Come Diventare il Pupillo della Maestra

Il pupillo della maestra è quello studente che viene di gran lunga preferito da un insegnante. Per diventarlo, servirà un po’ di lavoro, ma i risultati sono fenomenali: se sei il pupillo della maestra, è più probabile che l’insegnante accetti le tue scuse e avrai garantita la sua raccomandazione. A seconda della tua personalità, esserlo può rivelarsi molto difficile se non sai cosa bisogna fare; ad ogni modo, ricorda che non sempre è poi così importante e che può essere una cosa non molto carina!

Passaggi

  1. 1
    Abbigliamento. Vesti in maniera appropriata; ciò che vuoi è renderti presentabile. Lava e pettina i capelli, lavati i denti, fatti la doccia e usa il deodorante. Assicurati di essere vestito come si deve: cerca di indossare capi eleganti e professionali; truccati il meno possibile o preferibilmente per nulla. Una delle cose più importanti: non indossare pantaloncini calati o camicette che mettano in mostra l’ombelico; tu e i tuoi amici potreste pensare che sia figo, ma mostrare che ti stai impegnando nei confronti della scuola è molto meglio. Vestiti sempre a seconda del clima, mostra che vuoi sentirti al calduccio e che non vuoi ammalarti.
  2. 2
    Decidi di quale insegnante vorresti essere il “pupillo”. Sarà l’insegnante di educazione fisica, quello di educazione artistica o musica, quello che insegna la tua materia preferita … oppure tutti loro? Potresti volere iniziare da quello più cordiale, o da quello che insegna la materia che conosci meglio; se vuoi diventare il pupillo di più insegnanti, assicurati di riuscire a gestire gli sforzi extra che dovrai fare durante le loro lezioni. Conosci l’aula come il giardino di casa tua: presto imparerai molto lì dentro e diventerai un luminare, per cui potrebbe esserti d’aiuto sentirsi a casa anche nel posto in cui farai lezione.
  3. 3
    Sii sicuro di te fin dal primo giorno e fai domande intelligenti. A meno che un insegnante non stia parlando della propria vita personale, “Qual è la sua squadra preferita?” non sarà una domanda molto azzeccata. Gli insegnanti apprezzano i ragazzi che parlano con pacatezza.
  4. 4
    Vieni a scuola sempre preparato. Vorrai che tutti i compiti siano stati fatti, e con grande impegno; i progetti dovrebbero essere consegnati subito dopo essere stati assegnati; cerca di essere creativo in tutto ciò che fai. Potresti anche volere leggere gli argomenti della lezione successiva per conto tuo, in modo da essere già preparato e potervi partecipare attivamente e, così, sbalordire l’insegnante con la tua conoscenza della materia.
  5. 5
    Partecipa ai dibattiti in classe! Ogni tua risposta dimostra all’insegnante che stavi prestando attenzione e ogni domanda ben ponderata gli mostra che stai cercando di applicare i suoi insegnamenti alla vita reale. In una classe in cui tutti sembrano addormentati, alzare la mano mostra che hai a cuore ciò che stai facendo.
  6. 6
    Non parlare quando l’insegnante te lo proibisce! Questo consiglio è piuttosto semplice da seguire. Evita anche di ridere quando il buffone della classe ne dice una delle sue perché, in tal modo, gli dai manforte nell’interruzione della lezione.
  7. 7
    Fai sempre i compiti e, se possibile, fai di più chiedendo all’insegnante cosa tu potresti fare per migliorare la tua conoscenza della materia. Parlagli/le di quello che hai imparato e di quanto tu abbia apprezzato la lezione (lo ameranno), ma non troppo: gli insegnanti riescono a percepire il falso interesse.
    • Mostrati insoddisfatto dei voti non eccellenti: questo indicherà che vuoi il massimo. Se l’insegnante ti dice di accontentarti, non lagnarti; a fine lezione, saluta educatamente e vai via.
  8. 8
    Ogni volta che hai un compito in classe scritto, scegli con cura le parole. Non usare un linguaggio colloquiale; rendi la tua scrittura pregna di significato, cosicché l’insegnante, dopo una lunga notte di correzioni, non vedrà l’ora di leggere il tuo tema! Ma evita di scrivere troppo: la tua intenzione non è rendere la lunga notte di correzioni ancora più lunga, costringendo l’insegnante a leggere la tua versione de I Promessi Sposi.
  9. 9
    Sii gentile. Gli insegnanti non amano le persone che danno vita alle risse o che vi prendono parte. Cerca di stare alla larga dagli asini della classe. Sii di aiuto ogni volta che se ne presenta la possibilità, sia agli altri studenti che all’insegnante.
  10. 10
    Prendi buoni voti. Studia per ogni compito in classe. Quando ti vengono riconsegnati, chiedi all’insegnante come fare gli esercizi che hai sbagliato (magari in privato); non c’è bisogno di precisare che lo fai per migliorare la prossima volta: non c’è nessuna’altra ragione per cui potresti chiederlo e di certo non vorrai che ti venga appioppata l’etichetta di secchione/a.
  11. 11
    Cerca di conoscere la materia il meglio possibile. Chiedi all’insegnante se ci sono libri che potrebbe consigliarti.
  12. 12
    Offriti di distribuire il materiale in classe e di essere di aiuto per qualsiasi altro incarico.
  13. 13
    Nelle occasioni speciali, regala al tuo insegnante dei piccoli doni fatti con il cuore (biscotti, coccarde per”L’insegnante numero uno”, biglietti d’auguri, etc.). Apprezzerà la tua gentilezza.
  14. 14
    Chiacchiera con l’insegnante durante gli intervalli. Puoi discutere di ciò che vuoi – non limitarti alla scuola; gli insegnanti sono esseri umani. Scherza un pochino, ma non essere troppo avventato.
  15. 15
    Se senti qualcuno dei tuoi compagni di classe insultare l’insegnante, difendilo. Questo potrebbe avere occhi e orecchie ovunque. Inoltre, essere il pupillo della maestra è una relazione a doppio senso: funzionerà molto meglio se l’insegnante in questione è anche un tipo che ti va a genio.
  16. 16
    Salutalo quando lo vedi. Le persone amano essere notate.
  17. 17
    Dai più che puoi l’impressione di uno studente che lavora sodo. Fai delle domande aggiuntive che siano ponderate e, se sei un po’ timido, non temere di farlo dopo la scuola: “Oh, avevo dimenticato di chiederle …” è un ottimo preambolo. Potresti anche trascorrere del tempo libero nell’ufficio dell’insegnante, se la situazione lo consente.
  18. 18
    Ricorda sempre di salutare l’insegnante, sia quando arrivi che quando vai via. Prova ad aggiungere al saluto espressioni come “Grazie, le auguro una buona giornata!” oppure “In bocca al lupo per la lezione!”.
  19. 19
    Se l’insegnante ti ha punito e questo ti ha fatto incavolare, cerca di non perdere il controllo. Se, alla fine della lezione, il tuo insegnante è ancora adirato con te, un buon modo per farlo calmare è chiedere scusa prima di andare via, usando frasi come “Le chiedo scusa per ciò che ho fatto; cercherò di non farlo più. Arrivederla.”.



Consigli

  • Rispetta le regole scolastiche.
  • Fai sempre i compiti.
  • Aiuta i tuoi compagni di classe se non capiscono qualcosa; così facendo, sarai di grande aiuto all’insegnante.
  • Non avere a che fare con i “ragazzacci”.
  • Non chiedere mai l’età al tuo insegnante, è estremamente maleducato e irrispettoso, ma chiedi la data del compleanno in modo da potere preparare qualcosa per l’occasione.
  • Non parlare, non mangiare né bere in classe se non ne hai il permesso; rispetta sempre l’insegnante, non importa quanto severo questo sia.
  • Se vuoi impressionare un insegnante, non andare mai sopra le righe perché così capirà qual è il tuo scopo e questo non ti gioverà.
  • Fai dei complimenti – quando indossano un bel vestito, diglielo. Alcune insegnanti sono ossessionate dalle scarpe, per cui ad una di loro potresti chiedere se quelle che ha ai piedi sono nuove.
  • Molti insegnanti non possono accettare doni dagli studenti, ma la maggior parte di loro non dirà di no a caramelle o gomme da masticare. Offrile in maniera del tutto naturale.
  • Se si tratta del tuo insegnante di Italiano o di Inglese, chiedigli se può consigliarti un bel libro.

Avvertenze

  • Essere il pupillo della maestra può avere i suoi benefici, incluso il fatto che le tue scuse potrebbero essere accettate più facilmente. Ma non esagerare mai! Alla fine l’insegnante perderà l’ammirazione che nutre nei tuoi confronti e non sarai più il suo “pupillo”. Quando commetti un errore (come tutti gli esseri umani), chiedi scusa e spiega cosa è successo; fai che questo accada un numero limitato di volte.
  • Molti dei tuoi compagni di classe potrebbero vederti sotto una luce diversa per questo, perciò agisci in maniera naturale. Ad esempio, potresti essere il pupillo della maestra e molti studenti potrebbero fare commenti di cattivo gusto, dando a qualcuno del pervertito, etc. Potrebbe dipendere dalla scuola che frequenti e basta, ma in ogni caso non si è mai troppo prudenti.
  • E’ probabile che i tuoi compagni di classe si ingelosiscano e che cerchino di rovinare la tua reputazione! Fai attenzione a non rivelare i tuoi segreti!
  • Molti insegnanti non apprezzano né mostrano ammirazione verso gli studenti troppo diligenti; fai attenzione e cerca di moderare i tuoi sforzi per compiacerli. Questo genere di insegnanti può generalmente essere conquistato essendo molti bravi nella materia che insegnano.
  • Cercare di avere buoni voti guadagnandosi le simpatie di un insegnante, piuttosto che essendo effettivamente bravi in una materia, è un comportamento irresponsabile che raccoglie benefici soltanto a breve termine – alla fine, è meglio fare affidamento su sé stessi per ottenere buoni risultati, piuttosto che usare l’inclinazione dell’insegnante per raggiungerli ingiustamente.
  • Non cercare di guadagnarti le simpatie di un insegnante senza essere pronto a lavorare duro: nessun insegnante ti considererà mai il suo pupillo se non farai i compiti regolarmente. Diventare il pupillo della maestra non è un buon metodo per liberarsi dei compiti!

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Cose di Scuola

In altre lingue:

English: Become a Teacher's Pet, Español: convertirse en el favorito del profesor, Русский: стать любимчиком учителя, Português: Se Tornar o Aluno Favorito de um Professor, Deutsch: Lieblingsschüler eines Lehrers werden

Questa pagina è stata letta 4 523 volte.
Hai trovato utile questo articolo?