non migliori. È più probabile che i neonati e i bambini sotto i 2 anni di età abbiano bisogno di essere ospedalizzati. Alcuni dei sintomi gravi che indicano la necessità di cure urgenti anche dopo aver iniziato una terapia con i farmaci sono:[20]
    • Difficoltà a restare sveglio.
    • Difficoltà di respirazione.
    • Insufficiente ossigeno nel sangue.
    • Disidratazione.
    • Bassa temperatura corporea.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Eliminare il Catarro dalla Gola senza Medicinali

Come

Liberare la Gola dal Muco

Come

Capire se Hai un'Infezione da Streptococco alla Gola

Come

Indossare una Mascherina Medica

Come

Trattare il Coronavirus

Come

Trattare una Reazione Avversa al Vaccino Antinfluenzale

Come

Liberarsi del Muco

Come

Far Passare Velocemente la Tosse

Come

Liberarsi del Naso che Cola

Come

Curare Velocemente un Mal di Gola

Come

Far Passare il Raffreddore in 2 Giorni

Come

Alleviare il Prurito alla Gola

Come

Riprendersi dalla Polmonite

Come

Forzare uno Starnuto
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Victor Catania, MD
Co-redatto da:
Victor Catania, MD
Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato co-redatto da Victor Catania, MD. Il Dottor Catania è un Medico di Medicina Generale Iscritto all'Albo in Pennsylvania. Si è laureato in Medicina alla Medical University of the Americas nel 2012. Questo articolo è stato visualizzato 97 007 volte
Categorie: Vie Respiratorie
Questa pagina è stata letta 97 007 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità