Come Diventare Uno Chef

Non farlo per il denaro perché, fatta eccezione per una manciata di ristoratori e chef celebri, i guadagni sono assolutamente nella media. Un aiuto chef di un piccolo ristorante può guadagnare fino a 9-10 $ all’ora negli Stati Uniti, mentre un capocuoco di un grande hotel può arrivare fino a 125.000$. Insomma, fallo solo perché ti piace cucinare.

Passaggi

  1. 1
    Chiedi di lavorare nella cucina dei tuoi sogni. Renditi conto se è davvero questa la vita che vuoi. Anche un’esperienza nei fast food andrebbe bene. La cosa più importante è cominciare a familiarizzare con condizioni, tecniche, attrezzatura, e cultura.
  2. 2
    Sperimenta le tue ricette a casa. Puoi cucinare tutto ciò che vuoi e se fai un pasticcio non importa.
  3. 3
    Sappi che esistono due categorie di capicuochi: quelli che insegnano e quelli che non insegnano. Quelli che insegnano sono disposti a condividere la loro conoscenza, esperienza e competenza con chiunque dei loro allievi voglia imparare e approfondire la materia. Quelli che non esigono invece la precisione assoluta hanno amore assoluto per il cibo. Se non lo ami spassionatamente, potrai diventare un cuoco (che va bene), ma non uno chef. Non tutti possono diventare chef. Bisogna avere passione per il cibo!
  4. 4
    Impara tutto del cibo che ti piace, ma soprattutto del cibo per cui la gente è disposta a pagare pur di mangiarlo. È bene che si conosca per esempio il cibo biologico, da allevamento all’aperto, il kosher, il Kobe. Se è la patisserie che ti interessa, sappi che un soufflé non è semplicemente un mucchio di aria calda.
  5. 5
    Acquisisci sicurezza con il coltello. Non è necessario saper disossare un pollo con la precisione di un chirurgo, ma almeno sapere che si comincia dalla coscia ti aiuterà parecchio sia nella vita che nella cucina. Sappi che le misure non contano perché a volte, un coltello ricurvo di 5 cm può disossare più velocemente di un coltello con una lama da 25 cm.
  6. 6
    Prova a lavorare nell’industria alimentare. In Europa, il colloquio di lavoro consiste in un giorno di prova (gratis) in un ristorante. In questo modo tu, ti rendi conto di quello che sanno fare loro e loro, di quello che sai fare tu. Se cucinerai bene, o se era semplicemente scritto da qualche parte che succedesse, sarai assunto. Gli studenti di solito imparano attraverso l’esperienza sul campo, e quando non pagati, dovrebbero limitarsi a spiegare le loro idee e concetti, senza lasciare troppo spazio alla creatività e al gusto personale. Tuttavia, anche se creatività e individualità avessero il loro spazio, è importante lavorare con qualcuno che sia disposto a sostenerti nel raggiungimento dei tuoi obiettivi. Una volta acquisita una serie di competenze, potrai andare a lavorare per un tiranno esigente (vedi Gordon Ramsey).
  7. 7
    Compra o prendi in prestito libri di cucina quali, per esempio, Kitchen confidential di Anthony Bourdain, The professional chef del Culinary Institute of America e Becoming a chef di Dorenburg e Page. The professional chef è un riferimento indispensabile da avere nella tua libreria.
  8. 8
    Sappi che hai diverse opzioni:
    • Frequentare una scuola di cucina. Siccome il grosso dell’arte culinaria deriva dalla tradizione francese, un corso pratico di base di cucina francese è un’opzione da prendere in considerazione.
    • Fare un tirocinio. Con l’aiuto della scuola o di un centro per l’impiego potresti trovare un lavoro retribuito in un ristorante. Scegli sempre i locali che mettono l’igiene (la vostra e la loro) in primo piano.

Consigli

  • Mangia fuori! Cucinare in un ristorante non è affatto come cucinare a casa. Inoltre ci sono tantissime informazioni e idee interessanti sui menu.
  • Devi avere un piano dettagliato su come intendi diventare uno chef.
  • Controlla se ci sono indirizzi culinari nei licei professionali della tua zona. Sempre più scuole propongono corsi serali per ottenere diplomi e persino lauree in gastronomia.
  • Sii gentile con tutti. Il lavapiatti e i clienti che incontri oggi, domani potrebbero aprire l’ultimissimo fusion restaurant del momento.
  • Leggi il capitolo dell’American Culinary Federation riguardante la tua zona.

Avvertenze

  • Fai del tuo meglio.
  • Scegli le persone giuste.
  • Tagliarsi è inevitabile. Sii prudente quando usi il coltello. È più facile tagliarsi quando si ha dimestichezza con il coltello perché si ha più fiducia in se stessi. Stai attento e accertati che questi taglietti sulla punta delle dita non ti costino un dito intero.
  • Scottarsi è inevitabile. Sii prudente. Parti sempre dal presupposto che in cucina tutto scotta. Tieni le orecchie ben aperte e assicurati che muovendoti per la cucina, chi è di spalle e non ti vede passare, si accorga della tua presenza.
  • Lavati sempre la mani. Anche se ti si dice di non farlo, tu fallo e basta
  • Lavorare in una cucina è dura, specialmente se non sei il capocuoco. All’inizio, preparati a essere sgridato di continuo.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Occupazione

In altre lingue:

English: Become a Chef, Español: ser chef, Português: Ser um Chefe de Cozinha, Français: devenir un chef cuisinier, Deutsch: Ein Koch werden, Nederlands: Chef‐kok worden, 中文: 做职业厨师, Русский: стать шеф поваром, Bahasa Indonesia: Menjadi Seorang "Chef", Čeština: Jak se stát šéfkuchařem, العربية: أن تصبح طاهيا

Questa pagina è stata letta 29 718 volte.

Hai trovato utile questo articolo?