Scarica PDF Scarica PDF

La maggior parte dei bambini inizia a perdere i "denti da latte" intorno ai 6 anni. Se hai un dente che dondola e ti sta infastidendo da settimane, ma sei troppo spaventato all'idea di strapparlo, non preoccuparti! Puoi togliere qualunque dente allentato e fastidioso senza troppe difficoltà. Usando alcuni semplici trucchi, potrai metterlo sotto il cuscino in attesa della fatina dei denti in men che non si dica!

Parte 1 di 2:
Togliere il Dente

  1. 1
    Muovilo con la lingua. La cosa positiva di usare la lingua per allentare il dente è che puoi farlo ovunque ti trovi. Prova a spingerlo avanti e indietro, fallo ondeggiare a destra e sinistra o tiralo verso il centro della bocca; qualunque movimento che non provochi dolore va bene.
    • Potresti provare una sensazione di prurito alla base del dente, vicino alla radice. Questo significa che il dente è pronto per staccarsi.
  2. 2
    Usa un dito per muovere il dente un po' di più. Stuzzicalo delicatamente ogni giorno con un dito pulito.[1] In questo modo lo aiuti ad allentarsi naturalmente in maniera graduale. Tuttavia, non forzare troppo il movimento.
    • Assicurati di lavare bene le mani con acqua calda e sapone prima di mettere in atto questo metodo.
  3. 3
    Mordi dei cibi croccanti. Un altro modo per indurlo a cadere consiste semplicemente nel gustarti un comune spuntino sano! Una mela o una pera sono ottime scelte, perché hanno la buccia dura e la consistenza croccante.[2]
    • Se il dente si muove molto, potrebbe essere difficile mordere del cibo. Tuttavia, puoi provare a staccarne un boccone con gli altri denti e poi la masticazione dovrebbe aiutarti ad allentare ulteriormente quello dondolante.
    • Se invece il dente è ancora piuttosto stabile e mordi il cibo in maniera abbastanza energica, potresti provare dolore. Sii cauto finché non riesci a capire fino a che punto puoi applicare una certa pressione.
  4. 4
    Spazzola il dente. Quando ormai è sul punto di staccarsi, basta semplicemente spingerlo un po' per farlo cadere. A volte anche la semplice azione dello spazzolino è sufficiente per farlo cadere (o comunque allentarlo). Lava i denti normalmente (almeno due volte al giorno), assicurandoti di muoverti con delicatezza su quello dondolante.[3]
  5. 5
    Afferralo con una garza.[4] [5] Puoi strattonarlo un po' per farlo cedere, anche se non è ancora pronto per staccarsi o non vuoi tirarlo. Prendi della garza sterile e con le dita afferra il dente per muoverlo e stuzzicarlo un po'.
    • Se hai deciso di estrarlo, puoi usare lo stesso metodo torcendolo rapidamente mentre lo strattoni. La garza inoltre è utile per assorbire il sangue.
    • Se temi di provare dolore, puoi anche applicare un po' di anestetico orale sul dente e sull'area gengivale circostante prima di procedere.
  6. 6
    Prova ad aspettare. Se hai la sensazione che il dente non ceda, probabilmente non è ancora pronto, quindi sii paziente.[6] Se non ti fa male, non ti distoglie dalle tue occupazioni quotidiane, non interferisce con gli altri denti e con la masticazione, non hai motivo di preoccuparti per l'attesa.
    • Generalmente, i denti da latte cadono seguendo lo stesso ordine con cui sono spuntati, iniziando quando il bimbo ha circa 6-7 anni.[7] Tuttavia, a volte possono cadere anche con criteri diversi e in tempi differenti. Il dentista che esamina l'arco dentale potrà rispondere ai tuoi quesiti in merito alla caduta dei denti.
  7. 7
    Non forzare l'estrazione, se il dente non è ancora pronto. Di solito non è una buona idea toglierlo se dondola solo leggermente ma non sembra voler cadere. Indurlo a staccarsi potrebbe essere doloroso e potrebbe causare una certa emorragia, con il rischio di sviluppare delle infezioni. Se vuoi staccarlo a tutti i costi, nonostante quello permanente non sia ancora pronto per spuntare, potresti causare dei problemi in futuro, come i denti storti o la mancanza di spazio per il nuovo dente che deve emergere.[8] [9]
    • Alcune soluzioni, come legare un'estremità di una corda attorno al dente e l'altra attorno alla maniglia di una porta per poi chiuderla rapidamente, non sono buone idee. Potresti rompere il dente e provocare ulteriori lesioni.
    • Se involontariamente vi urti contro prima che sia pronto per cadere naturalmente, rivolgiti al dentista, in modo che risolva il problema e metta in atto tutte le cure del caso.
  8. 8
    Se nessuno di questi sistemi funziona, vai dal dentista. Se il dente da latte provoca dolore e non vuole decidersi a cadere nonostante tutti i tuoi tentativi, non temere di chiedere aiuto. Fissa un appuntamento dal dentista; egli sarà in grado di capire il motivo per cui non si stacca in maniera naturale e potrà trovare una soluzione indolore per risolvere il problema.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Gestire il Dente Dopo l'Estrazione

  1. 1
    Una volta che il dente si è staccato, fai dei gargarismi. Preparati al fatto che probabilmente la gengiva sanguinerà un po'. Una volta tolto il dente, fai dei gargarismi o dei risciacqui e continua a sputare l'acqua diverse volte finché non vedi più tracce di sangue e l'acqua torna trasparente.
    • Non devi spaventarti se ti sembra di vedere molto sangue. Dato che il sangue si mischia alla saliva, potrebbe sembrare molto di più di quanto non sia in realtà.
    • Puoi preparare una soluzione per i gargarismi mescolando un pizzico di sale in 120 ml di acqua tiepida. Mescola la soluzione e fai i risciacqui. Il sale è utile per combattere le infezioni.
  2. 2
    Usa una garza per fermare il sangue. Anche se il dente era molto allentato e sembrava "appeso a un filo", la gengiva potrebbe ugualmente sanguinare un po'. In questo caso non devi preoccuparti, perché si tratta di una situazione perfettamente normale. Se dovesse capitarti, metti un pezzetto di garza o un batuffolo di ovatta pulito sul foro lasciato dal dente, in modo che assorba il sangue.[10]
    • Mordi la garza e tienila sul sito per circa 15 minuti. Quasi sempre l'emorragia si ferma anche prima. Se però continua a sanguinare, devi rivolgerti al dentista.[11]
  3. 3
    Prendi una piccola dose di antidolorifico. Se una volta caduto il dente la bocca è un po' dolorante, non devi per forza aspettare che il dolore scompaia. Puoi alleviarlo prendendo un farmaco da banco, come il paracetamolo o l'ibuprofene, che può farti sentire molto meglio; assicurati solo di prendere il dosaggio corretto per la tua età seguendo le indicazioni riportate sul bugiardino.
    • Chiedi a un adulto di aiutarti a prendere la giusta dose di farmaco.
    • I bambini non devono prendere l'aspirina, a meno che non sia il medico a suggerirlo.
  4. 4
    Applica un impacco freddo per ridurre il gonfiore. Tenere la zona al freddo può anche aiutare a gestire il dolore causato dalla caduta del dente. Metti alcuni cubetti di ghiaccio in un sacchetto di plastica (oppure prendi una confezione di verdure congelate) e avvolgilo in un telo leggero. Appoggialo alla guancia nel punto dolente per circa 15-20 minuti. Con il tempo il dolore, il gonfiore e l'infiammazione dovrebbero diminuire.[12] [13]
    • Se lo desideri, puoi anche acquistare un impacco freddo già pronto che trovi in quasi tutte le farmacie. È altrettanto efficace di quello casalingo.
  5. 5
    Vai dal dentista se il dolore non scompare. La maggior parte dei denti che cadono naturalmente non dovrebbe provocare dolore per molto tempo. Tuttavia, quando cadono o iniziano a dondolare a causa di un infortunio o un problema del cavo orale, puoi provare dolore oppure potrebbe esserci un danno. A volte può verificarsi qualche problema più grave, come un ascesso (una "vescica" piena di liquido causata da un'infezione). Se non vengono curate, queste complicazioni possono portare a delle malattie, quindi è importante farsi visitare dal dentista, nel caso il dolore causato dalla perdita del dente non sparisca da solo.
    • A volte dei frammenti di dente possono restare nella gengiva, ma in genere vengono espulsi naturalmente con il tempo. Se però noti che l'area rimane arrossata, gonfia e provi dolore, rivolgiti al dentista.[14]
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Tenere Sotto Controllo il Riflesso FaringeoTenere Sotto Controllo il Riflesso Faringeo
Rimuovere Calcoli TonsillariRimuovere Calcoli Tonsillari
Raddrizzare i Denti senza Usare l'ApparecchioRaddrizzare i Denti senza Usare l'Apparecchio
Riconoscere i Segni del Carcinoma OraleRiconoscere i Segni del Carcinoma Orale
Curare un Labbro GonfioCurare un Labbro Gonfio
Riprendersi Dopo l'Estrazione del Dente del GiudizioRiprendersi Dopo l'Estrazione del Dente del Giudizio
Togliere un Dente in Maniera IndoloreTogliere un Dente in Maniera Indolore
Sapere se i Denti del Giudizio Stanno per SpuntareSapere se i Denti del Giudizio Stanno per Spuntare
Far Guarire le Gengive dopo l'Estrazione di un DenteFar Guarire le Gengive dopo l'Estrazione di un Dente
Fermare il Dolore dei Denti del GiudizioFermare il Dolore dei Denti del Giudizio
Gestire un Espansore del PalatoGestire un Espansore del Palato
Controllare se hai l'Alito PesanteControllare se hai l'Alito Pesante
Sbarazzarsi di una Fistola GengivaleSbarazzarsi di una Fistola Gengivale
Rimuovere il Cibo dai Buchi dei Denti del Giudizio EstrattiRimuovere il Cibo dai Buchi dei Denti del Giudizio Estratti
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Tu Anh Vu, DMD
Co-redatto da:
Dentista Iscritta all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Tu Anh Vu, DMD. La Dottoressa Tu Anh Vu è una dentista iscritta all'albo che gestisce il suo studio privato, Tu's Dental, a Brooklyn (New York). La Dottoressa Vu aiuta bambini e adulti di tutte le età a superare l'ansia scatenata da odontofobia. Ha condotto ricerche finalizzate alla scoperta di una cura per il sarcoma di Kaposi e ha presentato il suo lavoro all'Hinman Meeting di Memphis. Ha conseguito una laurea di primo livello al Bryn Mawr College e si è laureata in Odontoiatria alla University of Pennsylvania - School of Dental Medicine. Questo articolo è stato visualizzato 91 597 volte
Categorie: Denti & Bocca
Questa pagina è stata letta 91 597 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità