È importante conoscere il proprio gruppo sanguigno, soprattutto se devi sottoporti spesso a delle trasfusioni o vuoi avere un bambino. Il sistema di classificazione AB0 identifica i vari gruppi con le lettere A, B, AB oppure con il numero 0. Un altro fattore di classificazione è quello definito fattore Rh, o Rhesus, che può essere positivo o negativo. Il gruppo sanguigno e il fattore Rh vengono trasmessi dai genitori ai figli.[1] Per trovare il tuo fattore Rh devi conoscere quello dei tuoi genitori, oppure puoi sottoporti a un esame del sangue presso l'ambulatorio medico.

Parte 1 di 2:
Usare le Informazioni Note per Determinare il Fattore Rh

  1. 1
    Comprendi cosa indica questo fattore. Si tratta di una proteina presente nei globuli rossi, che può essere ereditata o meno dai genitori. Se il gruppo sanguigno è "Rh positivo", significa che possiedi tale proteina; se questa è assente, il gruppo è "Rh negativo".[2]
    • Le persone con fattore positivo hanno dei gruppi sanguigni positivi: A+, B+, AB+ oppure 0+; gli individui con un fattore negativo hanno gruppi sanguigni negativi: A-, B-, AB- oppure 0-.
    • La maggior parte della gente possiede la proteina Rh.[3]
  2. 2
    Consulta la tua cartella clinica. È probabile che ti sia già sottoposto a degli esami del sangue e che il fattore Rh sia già stato determinato. Chiedi al medico di famiglia se possiede i dati relativi al tuo gruppo sanguigno. Se ti sottoponi regolarmente a delle trasfusioni, molto probabilmente queste informazioni sono presenti nella scheda medica; lo stesso vale se sei un donatore di sangue.
    • Se hai un fattore Rh positivo, puoi ricevere sia sangue Rh+ sia sangue Rh- durante una trasfusione. Se il tuo fattore è Rh-, puoi ricevere solo del sangue che non contiene la proteina,[4] tranne i rari casi di straordinaria emergenza, in cui potresti aver bisogno di una trasfusione anche con Rh+.
  3. 3
    Individua i fattori Rh dei tuoi genitori. Chiedi loro se hanno un gruppo sanguigno positivo o negativo: potresti essere in grado di determinare il tuo partendo da questi dati.[5] Se entrambi sono Rh-, è molto probabile che anche tu non abbia la proteina. Se tua madre ha un gruppo sanguigno negativo e tuo padre positivo (o viceversa), potresti essere sia Rh+ sia Rh-. In questo caso, puoi avere una risposta definitiva sottoponendoti a un esame del sangue presso l'ambulatorio medico o un centro trasfusionale. Nota che potresti avere un fattore negativo anche se i tuoi genitori sono entrambi Rh+.[6]
    • Dato che le persone con gruppo sanguigno positivo possono avere due geni Rh positivi (Rh+/Rh+) oppure uno positivo e l'altro negativo (Rh+/Rh-), possono generare una prole con fattore Rh-.[7]
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Sottoporsi a un Esame del Sangue

  1. 1
    Chiedi al medico di eseguire il test. Se i tuoi genitori hanno fattori Rh differenti (oppure sono entrambi positivi e vuoi sapere se lo sei anche tu), puoi chiedere al tuo medico di sottoporti a un esame. Si tratta di una procedura ambulatoriale rapida, che non dovrebbe causare molto dolore e al termine della quale puoi tornare a casa.
  2. 2
    Sottoponiti a un esame del sangue. Un infermiere o un medico ti pulisce la parte interna del gomito o del polso con una garza antisettica; individua facilmente una vena accessibile e vi inserisce un ago che è in genere collegato a una siringa, che a sua volta aspira il sangue. Quando l'operatore ne ha raccolto una quantità sufficiente, estrae l'ago ed esercita una pressione delicata sul sito del prelievo con un tampone sterile; in seguito, applica un cerotto.[8] Al termine della procedura l'infermiere pone un'etichetta sul campione e lo invia al laboratorio per le analisi.
    • Il medico esegue il prelievo sui bambini pungendo una vena sul dorso delle loro mani.[9]
    • Se hai la sensazione di svenire, informa l'operatore sanitario affinché ti aiuti a sdraiarti.[10]
    • Potresti percepire la sensazione di una puntura o un leggero dolore quando viene inserito l'ago. Potrebbe anche svilupparsi un piccolo livido sul sito del prelievo; in ogni caso, il dolore non dura a lungo.[11]
  3. 3
    Aspetta i risultati del test. Un tecnico di laboratorio esamina il campione di sangue per cercare la proteina Rh. Procede mescolando il sangue con un siero anti-Rh; se i globuli coagulano, il fattore Rh è positivo; se invece le cellule non si uniscono fra loro, il fattore è negativo.[12]
    • È probabile che il laboratorio esegua anche delle analisi per determinare il gruppo sanguigno in base alla classificazione AB0.
  4. 4
    Riconosci l'importanza degli esiti. Annota le informazioni in merito al gruppo sanguigno in un posto sicuro insieme ai contatti di emergenza. Se un giorno avrai bisogno di una trasfusione o di un trapianto, ti serviranno questi dati; inoltre, se sei una donna e stai pianificando di avere un bimbo, è indispensabile conoscere il fattore Rh.
  5. 5
    Sii consapevole dei rischi della gravidanza. Se sei una donna con Rh-, il tuo partner deve sottoporsi al test per conoscere il suo; se il possibile futuro padre è Rh+, potrebbe svilupparsi un'incompatibilità. Questo significa che se il feto eredita il fattore positivo del padre, i suoi globuli rossi vengono attaccati dagli anticorpi materni; tale evento causa una grave anemia e perfino la morte del feto.[13]
    • Durante la gestazione, se sei Rh- devi sottoporti a degli esami del sangue per capire se l'organismo sta producendo degli anticorpi contro il fattore Rh+. Il primo test va eseguito durante il primo trimestre e il secondo durante la ventottesima settimana di gravidanza. Se non ci sono anticorpi, viene somministrata un'iniezione di immunoglobuline Rh, per evitare che l'organismo produca degli anticorpi dannosi per il bimbo.[14]
    • Se gli esami rivelano la presenza degli anticorpi, non viene somministrata alcuna iniezione, ma il dottore monitora accuratamente il feto durante il suo sviluppo; prima o dopo la nascita il bambino potrebbe essere sottoposto a una trasfusione.[15]
    • Dopo il parto, il medico sottopone il neonato a un test per il fattore Rh. Se gli esiti confermano che è identico a quello della madre, il bimbo non ha bisogno di ulteriori cure; tuttavia, se il suo Rh è positivo e quello della madre è negativo, a quest'ultima viene somministrata un'altra iniezione di immunoglobuline.[16]
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Riconoscere l'HPV (Human Papilloma Virus) nell'Uomo

Come

Somministrare un'Iniezione di Vaccino Antinfluenzale

Come

Aumentare la Saturazione dell'Ossigeno

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Usare un Preservativo

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Crescere In Altezza

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue

Come

Misurare la Saturazione dell'Ossigeno con un Pulsossimetro

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Farsi un Clistere

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Mandolin S. Ziadie, MD
Co-redatto da:
Mandolin S. Ziadie, MD
Specialista in Patologia
Questo articolo è stato co-redatto da Mandolin S. Ziadie, MD. La Dottoressa Ziadie è una Specialista in Patologia Iscritta all’Albo nel Sud della Florida. Ha completato l’internato in Patologia Pediatrica al Children’s Medical Center nel 2010. Questo articolo è stato visualizzato 16 956 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 16 956 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità