Scarica PDF Scarica PDF

A volte è difficile esprimere il proprio pensiero senza risultare scortesi agli occhi delle persone. Ci vuole tempo e pratica, ma si può imparare a essere chiari, diretti e rispettosi quando si parla con gli altri. Occorre riflettere prima di parlare, esprimersi chiaramente, utilizzare adeguatamente il linguaggio del corpo e ascoltare bene l'interlocutore.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Dire Quello che Pensi

  1. 1
    Evita di comunicare nel modo scorretto. Ognuno ha un diverso modo di comunicare, ma alcuni stili di comunicazione ti impediscono di dire quello che pensi, credere in quello che dici e ti fanno sembrare maleducato.
    • Le persone passive hanno la tendenza a non parlare ed evitare il confronto. Cedono facilmente e hanno difficoltà a dire "no" per paura di risultare scortesi.[1]
    • Di solito, le persone aggressive sono sincere sul piano emotivo, ma esprimono la propria onestà in modo inappropriato. Reagiscono in maniera esagerata e, quando interagiscono con qualcuno, tendono a sminuirlo. Alzano la voce, accusano e non si predispongono ad ascoltare il parere degli altri.[2]
    • Le persone passivo-aggressive non sono chiare su quello che realmente vogliono, pensano e di cui hanno bisogno. Sono poco dirette, fanno promesse che non riescono a mantenere, mettono il muso e sono sarcastiche. Possono dare l'impressione di giudicare.[3]
  2. 2
    Esercitati a parlare di fronte a uno specchio. Pensa alle situazioni in cui solitamente hai difficoltà a dire come la pensi. Immagina che cosa vorresti dire a qualcuno. Concediti il tempo necessario per raccogliere i tuoi pensieri.
    • Scrivi quello che vuoi dire.
    • Ripetilo davanti a un amico di cui ti fidi.
    • Fai un gioco di ruolo con un professionista, ad esempio uno psicologo, in grado di darti un parere onesto e obiettivo.
  3. 3
    Parla in modo appropriato. "Vorrei...", "Ho l'impressione..." e "Ho bisogno di..." sono introduzioni che ti permettono di esternare quello che provi in modo chiaro e diretto, senza incolpare il tuo interlocutore. Sono utili soprattutto quando devi esprimere sentimenti negativi o tenere una conversazione difficile. Puoi utilizzare la seguente formula in quasi tutte le situazioni: "Quando fai […], mi sento/ho l'impressione di […] e ho bisogno di […]".[4]
    • Se vuoi risolvere un problema con un collega, prova a dirgli: "Quando lasci l'ufficio per pranzo e torni dopo tre ore, mi sento avvilito all'idea di dover terminare le ricerche del nostro progetto. Ho bisogno di passare più tempo con te per poterlo concludere".
    • Se vuoi esprimere una preoccupazione a un amico, prova a dirgli: "Quando annulli i nostri appuntamenti all'ultimo minuto, sono scontento e deluso. Mi servirebbe un po' più di preavviso quando cambi i nostri programmi".
  4. 4
    Utilizza un linguaggio del corpo adeguato. Se ti esprimi correttamente anche con il corpo, le tue intenzioni verranno recepite meglio dal tuo interlocutore. Dimostrando di avere un carattere assertivo, risulterai più sicuro di te. Inizia guardando dritto negli occhi chi ti sta di fronte.[5]
    • Mantieni il contatto visivo con l'altra persona. Non guardare in basso, non distogliere lo sguardo e non lanciare occhiatacce.
    • Stai dritto in piedi o siediti mantenendo la schiena dritta.
    • Evita di mettere le mani sui fianchi, stringere i pugni o puntare il dito contro l'altra persona.
    • Non agitarti.
    • Non alzare la voce, non gridare e non essere esitante.[6]
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Credere in Quello che Dici

  1. 1
    Pensa prima di parlare. Quando ti trovi in una situazione in cui devi esprimere la tua opinione o farti capire, fai qualche respiro profondo prima di intervenire. Esegui un rapido esame delle tue sensazioni, considera chi hai di fronte e valuta quello che devi dire. Chiediti che cosa vuoi ottenere e quale epilogo ti auguri di arrivare.
    • Se ti concentri troppo sul rapporto con l'altra persona, è probabile che il tuo messaggio non risulti chiaro e diretto come vorresti. Farcendolo con apprezzamenti inutili, rischi di indebolirlo anziché concentrarti chiaramente sulla questione che devi affrontare.[7]
  2. 2
    Abbi fiducia in te. Credi in te stesso e ricorda che la tua opinione è importante. I tuoi sentimenti contano quanto quelli di chiunque altro e hai tutto il diritto di esprimerli e dire come la pensi.[8]
    • Essere sicuri di sé non vuol dire avere la convinzione che le proprie opinioni siano quelle "giuste". Tieni presente che hai il diritto di esprimere quello che pensi, provi e in cui credi, come chiunque altro, compreso chi non è d'accordo con te.[9]
    • Non considerare un dialogo o una discussione come una "gara da vincere". Cerca di esprimere in modo chiaro il tuo parere e riconosci lo stesso diritto agli altri ascoltandoli. Non cercare di dominare le conversazioni e non essere prepotente, anche se sei molto legato alla tua visione delle cose.
  3. 3
    Impara a dire "no. Hai tutto il diritto di dire "no" quando una persona ti invita a fare qualcosa. Se accondiscendi sempre rischi di concederti troppo, farti carico di responsabilità più grandi di quelle che riusciresti effettivamente a gestire e ignorare i tuoi bisogni. Dire "no" non significa rifiutare qualcuno sul piano personale, bensì non soddisfare una sua richiesta – e non è un atteggiamento scortese.[10] Chiediti se la sua richiesta è ragionevole e, se necessario, ottieni prima maggiori informazioni.
    • Sii onesto e conciso. È assolutamente accettabile rispondere: "No, non posso farlo". Non chiedere scusa e non spiegare i motivi per cui ti rifiuti di accettare. Dicendo "sì" a qualcosa che non intendi fare, sarai solo destinato a provare nervosismo o risentimento.[11]
    • Tieni a mente che alcune persone potrebbero insistere se sentono un "no" come risposta. In questi casi è meglio essere fermi e continuare a rifiutarsi, invece di cedere.
  4. 4
    Evita di dire "no" in modo aggressivo (gridando o perdendo il controllo), altrimenti risulterai maleducato e inopportuno. Sii gentile ("Grazie per avermelo chiesto, ma...") e cordiale. Se hai difficoltà a manifestare il tuo rifiuto, puoi rispondere: "È veramente difficile per me, ma sono costretto a rifiutare".[12]
  5. 5
    Impara a capire le tue emozioni. Se devi esprimere quello che provi, non permettere alle emozioni di prendere il sopravvento su quello che dici e sul modo di comunicarlo. Il tuo interlocutore potrebbe sentirsi attaccato, mettersi sulla difensiva e farsi condizionare dal tuo stato d'animo, anziché concentrarsi sul tuo messaggio. Per poter essere convinto di quello che dici, non avere fretta e rifletti su quello di cui hai realmente bisogno.
    • Se sei arrabbiato e non vuoi nasconderlo, non c'è bisogno di perdere le staffe o urlare. Non permettere che la rabbia ti renda offensivo o aggressivo. Prova a fare qualche respiro profondo, e se non riesci a controllarti, allontanati dalla situazione. Ad esempio potresti dire: "Sono molto nervoso in questo momento. Ho bisogno di un minuto. Preferirei parlarne più tardi".
  6. 6
    Sii fermo. Quando parli ed esprimi le tue opinioni, non cambiare idea troppo spesso. Attieniti alle decisioni che hai preso e ai discorsi che fai, ma sii chiaro e sicuro fin dall'inizio. Non permettere che gli altri ti spingano a cambiare idea per le ragioni sbagliate, ma sii disposto ad ascoltarli.
    • Se sai di non avere tempo per preparare una torta per la festa di compleanno di tuo nipote, ma tua sorella insiste, non darle l'opportunità di farti sentire in colpa o manipolarti per ottenere quello che vuole. Trova un compromesso suggerendole in quale altro modo potresti aiutarla. Prova a dirle: "In questo momento non ho la possibilità, però se ordini la torta in pasticceria, sarò felice di andare a prenderla e venire alla festa oppure posso arrivare un'ora prima per aiutarti a organizzare la casa".
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Evitare di Essere Scortese

  1. 1
    Mettiti nei panni degli altri.[13] Aiuta gli altri e cerca di capire le loro esigenze, oltre a comunicare le tue. Dovresti comprendere il loro stato d'animo nel momento in cui ti chiedono qualcosa.
    • Se hai problemi con un coinquilino, cerca di guardare la situazione dal suo punto di vista. Potresti dirgli: "So che sei stanco quando torni a casa dal lavoro e che vorresti solo leggere. Anche io adoro rilassarmi, ma ho bisogno che tu mi dia una mano nella pulizia dell'appartamento".[14]
  2. 2
    Ascolta attentamente. Presta attenzione alle parole del tuo interlocutore e ripeti o riepiloga quello che ha detto. In questo modo, gli dimostrerai che sei attento ad ascoltarlo e che non cerchi solo di esprimere il tuo pensiero.
    • Prova a dirgli: "Capisco quanto ti senta frustrato col lavoro e che hai solo voglia di rilassarti prima di aiutarmi a pulire".
  3. 3
    Riporta i fatti quando dai un'opinione. Evita di giudicare, insultare e lanciare attacchi personali.[15]
    • Per esempio, non dire al tuo coinquilino: "Sei uno scansafatiche! Non pulisci mai!".
  4. 4
    Non metterti sulla difensiva. Se qualcuno si rivolge a te in modo aggressivo, sarai sicuramente tentato di metterti sulla difensiva e rispondere impulsivamente, quindi prova ad aspettare prima di intervenire. Fai un respiro profondo. Cerca di calmare la situazione e alleviare la tensione, invece di farti trascinare in un litigio.[16]
    • Mentre fai un respiro, pensa alla tua prima reazione – ovvero a quello che vorresti dire o fare all'istante – e non assecondarla. Fai un altro respiro profondo. Probabilmente il tuo primo impulso è quello di difenderti, quando ti senti attaccato.[17]
    • Rifletti sulla reazione successiva, dopodiché fai un altro respiro senza assecondarla. Probabilmente penserai che, quando ti senti attaccato, dovresti reagire allo stesso modo. Neanche questa è la reazione giusta.[18]
    • Prova a trovare una soluzione o farti un'idea più chiara di quanto ti sta dicendo il tuo interlocutore. Ad esempio, potresti dirgli: "Spiegami meglio perché ti senti frustrato quando sei al lavoro".
    • Prova a usare "sì, e" invece di "sì, ma". In questo modo gli dimostrerai che lo stai ascoltando e che il tuo parere parte da una prospettiva positiva.
    • Se la discussione è sempre piuttosto tesa, prova a fermarti, contare fino a 10 e chiedere una pausa. Potresti dire: "Mi sento piuttosto sconvolto in questo momento. Credo sia meglio fare una pausa prima di dire qualcosa che non penso".
  5. 5
    Sii meno sarcastico. Il sarcasmo serve a stemperare il disagio o l'insicurezza durante una conversazione. Spesso chi lo usa viene considerato distaccato, scortese e demoralizzante. Per alimentare un clima di intesa e trasparenza nelle interazioni, cerca di non essere troppo caustico.[19]
  6. 6
    Non fare pettegolezzi. Parlare alle spalle degli altri, riportando qualcosa che ti dà fastidio, è un comportamento meschino e sleale. Se hai un problema con qualcuno e credi che valga la pena parlarne, affronta direttamente l'altra persona.[20]
    Pubblicità

Consigli

  • Rifletti prima. In questo modo eviterai di dire al tuo interlocutore quello che presupponi voglia sentirsi dire.
  • Non è semplice esprimere la propria opinione. Può essere un processo lungo e graduale. Sii paziente con te stesso e abituati lentamente.
  • Considera di chiedere aiuto a un amico fidato o a uno psicologo affinché ti guidi lungo questo processo.
Pubblicità

Avvertenze

  • Se le persone sono abituate al fatto che non esprimi mai la tua opinione, è probabile che le prime volte non ti risponderanno garbatamente. Abbi pazienza e continua a comunicare con loro in maniera diretta, chiara e onesta, pur mostrando comprensione e rispetto per le loro esigenze.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Fare Complimenti alle PersoneFare Complimenti alle Persone
Fare ConversazioneFare Conversazione
Riconoscere un Comportamento ManipolatorioRiconoscere un Comportamento Manipolatorio - Consigli dagli Esperti di wikiHow
Chiedere ScusaChiedere Scusa
Ignorare Le Persone Che Non Vuoi Più Avere IntornoIgnorare Le Persone Che Non Vuoi Più Avere Intorno
Confortare una RagazzaConfortare una Ragazza
Avere a Che Fare con Persone ImpossibiliAvere a Che Fare con Persone Impossibili
Dire a una Ragazza che Ti Piace Senza Essere RespintoDire a una Ragazza che Ti Piace Senza Essere Respinto
Capire se un Ragazzo ti Cerca solo per il SessoCapire se un Ragazzo ti Cerca solo per il Sesso
Comportarti quando Ti Senti EsclusoComportarti quando Ti Senti Escluso
Capire se un Ragazzo Non è Più Interessato a TeCapire se un Ragazzo Non è Più Interessato a Te
Scoprire Se la Tua Ragazza Ti TradisceScoprire Se la Tua Ragazza Ti Tradisce
Capire se l'Ex Tiene Ancora a TeCapire se l'Ex Tiene Ancora a Te
Capire se Alla Tua Ragazza Piace Qualcun AltroCapire se Alla Tua Ragazza Piace Qualcun Altro
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Trudi Griffin, LPC, MS
Co-redatto da:
Counselor Professionale Registrata
Questo articolo è stato co-redatto da Trudi Griffin, LPC, MS. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011. Questo articolo è stato visualizzato 6 844 volte
Questa pagina è stata letta 6 844 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità