Come Far Uscire un Topo da Casa

Scritto in collaborazione con: Kevin Carrillo

I topi possono sembrare delle dolci creature, ma non quando le vedi scorrazzare per casa. Ancora peggio è trovare negli armadi o nei pensili della cucina qualche traccia della loro presenza, come escrementi o magari una tana. In questi casi, hai a disposizione diverse possibilità d'azione per sbarazzartene. Puoi installare trappole non crudeli per poi liberare l'animale catturato fuori casa, utilizzare la classica trappola a molla o lasciare che se ne occupi un gatto. Per proteggere la tua abitazione da future intrusioni, chiudi tutti i possibili accessi, elimina le fonti di cibo e prova a usare repellenti adatti.

Metodo 1 di 3:
Intrappolare e Liberare il Topo

  1. 1
    Localizza il topo. Se lo hai visto scappare con la coda dell'occhio, cerca di capire in che direzione è andato. Hai a che fare con un animale veloce, quindi inseguirlo per casa non è il modo migliore per catturarlo e liberartene. Al contrario, cerca di capire dove si trova il nido in modo da stanarlo.
    • Se non riesci a vedere in quale direzione è andato, cerca il nido. Solitamente è composto da scarti di tessuto, carta, peli e altro materiale morbido. Inoltre, dovrebbe essere caratterizzato da un odore marcescente. Guarda negli angoli dietro gli armadi, sotto il lavello o dietro il frigorifero, nelle fessure del muro e in ogni posto nascosto e buio.[2]
    • Puoi individuare il suo percorso anche osservando gli escrementi. In genere, sono simili a chicchi di riso nero. Se li vedi, è probabile che il nido sia nei paraggi.
    • Infine, puoi installare una trappola nei punti in cui tendono ad annidarsi, come il garage, la cantina o la cucina.

    Consiglio: i topi sono lesti e timorosi, quindi anche se infestano la casa, non è sempre possibile vederli. Piuttosto, cerca di individuare le loro tracce, come escrementi, confezioni di alimenti rosicchiate e odore di roba marcia.[1]

  2. 2
    Opta per una trappola non crudele. Ti permette di catturare l'animale senza ucciderlo. La maggior parte di questi dispositivi è composta da un'esca che serve ad attirare il topo all'interno di un contenitore a forma di labirinto. Una volta dentro, la trappola gli si chiude alle spalle impedendogli di scappare. Puoi acquistarla su Internet, in ferramenta o un negozio di articoli per la casa.[3]
    • In genere, è un po' più costosa rispetto alle classiche trappole a molla, ma puoi usarla più volte, quindi è un ottimo acquisto.
    • Metti l'esca seguendo le istruzioni del prodotto. Puoi usare burro di arachidi, fiocchi d'avena o frutta secca.
    • Posiziona la trappola vicino al nido e aspetta che il topo esca per prendere l'esca.
    • Controllala ogni giorno per vedere se lo hai catturato.
    Consiglio dell'Esperto
    Kevin Carrillo

    Kevin Carrillo

    Esperto in Disinfestazione
    Kevin Carrillo è uno specialista nel settore della disinfestazione e Senior Project Manager presso MMPC, un'impresa gestita da un gruppo di minoranza (MBE) nella zona di New York che offre servizi di disinfestazione. La MMPC è stata certificata dai principali enti regolatori del settore, tra cui National Pest Management Association (NPMA), QualityPro, GreenPro e The New York Pest Management Association (NYPMA). Del lavoro della MMPC si è parlato sulle emittenti CNN, NPR e ABC News.
    Kevin Carrillo
    Kevin Carrillo
    Esperto in Disinfestazione

    Se vuoi prenderlo senza ucciderlo, limitagli l'accesso alle fonti di cibo. Se è entrato nell'intercapedine di un muro o nel soffitto, la soluzione migliore per stanarlo consiste nell'impedirgli l'accesso al cibo all'interno della casa. Sigilla tutte le fessure e le crepe in cui potrebbe intrufolarsi. Alla fine, abbandonerà la casa per andare da qualche parte in cui è in grado di procurarsi da mangiare.

  3. 3
    Costruisci una trappola artigianale se non puoi comprarne una già pronta. Considera l'idea di preparare una trappola non crudele usando materiali reperibili in casa o in un negozio di ferramenta. Potrebbe essere un'opzione più economica rispetto all'acquisto di un dispositivo già pronto per l'uso. Per ricavare una trappola da un barattolo di zuppa:[4]
    • Apri la lattina, svuotala e pratica piccolo foro sul fondo. In alternativa, puoi usare la lattina di una bibita gassata e forare la parte inferiore con un cacciavite o un punteruolo.
    • Prendi un secchio (la capienza ideale dovrebbe essere di almeno una ventina di litri) e ungi l'interno con un olio da cucina in modo da renderlo scivoloso. Pratica due piccoli fori in due punti opposti del secchio, immediatamente sotto il bordo.
    • Fai passare un filo di ferro attraverso la lattina e i fori del secchio assicurandoti che la lattina possa girare liberamente su se stessa. Fissalo avvolgendolo attorno ai fori.
    • Appoggia un pezzo di legno sul secchio in modo che il topo possa arrampicarsi facilmente e raggiungere il filo.
    • Ricopri la lattina con il burro di arachidi. La preda dovrebbe camminare lungo il filo fino a raggiungere il burro di arachidi, quindi cadere nel secchio su cui non sarà in grado di arrampicarsi.
  4. 4
    Libera il topo all'esterno dopo averlo catturato. Non limitarti a portarlo in giardino. Allontanati a piedi, in bicicletta o in macchina per quasi due chilometri, finché non sei sicuro che l'animale non abbia la possibilità di ritrovare la via di casa. Liberalo in un parco o in un bosco. Quando sei pronto, l'unica cosa da fare è aprire la gabbia e lasciarlo uscire.
    • Alcune organizzazioni per i diritti degli animali invitano a liberare il topo catturato in un edificio vicino, ad esempio in garage o un capannone di pertinenza della proprietà. In questo modo avrà maggiori possibilità di sopravvivenza, soprattutto se ha sempre vissuto in casa.[5]
  5. 5
    Prova a buttarlo fuori casa. Un'altra soluzione non crudele per liberarsi dei questi ospiti indesiderati consiste nel buttarli fuori! A volte vagano per casa, smarriti, alla disperata ricerca di una via di fuga. Considera che un topo che si aggira in un appartamento desidera la stessa cosa del padrone: uscire. Quindi, aiutalo con una scopa e spingilo verso l'ingresso aperto. Probabilmente dovrai inseguirlo per un po' prima di riuscirci. Tuttavia, in fin dei conti potrebbe essere una soluzione ben più rapida rispetto al tentativo di catturarlo e rilasciarlo..
    • Naturalmente, con questo metodo potrebbe decidere di rientrare, soprattutto se c'è un accesso nella porta o un buco nelle fondamenta della casa. Se la tua abitazione non è sigillata "a prova di topo", prendi delle apposite misure e usa repellenti in modo da scoraggiarne il ritorno.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Uccidere il Topo con Trappole e altri Metodi

  1. 1
    Installa una trappola a molla. In genere, è il metodo più efficace per sbarazzarsi di questi ospiti indesiderati. Assicurati di acquistare una trappola per topi, non per ratti. Metti un'esca a base di burro di arachidi e posizionala in una zona frequentata dalla preda. Quando andrà a premere sulla trappola col suo peso corporeo, scatterà una molla che lo uccide all'istante. È un rimedio poco piacevole, ma efficace.[6]
    • Accosta la trappola al muro in posizione perpendicolare (ovvero, la trappola e il perimetro della parete devono formare una "T"), avvicinando al muro l'estremità in cui si trova l'esca.
    • Posiziona le trappole nei punti in cui vi sono tracce di attività del topo, come escrementi o residui di nido. Evita di metterle nelle zone in cui bambini o animali domestici rischiano di trovarle e cominciare a giocarci.

    Avvertenza: non usare esche avvelenate su questi dispositivi, soprattutto se in casa ci sono bambini o animali domestici che possono entrare in contatto con queste sostanze e intossicarsi.

  2. 2
    Controlla spesso le trappole e getta i topi morti. Qualunque modello tu abbia scelto, una volta installate, devi controllarle tutti i giorni. Dovrai sostituire l'esca se il topo riesce a rubarla. Se, invece, lo hai catturato, sbarazzatene perché non è igienico lasciarlo nell'aggeggio per diversi giorni. Un topo morto attira gli insetti e inizia a emanare cattivi odori, quindi non dimenticare di ispezionare quotidianamente i dispositivi per la cattura di questi animali.
    • Se hai preso un topo, buttalo subito. Toglilo dalla trappola e mettilo in un sacchetto di plastica, quindi disponi il sacchetto in un bidone dell'immondizia con chiusura ermetica.[7]
    • Quando butti un topo morto, indossa un paio di guanti per proteggerti dalle infezioni, e successivamente lava accuratamente le mani con acqua calda e sapone.
  3. 3
    Evita di usare trappole adesive perché sono crudeli. Sembrano casette di cartone o sono a forma di vassoio. Il pavimento è ricoperto con una colla molto forte che blocca il topo appena quest'ultimo lo calpesta. Una volta catturato, alla fine muore di fame. Poiché queste trappole sono una fonte inutile di stress, dolore e sofferenza per l'animale, la maggior parte delle organizzazioni per i diritti degli animali sconsiglia vivamente di usarle. Se devi adoperare un dispositivo per ucciderlo, scegline uno a molla anziché adesivo.[8]
    • L'uso di questi sistemi non è raccomandato neanche dai "Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie" (un importante organismo di controllo della sanità pubblica negli Stati Uniti) perché i topi o altri animali catturati vivi possono urinare o defecare all'interno, esponendo l'utente al rischio di infezioni e contagio di malattie.[9]
    • Inoltre, le trappole adesive possono essere nocive per gli animali domestici perché rischiano di camminare sulla colla e rimanere invischiati con le zampe o il pelo.
    • In alcuni Paesi vigono leggi severe che regolamentano la vendita e l'uso di trappole adesive.
  4. 4
    Lascia che sia il gatto a risolvere il problema. Avendo un'indole da predatore, ti aiuterà a tenere sotto controllo l'infestazione di roditori.[10] In mancanza, chiedi a un amico di 'prestartelo' per qualche giorno. Ricorda, però, che non tutti i gatti sono cacciatori di topi e non è detto che siano in grado di risolvere il problema. Tuttavia, un micio può essere efficace quanto una trappola.
    • Alcune associazioni che si occupano di soccorso e difesa degli animali danno in adozione gatti selvatici salvati a chi ha necessità, in casa o sul luogo di lavoro, di liberarsi dei topi.[11] Cerca su Internet.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Proteggere la Casa dai Topi

  1. 1
    Chiudi le porte per scongiurare l'ingresso dei topi. Se ci sono fessure fra la parte inferiore della porta di ingresso e il pavimento, i topi sono in grado di intrufolarsi. Questi animali sono capaci di infilarsi in spazi molto angusti, quindi non dare per scontato che una fessura sia troppo piccola per loro. Vai in ferramenta e acquista una guarnizione da fissare sul fondo della porta.[12].
    • Controlla la zona in prossimità dell'ingresso per valutare se ci sono altre vie di accesso. Potresti individuare qualche foro nelle fondamenta da stuccare. Prova a riempirlo con la lana d'acciaio.
    • Copri tutti i condotti d'aerazione della casa, come le prese d'aria, con la rete metallica.[13]
    • Inoltre, controlla le zanzariere per assicurarti che siano intatte.
  2. 2
    Metti la spazzatura in contenitori con chiusura ermetica. Poiché i topi sono attratti dall'odore del cibo, è fondamentale riporre i rifiuti in bidoni dotati di coperchi ermetici, sia dentro che fuori casa. Non dimenticare di portarli all'esterno nel giorno della raccolta.[14]
    • I topi sono attirati anche dai contenitori della raccolta differenziata se le bottiglie, le lattine e le scatole contengono avanzi. Chiudi con il coperchio anche questi bidoni.
    • Se hai una compostiera, accertati che sia ben lontana da casa perché potrebbe attirare i roditori.

    Consiglio: se hai l'abitudine di dare da mangiare agli uccelli in giardino, ti conviene evitare finché non hai risolto il problema. In alternativa, limitati a mangimi che non lasciano residui in grado di attirare topi, come grasso di rognone, nettare per colibrì o becchime decorticato.[15]

  3. 3
    Pulisci subito. Cerca di mantenere l'ambiente pulito in casa e in giardino, per evitare di offrire inconsapevolmente cibo e rifugio a questi ospiti indesiderati. Infatti, incominciano ad avvicinarsi se lasci in giro residui di alimenti, trascuri di raccogliere le briciole o accatasti la legna in giardino. Tieni pertanto la casa linda e pulita affinché diventi un luogo poco accogliente per questi animali.[16]
    • Puoi anche impedire il loro accesso agli alimenti conservandoli in contenitori sigillati. Ad esempio, prova a trasferire i cereali dalle scatole di cartone in contenitori di vetro o plastica con chiusura ermetica.
    • Se hai animali domestici, conserva il cibo dei tuoi amici pelosi invece di lasciarlo fuori durante la notte.
  4. 4
    Prova a usare repellenti oltre a disinfestare la casa. Alcune persone utilizzano l'olio di menta come deterrente naturale per topi, ma non è chiaro quanto sia efficace. Prova a mescolarne 10 ml con 240 ml di acqua in un flacone spray e nebulizza la soluzione su tutte le aree più frequentate da questi animali.[17] Puoi anche acquistare una serie di dispositivi repellenti a ultrasuoni e posizionarli in vari punti della casa.
    • Non esistono prove concrete a sostegno del fatto che l'olio di menta o altri oli essenziali siano effettivamente in grado di tenere lontani i topi. Inoltre, anche se i repellenti a ultrasuoni risultano efficaci in un primo momento, alla fine possono comportare una certa assuefazione. Utilizza questi metodi in combinazione con altre tecniche di derattizzazione.[18]
    Pubblicità

Consigli

  • Non dimenticare di tappare tutti i buchi sebbene sia un compito noioso. In questi casi, è molto utile la lana d'acciaio e può essere combinata con lo stucco per pareti (anche se potrebbe arrugginirsi col passare del tempo). Assicurati di chiudere il passaggio dietro il forno, nel punto in cui fili e tubi fuoriescono. Chiudilo con cura.
  • Contrariamente a quello che pensa la gente, non tutti i topi adorano il formaggio. Cioccolato, pane, carne, caramelle e burro di arachidi possono essere più efficaci.[19] Gradiscono anche il mangime per polli.[20]

Pubblicità

Avvertenze

  • In molte zone del mondo è illegale liberare animali intrappolati in proprietà che appartengono ad altre persone. Se catturi un topo, liberalo in aperta campagna o in un terreno di tua proprietà.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Esperto in Disinfestazione
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Kevin Carrillo. Kevin Carrillo è uno specialista nel settore della disinfestazione e Senior Project Manager presso MMPC, un'impresa gestita da un gruppo di minoranza (MBE) nella zona di New York che offre servizi di disinfestazione. La MMPC è stata certificata dai principali enti regolatori del settore, tra cui National Pest Management Association (NPMA), QualityPro, GreenPro e The New York Pest Management Association (NYPMA). Del lavoro della MMPC si è parlato sulle emittenti CNN, NPR e ABC News.
Categorie: Disinfestazione
Questa pagina è stata letta 188 780 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità