Come Fare Esercizi per il Trattamento dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM)

Molte persone soffrono di disordini craniomandibolari e spesso presentano i sintomi senza avere idea di che cosa causi il dolore. Se temi di avere uno di questi problemi, puoi fare degli esercizi per la mandibola che ti aiutano a conservare l'ampiezza di movimento e a vivere meglio.

Parte 1 di 3:
Eseguire degli Allungamenti per la Mandibola

  1. 1
    Distendi la mandibola. Questo esercizio è consigliato dagli Oxford University Hospitals e andrebbe eseguito per cinque minuti due volte al giorno, quando sei maggiormente rilassato.[1]
  2. 2
    Metti in contatto l'arcata superiore con quella inferiore. Chiudi le labbra e accertati che i denti non siano serrati. La lingua deve toccare le gengive e il palato appena dietro gli incisivi.[2]
  3. 3
    Porta la lingua all'indietro verso la gola. Cerca di portarla più indietro possibile, per quanto puoi allungarla in maniera confortevole. Fai in modo che le arcate dentali non perdano mai il contatto fra loro.[3]
  4. 4
    Apri lentamente la bocca. La lingua deve continuare a premere sul palato posteriore. Fermati non appena senti che la lingua sta per perdere il contatto.[4]
  5. 5
    Ripeti l'intera sequenza per cinque minuti. Questo esercizio va eseguito due volte al giorno.[5]
  6. 6
    Fai riposare la mascella. Si tratta di una parte essenziale nell'affrontare questo disturbo, specialmente dopo lo stretching. Tieni le labbra chiuse, con le arcate dentali separate, mettendo la lingua sul palato piuttosto che tra i denti.
    • Cerca di evitare attività estenuanti come aprire la bocca completamente, stringere o zigrinare i denti, tenere cose mordendole con i denti o tenere il telefono tra la spalla e la mascella.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Provare altri Esercizi

  1. 1
    Prova le trazioni della mandibola. Questo semplice esercizio può essere svolto in qualunque momento della giornata, sebbene alcuni partecipanti a uno studio abbiano riscontrato maggiori benefici eseguendo una serie di trazioni (tre cicli per serie) dopo ogni pasto e una durante la doccia, per un totale di quattro serie quotidiane.[6]
    • Appoggia le punte delle dita sul bordo degli incisivi inferiori.[7]
    • Tira delicatamente la mandibola verso il basso finché non provi dolore sul lato interessato dal disturbo craniomandibolare.[8]
    • Mantieni questa posizione estesa per 30 secondi.[9]
    • Esegui tre cicli per completare una serie di trazioni. Cerca di fare quattro serie ogni giorno.[10]
  2. 2
    Fai un tentativo con l'apertura forzata della bocca. Anche in questo caso, il movimento è abbastanza semplice e può essere fatto in qualunque momento della giornata.
    • Appoggia il pollice sotto il mento.[11]
    • Apri lentamente la bocca spingendo allo stesso tempo il pollice verso l'alto per creare un po' di resistenza.[12]
    • Tieni la posizione per 3-6 secondi prima di chiudere di nuovo la bocca lentamente.[13]
    • Ripeti questo esercizio ogni giorno, per evitare che il dolore temporomandibolare si ripresenti.[14]
  3. 3
    Prova la chiusura forzata della bocca. Si tratta di un esercizio analogo al precedente, ma lavora su muscoli opposti.
    • Appoggia entrambi i pollici sotto il mento e gli indici sotto le labbra, appena sopra il mento stesso. Dovresti assumere una posizione come se volessi afferrare il mento con entrambe le mani.[15]
    • Spingi delicatamente la mandibola verso il basso mentre cerchi di chiuderla.[16]
    • Ripeti l'esercizio ogni giorno.
  4. 4
    Muovi la mandibola da un lato all'altro. Si tratta di una routine semplice che puoi modificare per aumentare la resistenza man mano che i muscoli mandibolari si rafforzano.
    • Metti due abbassalingua o due bastoncini da ghiacciolo fra gli incisivi.[17]
    • Sposta lentamente la mascella inferiore verso destra e sinistra.[18]
    • Quando l'esercizio diventa semplice, aumenta gradatamente lo spessore aggiungendo altri abbassalingua.[19]
  5. 5
    Esegui dei movimenti in avanti. Anche in questo caso, l'esercizio è simile a quello appena descritto e può essere modificato per aumentare la resistenza man mano che la mandibola diventa più forte.
    • Metti due abbassalingua o due bastoncini per ghiacciolo fra gli incisivi.[20]
    • Sposta la mandibola in avanti, in modo che l'arcata inferiore si posizioni davanti a quella superiore.[21]
    • Aumenta gradatamente lo spessore aggiungendo altri abbassalingua quando l'esercizio diventa semplice.[22]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Comprendere i Disordini Craniomandibolari

  1. 1
    Riconosci i sintomi. Questi disturbi in genere causano dolore all'articolazione temporomandibolare che si trova fra la mandibola e la mascella. Gli altri sintomi sono:
    • Dolore che si irradia al viso attraverso la linea della mandibola e al collo;[23]
    • Rigidità dei muscoli mandibolari;[24]
    • Mobilità ridotta o limitata della mascella inferiore;[25]
    • Schiocchi o sensazione di attrito nell'articolazione mandibolare spesso accompagnati da dolore;[26]
    • Disallineamento fra l'arcata dentale superiore e inferiore.[27]
  2. 2
    Ottieni una diagnosi. Solo un medico esperto è in grado di determinare se soffri di disordini craniomandibolari. Sebbene non esista un test univoco per escludere altre patologie e giungere a una diagnosi formale, il dottore è però capace di valutare i sintomi e sottoporti a una radiografia per esaminare meglio l'ATM.[28]
    • Sebbene sia necessario del tempo per formulare una diagnosi precisa, devi prima escludere ogni possibile altra causa di dolore facciale e mandibolare, incluse le infezioni ai seni nasali, otiti e nevralgia che genera dolore per un'infiammazione del nervo.[29]
  3. 3
    Tratta i sintomi. Quando il medico ha stabilito la natura del tuo problema, probabilmente ti consiglierà un trattamento. Esistono diverse soluzioni e quella suggerita dal medico terrà conto del tuo quadro sintomatologico e clinico.
    • Puoi assumere degli analgesici, sia da banco sia su prescrizione, per controllare il dolore e ridurre l'infiammazione.[30]
    • Il medico potrebbe consigliarti dei miorilassanti per un breve periodo (alcuni giorni o diverse settimane) per ridurre il dolore e la contrattura muscolare della mandibola.[31]
    • In certi casi vengono prescritti dei sedativi per riuscire a dormire di notte, soprattutto se il dolore si aggrava durante il sonno.[32]
    • Le iniezioni di corticosteroidi vengono consigliate per gestire il dolore e ridurre l'infiammazione.[33]
  4. 4
    Indossa un bite. Questo tipo di paradenti riduce il dolore e rende più accettabile la convivenza con il dolore craniomandibolare.[34]
    Pubblicità

Consigli

  • Degli impacchi occasionali caldi o freddi alla mandibola, in combinazione con gli esercizi, possono alleviare i sintomi.
  • Gli esercizi per l'ATM rappresentano una valida alternativa alla chirurgia e ai farmaci che potrebbero invece portare a effetti collaterali indesiderati.

Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 13 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Questa pagina è stata letta 39 797 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità