Come Diventare Presidente (degli Stati Uniti)

4 Parti:Soddisfare i Requisiti di EleggibilitàDiventare un Candidato per la PresidenzaEssere Eletto PresidenteEntrare nella Casa Bianca

Per diventare presidente degli Stati Uniti, un candidato deve soddisfare alcuni requisiti di ammissibilità e poi entrare nella competizione presidenziale. Al giorno d’oggi le competizioni presidenziali non richiedono l'appoggio di un partito politico, se non per l’aiuto in termini di organizzazione e di raccolta fondi. Diventa presidente assicurandoti di soddisfare i requisiti, dichiarando la tua candidatura, selezionando un candidato alla vicepresidenza, ed entrando in corsa per la carica più alta degli Stati Uniti.

Parte 1
Soddisfare i Requisiti di Eleggibilità

  1. 1
    Dimostra di essere un cittadino nato fisicamente negli Stati Uniti. Questo è un obbligo costituzionale. Se al momento sei un cittadino, ma sei nato in un altro paese, non sei eleggibile per diventare presidente.
    • Dovresti dimostrare di essere il più "Americano" possibile. Se cresciuto in una casetta di legno giocando a baseball e mangiando apple pie? Hai delle foto in cui ti travesti da Benjamin Franklin e Thomas Jefferson per Halloween? Ottimo.
  2. 2
    Compi 35 anni. La Costituzione vieta a chi non ha ancora 35 anni di diventare presidente.
    • L'età media di chi diventa presidente per la prima volta è 55 anni. Se sei curioso, il presidente medio è anche sposato, ha dei figli, non ha la barba ed è probabilmente nato in Virginia.[1]
  3. 3
    Vivi negli Stati Uniti per almeno 14 anni consecutivi, prima di correre per la presidenza. Questo requisito di residenza si trova all'articolo II della Costituzione, con gli altri due requisiti di eleggibilità.
    • E durante la tua residenza, non prendere parte ad alcun atto di ribellione contro lo stato (se non hai l'appoggio di almeno 2/3 del Congresso). E cerca di non rischiare l'impeachment da parte del Senato. Quattordicesimo Emendamento e articolo I della Constitution.[2][3]
  4. 4
    Cura la tua educazione. Anche se non esistono requisiti accademici o esperienze necessarie, quasi tutti i presidenti sono laureati e hanno studiato giurisprudenza o economia prima di entrare in politica. Ti saranno molto utili corsi di storia, sociologia, legge, economica e relazioni internazionali.
    • Quando frequenti l'università, è una buona idea offrirti volontario per campagne politiche (per capire come funzionano) e per aiutare la comunità. Essere attivo, coinvolto e riconosciuto dalla comunità (in qualità di leader) è qualcosa a cui dovresti aspirare il prima possibile.
    • 31 presidenti hanno qualche tipo di esperienza militare, ma questo numero è inflazionato dai presidenti del passato — non si tratta di una caratteristica comune come una volta.[4] Perciò, anche se entrare a far parte dell'esercito è una possibilità, non è necessario.
  5. 5
    Cerca una carriera legata alla politica. Anche se non è obbligatorio, gli aspiranti presidenti entrano nell'arena politica in scala molto minore. Perciò diventa coinvolto nella tua comunità! Candidati a sindaco, governatore o senatore, o qualche altra carica a livello statale. Ti sarà utile far conoscere il tuo nome.
    • Non devi seguire questo percorso. Potresti anche decidere di intraprendere una carriera di organizzatore della comunità, avvocato o attivista. Far conoscere il tuo nome, conoscere persone e farti conoscere è semplicemente il modo più facile per entrare alla Casa Bianca.
    • Prima sceglierai un partito politico, meglio sarà. Avrai precedenti politici consistenti, inizierai a conoscere persone che vale la pena conoscere e potrai sviluppare sin dall'inizio la tua reputazione. Sarà molto più facile ottenere i fondi in 15 anni quando ne avrai disperatamente bisogno!

Parte 2
Diventare un Candidato per la Presidenza

  1. 1
    Parla familiari e sostenitori. Diventare presidente include una campagna estenuante in cui ogni momento della tua vita personale e professionale è diviso tra i media e i tuoi concorrenti. Avrai bisogno di supporto. Sarà molto dura per te, e per la tua famiglia. Durante la campagna non farai altro che spostarti da una città all'altra e avrai pochissimo tempo per moglie e figli. Ne vale la pena?
  2. 2
    Forma un comitato esplorativo. Questa commissione può "sondare le acque" o determinare quali sono le tue probabilità di successo. Si tratta del primo passo per iniziare la corsa alla presidenza. Nomina un direttore della campagna che organizzi questo comitato per te. Questa figura dovrebbe essere coperta da una persona che conosci e di cui ti fidi, che abbia esperienza con politica, raccolti fondi e campagne.
    • Utilizza il tuo comitato esplorativo per valutare il livello di visibilità pubblico (ovvero le probabilità di successo) e per sviluppare strategie, temi e slogan per la tua campagna. Il comitato dovrebbe anche reclutare potenziali donatori, sostenitori, staff e volontari e scrivere discorsi e saggi politici. Se tutto andrà bene, inizieranno l'organizzazione negli stati chiave (Iowa, New Hampshire, ecc.)[5]
  3. 3
    Registrati alla Federal Election Commission (FEC). Quando inizi a ricevere donazioni o spendi una cifra superiore ai $ 5.000, devi registrarti. Anche se questo non significa che sei ufficialmente un candidato, la FEC presumerà che tu lo sia. Non spenderesti cifre simili in caso contrario.
    • Presenta una Dichiarazione di Candidatura entro 15 giorni dal raggiungimento della soglia di 5.000 dollari. Dopo aver presentato la dichiarazione, hai 10 giorni di tempo per presentare una Dichiarazione di Organizzazione.
    • Presenta una relazione sul reddito e le spese della campagna elettorale alla FEC su base trimestrale. Per informazione, la campagna di Obama nel 2008 è costata 730 milioni di dollari.[6]
  4. 4
    Dichiara pubblicamente la tua candidatura. Questa è un’opportunità per organizzare un raduno per i sostenitori e gli elettori. La maggior parte dei candidati presidenziali organizza un raduno nella propria città natale o in qualche altro luogo significativo. Perciò tira fuori le magliette, le spille e gli adesivi. È l'ora della campagna!

Parte 3
Essere Eletto Presidente

  1. 1
    Raccogli i fondi. Le campagne presidenziali sono costose. Secondo il rapporto finale del ministero delle finanze federale, i costi delle campagne delle elezioni presidenziali del 2012 sono assommati a circa 2 MILIARDI di dollari.[7] Se perciò puoi raccogliere circa la metà di quella cifra sei a cavallo.
    • Diversifica le strategie di raccolta fondi. Puoi contare su un partito politico se sei il candidato prescelto di quel partito. Se devi affrontare gli altri membri del partito nelle primarie o non appartieni a un partito importante (l'enormità della cifra è il motivo che spinge gli aspiranti presidenti a entrare in uno dei due partiti maggiori), avrai bisogno di raccogliere fondi da altre fonti.
    • Raccogli i fondi dai grandi donatori, ma anche dai piccoli. Nel 2012, i candidati alla presidenza frequentarono eventi che costarono ai donatori 1000 dollari a biglietto e fecero appello a donazioni di $ 3 online.
  2. 2
    Fai appello all'americano medio. Per diventare presidente, è necessario stringere mani, baciare i bambini, partecipare a eventi nelle piccole città e visitare fabbriche, veterani, chiese, fattorie e aziende. Dovrai mettere via i gemelli di diamanti e indossare pantaloni khaki.
    • Al Gore disse che aveva inventato internet. John Edwards aveva un amante. Mitt Romney disse che metà degli elettori americani non pagano le tasse.[8] Queste sono tre cose che agli americani non piacciono. Dovunque ti trovi — anche se non pensi di essere registrato — comportati sempre in modo esemplare. Il pubblico non dimentica facilmente certe cose.
  3. 3
    Vinci le elezioni primarie, il comitato elettorale e i delegati. Ogni Stato ha un modo diverso di scegliere un presidente. Potrebbe essere necessario vincere un comitato elettorale, un’elezione primaria o la maggioranza dei delegati in uno Stato. Vincere queste fasi preliminari ti garantisce dei grandi elettori che voteranno per il tuo ingresso alla Casa Bianca.
    • Ogni stato ha leggi diverse, e lo sono anche i partiti stessi. I democratici hanno "delegati giurati" e "super delegati"; i repubblicani hanno delegati "giurati" e "non giurati". Alcuni stati prevedono un sistema che offre tutti i voti al vincitore, mentre altri ti conferiscono una percentuale di delegati che rispecchia la percentuale di voti ottenuta.[5]
  4. 4
    Partecipa alla convention del tuo partito. Una volta che emergi come il candidato più forte nel tuo partito politico, si terrà un convegno in cui tutti i delegati s'impegneranno a dare il loro sostegno per la tua candidatura. In passato era a queste convention che i delegati votavano, ma ora i media forniscono in anticipo le informazioni sulla vittoria elettorale, perciò si tratta di eventi più simbolici. Ad ogni modo, è una festa in tuo onore.
    • Si tratta dell'unico giorno in cui i partiti preferiscono concentrarti su quanto sono meravigliosi invece di quanto terribili siano gli altri. Perciò goditi questo breve momento di positività!
    • Sarà questa l'occasione in cui dichiarerai il tuo candidato a vicepresidente. Si tratta di un passo molto importante — se gli elettori non approveranno la tua scelta, potresti perdere voti. Perciò pensaci bene!
  5. 5
    Concorri nelle elezioni generali. Questo è un campo ristretto che spesso contrappone due principali candidati l’uno contro l'altro, uno del Partito Democratico e l’altro del Partito Repubblicano. Qui si fa sul serio.
    • Entra in gara come un terzo partito se non hai l'appoggio di un partito maggiore, ma vuoi ancora essere presidente. Altri partiti che sostengono candidati alla presidenza sono il partito dei Verdi, il partito della Legge Naturale e il partito Liberale. Alcuni candidati alla presidenza inoltre possono correre come indipendenti.
  6. 6
    Impegnati al massimo nella campagna elettorale. Volerai da San Francisco a Chicago a New York City in un giorno. Sarai esausto e sarai spinto solo da adrenalina e forza di volontà. Dovrai stringere mani, sorridere e pronunciare discorsi come un robot instancabile. E magari lo sei!
    • La campagna è solitamente divisa in tre parti: radici, a terra e in aria. La parte delle radici l'hai già superata — hai creato fondamenta stabili; ora ti stai occupando della parte a terra — stai praticamente correndo da una costa all'altra; poi andrai in aria (in onda) — la tua presenza sui media dovrà essere costante.

Parte 4
Entrare nella Casa Bianca

  1. 1
    Rimani fedele alle tue idee e promesse e non scendere a compromessi. Sei arrivato lontano. Ora ti basterà essere te stesso, essere carismatico, assicurarti che chi scrive i dialoghi per te faccia un ottimo lavoro ed evitare gli scandali e i passi falsi. Fai sapere in cosa credi e cosa vuoi fare per il paese. Poi mantieni la tua parola. Cerca di mantenere la tua immagine il più consistente e pulita possibile.
    • Non solo le tue parole rimbalzeranno ovunque, ma così anche la tua immagine — pubblicità a cui hai dato sostegno, video di YouTube, foto del passato, ecc. Qualunque cosa sia detta per infangare il tuo nome, non dovrai cedere.
  2. 2
    Domina i dibattiti. Non ti basterà conoscere le tue idee, ma dovrai sapere alla perfezione anche quelle del tuo avversario. Dovrai parlare in modo da convincere il grande pubblico, gonfiando la tua campagna e indebolendo quella dei concorrenti. Dovrai imparare a padroneggiare anche l'uso del linguaggio del corpo e del tono. Hai seguito dei corsi di oratoria all'università, vero?
    • Quando JFK fissava la telecamera con la sua presenza giovane e abbronzata, il sudato e malaticcio Nixon non aveva alcuna possibilità di vittoria. Il carisma ti farà guadagnare moltissimi voti. Se sei arrivato così lontano, probabilmente sei piuttosto abituato alle luci della ribalta e alla pressione costante. Se la pressione però è tale da piegarti, ricorda la regola più importante: non darlo mai a vedere.
  3. 3
    Vinci l'elezione presidenziale. Dovrai fare di più che vincere il voto popolare, che è il conteggio di tutti i voti a tuo favore. Avrai anche bisogno di vincere il collegio elettorale. 270 voti e ce l'avrai fatta! Quando sono conteggiati i voti, il primo martedì dopo il primo lunedì di Novembre, cerca di non mangiarti le unghie e non strapparti i capelli. Potrai dormire a elezione finita.
    • Ogni stato ha un certo numero di elettori, in conformità a dimensione e popolazione. Per diventare presidente, dovrai ottenere più voti elettorali dell'altro. In caso di pareggio, la Casa dei Rappresentati deciderà l'elezione.[5]
  4. 4
    Sarai nominato presidente il 20 Gennaio. Evviva! Tutto l'impegno, il denaro, i viaggi e lo stress — sono finiti! Finché non dovrai iniziare a risolvere i problemi del mondo. Avrai un paio di mesi per recuperare, poi l'Ufficio Ovale sarà tuo. Come deciderai di arredarlo?!
    • Quando sarai diventato presidente, ricorda che nessuno vuole un presidente che guarda al mondo secondo le sue opinioni, ma uno che esercita i cambiamenti voluti dai cittadini. Le persone comuni vedono i difetti nel paese e hanno idee semplici per cambiarli. Dai più potere ai cittadini!

Consigli

  • Stabilisci di essere un uomo politico all'inizio della tua carriera. Molti presidenti hanno lavorato nell’ambiente con l'incarico di governatori, senatori e rappresentanti del Congresso. Molti politici iniziano la strada verso la presidenza da governatori, senatori o rappresentanti del congresso.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Attivismo Sociale

In altre lingue:

English: Become President of the United States, Português: Tornar se Presidente, Deutsch: US Präsident werden, 中文: 成为美国总统, Français: devenir Président des États‑Unis, Español: ser presidente de los Estados Unidos, Русский: стать президентом, Nederlands: President van Amerika worden

Questa pagina è stata letta 12 582 volte.

Hai trovato utile questo articolo?