Come Essere il Migliore Amico di Se Stessi

In questo Articolo:Instaurare una Relazione Salutare con Te StessoGoderti la Tua Compagnia

Un migliore amico è qualcuno a cui puoi affidare i tuoi segreti più intimi, su cui puoi contare nei momenti di difficoltà e con cui puoi celebrare gli eventi più significativi della tua vita. Sviluppando la tua capacità di essere il migliore amico di te stesso, potrai contare sul tuo giudizio personale ed essere la tua fonte di consolazione quando avrai bisogno di consiglio o di sostegno. Diventare il tuo migliore amico, inoltre, può essere un ottimo modo per combattere il senso di solitudine, insicurezza ed instabilità presenti nella vita di ciascuno. Coltivando un’immagine produttiva e positiva di te stesso, potrai imparare a fidarti di te in modo costante e a lavorare interiormente sui problemi o le difficoltà che potresti incontrare nella vita.

Parte 1
Instaurare una Relazione Salutare con Te Stesso

  1. 1
    Prenditi del tempo per conoscerti. Pensa alle tue motivazioni di vita, a ciò che ti piace e non ti piace, alle tue forze e alle tue debolezze. In genere tendiamo a basarci sugli altri per capire i nostri gusti, ideali, obiettivi e scopi, partendo dall’ultimo gossip in ufficio, fino ad arrivare ai post su Facebook ed ai like su Instagram. Viviamo costantemente con il cellulare in mano. Ricorda, però, che tanto più sarai in grado di capirti in modo onesto e concreto, tanto più sarà facile rispettarti per ciò che sei veramente, invece che per ciò che pensi di essere secondo gli altri o in base alle mode e alle circostanze del momento. [1]
    • Prendi una penna ed un pezzo di carta e redigi degli elenchi, come ad esempio "Cose che mi piacciono", "Chi sono al momento" e "Che cosa direi a me stesso a 99 anni?"[2] Scrivi delle domande e rileggile. Questi spunti dovrebbero aiutarti ad approfondire la tua conoscenza interiore.
    • Seguire una terapia con uno psicologo oppure partecipare a dei seminari e dei corsi sul proprio stile di vita sono tutte strade che potrebbero aiutarti a sviluppare una maggiore consapevolezza. Informati sulle diverse offerte nella tua zona, oppure anche online. [3]
  2. 2
    Pensa alla tua relazione con gli altri. Valuta il tuo modo di interagire con le persone che fanno parte della tua vita, dal tuo partner alle persone che ami, dalle conoscenze casuali agli sconosciuti che incontri per caso. Il tuo atteggiamento verso gli altri riflette il tuo modo di percepirti; le relazioni positive nella tua vita possono servirti come modello per capire come essere il migliore amico di te stesso [4]
    • Annota i nomi delle persone che ritieni importanti nella tua vita e scrivi perché le consideri tali. Prendi in considerazione domande come “Perché sono riconoscente a questi individui che fanno parte della mia vita?” e “Che cosa direbbero queste persone al mio funerale?”. [5]
  3. 3
    Imponiti degli obiettivi fattibili. Invece di lasciare che siano gli altri a decidere i tuoi scopi di vita e le tue aspettative, stabilisci per te stesso degli obiettivi ragionevoli. [6] I tuoi obiettivi possono variare dai cambiamenti più lievi, come lavare i piatti o fare ordine nella tua stanza, a dei compiti su scala più ampia e più impegnativi, come seguire dei corsi per migliorare le tue capacità o fare domanda per il posto di lavoro dei tuoi sogni. Cercando di organizzarti per soddisfare le tue aspettative, potrai controllare ciò che pretendi da te stesso e sentirti soddisfatto quando riuscirai ad ottenere qualcosa.
    • Per cercare di capire quanto siano realizzabili i tuoi obiettivi, poniti domande come “Quanto è specifico il mio obiettivo?”, “Posso misurare i miei obiettivi?” e “I miei obiettivi sono rilevanti per la mia vita e per i miei desideri?”. [7]
    • Annota i tuoi obiettivi in un diario. Man mano che annoterai ciò che hai intenzione di realizzare e i tuoi progressi in materia, concludi sempre con affermazioni positive come “Sono contento di quello che ho fatto” per rinforzare il riconoscimento personale dei tuoi successi. [8]

Parte 2
Goderti la Tua Compagnia

  1. 1
    Mettiti in gioco. Modificare la tua routine quotidiana o uscire dalle tue soliti abitudini ti potrà aiutare a conoscerti meglio.
    • Fai un viaggio da solo in un paese straniero. Viaggiare da soli è un ottimo modo per costringersi ad esplorare un ambiente nuovo e differente e per provare a stare da soli per un periodo di tempo prolungato. Ti costringerà inoltre sviluppare un forte senso di indipendenza ed autonomia, nonché un atteggiamento aperto verso il comportamento e le usanze degli altri. [9]
    • Se non sei pronto per affrontare da solo un paese straniero, fare delle brevi camminate nel vicinato o minimizzare le distrazioni presenti in casa tua e nella tua vita quotidiana ti potranno aiutare ad abbracciare il cambiamento. Anche effettuare delle piccole modifiche nella tua routine ti permetterà di sfidare te stesso e di conoscerti meglio.
  2. 2
    Sviluppa degli interessi quotidiani che tu possa portare avanti da solo. Coltivare un hobby che si possa fare in solitaria o un’attività che coinvolga soltanto te è un ottimo modo per abituarti alla compagnia di te stesso ed imparare ad apprezzarla.
    • Fra le attività che si possono svolgere da solo ricordiamo la pesca, il cucito, la scrittura, la lettura o anche la meditazione. Tutti questi passatempi ti permetteranno di approfondire la comprensione che hai di te stesso e di passare dei momenti da solo molto significativi. Ti aiuteranno inoltre a coltivare l’amore che provi per te stesso, un fattore fondamentale se vuoi diventare il tuo migliore amico. [10]
  3. 3
    Esci da solo. Siamo stati abituati a goderci soltanto i momenti che passiamo in compagnia altrui, non quelli che trascorriamo da soli. [11] È molto importante imparare a divertirsi quando si è soli con se stessi, che sia andando al cinema, a cena fuori, a teatro o a bersi una birra.
    • Un’uscita in solitaria ti permetterà di goderti la tua compagnia in modo positivo. Senza la distrazione rappresentata da un’altra persona, potresti riuscire a prestare più attenzione al film o allo spettacolo, o ad essere più consapevole delle tue opinioni personali e di ciò che pensi dell’ambiente che ti circonda.
  4. 4
    Assicurati di sapere come viziarti. Hai presente le attenzioni speciali e l’affetto che ricevi da un migliore amico? Prova a dedicarti da solo le stesse premure. [12]
    • Goditi un massaggio rilassante, comprati dei fiori o fatti un regalo speciale. Dei piccoli gest di gentilezza ti aiuteranno a dimostrare l’amore ed il rispetto che provi per te stesso. [13]
  5. 5
    Fatti dei complimenti che pensi davvero. Gli psicologi Mildred Newman e Bernard Berkowitz, nel loro libro del 1974, How to Be Your Best Friend [14], discutono il valore dell’autostima nel processo di diventare dei buoni amici per se stessi. Quando si fa qualcosa di cui si è fieri, infatti, i due psicologi consigliano di soffermare la propria attenzione sull’accaduto, farsi dei complimenti, godersi l’esperienza ed assimilarla. [15] Riconoscendo il tuo valore individuale e coltivando la tua interiorità, infatti, assumerai il controllo su ciò che ti fa stare bene. Invece di cercare di accordare le tue scelte e decisioni a ciò che è stato definito come “successo” da qualcun altro, basterà guardare dentro di te per capire che vali e che la tua vita ha un senso. Non aspettare che il tuo valore venga riconosciuto dagli altri. [16]
    • Facendoti dei complimenti, ti potrai concentrare maggiormente sugli aspetti positivi della tua giornata invece che su quelli negativi. Evita di parlare di te in modo negativo, insultandoti e demolendoti. Lavora invece sui tuoi lati positivi, fino a quando non diventerà un’abitudine. [17]
    • Una delle caratteristiche che fanno un buon migliore amico è il senso dell’umorismo, quindi mantieni un’attitudine leggera e scanzonata nei tuoi confronti e verso le cose che dici, pensi e fai. Sostenendo e valutando in modo positivo il tuo operato, infatti, non ti prenderai troppo seriamente e sarai in grado di ridere di te stesso in modo benefico e salutare. [18]
  6. 6
    Cerca di migliorare la tua amicizia con te stesso giorno dopo giorno. Sia che tu tenga nota dei progressi o dei cambiamenti nella tua relazione con te stesso appuntando ciò che pensi e le tue sfide quotidiane in un diario, o che tu prenda nota mentale del tuo viaggio alla scoperta di te stesso, è consigliabile annotare i tuoi progressi man mano che svilupperai la capacità di esserti amico.
    • Cerca di capire se il tuo senso di indipendenza, la tua autostima ed il tuo amore per te stesso stiano influenzando positivamente le tue relazioni, aiutandoti a realizzare i tuoi obiettivi. Valuta inoltre se la tua paura di rimanere solo sia diminuita o meno e se sei diventato in grado di goderti pienamente la tua compagnia. [19]

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 22 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Sviluppo Personale

In altre lingue:

English: Be Your Own Best Friend, Español: ser tu propio mejor amigo, Português: Você Mesmo Ser o Seu Melhor Amigo, Deutsch: Dein eigener bester Freund sein, Français: être son propre meilleur ami, Bahasa Indonesia: Menjadi Sahabat Baik Sendiri, Русский: стать лучшим другом самому себе

Questa pagina è stata letta 2 355 volte.
Hai trovato utile questo articolo?