Quasi tutti hanno vissuto qualche volta la spiacevole sensazione di un piede che si "addormenta". Questa è la tipica descrizione del disturbo medico chiamato parestesia. Si tratta di una circostanza del tutto normale, anche se fastidiosa. Altre persone riferiscono un disagio simile a un "formicolio". A prescindere da come la chiami, questa sensazione è un'esperienza che quasi tutti vorrebbero evitare. Sappi comunque che esistono molte maniere per riuscire a non perdere temporaneamente la sensibilità nei piedi.

Parte 1 di 2:
Tenere i Piedi Attivi

  1. 1
    Muovili. La sensazione dei piedi "addormentati" è piuttosto frequente ed è anche una situazione che la maggior parte delle persone vorrebbe risparmiarsi. Generalmente, la parestesia si verifica quando una parte del corpo viene tenuta ferma a lungo; se vuoi evitare di provare formicolio ai piedi, devi muoverli regolarmente.[1]
    • Quando i nervi sono compressi, non possono inviare i normali messaggi al cervello. Questo è il motivo per cui perdi la sensibilità nei piedi, durante un episodio di parestesia.
    • Cerca di ruotare le caviglie eseguendo movimenti circolari delicati, per aumentare il flusso sanguigno alle estremità inferiori. Eventualmente, puoi anche flettere i piedi con cautela avanti e indietro.
  2. 2
    Trova un nuovo modo di sederti. Molte persone trovano confortevole sedersi a gambe incrociate. Potresti accorgerti che tendi a sederti con una o entrambe le gambe piegate sotto il corpo, soprattutto quando sei seduto sul pavimento. Anche se questa posizione può sembrarti comoda, in realtà è uno dei fattori principali che innescano il formicolio ai piedi. Per evitare la compressione dei nervi, non dovresti sederti sui piedi; devi invece muoverli e non premerli sotto il peso del corpo.[2]
    • È una buona idea alzarti almeno una volta ogni ora. Camminare un po' è anche un ottimo esercizio per la salute complessiva. Imposta un promemoria sul cellulare per ricordarti di alzarti ogni tanto quando sei al lavoro.
    • È piuttosto comune comprimere i nervi che si trovano sotto i glutei e nella parte posteriore delle gambe; non tenere un portafoglio spesso in tasca quando ti siedi.
    • Siediti tenendo le gambe a 90°. Evita che la parte posteriore delle cosce prema eccessivamente sulla sedia; fai in modo invece che le gambe formino un angolo retto oppure usa un supporto su cui appoggiare i piedi.
  3. 3
    Muovi le dita dei piedi. Una delle tecniche più facili ed efficaci per non far "addormentare" i piedi è quella di muovere ogni tanto le dita. Puoi farlo indifferentemente da seduto o sdraiato. Per esempio, se stai guardando la televisione, prendi l'abitudine di farle oscillare durante le pause pubblicitarie.[3]
    • Puoi farlo anche quando sei in piedi. Ti è capitato a volte di provare formicolio ai piedi mentre aspetti il tuo turno in una lunga fila? La prossima volta che ti trovi in questa situazione, cerca di muovere le dita all'interno delle scarpe.
    • La parestesia è frequente quando si pedala su una cyclette o si usa una bici ellittica. Anche in questo caso, ondeggiare periodicamente le dita durante l'allenamento aiuta a prevenire il disturbo.
  4. 4
    Cambia le scarpe. A volte i piedi perdono la sensibilità anche mentre cammini. Questi episodi possono verificarsi spesso a causa di qualche problema di fondo che colpisce i nervi dei piedi; puoi però alleviare tale disagio indossando calzature adeguate.[4]
    • Assicurati che le scarpe non siano troppo strette; devi essere in grado di muovere comodamente le dita senza provare dolore.
    • Non mettere scarpe con tacchi alti, perché questo tipo di calzature aumenta la pressione sui piedi.
  5. 5
    Concentrati sul respiro. L'ansia è un'ulteriore causa di formicolio ai piedi. Se soffri di un disturbo d'ansia generalizzato, cercando di gestirlo puoi evitare che i piedi si "addormentino". Prova a respirare in maniera lenta e costante per favorire un effetto calmante complessivo a livello fisico e mentale.[5]
    • Durante un attacco di panico molte persone tendono a iperventilare, innescando quindi la sensazione di formicolio. Concentrati invece per eseguire respiri lenti e profondi quando stai vivendo una crisi d'ansia.
    • Inspira lentamente per 5-7 secondi e trattieni il fiato per 2 secondi prima di espirare lentamente.
  6. 6
    Calmati. È importante tenere sotto controllo l'ansia, per la salute mentale e per prevenire anche gli episodi di formicolio ai piedi. Ci sono diverse cose che puoi fare per gestirla; per esempio, puoi aggiungere la meditazione nella tua routine quotidiana.[6]
    • Prenditi del tempo ogni giorno per sederti in un luogo tranquillo e calmare la mente. Puoi anche scaricare sul cellulare qualche guida di meditazione da ascoltare.
    • Fai yoga. È una pratica che offre splendidi benefici per la mente e il corpo, compresa la gestione dell'ansia; è perfetta anche per favorire la circolazione del sangue.
  7. 7
    Cambia posizione quando dormi. Se hai un sonno pesante, probabilmente non ti muovi molto durante la notte, a causa dei nervi compressi. Se ti addormenti con le gambe incrociate oppure con un piede sotto l'altro, potresti provocare la parestesia.[7]
    • Cerca di dormire in posizione supina, con le gambe parallele tra loro, in modo da non creare pressione sui piedi.
    • Se dormi con il partner, cerca di non stargli troppo vicino; i piedi potrebbero perdere la sensibilità, se li tieni sotto quelli di un'altra persona.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Gestire il Problema

  1. 1
    Considera le cause. La parestesia è un disturbo piuttosto comune e spesso è la conseguenza di una postura errata da seduto mantenuta per troppo tempo. Potrebbe però essere innescata da una patologia di fondo più grave; per esempio, il diabete è uno dei fattori principali di tale disturbo.[8]
    • Altre malattie che possono indurre il formicolio sono associate a danni del sistema nervoso, che possono essere causati dall'abuso di sostanze o lesioni.
    • Anche la carenza di vitamine è una possibile responsabile dell'intorpidimento dei piedi, soprattutto quella di vitamina B. La cosa migliore da fare è farsi visitare da un nutrizionista, dietologo o medico per valutare l'effettiva deficienza vitaminica.
    • Altri disturbi correlati alla parestesia sono le convulsioni e l'emicrania.
  2. 2
    Cerca cure mediche. Se soffri regolarmente di tale disturbo e non conosci la causa con certezza, fissa un appuntamento dal medico, il quale potrebbe sottoporti a degli esami per definire l'eziologia. Per esempio, dei livelli anomali di sodio e potassio nel corpo potrebbero portare alla parestesia; in questo caso, un esame del sangue potrebbe fornire una risposta esauriente.[9]
    • Prendi nota di quando si verificano gli episodi di formicolio, quanto durano e informane il medico.
    • Una volta che il dottore avrà individuato la causa del problema, potrà definire una terapia personalizzata.
  3. 3
    Imposta delle abitudini sane. Mantenere un peso nella norma può evitare che sorgano episodi in cui i piedi si "addormentano", oltre a prevenire alcune cause di fondo, come certe forme di diabete. Se vuoi mantenere un peso sano devi seguire una dieta equilibrata.[10]
    • Assicurati di mangiare molta frutta, verdure, carne magra e grassi sani; evita gli zuccheri aggiunti e i grassi trans.
    • Fai spesso attività fisica; prefiggiti di esercitarti per almeno mezz'ora, cinque giorni a settimana.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Risvegliare un Piede "Addormentato"

Come

Curare il Formicolio nei Piedi

Come

Migliorare la Circolazione del Sangue

Come

Confortare i Piedi Stanchi

Come

Liberarsi di un'Unghia Incarnita

Come

Liberarsi Velocemente delle Emorroidi

Come

Verificare la Febbre Senza un Termometro

Come

Trattare una Cisti Sebacea infetta

Come

Trattare uno Strappo Inguinale

Come

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena

Come

Alleviare il Dolore delle Unghie Incarnite del Piede

Come

Trattenere la Pipì

Come

Rimuovere una Cisti Sebacea

Come

Capire se Hai una Neuropatia ai Piedi
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jasper Sidhu, DC
Co-redatto da
Chiroterapeuta
Questo articolo è stato co-redatto da Jasper Sidhu, DC. Vantando oltre 20 anni di esperienza, il Dottor Sidhu lavora come Chiroterapeuta a Toronto. Ha conseguito il titolo di chiroterapeuta al Canadian Memorial Chiropractic College nel 1994 e ha poi completato un corso di 3 anni per ottenere una Certificazione in Riabilitazione. Questo articolo è stato visualizzato 3 604 volte
Questa pagina è stata letta 3 604 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità