Il processo di essiccazione è un metodo che ti permette di conservare spezie ed erbe aromatiche per usi successivi in cucina o nei lavori artigianali. Molte piante si prestano bene a questa trasformazione e, in alcuni casi, è anche possibile utilizzare foglie, fiori e parti del gambo. Essiccandole puoi anche trattenerne gli aromi, ma è necessario conoscere le piante più adatte a questo procedimento, il momento giusto per raccoglierle e il modo migliore per conservarle.

Metodo 1 di 9:
Scegliere le Piante da Essiccare

  1. 1
    Scegli le erbe aromatiche. Alcune sono più facili da essiccare rispetto ad altre perché hanno foglie e grassi vegetali più forti e consistenti, ma il procedimento si può effettuare su quasi tutte le piante aromatiche. Provare e sperimentare è il modo migliore per scoprire quelle più adatte alle proprie esigenze, considerando che alcune si avvizziscono e formano una massa scura irriconoscibile quando si disidratano, mentre altre si conservano perfettamente nel colore e nell'aspetto.[1]
  2. 2
    Raccogli le erbe da essiccare poco prima che i fiori si schiudano.[2] Se vedi parecchie gemme, vuol dire che la fioritura è prossima. Riguardo all'ora, in genere è preferibile raccoglierle una volta che la rugiada è evaporata, ma prima che il sole faccia disperdere le sostanze volatili aromatiche. Generalmente il momento migliore è la mattina presto, anche a seconda del posto in cui vivi.
    • Sebbene la raccomandazione più diffusa sia quella di raccoglierle prima della fioritura, vale la pena fare qualche esperimento. Talvolta è meglio dopo. Tutto dipende dallo scopo a cui sono destinate, per il quale vorresti mantengano una determinata forma e un determinato aroma. Ad esempio, se vuoi essiccare i fiori, ha senso aspettare che si schiudano.
  3. 3
    Preparati a essiccarle subito dopo la raccolta. Le erbe si conservano meglio se vengono trattate subito. Se appassiscono o sono esposte all'umidità e alla polvere, gli aromi, il colore e l'aspetto si rovinano.
  4. 4
    Pubblicità

Metodo 2 di 9:
Conservare le Erbe per l'Uso in Cucina

Questo metodo favorisce l'impiego di erbe fresche e asciutte (dopo che sono state pulite) al posto di quelle secche. Il trattamento va eseguito almeno mezzora prima di cucinare per consentire un'adeguata essiccazione.

  1. 1
    Raccogli le erbe da usare in cucina.
  2. 2
  3. 3
    Lavale delicatamente. Usa meno acqua possibile per evitare che si frantumino o si rovinino. Ti conviene metterle in un colino per passarle sotto il rubinetto aperto o semplicemente tenerle sotto l'acqua. Dopodiché scuotile nel lavandino per eliminare quanta più acqua possibile.
  4. 4
    Disponi i gambi o i rametti sullo strofinaccio. Adagiali lasciando un po' di spazio tra l'uno e l'altro, per evitare che si sovrappongano.
  5. 5
    Essiccale in un ambiente caldo. Toccale per sentire se si sono disidratate. Quando sono abbastanza secche, usale seguendo le istruzioni della ricetta.
    Pubblicità

Metodo 3 di 9:
Essiccare le Erbe al Sole o all'Aperto

È il metodo meno preferibile da usare perché le erbe tendono a sbiadirsi e perdere l'aroma. Tuttavia, è utile in caso di lavori artigianali.

  1. 1
    Raccogli le erbe aromatiche quando la rugiada è evaporata.
  2. 2
    Uniscile con un elastico formando un fascio. Tieni le foglie e i fiori a testa in giù.
  3. 3
  4. 4
    Essiccale all'aperto dentro una busta di carta. Dopo averle raccolte in un fascio, mettile in un sacchetto di carta e appendilo all'esterno. Le proteggerà dal sole e al tempo stesso raccoglierà i semi che potrai utilizzare una volta essiccati.
  5. 5
    Toglile una volta essiccate. Sono pronte quando saranno friabili e avranno perso tutta l'umidità.
    Pubblicità

Metodo 4 di 9:
Essiccare le Erbe al Chiuso

L'essiccazione al chiuso è preferibile rispetto a quella all'aperto, perché ti permette di conservare l'aroma, il colore e le caratteristiche delle piante. È adatta quando le foglie sono tenere ed è anche semplice da eseguire perché, una volta preparate, ti basta lasciarle essiccare.

  1. 1
    Lega le erbe aromatiche formando un fascio.[6] Uniscile all'altezza dei gambi con un elastico. I fiori vanno messi a testa in giù.
  2. 2
    Decidi se usare un sacchetto di carta. Il sacchetto di carta ti permette di accelerare il processo di essiccazione e, contemporaneamente, raccogliere semi, foglie, ecc. Tuttavia, non utilizzandolo, potrai ammirare i meravigliosi fasci di erbe e spezie che decorano la tua casa.
  3. 3
    Scegli qualcosa su cui appendere ed essiccare le piante. Puoi usare quello che preferisci, come una scala, una trave del soffitto, un appendiabiti o un chiodo.
  4. 4
    Lasciale essiccare. Le erbe vanno tenute lontane dalla luce diretta del sole e dall'umidità, altrimenti si rovinano. I tempi di essiccazione variano da 5 giorni a poche settimane, a seconda del tipo di pianta.[7]
  5. 5
    Spostale una volta essiccate. Sono pronte quando saranno friabili e avranno perso tutta l'umidità.
  6. 6
    Usale in cucina, a scopi medicinali, per abbellire la casa o nei lavori artigianali. Molte erbe si sbriciolano facilmente e si possono mischiare per ottenere un bouquet garni o una composizione di pot-pourri.
    Pubblicità

Metodo 5 di 9:
Essiccare le Erbe in Forno

È possibile essiccare le erbe in forno e, successivamente, impiegarle in cucina o per scopi medicinali.

  1. 1
    Accendi il forno a temperatura molto bassa: al minimo andrà bene.[8] Lascia lo sportello aperto.
  2. 2
    Sistemale su una teglia.
  3. 3
    Poggia la teglia sul ripiano più basso. Procedi all'essiccazione girando frequentemente le erbe raccolte. Quando sembrano un po' avvizzite, toglile dal forno.
  4. 4
    Disponi le griglie in alto se hai un forno a legna. Stendi le erbe sulle griglie e lasciale essiccare nel forno per il tempo necessario.
    Pubblicità

Metodo 6 di 9:
Essiccare le Erbe nel Forno a Microonde

Questo metodo è eccellente se hai poco tempo e ti servono per un lavoro artigianale. Tuttavia, non è adatto né per l'uso in cucina né a scopi medicinali perché il gel di silice è tossico. Ti conviene fare qualche prova perché i tempi variano enormemente a seconda delle piante e i risultati possono essere poco incoraggianti!

  1. 1
    Spargi uno strato sottile di gel di silice sulla base del recipiente per microonde.
  2. 2
    Aggiungi le foglie o i fiori. Separa tutti i pezzi evitando che si tocchino l'uno con l'altro.
  3. 3
    Avvia il microonde. Imposta il forno a una potenza bassa, ad esempio a metà potenza o usando il comando per scongelare. Tienilo acceso per un paio di minuti, quindi spegnilo per altri dieci. Controlla il livello di essiccazione. Se è sufficiente, puoi usare le erbe. In caso contrario, ripeti il trattamento per un minuto circa.
    • Se due minuti sono troppi e le erbe si sono disidratate eccessivamente, prova ancora e riduci il tempo di 30 secondi. Continua a sperimentare finché non scopri il tempo esatto per ogni tipo di pianta.
    • Le erbe che tendono a essiccarsi bene all'aria e restringersi leggermente nel microonde (come il timo) hanno bisogno di meno tempo rispetto a quelle che non si disidratano bene all'aria fresca (come il basilico).
  4. 4
    Usale soltanto per lavori artigianali o per decorare. Come già detto, trattando le erbe con il gel di silice non puoi destinarle al consumo alimentare.[9]
    Pubblicità

Metodo 7 di 9:
Usare Sostanze Essiccanti

Le erbe essiccate con questo metodo si possono usare solo nei lavori artigianali o nelle decorazioni. Non destinarle all'uso in cucina o a scopo medicinale.

  1. 1
    Scegli un essiccante. Un essiccante è una sostanza che assorbe l'umidità. Quelli adatti alle erbe sono la farina di mais, la sabbia, radice del giaggiolo, borace, gel di silice e persino la lettiera per gatti.[10]
    • Uno dei più usati è il gel di silice, perché è leggero e non rovina le piante. Si trova facilmente nei negozi per lavori artigianali. In ogni caso, quando lo adoperi, indossa una mascherina per evitare di respirarne i vapori.
  2. 2
    Raccogli le erbe. Procedi alla raccolta quando l'umidità non ha attaccato le erbe o i fiori.
  3. 3
    Spargi uno strato di essiccante alto 2,5 cm all'interno di un recipiente di plastica o vetro. Il vetro e la plastica non favoriscono l'umidità.
  4. 4
    Disponi le erbe sull'essiccante. Separa i fiori in modo che non si tocchino. Fai altrettanto con le foglie e i petali in modo che l'essiccante possa penetrare e agire in ogni parte della pianta.
    • Se devi preservare la forma dei petali e delle foglie, controlla che non si pieghino e aggiustali man mano che applichi l'essiccante.
    • Se vuoi, puoi preparare più strati di essiccante ed erbe. Tuttavia, considera che maggiore è il peso in alto, più le parti sottostanti rischiano di frantumarsi.
  5. 5
    Rimuovi l'essiccante quando ha finito di agire. Dovrai aspettare qualche giorno. La sostanza che hai utilizzato andrà ad asciugare le foglie e i fiori, rendendoli molto friabili. Adopera un piccolo pennello o un soffietto per macchine fotografiche in modo da eliminare l'essiccante senza danneggiare le erbe messe a seccare. Maneggiale con cura.
    • Fai attenzione a non disidratarle eccessivamente, altrimenti si sgretoleranno quando cercherai di separarle.
  6. 6
    Usa questo metodo solo per lavori artigianali e per decorare. Le erbe trattate in questo modo non sono adatte per il consumo alimentare.
    Pubblicità

Metodo 8 di 9:
Essiccare le Erbe all'Interno di una Composizione

Alcune piante si possono essiccare facilmente nel posto in cui vengono sistemate, ad esempio in una composizione floreale o durante la realizzazione di un lavoro artigianale.

  1. 1
    Scegli specie adatte a questo scopo. Non tutte le erbe si prestano a questo metodo, ma puoi adoperare le foglie e i fiori di alcune piante, tra cui l'achillea, il finocchio e il rosmarino.
  2. 2
    Utilizzale fresche se vuoi che si secchino in una composizione. Per esempio, puoi metterle in un vaso o un bouquet assieme ad altre specie o aggiungerle in un lavoro artigianale, come una ghirlanda di fiori o un intreccio di piante.
  3. 3
    Sistemale in un ambiente secco. Procedi in questo modo, senza dimenticare di controllarle regolarmente. Se noti segni di muffa o qualcosa di strano, toglile.
    Pubblicità

Consigli

  • Le erbe che si prestano al processo di essiccazione includono: lavanda (mantiene un buon aspetto per anni), rosmarino (dura anch’esso per anni), foglie di alloro, luppolo, alcune varietà di origano e maggiorana.
  • I semi delle erbe si disidratano meglio all'aria fresca con l'impiego di un sacchetto di carta per la loro raccolta. Dopodiché vanno conservati in contenitori a chiusura ermetica.
  • Puoi realizzare una griglia per essiccazione procurandoti un pezzo di legno (di forma graziosa se vuoi) su cui attaccare dei listelli a intervalli regolari. Sulla parte retrostante, monta un dispositivo di sospensione e con caratteri graziosi scrivi la parola "piante" oppure dipingi qualche foglia per ricordarti a che cosa serve. Appendi la griglia su una parete che si presta a questo uso. Sistema le erbe sui listelli, separando le une dalle altre. Le piante che puoi adoperare sono il rosmarino, il timo, l'origano, la salvia, la maggiorana e i boccioli dei fiori.
  • Tutte le erbe ridotte in polvere o frantumate vanno conservate in contenitori ermetici al riparo dalla luce diretta.[12] Se devi usarle in cucina, consumale entro sei mesi per non rovinare l'aroma.
  • Anche il surgelamento è un metodo di essiccazione. È il migliore da usare in cucina quando la preservazione dell'aroma è più importante dell'aspetto.

Pubblicità

Avvertenze

  • Le erbe umide tendono ad ammuffirsi. Se succede, buttale.
  • Le temperature alte distruggono le piante. Evita di aumentare il calore per essiccarle.
  • Una volta essiccate, molte erbe si avvizziscono, si scuriscono e perdono ogni loro pregio estetico. In genere, i metodi di essiccazione si imparano per tentativi con le erbe del proprio giardino. Qualche volta dovrai scegliere tra l'aroma, il gusto o l'aspetto quando le tre cose insieme non si conservano.
  • Non metterle a essiccare in ambienti molto umidi, come il bagno e la cucina. Tuttavia, se riesci a mantenere il calore eliminando l'umidità, anche la cucina va bene.
  • Adopera gli elastici al posto dei lacci. Il motivo è semplice: l'elastico tiene uniti i gambi anche quando si restringono per effetto dell'essiccazione. Il laccio invece non è altrettanto efficace, quindi i fasci possono scivolare e cadere quando li tieni appesi a essiccare.
  • Il gel di silice è tossico. Tienilo lontano dalla portata di bambini e animali domestici. Non inalare i vapori quando lo usi (indossa una mascherina) e non ingerire nessuna erba essiccata con questa sostanza.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Erbe aromatiche
  • Occorrente per essiccare
  • Sacchetti di carta (facoltativi, solo se servono)
  • Contenitori ermetici
  1. https://www.bhg.com/gardening/vegetable/herbs/drying-herbs/
  2. https://edis.ifas.ufl.edu/pdffiles/EP/EP00400.pdf
  3. https://theherbalacademy.com/6-tips-for-storing-dried-herbs/
  4. https://modernfarmer.com/2015/08/how-to-harvest-dry-herbs/
  5. https://www.motherearthnews.com/real-food/drying/drying-herbs-zm0z13fmzmat
  6. https://extension.psu.edu/lets-preserve-drying-herbs
  7. Nerys Purchon, Herbcraft, (1993), ISBN 0-340-51639-9 – fonte di ricerca
  8. Elizabeth Walker, Making Things With Herbs, (1977), ISBN 0-87983-156-1 – fonte di ricerca
  9. Nora Blose and Dawn Cusick, Herb Drying Handbook, (1993), ISBN 0-8069-0281-7 – fonte di ricerca (è un ottimo libro che fornisce informazioni precise sull'essiccazione di ogni tipo di pianta)

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 92 522 volte
Categorie: Erbe & Spezie
Questa pagina è stata letta 92 522 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità