Scarica PDF Scarica PDF

Imparare a distinguere il sesso dei pettirossi può essere piuttosto complicato, ma le differenze nell'aspetto e nel comportamento possono aiutarti. Una volta capito cosa osservare, puoi riconoscere facilmente l'esemplare maschio dalla femmina.

Metodo 1 di 3:
Pettirosso Americano

  1. 1
    Osserva il piumaggio. Il petto del maschio è di un rosso ruggine intenso, l'opposto di quello della femmina che è invece più chiaro, con delle tonalità più rossastre-arancioni.[1]
    • Anche le piume delle ali e della coda sono differenti; quelle del maschio tendono a essere nere molto scure mentre la femmina ha in genere un piumaggio dal colore più simile al carbone.
    • Inoltre, nelle uccelline si nota un minore contrasto tra le piume della testa e della schiena (che appaiono in genere di un colore nero-grigiastro) rispetto ai maschi.[2]
  2. 2
    Individua quale uccello costruisce il nido. È soprattutto la femmina che si occupa di questo incarico; il maschio si impegna solo occasionalmente.[3] Se vedi un pettirosso che si sta cimentando nella costruzione del nido, è più probabile che si tratti di una femmina.
  3. 3
    Osserva il comportamento con i pulcini. Il maschio se ne prende cura durante le notti del loro primo anno, mentre le femmine dedicano questo tempo per covare la seconda nidiata, ma tornano durante il giorno per nutrire e prendersi cura degli uccellini.[4]
  4. 4
    Presta attenzione al comportamento nell'accoppiamento. I maschi inseguono le femmine e possono impegnarsi in combattimenti con altri esemplari per tenerli lontani dal proprio spazio di nidificazione. Inoltre, cantano spesso per attirare le femmine, sebbene siano entrambi in grado di vocalizzare.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Pettirosso Australiano (Scarlatto)

  1. 1
    Cerca le differenze dei colori.[5] Le differenze di piumaggio tra i due sessi sono molto più marcate rispetto ai pettirossi europei o americani. Il maschio è di colore nero con il petto di un evidente color rosso brillante e una macchia bianca sopra il becco (macchia frontale). Le femmine sono invece marroni, con il petto più tendente a un rosso-arancio ruggine e la parte sottostante bianca.
  2. 2
    Presta attenzione al comportamento nel nido. Le femmine si siedono sulle uova per covarle; i maschi forniscono invece il cibo alla propria compagna.[6] Questa suddivisione dei compiti permette di tenere le uova sempre al caldo e al sicuro finché non iniziano a schiudersi.
  3. 3
    Esamina come si sviluppa e si stabilizza il nido. La femmina costruisce quello per la coppia usando muschio, ragnatele e fibre animali; il maschio impedisce ad altri uccelli di avvicinarsi alla zona vocalizzando e osservando da un ramo vicino. [7]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Pettirosso Europeo

  1. 1
    Segui gli schemi migratori. Durante l'estate la femmina si sposta in un nido nel territorio di nidificazione adiacente, mentre il maschio resta nel suo per tutto l'anno.[8]
  2. 2
    Presta attenzione al comportamento per l'accoppiamento. Il maschio porta il cibo alla femmina - semi, vermi o bacche - per rafforzare il legame tra loro; la femmina canta rumorosamente e batte le ali per comunicare che apprezza il regalo.
  3. 3
    Prendi nota del comportamento con i pulcini. Una volta che la femmina ha deposto le uova, rimane nel nido per due settimane, durante le quali il maschio porta il cibo a lei e ai nidiacei.
    • Se vedi due pettirossi in un nido insieme ai piccoli e uno vola via per procacciare il cibo, è molto probabile che quello che rimane sia la femmina.[9]
  4. 4
    Esamina il petto. È molto difficile riconoscere i due sessi osservando solo il piumaggio;[10] [11] tuttavia, ci sono alcune piccole differenze che puoi notare negli esemplari più anziani.
    • Durante il secondo anno di vita il ciuffo grigio attorno al petto rosso del maschio continua ad allargarsi e il torace tende a essere più grande di quello della femmina.[12]
    • Sebbene il ciuffo attorno al petto della femmina non aumenti molto con l'invecchiamento, con il passare degli anni il torace continua in realtà a svilupparsi.
    • Tieni presente che l'età è un fattore importante quando vuoi sfruttare le caratteristiche del petto per definire il sesso di questo esemplare di pettirosso.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non disturbare il nido o le uova dei pettirossi, sono animali molto territoriali.
  • Esistono alcune varietà tra le famiglie dei pettirossi e le sottospecie. Per esempio, sebbene la maggior parte delle caratteristiche descritte finora che riguardano il pettirosso scarlatto si riferisca in genere a quello che viene chiamato "pettirosso rosso" (red robin) in tutta l'Australasia, in realtà esistono 45 specie distinte in tutto il continente. Assicurati di sapere quale stai osservando prima di cercare di individuarne il sesso.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Binocolo

wikiHow Correlati

Addestrare la tua CocoritaAddestrare la tua Cocorita
Distinguere il Sesso nelle CalopsitiDistinguere il Sesso nelle Calopsiti
Capire i Comportamenti delle CalopsiteCapire i Comportamenti delle Calopsite
Capire se Piaci al Tuo ParrocchettoCapire se Piaci al Tuo Parrocchetto
Definire il Sesso di un Pappagallino InseparabileDefinire il Sesso di un Pappagallino Inseparabile
Far Riprodurre le CalopsitteFar Riprodurre le Calopsitte
Prendersi Cura degli AnatroccoliPrendersi Cura degli Anatroccoli
Distinguere un'Anatra Maschio da una FemminaDistinguere un'Anatra Maschio da una Femmina
Prendersi Cura di una CocoritaPrendersi Cura di una Cocorita
Capire se un Uovo di Uccello non è FecondatoCapire se un Uovo di Uccello non è Fecondato
Far Riprodurre le CocoriteFar Riprodurre le Cocorite
Allevare CanariniAllevare Canarini
Nutrire un UccellinoNutrire un Uccellino
Capire se il Tuo Uccellino ha gli AcariCapire se il Tuo Uccellino ha gli Acari
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria del Royal College of Veterinary Surgeons
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali. Questo articolo è stato visualizzato 22 657 volte
Categorie: Uccelli
Questa pagina è stata letta 22 657 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità