La sindrome del tunnel carpale si manifesta quando viene compresso il nervo mediano che si trova fra il palmo della mano e l'avambraccio. La pressione causa infiammazione, dolore, intorpidimento, formicolio e sensazione di costrizione a dita, polso e braccio. Le cause possono essere varie — ad esempio delle patologie sistemiche, un uso eccessivo del polso, un infortunio localizzato o l'anatomia stessa del polso. Diagnosticando e trattando tale disturbo, è possibile ridurre la sintomatologia.[1]

Metodo 1 di 2:
Diagnosticare la Sindrome del Tunnel Carpale a Casa

  1. 1
    Valuta i fattori di rischio. In questo modo, puoi comprendere meglio i sintomi, riconoscere la malattia e trattarla al meglio. Stabilisci se hai uno o più dei seguenti fattori di rischio:[2]
    • Sesso ed età: le donne tendono a soffrire maggiormente di questa patologia rispetto agli uomini e in genere la sindrome viene diagnosticata nei pazienti con un'età compresa fra i 30 e i 60 anni.
    • Lavoro: le mansioni che richiedono un intenso utilizzo delle mani, come quelle degli operai o delle persone in catena di montaggio, sottopongono i lavoratori a maggior rischio di sviluppare la sindrome del tunnel carpale.
    • Malattie sistemiche: i pazienti con disturbi metabolici, artrite reumatoide, le donne in menopausa, i soggetti obesi, con problemi di tiroide, insufficienza renale o diabete sono particolarmente suscettibili.
    • Stile di vita: il fumo, il consumo eccessivo di sale, la sedentarietà possono aumentare il rischio di soffrirne.
  2. 2
    Riconosci i sintomi. Se noti uno qualunque dei seguenti cinque sintomi al polso, al braccio o alla mano, potresti soffrire della sindrome:[3]
    • Formicolio a mano, dita o polso;
    • Intorpidimento di mano, dita o polso;
    • Gonfiore del polso;
    • Dolore a mano, dita o polso;
    • Debolezza della mano.
  3. 3
    Monitora i sintomi. In questo modo, riesci a diagnosticare e trattare meglio la patologia, nel caso ne soffrissi. Il medico può giungere a delle conclusioni in maniera più rapida, se dispone di un'anamnesi dettagliata.[4]
    • I sintomi si sviluppano generalmente in maniera graduale.
    • Di solito, si manifestano inizialmente durante la notte; man mano che la sindrome peggiora, si palesano anche di giorno.
    • La situazione non migliora con il tempo (come invece accade con un infortunio temporaneo) e tende a peggiorare.
  4. 4
    Esegui il test di Phalen. Si tratta di una prova molto semplice che viene utilizzata per diagnosticare la sindrome del tunnel carpale.[5] Esistono diversi modi di eseguire il test, ad esempio:
    • Siediti e appoggia i gomiti sul tavolo;
    • Lascia che i polsi ricadano in modo da raggiungere la massima flessione e mettere la maggiore pressione possibile sul tunnel carpale;
    • Mantieni la posizione per almeno un minuto.
    • Un'altra tecnica consiste nell'appoggiare fra loro i dorsi delle mani portandoli davanti al petto; le dita devono essere rivolte verso il basso (la posizione è esattamente opposta a quella "di preghiera");
    • Se provi qualunque dolore e formicolio alle mani, alle dita e/o ai polsi o percepisci intorpidimento delle dita (in particolare a pollice, indice e parzialmente al medio), il test è positivo.
  5. 5
    Esegui altri test diagnostici per la sindrome del tunnel carpale. Sono state descritte diverse prove per diagnosticare tale disturbo, ma la loro specificità è ancora oggetto di dibattito. Tuttavia, puoi fare un tentativo:[6]
    • La manovra di Tinel si esegue picchiettando il pollice e il tunnel carpale con le dita o un martelletto per tendini. Se causa formicolio nelle dita, il test si considera positivo.
    • Un esame con il laccio emostatico (da non confondere con il test di Rumpel-Leede) si basa sul temporaneo aumento della pressione sul tunnel carpale grazie al manicotto dello sfigmomanometro che viene applicato sul braccio. Gonfia il manicotto fino a una pressione compresa fra quella sistolica e diastolica per bloccare il ritorno venoso nel braccio e aumentare il volume di sangue nella mano. Se questa procedura innesca i sintomi della sindrome del tunnel carpale, l'esito è positivo. Tuttavia, non procedere a questo test se non sei capace di usare correttamente lo sfigmomanometro.
    • Il test del sollevamento della mano si esegue portando le mani sopra la testa per due minuti. Se si manifestano dei sintomi, l'esame è positivo.
    • Il test di Durkan si affida alla pressione diretta sul tunnel carpale per aumentare quella esistente. Premi il polso con il pollice o chiedi a un amico di farlo per te. Se questo gesto causa i sintomi tipici, allora soffri della sindrome.
  6. 6
    Valuta se è il caso di rivolgerti a un medico. Se il disturbo peggiora o non sparisce, se il dolore è insopportabile o interferisce con il lavoro, devi chiamare il dottore. Egli formulerà una diagnosi e tratterà i sintomi in maniera appropriata, potendo escludere altre patologie sistemiche gravi.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Diagnosticare la Sindrome del Tunnel Carpale nell'Ambulatorio Medico

  1. 1
    Descrivi i sintomi al dottore. Discutendo del problema con il medico, gli permetti di capire meglio la sintomatologia che stai mostrando e anche l'evoluzione della patologia.[7]
    • Ricorda che il medico può giungere meglio a delle conclusioni, se sei dettagliato nelle descrizioni e non tralasci alcun sintomo.
    • Se necessario, il dottore di famiglia potrebbe inviarti a uno specialista, come un neurologo, un chirurgo, un ortopedico o un reumatologo, per giungere a una diagnosi e trovare delle cure.
  2. 2
    Sottoponiti a una visita. Il medico vorrà esaminare il polso e la mano. Premerà dei punti specifici per trovare le zone dolenti e intorpidite. Controllerà inoltre la presenza di gonfiore, debolezza e il livello di sensibilità tattile. Se il dolore è intenso, probabilmente dovrai eseguire degli accertamenti per escludere altre malattie.[8]
    • È necessaria una prima valutazione visiva, per capire come procedere con le analisi successive.
    • Il medico potrebbe eseguire il test di Phalen o altre manovre diagnostiche.
  3. 3
    Sottoponiti alle analisi del sangue. È fondamentale prelevare un campione di sangue per escludere patologie come l'artrite reumatoide, alterazioni tiroidee o altre malattie. In questa maniera, il medico può ridurre la gamma dei possibili problemi e giungere a delle conclusioni.[9]
    • Quando le analisi ematiche escludono altre patologie, bisogna effettuare degli esami di diagnostica per immagini.
  4. 4
    Chiedi al medico di sottoporti a degli esami di imaging. Il medico può prescrivere delle radiografie, un'ecografia oppure puoi farne richiesta tu stesso. Grazie a questi accertamenti, si può capire meglio il problema e trattare i sintomi.[10]
    • Le radiografie vengono eseguite in genere solo come test di supporto o per escludere altre cause di dolore (ad esempio una frattura o l'artrite).
    • Attraverso l'ecografia, il medico può visualizzare le strutture interne e il nervo mediano nella mano.
  5. 5
    Esegui un'elettromiografia. Durante l'esame, vengono inseriti diversi aghi sottili nei muscoli per misurare i segnali elettrici; in questo modo, si può capire se c'è un danno muscolare ed escludere altre malattie.[11]
    • Prima dell'esame ti verrà somministrato un blando antidolorifico per tenere sotto controllo il disagio.
  6. 6
    Chiedi maggiori dettagli in merito allo studio della conduzione nervosa. Questo esame viene eseguito per stabilire l'attività del sistema nervoso e determinare se il paziente soffre o meno della sindrome del tunnel carpale.[12]
    • Vengono appoggiati due elettrodi sulla mano, sul polso e si invia un leggero segnale elettrico attraverso il nervo mediano, per capire se questo subisce un rallentamento nella zona del tunnel carpale.
    • Il risultato definisce il danno nervoso anche in termini quantitativi.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Prevenire la Sindrome del Tunnel Carpale

Come

Trattare la Sindrome del Tunnel Carpale

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Controllare se una Ferita è Infetta

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi

Come

Migliorare la Postura

Come

Controllare i Linfonodi

Come

Curare l'Infezione di un'Unghia Incarnita

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea

Come

Alleviare il Dolore delle Unghie Incarnite del Piede

Come

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena

Come

Riconoscere i Sintomi dell'HIV
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Laura Marusinec, MD
Co-redatto da
Dottoressa in Medicina
Questo articolo è stato co-redatto da Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995. Questo articolo è stato visualizzato 12 740 volte
Questa pagina è stata letta 12 740 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità