Scarica PDF Scarica PDF

Il glifosato è una sostanza chimica presente nei diserbanti maggiormente utilizzati dagli agricoltori, come il Roundup, la cui esposizione, quando prolungata, può essere associata allo sviluppo di tumori.[1] Anche se il rischio complessivo non è ancora del tutto noto, è possibile adottare alcune precauzioni per eliminare il glifosato dalla propria alimentazione. Cerca di evitare i cibi che ne sono ricchi, come l'avena o la soia, optando per quelli coltivati senza pesticidi. Se vuoi mangiare frutta e verdura, lavale in modo da rimuovere parzialmente gli agenti contaminanti e ridurne l'assunzione. Con un po' di impegno potrai eliminare una buona percentuale di sostanze chimiche dal consumo alimentare quotidiano!

Parte 1
Parte 1 di 2:
Eliminare il Glifosato dagli Alimenti

  1. 1
    Evita l'avena e i cereali provenienti da coltivazioni non biologiche. Molti agricoltori nebulizzano il glifosato sull'avena e sui cereali, come orzo e quinoa, per accelerare il processo di seccatura e ottimizzare il raccolto. Leggi l'etichetta o altre diciture presenti sulla confezione per vedere se il prodotto che acquisti proviene da coltivazioni biologiche e, quindi, accertarti che non sia stato sottoposto a trattamenti chimici. Se non sei sicuro se si tratta di un alimento biologico o privo di glifosato, fai una piccola indagine su Internet in cerca di ulteriori informazioni.[2]
    • Il glifosato è presente nei cereali, nel pane, nella farina d'avena e nelle barrette di cereali.
    • Il glifosato non viene elencato tra gli ingredienti degli alimenti trasformati, quindi fino a prova contraria il prodotto che acquisti potrebbe contenere tracce di questa sostanza.
    • La FDA e l'EPA ("Agenzia per gli alimenti e i medicinali" e "Agenzia per la protezione dell'ambiente", entrambi enti governativi statunitensi) hanno stabilito i livelli massimi di glifosato negli alimenti e nella produzione in modo da evitare una sovraesposizione a questa sostanza con conseguenze rischiose per la salute umana.[3]
    • Non devi buttare tutti gli alimenti che già hai comprato e che presumibilmente contengono glifosato perché la preoccupazione principale riguarda l'esposizione a lungo termine.
  2. 2
    Acquista prodotti biologici per evitare l'assunzione di diserbanti e pesticidi. Se da un lato gli agricoltori utilizzano il glifosato nella coltivazione di numerosi prodotti vegetali, dall'altro gli alimenti biologici non vengono sottoposti a nessun trattamento chimico contro la crescita di erbacce e l'attacco di parassiti. Pertanto, fai la spesa in un negozio di alimenti biologici per comprare prodotti non trattati e utilizzarli in cucina. Conserva la frutta e la verdura biologica lontano da altri prodotti vegetali per scongiurare il rischio di contaminazione di sostanze chimiche.[4]
    • I prodotti più comuni contenenti glifosato sono la soia, i piselli, le carote, le patate dolci e il mais.
    • Potrebbero essere presenti residui di glifosato negli alimenti biologici a causa della contaminazione causata dal vento.
    • I cibi biologici sono più costosi rispetto a quelli non biologici o trasformati.
  3. 3
    Cerca alimenti sulla cui confezione viene riportata la dicitura "senza glifosato". Alcune prodotti alimentari possono ottenere la certificazione "senza glifosato" una volta sottoposti ad analisi per la rilevazione di agenti contaminanti. Quando fai la spesa, controlla la confezione dei prodotti alimentari che vuoi acquistare per vedere se trovi la dicitura "senza glifosato". Se presente, vuol dire che non sono contaminati da sostanze chimiche. In caso contrario, potrebbero contenere ancora residui di glifosato.[5]
    • Puoi anche optare per prodotti che riportano i termini "biologico" o "non OGM" per essere sicuro che non siano stati trattati con agenti chimici. Tuttavia, potrebbero contenere tracce di glifosato in caso di contaminazione crociata.

    Consiglio: se compri prodotti freschi presso un mercato agricolo, chiedi quali tipi di diserbanti e pesticidi usano in modo da poter determinare se contengono glifosato.

  4. 4
    Prova a coltivare alcuni vegetali per escludere con certezza la presenza di glifosato. Puoi coltivarli vicino a una finestra esposta al sole in cucina oppure puoi avviare un orto in una zona del giardino. Scegli semi o talee ricavate dai prodotti biologici che hai già acquistato. Prenditi cura di ciascuna pianta in modo che possa produrre frutta e verdura da utilizzare senza la preoccupazione che siano contaminate da glifosato.[6]
    • Puoi coltivare facilmente in casa pomodori, insalata, spezie ed erbe aromatiche.
  5. 5
    Sostieni i gruppi che vogliono vietare l'uso del glifosato per prevenire ulteriori contaminazioni. Molti gruppi di difesa di interessi collettivi stanno prendendo posizione contro il glifosato allo scopo di vietarlo nelle coltivazioni. Cerca su Internet petizioni contro il glifosato da firmare o fondazioni a cui fare una donazione in modo da poterle sostenere. Informa altre persone sulle ricerche scientifiche che riguardano l'impiego di questa sostanza prospettando l'importanza del contributo di tutti in questa causa.[7]
    • Fai ricerche approfondite sul glifosato prima di parlarne con altri in modo da non diffondere informazioni sbagliate.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 2:
Pulire i Prodotti Contaminati

  1. 1
    Prepara una soluzione a base di bicarbonato di sodio per una pulizia efficace. Versa 1 cucchiaino (5 g) di bicarbonato in 500 ml di acqua fredda del rubinetto e mescola fino a scioglierlo completamente. Metti nella soluzione gli alimenti da lavare e lasciali a bagno per 15 minuti. Il bicarbonato favorisce la rimozione di eventuali residui di glifosato sulla superficie dei cibi rendendo più sicuro il loro consumo.[8]
    • Lava la frutta e la verdura anche se hanno la buccia non commestibile, come banane e arance. Il glifosato potrebbe attaccarsi all'esterno e contaminare altri oggetti con cui entra in contatto.
    • Se necessario, puoi preparare una soluzione più abbondante mantenendo il rapporto di 1 cucchiaino (5 g) di bicarbonato per 500 ml di acqua in modo da non alterare il sapore degli alimenti.
    • Se preferisci, puoi utilizzare uno spray sanificante per frutta e verdura anche se la sua efficacia potrebbe essere inferiore a quella del bicarbonato di sodio.
  2. 2
    Risciacqua sotto l'acqua corrente per togliere la soluzione. Metti uno scolapasta nel lavello e versa all'interno gli alimenti. Tieni aperto il rubinetto per 1-2 minuti, girando e spostando la frutta e gli ortaggi per sciacquarli accuratamente. Quando hai finito, chiudi il rubinetto e scuotili in modo da eliminare l'acqua in eccesso e non lasciarli completamente bagnati.[9]
    • Non lasciare a bagno gli alimenti perché i residui di glifosato possono rimanere nell'acqua e attaccarsi al cibo.

    Consiglio: usa una spazzola vegetale per frutta e verdura in modo da rimuovere lo sporco o le sostanze contaminanti ancora presenti in superficie.

  3. 3
    Usa la carta assorbente per asportare i residui eventualmente rimasti. Togli gli alimenti dallo scolapasta e asciugali separatamente con vari fogli di carta assorbente. In questo modo completerai la pulizia eliminando gli ultimi residui presenti in superficie. Una volta asciugati, mettili in un'insalatiera o un recipiente per isolarli dai prodotti non lavati che rischiano di contaminarli.[10]
    • Non utilizzare lo stesso foglio di carta per più di un alimento, altrimenti potresti trasferire le sostanze contaminanti.
  4. 4
    Monda la frutta e la verdura se vuoi eliminare gli agenti contaminanti assorbiti dalla buccia. I residui di glifosato possono penetrare nella buccia, lasciando contaminati frutta e ortaggi nonostante il lavaggio. Usa un pelapatate o un coltello per scartare le parti esterne, quindi buttale per evitare qualsiasi rischio di contaminazione.[11]
    Pubblicità

Consigli

  • Non puoi mai eliminare completamente le tracce di glifosato dai prodotti contaminati.[12]
Pubblicità

Avvertenze

  • Il glifosato è tuttora sottoposto a esperimenti da parte dell'EPA e della FDA per quanto riguarda la determinazione del livello di rischio e la probabilità di produrre effetti negativi sulla salute umana. A partire da luglio 2019, non esistono prove o rischi di effetti nocivi.[13]
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

Pulire i Prodotti Contaminati

  • Lavello
  • Recipiente
  • Bicarbonato di sodio
  • Scolapasta
  • Carta assorbente
  • Pelapatate o coltello
  • Spazzola per frutta e verdure (facoltativa)

wikiHow Correlati

Cuocere le Lenticchie Rosse Decorticate
Mangiare con le Bacchette
Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)
Preparare la Sfoglia per gli Involtini PrimaveraPreparare la Sfoglia per gli Involtini Primavera
Accelerare la Lievitazione dell'ImpastoAccelerare la Lievitazione dell'Impasto
Bollire l'Acqua con il Microonde
Utilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in FornoUtilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in Forno
Aprire una Scatoletta senza ApriscatoleAprire una Scatoletta senza Apriscatole
Misurare i Liquidi senza un Bicchiere DosatoreMisurare i Liquidi senza un Bicchiere Dosatore
Mangiare il Burro di ArachidiMangiare il Burro di Arachidi
Preparare Popcorn come Quelli del CinemaPreparare Popcorn come Quelli del Cinema
Preparare dei Pancake Proteici
Aprire un Barattolo SottovuotoAprire un Barattolo Sottovuoto
Preriscaldare il Forno
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
wikiHow Staff Writer
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 4 599 volte
Categorie: Cucina
Questa pagina è stata letta 4 599 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità