Come Fare Amicizia con un Gatto Randagio

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

In questo Articolo:Attirare il Gatto verso di TePrendersi Cura di un Gatto o un Cucciolo Randagio

Molte città sono piene di gatti randagi e si stima che, nei soli Stati Uniti, ci siano più di 70 milioni di mici senza casa. Le amministrazioni comunali, spesso, non possono o non vogliono prendere delle iniziative in merito; si limitano a catturare e sopprimere gli esemplari perché non hanno tempo, denaro o interesse a investire in questo problema. Dato che viene fatto davvero poco per questi animali, che corrono il rischio di morire per incidenti, malattie o malnutrizione, potresti sentirti in dovere di aiutare un gatto o un cucciolo senza casa. Potrebbe essere necessario un po' di tempo, quindi devi essere paziente, ma alla fine potresti ritrovarti con un vero amico e con la soddisfazione di avere aiutato un animale in difficoltà.

1
Attirare il Gatto verso di Te

  1. 1
    Distingui un gatto selvatico da uno randagio. Un randagio è un gatto domestico che non ha più una casa, mentre un felino selvatico è nato in natura e non si fida degli umani. Quest'ultimo, in genere, non è addomesticabile perché non si è abituato fin da cucciolo alla presenza dell'uomo.
    • Puoi fare amicizia con un randagio, mentre uno selvatico probabilmente non si adatterà mai alla tua presenza.
    • A prescindere dal fatto che il gatto che gironzola intorno alla tua casa sia randagio o selvatico, è tuo dovere di cittadino catturarlo, portarlo dal veterinario per sottoporlo alle vaccinazioni e alla castrazione/sterilizzazione. Una volta sterilizzato e trattato, il micio selvatico può essere liberato dove lo hai trovato. Avrai la soddisfazione di sapere che non potrà riprodursi e non contribuirà ad aumentare la popolazione dei gatti senza casa.
  2. 2
    Prendi tutte le precauzioni di sicurezza. I gatti selvatici sono imprevedibili e devi essere cauto quando cerchi di diventare loro amico. I morsi di questi felini si infettano con facilità, in alcuni casi anche gravemente, quindi devi indossare una camicia a maniche lunghe e pantaloni lunghi, quando ti avvicini all'animale.
    • La rabbia è un'altra fonte di preoccupazione, dato che non sai se il gatto è vaccinato o meno. In questo caso usa il buon senso. Se il micio sibila o ringhia, sembra malato (rinorrea, occhi lacrimosi, croste, tosse/starnuti, respiro affannoso) o si comporta in modo strano, non cercare di essere amichevole. Chiama l'ASL veterinaria e rientra in casa.
  3. 3
    Inizia a fare amicizia. Se hai l'impressione che si tratti di un esemplare in buona salute, che non si pone sulla difensiva e non è aggressivo nei tuoi confronti, allora puoi tentare di instaurare un certo rapporto. Trova il luogo dove l'animale passa parecchio tempo e aspettalo nei paraggi.
    • Siediti o sdraiati, se puoi, o almeno accovacciati. In questo modo si sentirà meno intimorito. Rimani con lui per un po' e mostragli che non sei un pericolo.
    • Dovresti restare a una certa distanza, tre metri circa, per non spaventare il micio.
  4. 4
    Offrigli del cibo. Prova a lasciargli del cibo umido per gatti che abbia un odore intenso. Puoi anche usare del tonno in scatola per attirarlo mentre lo aspetti. Il tuo obiettivo è quello di fare in modo che il micio associ la tua presenza a qualcosa di buono, cioè a un pasto gratis.
    • L'unica cosa che devi fare, durante il primo giorno, è quella di lasciare a sua disposizione del cibo molto odoroso. Dopodiché, puoi offrirgli una manciata di crocchette secche per far sì che il micio ne voglia altre.
  5. 5
    Continua a mettere dei pezzetti di tonno sempre più vicini a te. Ogni giorno che il gatto viene a mangiare, avvicinati sempre di più al punto in cui lasci il cibo. Puoi anche manipolare un po' l'alimento, in modo che vi resti impresso un po' del tuo odore. Questo non scoraggerà l'animale dal mangiarlo, ma gli permetterà di associarti al cibo, che dal suo punto di vista è una cosa buona. Distendi la mano e lascia che la annusi.
    • Se inizia a sibilare o porta le orecchie all'indietro, allora significa che ti sei avvicinato troppo. Ritrai la mano leggermente e lentamente.
  6. 6
    Mostragli un po' di affetto. Alla fine il micio si avvicinerà a te e dovresti allungare una mano per consentirgli di annusarti. Continua a dargli da mangiare e a restare seduto nei paraggi; con il tempo guadagnerai la sua fiducia a tal punto che il gatto stesso si avvicinerà per il cibo e qualche carezza. Non aspettarti che questo accada in fretta e nemmeno che accetti immediatamente il tonno che gli offri.

2
Prendersi Cura di un Gatto o un Cucciolo Randagio

  1. 1
    Cerca il suo padrone. Informati dai vicini per sapere se qualcuno ha perso il micio. I gatti escono di casa e potrebbero perdersi o girovagare per il quartiere. Prova a telefonare alle cliniche veterinarie di zona o ai negozi di animali e chiedi se qualcuno ha perso un gatto. Scatta una foto con il cellulare e prepara dei volantini; puoi anche pubblicare un annuncio sui social media per ricongiungere il gatto con la sua famiglia.
    • Se il gatto non è randagio bensì selvatico, allora non c'è alcun padrone a cui restituirlo.
  2. 2
    Portalo dal veterinario. Quando riesci ad avvicinarti e ad accarezzarlo, fissa un appuntamento presso la clinica veterinaria per sottoporre l'esemplare a una visita e a una castrazione/sterilizzazione. Se non puoi permettertelo, chiama un'associazione animalista per sapere se possono aiutarti o sostenere i costi dell'intervento.
    • Verrà fatto un prelievo di sangue per escludere la presenza del virus della leucemia felina. Se il test dà esito positivo, il veterinario discuterà con te le varie opzioni possibili, fra cui l'isolamento a vita del gatto dagli altri felini oppure l'eutanasia. Se il test è negativo, si passa all'acquisizione di un campione di feci per capire se ci sono parassiti intestinali e, nel caso, sottoporre l'animale a un trattamento efficace.
    • Il veterinario, inoltre, controllerà la pelliccia del tuo nuovo amico per accertarsi che non ci siano zecche e pulci; se necessario, stabilirà un trattamento contro questi parassiti. Il micio verrà vaccinato contro la rabbia, la panleucopenia felina e possibilmente anche contro il virus della leucemia felina. Si procederà inoltre alla castrazione/sterilizzazione e all'impianto di un microchip sottopelle, se lo desideri, anche se si tratta di un passaggio fortemente consigliato.
  3. 3
    Trova una casa per il gatto o il cucciolo. Dopo le vaccinazioni e l'intervento, hai con te un amico felino in buona salute. Il tuo impegno sarà ripagato dalla consapevolezza che hai salvato un animale dalla vita dura di strada. Puoi adottarlo oppure trovare un'altra famiglia amorevole che se ne occupi.

Consigli

  • Se hai deciso di tenere il micio, allora dovresti comprargli dei giocattoli. Ad esempio puoi prendere dei tiragraffi, dei giocatoli che suonano o anche un semplice gomitolo; tutto ciò terrà occupato il micio quando sei troppo impegnato per giocare con lui.
  • Se il gatto ti sembra in ottime condizioni e ben nutrito, fai di tutto per accertarti che non abbia già un proprietario.
  • Se l'animale è molto spaventato dalla tua presenza, vattene. Puoi lasciargli del cibo, con il tempo potrebbe iniziare a fidarsi di te.
  • Se il gatto ammicca lentamente verso di te, ricambia il gesto. Questo significa che nutre dei sentimenti nei tuoi confronti, che potrebbe averti accettato completamente e si sente pronto a essere adottato. Tuttavia, se ti fissa senza ammiccare, allontanati ed evita il contatto visivo, perché ti sta avvisando di uscire dal suo territorio.

Avvertenze

  • Ricorda, adotta un micio solo se sei disposto a prendertene cura per il resto della sua vita o a trovargli un'altra casa. Se non puoi più tenerlo, è meglio cercare una famiglia che lo adotti, non lasciarlo in un rifugio! Questi posti sono sempre molto affollati, soprattutto di gatti, e potrebbero essere costretti ad abbattere diversi esemplari quando non c'è più spazio. Ricorda che anche se il tuo gatto non viene abbattuto, la sua presenza potrebbe causare la morte di un altro micio.
  • Lavati sempre accuratamente le mani dopo avere toccato il gatto finché non l'avrai portato dal veterinario.
  • Non correre mai verso un micio. Questi animali lo interpretano come un atteggiamento aggressivo e potrebbero morderti o graffiarti.
  • Se il gatto è aggressivo, non cercare di essere amichevole. Anche se puoi riuscire a gestirlo, resta sempre un gatto selvatico e potrebbe farti del male.
  • Evita di pubblicare in internet delle informazioni riguardanti il gatto. In questo modo il padrone potrebbe reclamarlo, ma potrebbero avvicinarsi anche dei truffatori, accaparratori, persone che usano i gatti nelle corse dei cani o che li vendono ai laboratori. Se vuoi davvero pubblicare un annuncio online, non aggiungere le foto e non descrivere l'animale. Il vero proprietario sarà in grado di fornirti una descrizione precisa.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Gatti

In altre lingue:

English: Befriend a Wild Cat or Kitten, Español: ser amigo de un gato callejero, Português: Fazer Amizade com um Gato Selvagem, Deutsch: Wilde Katzen oder Kätzchen zähmen, Русский: приручить уличную кошку или котенка, Français: apprivoiser un chat ou un chaton sauvages, Bahasa Indonesia: Menolong Kucing Liar, Tiếng Việt: Kết thân với mèo hoang, Nederlands: Bevriend raken met een wilde kat of kitten, العربية: مصادقة قطة أو هريرة برية

Questa pagina è stata letta 17 594 volte.
Hai trovato utile questo articolo?