Scarica PDF Scarica PDF

Il nervo vago, chiamato anche nervo pneumogastrico o nervo X del cranio, è il più complesso dei nervi cranici. Comunica ai muscoli dello stomaco di contrarsi quando mangi in modo da digerire il cibo. Quando non funziona, può favorire l'insorgere di una patologia chiamata gastroparesi, che comporta il rallentamento del processo digestivo.[1] Per sapere se il nervo vago è lesionato, fai attenzione ai sintomi della gastroparesi e consulta il medico. Potrebbe prescriverti degli esami diagnostici.

Parte 1 di 3:
Fare Attenzione ai Sintomi della Gastroparesi

  1. 1
    Nota se i movimenti intestinali sono più lenti. La gastroparesi impedisce al cibo di transitare regolarmente nell'apparato digerente. Se non vai frequentemente in bagno, potrebbe essere un sintomo.[2]
  2. 2
    Presta attenzione alla nausea e al vomito. Sono sintomi comuni della gastroparesi. Dal momento che lo stomaco non si svuota come dovrebbe, il cibo resta all'interno favorendo il senso di nausea. In effetti, in caso di vomito, noteresti che il materiale espulso non è stato affatto digerito.[3]
    • Questo sintomo potrebbe verificarsi quotidianamente.
  3. 3
    Nota il bruciore di stomaco. Anche il bruciore di stomaco è un sintomo comune di questa malattia. Comporta una sensazione di bruciore al petto e alla gola, causata dai succhi gastrici che tendono a risalire. Potresti avvertirlo regolarmente.[4]
  4. 4
    Controlla se sei inappetente. La gastroparesi può inibire l'appetito perché quello che assumi non viene digerito correttamente. Ne consegue che il cibo nuovo non ha spazio sufficiente, quindi non hai fame. In effetti, potresti sentirti sazio dopo pochi bocconi.[5]
  5. 5
    Considera se stai perdendo peso. Dal momento che non desideri mangiare, potresti dimagrire. Inoltre, poiché lo stomaco non elabora il cibo come dovrebbe, non assimili i nutrienti necessari per alimentare il corpo e mantenere un peso sano.[6]
  6. 6
    Fai attenzione al dolore e gonfiore addominale. Poiché il cibo si ferma nello stomaco più di quanto dovrebbe, potresti accusare una sensazione di gonfiore. Allo stesso modo, la gastroparesi può anche favorire il mal di stomaco.[7]
  7. 7
    Tieni conto delle alterazioni glicemiche se soffri di diabete. La gastroparesi è comune nei soggetti diabetici di tipo 1 e di tipo 2. Se noti che i valori della glicemia sono più irregolari del solito quando effettui l'autocontrollo, potrebbero essere un sintomo di questo problema.[8]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Consultare il Medico

  1. 1
    Recati dal medico se noti una combinazione di sintomi. Dal momento che questa malattia può comportare gravi complicazioni, fatti visitare se manifesti i sintomi per più di una settimana. Potresti disidratarti o deperirti visto che l'organismo non assimila tramite la digestione quello di cui ha bisogno.[9]
  2. 2
    Elenca i sintomi. Prima di andare dal medico, ti conviene fare una lista del tuo corredo sintomatologico. Annota la tipologia e la durata affinché il medico abbia un'idea più chiara di quello che ti sta succedendo. Inoltre, in questo modo riuscirai a ricordare le informazioni necessarie quando sarai giunto al suo studio.[10]
  3. 3
    Considera di farti visitare e sottoporti agli esami diagnostici. Il medico ti farà delle domande sulle tue condizioni di salute e procederà alla visita vera e propria. Probabilmente ti palperà lo stomaco e userà lo stetoscopio per auscultare la zona addominale. Potrebbe anche prescriverti un'ecografia per capire la causa dei tuoi sintomi.
    • Non dimenticare di riferirgli tutti i tuoi fattori di rischio, tra cui il diabete e gli interventi di chirurgia addominale. Altri includono l'ipotiroidismo, infezioni, disturbi nervosi e la sclerodermia.[11]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Sottoporti agli Esami

  1. 1
    Preparati a un'endoscopia o una radiografia. È probabile che il medico ti prescriva questi esami per escludere un'ostruzione a carico dello stomaco. Questo fenomeno può causare sintomi simili alla gastroparesi.[12]
    • L'endoscopia è una tecnica diagnostica durante la quale si utilizza una minuscola videocamera montata su un tubo flessibile. Prima ti verrà somministrato un sedativo e probabilmente uno spray anestetico per la gola. Il tubo viene introdotto nella parte posteriore della gola fino all'esofago e nel tratto digestivo superiore. La videocamera permette di esplorare lo stomaco più di quanto non possa fare la radiografia.[13]
    • Potresti anche sottoporti a un esame analogo chiamato manometria esofagea per misurare le contrazioni dello stomaco. In questo caso, il tubo viene inserito nel naso e lasciato in posizione per 15 minuti.[14]
  2. 2
    Preparati a una scintigrafia di svuotamento gastrico. Se il medico non individua nessuna ostruzione tramite gli altri esami diagnostici, potrebbe prescriverti una scintigrafia. È un po' più interessante: devi mangiare qualcosa che ha una bassa dose di radiazioni (come un panino con le uova). Dopodiché verrà valutato quanto tempo impieghi per digerirlo con l'uso di un apparecchio che produce immagini delle strutture interne.[15]
    • In genere, ottieni una diagnosi di gastroparesi se metà del cibo è ancora nello stomaco dopo un'ora o un'ora e mezza.
  3. 3
    Sottoponiti a un'ecografia. Aiuterà il medico a rilevare se c'è qualche altro problema all'origine della tua sintomatologia. Attraverso questo esame è possibile analizzare la funzionalità dei reni e della cistifellea.[16]
  4. 4
    Preparati a un'elettrogastrografia. Il medico potrebbe indicarti questo esame se ha difficoltà a individuare l'origine dei sintomi. Sostanzialmente, permette di ascoltare lo stomaco per un'ora. Vengono posizionati degli elettrodi sull'addome. Dovrai stare a digiuno.[17]
    Pubblicità

Consigli

  • Per trattare questa patologia, si raccomanda ai pazienti di modificare lo stile di vita e seguire terapie farmacologiche. Probabilmente il medico ti prescriverà dei farmaci per stimolare i muscoli dello stomaco e un antiemetico per diminuire il disagio di nausea e vomito.
  • Nei casi più gravi, potrebbe essere necessaria la nutrizione artificiale. La sonda gastrica non è permanente, ma risulta necessaria solo quando la malattia peggiora. Non ne avrai bisogno quando ti sentirai meglio.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Curare un Nervo CompressoCurare un Nervo Compresso
Sapere se hai un Nervo CompressoSapere se hai un Nervo Compresso
Eliminare il Mal di TestaEliminare il Mal di Testa
Fermare gli Attacchi di PanicoFermare gli Attacchi di Panico
Riconoscere i Segni dell'AutismoRiconoscere i Segni dell'Autismo
Parlare con un Bambino AutisticoParlare con un Bambino Autistico
Curare la Paralisi di BellCurare la Paralisi di Bell
Diagnosticare la Sindrome della Cauda EquinaDiagnosticare la Sindrome della Cauda Equina
Liberarti Velocemente di un'EmicraniaLiberarti Velocemente di un'Emicrania
Simulare un Mal di TestaSimulare un Mal di Testa
Aiutare Qualcuno Che Ha una Crisi EpiletticaAiutare Qualcuno Che Ha una Crisi Epilettica
Calmare una Persona AutisticaCalmare una Persona Autistica
Definire la Sindrome da Deficit di Attenzione e IperattivitàDefinire la Sindrome da Deficit di Attenzione e Iperattività
Trattare l'Emicrania OftalmicaTrattare l'Emicrania Oftalmica
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Luba Lee, FNP-BC, MS
Co-redatto da:
Comitato di Revisione Medica
Questo articolo è stato co-redatto da Luba Lee, FNP-BC, MS. Luba Lee lavora come Infermiera di Famiglia Iscritta all’Albo in Tennessee. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Tennessee nel 2006. Questo articolo è stato visualizzato 6 721 volte
Questa pagina è stata letta 6 721 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità