Un cane arriva a disidratarsi quando perde più liquidi di quelli che introduce nel proprio corpo. Per esempio, se soffre di disturbi addominali, può espellere i fluidi attraverso la diarrea e/o il vomito, con il rischio di una rapida disidratazione. Tuttavia, possono esserci molti altri motivi responsabili di tale disturbo; per esempio, se non ha accesso all'acqua durante una giornata torrida, si può disidratare con molta facilità.[1] Riconoscere i segni della disidratazione è il primo passo per gestire correttamente il problema, assicurandosi che il cane beva a sufficienza o portandolo dal veterinario, se necessario.

Parte 1 di 2:
Controllare i Segni della Disidratazione

  1. 1
    Fai attenzione al suo comportamento. Un cane disidratato che ha la forza per farlo, solitamente cerca acqua da bere. Se questo è il problema del tuo amico fedele, puoi notare un comportamento insolito: è agitato, continua a camminare senza sosta, proprio per il fatto che sta cercando dell'acqua.[2]
    • Se non riesce a trovarne a sufficienza, può leccarsi ripetutamente le labbra e/o avere un'espressione ansiosa.[3]
    • Alcuni esemplari disidratati possono anche sdraiarsi con il naso appoggiato nella ciotola vuota dell'acqua.[4]
  2. 2
    Controllagli la nuca. Il classico test per verificare il grado di idratazione – che forse hai già visto fare dal veterinario sugli animali ricoverati – è quello di sollevare la collottola del cane. Questa prova permette di misurare il grado di elasticità della pelle, che si riduce in caso di mancanza di fluidi.[5] Per eseguire il test, procedi come segue:
    • Individua la collottola; si tratta della parte di pelle lasca sopra le spalle o sulla nuca dell'animale.
    • Sollevala. Afferra la pelle e tirala delicatamente verso l'alto per 5-8 cm sopra la sua schiena.
    • Rilasciala e osservala. Una pelle ben idratata torna immediatamente alla posizione originale; se invece è disidratata, è meno elastica e non ritorna in sede tanto in fretta.
    • Se impiega più di due secondi per tornare alla normalità, significa che il cane è carente di liquidi.[6]
  3. 3
    Controlla le gengive. Queste mucose sono degli ottimi indicatori di una disidratazione precoce. Quelle normali sono umide e lucide, molto simili a quelle delle persone; gli animali disidratati hanno invece gengive asciutte o appiccicose, a causa della minore produzione di saliva.[7]
    • Sappi che i cani ansiosi o spaventati possono avere le gengive asciutte; assicurati che il tuo amico peloso sia rilassato quando le controlli, altrimenti potrebbero indurti in inganno.[8]
  4. 4
    Controlla la produzione d'urina. Quando il cane non beve a sufficienza, il corpo reagisce immediatamente per preservare i liquidi. In questa situazione, l'animale potrebbe anche non urinare a causa della vescica vuota, oppure l'urina prodotta potrebbe essere molto concentrata, assumendo in tal caso un colore giallo intenso.[9]
    • Questo si verifica perché i suoi reni stanno lavorando duramente per riciclare i liquidi e trattenerli nell'organismo.[10]
    • Prendi nota se il cane sembra urinare meno del solito o se il colore della sua pipì è diverso dal normale.
  5. 5
    Vai dal veterinario. Se il tuo amico a quattro zampe sembra in buone condizioni di salute e c'è una motivazione semplice per questo suo malessere, per esempio la ciotola dell'acqua è vuota, dagli dell'acqua e vedi se migliora; tuttavia, se è disidratato e sembra malato o se l'assunzione d'acqua non è stata di aiuto, contatta il veterinario.[11]
    • Alcuni animali disidratati hanno bisogno di una somministrazione di liquidi per via endovenosa, per garantire la normale funzione degli organi durante il processo di reidratazione.[12]
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Riconoscere i Fattori di Rischio della Disidratazione

  1. 1
    Presta attenzione al livello dell'acqua nella ciotola. Esistono molte circostanze che possono portare un cane a disidratarsi, ma la più ovvia e la più facile da controllare è l'accesso all'acqua.
    • Se ha bevuto tutta l'acqua o la ciotola si è rovesciata e non gli viene più riempita per molto tempo, può arrivare a disidratarsi; devi assicurarti che abbia sempre tanta acqua, soprattutto nelle giornate calde.[13]
    • Il cane può disidratarsi molto rapidamente, a volte nell'arco di un'ora circa, a seconda delle temperature.[14]
  2. 2
    Verifica che beva regolarmente. Anche se ha la ciotola sempre piena, può disidratarsi se non beve abbastanza spesso. Monitora il suo comportamento e verifica che sorseggi l'acqua con una certa frequenza.
    • Ad esempio, un cane anziano che soffre di artrite e che prova troppo dolore per alzarsi a bere quando ha sete corre un rischio reale di disidratazione.[15]
    • Se l'animale ha altri problemi di salute, come il diabete o patologie renali, la situazione è ben peggiore, perché il corpo tende a produrre molta urina; in tali condizioni la perdita dei fluidi avviene a un ritmo maggiore rispetto a quello che accade in un esemplare sano. Questo tipo di disidratazione è cronico, il che significa che si sviluppa lentamente nel corso di diversi giorni ed è probabile che si manifesti nuovamente.[16]
    • Allo stesso modo, se il cane è malato e smette di mangiare e bere per la mancanza di appetito, corre il rischio di disidratarsi.
  3. 3
    Fai attenzione alla diarrea. Le feci acquose contengono molti liquidi, il che significa che il corpo perde rapidamente i fluidi, aumentando le probabilità che sorga questo problema.[17]
    • Se il tuo amico scodinzolante beve abbastanza, il rischio si riduce; un cane con la diarrea che non ha accesso all'acqua o che non vuole bere può però disidratarsi in fretta.[18]
  4. 4
    Rimani all'erta in caso di vomito. Può essere una circostanza grave, perché l'animale non riesce a trattenere l'acqua che beve.[19]
    • Monitoralo attentamente, e se temi che sia disidratato o questo disturbo si manifesta spesso, contatta il veterinario.
    Pubblicità

Consigli

  • Se credi che il cane abbia sete, non aspettare fino al punto di vedere questi sintomi; riempi semplicemente la ciotola ogni volta che il livello dell'acqua si abbassa.
  • Il metodo migliore per prevenire e curare la disidratazione è accertarsi che il cane abbia sempre a disposizione parecchia acqua potabile pulita.[20]

Pubblicità

Avvertenze

  • Se sembra debole, stanco e/o non vuole bere oppure se l'apporto di acqua non riduce i sintomi di disidratazione, chiedi consiglio al veterinario.
  • La disidratazione non trattata causa un'insufficienza degli organi interni che può rivelarsi fatale.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Sapere se il vostro Gatto non sta Bene

Come

Viaggiare in Auto col Tuo Cane

Come

Vivere in una Casa con più Cani

Come

Vivere con un Carlino

Come

Riconoscere un Cane che Sta per Morire

Come

Insegnare al tuo Cucciolo a Smettere di Mordere

Come

Insegnare ai Cuccioli a Fare i Bisogni Fuori Casa

Come

Insegnare a un Cucciolo a Non Mordere

Come

Prendersi Cura di un Cane dopo la Sterilizzazione

Come

Solidificare le Feci del tuo Cane

Come

Riconoscere i Sintomi di Displasia dell'Anca nei Cani

Come

Misurare la Febbre al Cane Senza Usare il Termometro

Come

Occuparsi di un Barboncino Toy

Come

Identificare i Vermi dei Cani
Pubblicità

Riferimenti

  1. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  2. Small animal emergency and critical care for veterinary technicians. Battaglia. Publisher: Saunders.
  3. Small animal emergency and critical care for veterinary technicians. Battaglia. Publisher: Saunders.
  4. Small animal emergency and critical care for veterinary technicians. Battaglia. Publisher: Saunders.
  5. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  6. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  7. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  8. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  9. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  1. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  2. Small animal emergency and critical care for veterinary technicians. Battaglia. Publisher: Saunders.
  3. Small animal emergency and critical care for veterinary technicians. Battaglia. Publisher: Saunders.
  4. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  5. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  6. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  7. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  8. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  9. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  10. Practical emergency and critical care nursing. Aldridge. Publisher: Wiley-Blackwell.
  11. Small animal emergency and critical care for veterinary technicians. Battaglia. Publisher: Saunders.

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Pippa Elliott, MRCVS
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 13 783 volte
Categorie: Cani
Questa pagina è stata letta 13 783 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità