Dopo il divorzio, tu e i tuoi figli dovete adattarvi alla vostra nuova vita, ma c'è un altro cambiamento che potreste dover affrontare: la presenza di un nuovo partner. Per un bambino, sapere che il proprio genitore sta uscendo di nuovo con qualcuno non è una novità facile da digerire. In questo articolo, abbiamo elencato i diversi modi in cui puoi comunicare a tuo figlio che stai frequentando una persona rispondendo al tempo stesso ai suoi dubbi e alle sue paure.

1
Usa parole adatte alla sua età.

  1. I bambini hanno bisogno di spiegazioni diverse a seconda dell'età. Se tuo figlio è molto piccolo e non comprende il concetto di "fidanzato" o di "uscire insieme a qualcuno", puoi semplicemente parlare del tuo nuovo "amico" (di solito, una spiegazione del genere funziona con tutti i bambini sotto i 10 anni). I ragazzi più grandi hanno un'idea più chiara di cosa siano gli appuntamenti e le relazioni, quindi si possono usare termini più realistici, come fidanzato o fidanzata.[1]
    • Per esempio, se tuo figlio ha 8 anni, puoi dire qualcosa come: "Il nuovo amico di mamma viene qui stasera".
    • Se ne ha 15, puoi dirgli direttamente che hai cominciato a vederti con qualcuno.
    • Anche nel caso in cui tuo figlio sia abbastanza grande da sapere che cosa significhi avere una relazione, inizialmente puoi comunque dire che si tratta di un amico per introdurre la notizia gradualmente. Sicuramente conosci tuo figlio meglio di chiunque altro, quindi usa i termini che ritieni più opportuni.
    Pubblicità

2
Apri la conversazione con una domanda.

  1. Prova a chiedergli qualcosa del tipo: "Come ti sentiresti se ricominciassi a uscire con qualcuno?". In tal modo gli darai la possibilità di parlare e di farti sapere da subito che cosa ne pensa. Preparati ad affrontare emozioni intense: potrebbe sentirsi arrabbiato, triste, confuso o geloso. Iniziando la conversazione in questo modo, potrai avere sin da subito un'idea chiara di che cosa prova al riguardo.[2]

3
Spiega che il tuo nuovo partner non è un sostituto.

  1. Il tuo ex rimarrà sempre e comunque il suo vero genitore. Per alcuni bambini è difficile non vedere il partner di uno dei genitori come una sorta di "nuovo" genitore. Ricordagli che tu e il tuo ex continuerete a essere i suoi due genitori a prescindere da tutto, e che la persona che stai frequentando non sostituirà mai il tuo ex nel suo ruolo.[3]
    • Se il bambino è piccolo, puoi dire qualcosa come: "So che può sembrare un po' strano, ma papà è ancora il tuo papà, ok? Il mio amico Riccardo può essere tuo amico, ma non deve essere tuo padre".
    • Se è un po' più grande, puoi dire: "Anche se io e Jessica stiamo insieme, non devi chiamarla 'mamma'. Tua madre è sempre tua madre e Jessica non la sostituirà".
    Pubblicità

4
Chiedigli come si sente.

  1. È molto importante che tu e tuo figlio comunichiate apertamente. Quando hai finito di parlare, dagli modo di esprimere liberamente tutto ciò che lo turba. Puoi anche chiedergli come si sente, ma preparati a ricevere reazioni negative, come tristezza, rabbia e gelosia.[4]
    • Prova a fargli una domanda del tipo: "Come ti fa sentire questa cosa?"; oppure: "A che cosa pensi?".

5
Tranquillizzalo se ti sembra spaventato o preoccupato.

  1. Cerca di rassicurarlo dopo che avete parlato. È probabile che stia provando diverse emozioni; se è abbastanza grande da esprimerle, potresti dover placare le sue eventuali paure. Fagli capire che rimane la tua priorità assoluta e che verrà sempre prima di chiunque tu stia frequentando.[5]
    • Per esempio, un bambino piccolo potrebbe chiedere qualcosa come: "Il tuo nuovo amico verrà a vivere con noi?". In tal caso potresti rispondere: "No! Almeno non per un bel po', forse mai. Ma anche se venisse a vivere qui, saremmo sempre prima di tutto io e te ".
    • Per quanto sia un'ottima cosa ascoltare tuo figlio e cercare di capire il suo punto di vista, non puoi permettergli di dettare la tua vita sentimentale. Ascolta le sue preoccupazioni, ma non smettere di frequentare il tuo nuovo partner solo perché tuo figlio non ne è entusiasta.
    Pubblicità

7
Chiedigli spesso come sta.

  1. Continua a comunicare con tuo figlio per scoprire se ci sono altre cose che lo preoccupano. Se è molto piccolo, prova a chiedergli come sta più o meno una volta alla settimana. È ancora più importante farlo se gli hai già presentato il tuo partner: nel caso abbia altre domande o altri timori, ascoltalo e cerca di rassicurarlo.[7]
    • Per esempio, puoi chiedergli: "Come ti senti ora che hai conosciuto Nadia?"; oppure: "Hai altri pensieri sulla nostra chiacchierata dell'altro giorno?".
    Pubblicità

9
Presentagli solo partner con cui hai un rapporto serio.

  1. È difficile per un bambino conoscerne più di uno in un breve lasso di tempo. Dovresti iniziare a pensare di presentare qualcuno a tuo figlio solo se ci esci già da un po' e la cosa sta diventando piuttosto seria. In questo modo, se tuo figlio dovesse affezionarsi, ci sarebbe una probabilità molto più alta che il tuo partner rimanga nei paraggi a lungo.[9]
    • Inoltre, se tuo figlio è piccolo, incontrare nuovi partner in rapida successione può confonderlo parecchio.
    Pubblicità

10
Elenca le qualità positive del tuo partner.

  1. Può aiutarti a far partire la conoscenza tra il tuo partner e tuo figlio con il piede giusto. Se hai una relazione seria e stai pensando di organizzare un incontro con tuo figlio, prova a elencare tutte le cose che ti piacciono del tuo partner. Se tuo figlio vede quanto sei felice e capisce quanto ti piace questa persona, potrebbe essere più disponibile a incontrarla.[10]
    • Nel caso di un bambino piccolo, puoi dire: "Federico è molto simpatico e conosce molti trucchi di magia! Inoltre, ama gli animali, proprio come te".
    • Oppure, con un ragazzo più grande: "Anna è la persona più dolce che conosca. È molto divertente, e penso che voi due andreste d'accordo".

11
Falli conoscere a piccole dosi.

  1. Porta tutti a mangiare fuori o a fare un'attività fuori casa. Devi dare a tuo figlio e al tuo partner il tempo di abituarsi l'uno all'altro, quindi non affrettare le cose. Inizia con uscite brevi, come una cena al ristorante, quindi passa gradualmente a gite più lunghe, come un fine settimana insieme.[11]
    • L'elemento chiave è dare a tuo figlio abbastanza tempo per adattarsi. Se affretti troppo le cose o lo forzi ad avere un rapporto con il tuo nuovo partner, c'è il rischio che sviluppi del risentimento nei tuoi confronti.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Insegnare a un Bambino a GattonareInsegnare a un Bambino a Gattonare
Far Rompere le AcqueFar Rompere le Acque
Riconoscere i Segni di un Aborto SpontaneoRiconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Mettere Incinta la tua RagazzaMettere Incinta la tua Ragazza
Far Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy HoggFar Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy Hogg
Riconoscere la Posizione del Bambino nell'UteroRiconoscere la Posizione del Bambino nell'Utero
Fingere una GravidanzaFingere una Gravidanza
Tenere un NeonatoTenere un Neonato
Girare un Bambino PodalicoGirare un Bambino Podalico
Bloccare la Produzione di Latte MaternoBloccare la Produzione di Latte Materno
Gestire un Bambino che Non Vuole Andare a ScuolaGestire un Bambino che Non Vuole Andare a Scuola
Aumentare le Possibilità di Concepire un MaschiettoAumentare le Possibilità di Concepire un Maschietto
Fare in modo che un Neonato faccia il RuttinoFare in modo che un Neonato faccia il Ruttino
Cambiare un PannolinoCambiare un Pannolino
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jade Giffin, MA, LCAT, ATR-BC
Co-redatto da:
Arteterapeuta
Questo articolo è stato co-redatto da Jade Giffin, MA, LCAT, ATR-BC. Jade Giffin è un’arteterapeuta che vive a New York. Ha oltre 10 anni di esperienza in trattamento di traumi e dolori, sfide comportate da pre e post-partum, complicazioni associate alla genitorialità, gestione di ansia e stress, cura di sé, difficoltà a livello sociale, emozionale e di apprendimento per adulti, adolescenti e bambini. Ha conseguito una laurea di primo livello in Psicologia e Arti Visive al Barnard College e si è specializzata in arteterapia alla New York University, laureandosi con lode. Ha ottenuto il riconoscimento "Hughes Fellow" e, grazie al suo lavoro eccezionale, ha vinto il premio Lehman. Svolge diversi ruoli, fra cui supervisore clinico, sviluppatrice di programmi terapeutici, ricercatrice e presentatrice.
Categorie: Genitori
Questa pagina è stata letta 365 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità