Sapere come eseguire entrambi i metodi di RCP (rianimazione cardiopolmonare) su un adulto potrebbe salvare una vita. Tuttavia, quello maggiormente consigliato è cambiato relativamente di recente, ed è importante conoscere la differenza con l'altro. Nel 2010, l'associazione dei cardiologi americani ha apportato dei cambiamenti radicali nella procedura di rianimazione cardio-polmonare per le vittime di arresto cardiaco, dopo che alcuni studi hanno dimostrato che la RCP con la sola compressione (senza respirazione bocca a bocca) è efficace quanto il metodo tradizionale.

Parte 1 di 5:
Controllare i Segni Vitali

  1. 1
    Controlla la situazione per la presenza di pericoli immediati. Assicurati di non rischiare la vita per eseguire la RCP. C'è un incendio? Questa persona giace sulla strada? Prendi tutte le misure necessarie per mettere in sicurezza te e la vittima[1] .
    • Se c'è qualcosa che potrebbe mettere in pericolo te o la persona incosciente, cerca un modo di rimediare. Apri una finestra, spegni i fornelli o spegni il fuoco se possibile.
    • Tuttavia, se non c'è niente che puoi fare per eliminare la causa di pericolo, sposta la vittima. Il miglior modo per farlo è di appoggiare una coperta o un cappotto sotto la sua schiena e trascinarla.
  2. 2
    Accertati del suo stato di coscienza. Batti con delicatezza le dita sulla sua spalla e chiedile "Stai bene?" con una voce chiara e forte. Se risponde, non ricorrere alla RCP. Pratica invece le misure di pronto soccorso di base per prevenire e curare lo shock; nel frattempo valuta se chiamare i servizi di emergenza.
    • Se la vittima non risponde, massaggia il suo sterno o dai un pizzicotto al lobo dell'orecchio per constatare la sua reazione. Se ancora non risponde, controlla la pulsazione sul collo, sotto il pollice o sul polso.
  3. 3
    Chiama i servizi di emergenza. Più persone trovi che si rendano disponibili per aiutarti, meglio è. Tuttavia, se non trovi nessuno, puoi farlo da solo. Manda qualcuno a chiamare un'ambulanza. Se sei da solo, chiama i soccorsi prima di cominciare.[2]
    • Per contattare i servizi di emergenza, chiama:
      118 in Italia
      000 in Australia
      112 dal telefono anche cellulare in Europa (incluso il Regno Unito)
      999 nel Regno Unito e Hong Kong
      102 in India
      1122 in Pakistan
      111 in Nuova Zelanda
      123 in Egitto
      911 nel Nord America
      120 in Cina
    • Comunica al centralino la tua posizione e informalo che praticherai la RCP. Se sei solo, inizia a eseguirla subito dopo avere concluso la telefonata. Se c'è un'altra persona con te, falla restare al telefono mentre esegui la RCP sulla vittima.
  4. 4
    Controlla la respirazione. Assicurati anche che le vie aeree non siano bloccate. Se la bocca è chiusa, premi con il pollice e l'indice sulle guance in fondo alle arcate dentali e poi guarda all'interno. Togli qualunque ostacolo visibile che si trova a portata di mano, ma non inserire le dita troppo in profondità. Metti l'orecchio vicino alla bocca e al naso della vittima e ascolta se c'è un leggero respiro. Se la vittima tossisce o respira normalmente, non eseguire la RCP.[3]
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Eseguire la RCP

  1. 1
    Metti la vittima sulla schiena. Assicurati che si trovi nella posizione più piatta possibile; in questo modo eviti qualunque rischio di infortunio durante la compressione del petto. Inclinale la testa indietro, appoggiando il palmo della mano sulla fronte e spingendo il mento verso l'alto.[4]
  2. 2
    Metti la base della mano sul suo sterno, 2 dita sopra il punto in cui si uniscono le costole inferiori, esattamente tra i capezzoli.
  3. 3
    Appoggia l'altra mano sopra la prima, con il palmo rivolto verso il basso, intreccia le dita con quelle della prima mano.
  4. 4
    Posiziona il tuo corpo direttamente sopra le mani, in modo che le braccia siano dritte e un po' rigide. Non flettere le braccia per spingere, ma cerca di bloccare i gomiti e usa la forza della parte superiore del corpo per le compressioni.[5]
  5. 5
    Esegui 30 compressioni del torace. Premi con entrambe le mani direttamente sullo sterno per eseguire una compressione che stimoli il battito cardiaco. Le compressioni toraciche sono fondamentali per correggere i battiti cardiaci anormali (fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare, battito accelerato anziché regolare).[6]
    • Dovresti premere verso il basso, circa 5 cm.[7]
    • Esegui le compressioni a un ritmo piuttosto sostenuto. Alcune agenzie raccomandano di praticarle al ritmo del ritornello della famosa canzone degli anni 70 "Stayin 'Alive", dei Bee Gees, o comunque a circa 100 colpi al minuto.[8]
  6. 6
    Dai alla vittima due respiri. Se sei stato addestrato per praticare la RCP e ti senti totalmente fiducioso, puoi comunque eseguire due ventilazioni di soccorso dopo 30 compressioni toraciche. Inclina la sua testa e rialza il mento. Chiudile in naso con le dita ed esegui la respirazione bocca-bocca per 1 secondo.[9]
    • Assicurati di soffiare lentamente, per permettere all'aria di entrare nei polmoni e non nello stomaco.
    • Se il respiro è entrato, dovresti notare un leggero innalzamento del torace. Ripeti la respirazione.[10]
    • In caso contrario, riposiziona la testa e prova di nuovo.
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Continuare la Rianimazione fino all'Arrivo dei Soccorsi

  1. 1
    Minimizza la pausa tra le compressioni quando cambia la persona che pratica il massaggio o quando ti prepari a uno shock con il defibrillatore.[11] Cerca di limitare le interruzioni a meno di 10 secondi.
  2. 2
    Assicurati che le vie aeree siano aperte. Metti la mano sulla fronte della vittima e due dita sul mento e inclina indietro la testa per aprirle le vie respiratorie.
  3. 3
    Ripeti il ciclo di 30 compressioni toraciche. Se stai praticando anche la respirazione, continua a eseguire trenta compressioni e due respirazioni; ripeti nuovamente 30 compressioni e altre 2 respirazioni. Continua finché qualcuno non ti sostituisce o finché non arrivano i soccorsi.[13]
    • Dovresti eseguire la RCP (5 cicli di compressioni e respirazione) prima di controllare nuovamente i segni vitali.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Usare un Defibrillatore

  1. 1
    Usa un defibrillatore esterno automatico. Se questo strumento è disponibile nelle vicinanze, usalo il prima possibile per far ripartire il battito cardiaco della vittima.
    • Assicurati che non ci siano pozzanghere o acqua nelle immediate vicinanze.[14]
  2. 2
    Accendi il defibrillatore. Dovrebbe esserci una voce automatizzata che ti dice che cosa fare.[15]
  3. 3
    Esponi completamente il torace della vittima. Togli ogni collana di metallo e reggiseno col ferretto. Verifica che non ci siano piercing o che la persona non sia portatrice di pacemaker o di defibrillatore cardiaco impiantato (dovrebbe avere un braccialetto che lo indica) per evitare di dare lo shock troppo vicino a queste zone.
    • Il petto della vittima deve essere completamente asciutto e la persona non deve giacere nell'acqua. Se il paziente è particolarmente peloso, dovresti raderlo, se possibile. Alcuni defibrillatori sono provvisti di un kit a questo proposito.
  4. 4
    Fissa gli elettrodi adesivi al petto della vittima. Segui le istruzioni della voce guida per l'esatta posizione. Mantieni gli elettrodi ad almeno 2,5 cm da ogni piercing metallico e dispositivo impiantato.
    • Assicurati che nessuno stia toccando la vittima mentre rilasci lo shock elettrico.
  5. 5
    Premi il tasto "ANALISI" presente sul defibrillatore. Se è necessario uno shock, la voce guida te lo comunicherà. Se azioni lo shock, accertati che nessuno stia toccando il paziente.[16]
  6. 6
    Non rimuovere gli elettrodi e ricomincia la RCP per altri 5 cicli prima di usare di nuovo il defibrillatore.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Mettere la Vittima in Posizione di Sicurezza

  1. 1
    Posiziona la vittima solo dopo che è stata stabilizzata e ha ricominciato la respirazione spontanea.
  2. 2
    Piegale e sollevale un ginocchio e spingile la mano opposta parzialmente sotto la sua anca. Ora prendile la mano libera e mettila sulla spalla opposta in modo che la vittima rotoli sul fianco della gamba dritta. Il ginocchio piegato aiuta a stabilizzare il corpo e a non farlo rotolare ulteriormente. Il braccio la cui mano è sotto l'anca evita che il paziente rotoli indietro.[17]
  3. 3
    Affidati alla posizione di sicurezza per aiutare la vittima a respirare in maniera più facile. In tale posizione la saliva non si accumula nella parte posteriore della bocca o nella gola e la lingua è più propensa a cadere all'esterno invece che all'indietro, così da impedire ogni ostruzione delle vie aeree.
    • Questa posizione è importante in casi di quasi annegamento o di overdose, se c'è il rischio che la vittima vomiti.
    Pubblicità

Consigli

  • Se non vuoi/puoi praticare la respirazione artificiale, inizia solo "le compressioni toraciche". In questo modo aiuti la vittima a superare l'arresto cardiaco.
  • L'operatore dei servizi di emergenza ti può guidare nella procedura di RCP se ne hai bisogno.
  • Fai un corso di formazione presso un'associazione locale. Spesso la Croce Rossa e i servizi di soccorso volontari li organizzano.
  • Chiama sempre i servizi di emergenza.
  • Se devi spostare o far rotolare la vittima, cerca di farlo nella maniera meno invasiva possibile.

Pubblicità

Avvertenze

  • Ricorda che la RCP eseguita sugli adulti è diversa da quella per i bambini e per i neonati. Questo articolo spiega quella per adulti.
  • Se la persona respira normalmente, tossisce o si muove, non ha bisogno di compressioni toraciche. Non servirebbe a nulla e tu perderesti tempo prezioso.
  • Stai molto attento a non danneggiare lo sterno della vittima. Se esegui una RCP in maniera errata, puoi spezzare il processo xifoideo i cui frammenti possono colpire il fegato con conseguente emorragia massiva e mortale.
  • Non muovere la vittima, a meno che non sia in una posizione di immediato pericolo.
  • Ricorda, se qualcuno non è già tuo paziente, devi chiedere il permesso alla vittima che è in grado di dartelo prima di aiutarla. Se la vittima è incosciente, hai un consenso implicito.
  • Se puoi, indossa dei guanti e usa una barriera protettiva sulla bocca per limitare la possibilità di contrarre malattie.
  • Se la posizione delle tue mani è corretta, non temere di usare la forza della parte superiore del tuo corpo per premere sullo sterno di un adulto. Dopotutto, hai bisogno di una certa forza per premere il cuore contro la schiena della vittima e pompare il sangue.
  • Non schiaffeggiarla nel tentativo di svegliarla, non scuoterla e non spaventarla. Muovile delicatamente una spalla e chiamala.
  • La cosa più importante da ricordare: niente panico! Altrimenti inizierai a iperventilare, avrai fame d'aria e crederai di avere un infarto anche tu!
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Curare uno Shock

Come

Prestare il Primo Soccorso

Come

Usare un Defibrillatore e Fare la Rianimazione Cardio Polmonare

Come

Eseguire la Respirazione Artificiale

Come

Stabilire se un Dito è Fratturato

Come

Togliere una Spina

Come

Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede

Come

Guarire un Labbro Spaccato

Come

Trattare le Costole Incrinate

Come

Trattare i Tagli Profondi

Come

Rimarginare la Lingua Morsicata

Come

Capire se il Polso è Slogato

Come

Capire se hai la Nocca Fratturata

Come

Trattare una Frattura del Mignolo del Piede
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 73 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 31 309 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 31 309 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità