Come Fare Xeriscaping

Lo Xeriscaping è una forma concettuale di giardinaggio che ricorre a piante resistenti alla siccità per abbellire gli spazi verdi di case e aziende. Lo xeriscaping potrebbe diventare il metodo che tutti i giardinieri del futuro utilizzeranno per sviluppare i giardini, visto che l'acqua sta diventando un bene sempre più prezioso a livello globale, e soprattutto nei climi aridi come quelli del deserto. Il termine Xeriscape è stato coniato nel 1978 dal Front Range Xeriscape Task Force del dipartimento di Denver, con lo scopo di promuovere un'architettura del paesaggio efficiente dal punto di vista idrico. Il nome Xeriscape è un marchio registrato del dipartimento delle acque di Denver. La radice Xeros deriva dal greco e significa asciutto, ed è stata unita al termine landscape (parola inglese che indica la progettazione di un ambiente naturale). Un giardino creato ricorrendo allo xeriscaping si presenta variegato e bellissimo, indipendentemente dal luogo in cui si trova. E non implica l'utilizzo di semplici cactus, piante grasse e rocce, bensì xeriscaping vuol dire progettare un giardino con piante che hanno bisogno di meno acqua per permettere alle persone di risparmiare sui consumi e ridurre le cure necessarie al suo mantenimento.

Passaggi

  1. 1
    Analizza il luogo: la chiave dello xeriscaping è quella di capire quali necessità della pianta possono essere facilmente garantite dal luogo, e l'unico modo per capirlo è quello di determinare cosa viene fornito naturalmente dal sito, impiegando il minimo sforzo. Disegna una mappa del tuo giardino (cercando di mantenerla in scala, se possibile) e raccogli le seguenti informazioni:
    • Il passaggio del sole. Determina quali sono i punti più soleggiati e i punti più bui del giardino. A scadenza oraria regolare registra quali aree sono più colpite dal sole. Ricorda che l'esposizione al sole varierà anche a seconda del diverso periodo dell'anno e della diversa posizione geografica (la parte più soleggiata del tuo giardino potrà comunque ricevere molta meno luce della parte più buia del giardino di qualcun altro).
    • L'analisi del suolo. Quali sostanze nutritive sono già disponibili (o mancanti) nel tuo suolo? Cos'è il pH? Che tipo di suolo stai lavorando? Un terreno argilloso? O ricco di limo? Una terra grassa? Ghiaiosa? Tutti questi fattori possono influire sul tipo di pianta che potrà prosperare nel tuo giardino. Si potrebbe prendere in considerazione di migliorare o coltivare il terreno per avviare quei processi che creano un suolo più sano, ma non alterarne radicalmente la natura, altrimenti rischierai di avviare un processo molto lungo, che avrà bisogno di grandi sforzi di mantenimento (l'opposto dello xeriscaping).
    • L'analisi della piovosità del tuo suolo. Quanti centimetri di pioggia cadono all'anno sul tuo giardino? Questo quantitativo d'acqua è diluito nel corso dell'anno o si concentra in un periodo breve e altamente piovoso?
  2. 2
    Classifica le aree: ci sono tre tipologie per classificare le zone del tuo giardino:
    • L'oasi - posta vicino ad un'ampia struttura. Potrà beneficiare della pioggia che cade e dell'ombra (che riduce l'evaporazione, trattenendo più acqua nel suolo); può anche trovarsi attorno ad un grande albero o sul confine con un bosco o un frutteto;
    • L'area di transizione - un'area di passaggio tra l'oasi e le zone aride;
    • La zona arida - Il più lontano possibile da strutture, poco frequentata, che riceva la maggior parte della luce solare.
  3. 3
    Seleziona le piante: Procurati una lista delle piante adatte al clima della tua regione. Usa le linee guida del Dipartimento dell'Agricoltura americano (o, se preferisci, del Ministero dell'Agricoltura italiano) o quelle dei migliori libri esistenti sul giardinaggio, per avere informazioni dettagliate e suddivise per zona. Da quella lista scegli una varietà di piante che tollerano le condizioni di siccità. Consulta la lista riportata qui in fondo per ulteriori suggerimenti. Un'altra strategia è quella di trovare quali piante sono native della tua area geografica. Ricorda che il giardino deve essere progettato secondo delle "fasce di distanza". Pensa ogni struttura (la casa, un grande albero) come un punto focale. Ad ogni punto focale aggiungi una nuova specie colorata e appariscente che stia bene nelle condizioni climatiche della tua area geografica. Man mano che ti allontani dal punto focale, le piante diventeranno sempre più sottili e più adatte alla siccità. Nel raccogliere la lista delle piante che vivono bene nella tua area, ricorda questi accorgimenti sulla loro disposizione, così come le regole precedentemente analizzate a proposito del sole, dell'acqua e del tipo di suolo.
  4. 4
    Riempi le zone più ampie con erba. Il classico prato rasato è un "tappeto" d'erba che richiede acqua e molte cure. Sostituiscilo con erba naturale o scegli un manto (come il prato di trifoglio) oppure puoi usare delle piante grasse ornamentali che crescono a cespugli e circondate da terriccio (l'idea è quella di usare le piante grasse solo come elemento distintivo, piuttosto che renderle il fulcro del giardino). L'area ricoperta dal prato rasato è normalmente classificata come arida, quindi ricoprirla con specie vegetali che richiedono poche cure farà una grande differenza.
    • Se la zona erbosa è così ampia da fare in modo che la cura delle piante richieda troppa attenzione, considera la possibilità di creare un punto focale al centro. Qui potrai piantare un albero o un cespuglio che resista alla siccità, un'aiuola in rilievo, o una struttura decorativa (come una carriola straripante di fiori). Questo potrà richiedere dell'acqua in più (cerca comunque di usarne il minimo indispensabile), ma almeno renderà piacevole dal punto di vista estetico il tuo giardino e ti permetterà, allo stesso tempo, di "decorare" l'area circostante con specie che richiedano meno cure.
  5. 5
    Raggruppa tutte le piante che necessitano di più acqua vicino alle strutture. E' preferibile piantarle in vasi, così che le radici assorbano più acqua (piuttosto di piantarle nel suolo circostante, dove si favorirebbe la crescita di erbacce). Potresti anche valutare l'idea di utilizzare dei vasi auto-irriganti. Anche i vasi possono avere uno scopo decorativo.
    • Un'alternativa all'utilizzo di vasi è quella di creare un muro di contenimento (una sorta di contenitore molto ampio), che ha il valore aggiunto di poter aggiungere più piante nella zona dell'oasi.

    • Disponi le piante basandoti sulla quantità di sole disponibile. Alcuni lati della struttura riceveranno molta più luce solare di altri. Dal momento che alcune piante possono ricevere più luce e calore di altre, pianta quelle che sopportano meglio il sole e la siccità nelle zone più interessate dal sole pomeridiano.
    • Disponi un sistema di irrigazione controllato, se necessario. Installa un sistema d'irrigazione a gocce per annaffiare le piante. In questo modo l'evaporazione dell'acqua sarà ridotta al minimo e permetterà di risparmiarla per altri scopi. In più, un'irrigazione più lenta porterà a una minore perdita d'acqua.
  6. 6
    Attenua i confini. Riempi le aree di transizione tra le zone aride e quelle di oasi con piante che stiano a metà tra il bisogno di sole e acqua e che siano allo stesso tempo belle da guardare. Un modo per farlo è creare un effetto "a cascata" partendo dalle piante da oasi (alte e colorate) alle piante della zona di transizione (un po' più basse, che attirino l'attenzione più per le loro forme piuttosto che per il colore, come cespugli, arbusti o ciuffi di piante grasse ornamentali) fino a quelle delle zone aride (basse, sottili e molto resistenti alla siccità). Tuttavia, se c'è un muro di contenimento, la zona di transizione può non essere necessaria. Infine, scegli ciò che più ti piace!
  7. 7
    Per la conservazione del suolo. Metti del terriccio. Scegli del terriccio appropriato che aiuti a ridurre l'erosione del suolo e limiti le erbacce. Un'appropriata pacciamatura aiuterà a conservare l'umidità del suolo. Man mano che si decomporrà, arricchirà il suolo, ma avrà bisogno di essere sostituita regolarmente. Un terriccio sassoso o ghiaioso, invece, non avrà bisogno di essere sostituito, ma dovrà essere rinforzato con un tessuto filtrante al terreno in modo da evitare che le erbacce crescano attraverso il terriccio e, così, tratterrà anche il calore (che potrebbe danneggiare le piante più delicate). Attrarrà, inoltre, meno insetti.

Alcune piante consigliate

Cespugli



  • Fallugia paradoxa
  • Berberis thunbergii
  • Colutea arborescens
  • Ceanothus fendleri
  • Potentilla fruticosa
  • Cowania mexicana
  • Cotoneaster spp.
  • Amorpha canescens
  • Cercocarpus spp.
  • Caragana spp.
  • Forestiera spp.
  • Chrysothamnus spp.
  • Holodiscus dumosus
  • Artemisia spp.

  • Atriplex canescens
  • Prunus besseyi
  • Hippophae rhamnoides
  • Rhus spp.
  • Yucca spp.




Piante perenni

  • Nepeta x faassenii "Blue"

  • Echinocereus triglochidiatus
  • Artemisia versicolor "Seafoam"
  • Lavandula spp.

  • Hymenoxys acaulis
  • Agastache spp.
  • Salvia "May Night"
  • Penstemon pinifolius
  • Perovskia atriplicifolia




Alberi

  • Quercus macrocarpa
  • Koelreuteria paniculata
  • Fraxinus pennsylvanica lanceolata
  • Celtis occidentalis
  • Sophora japonica
  • Gymnocladus dioicus
  • Pinus edulis

  • Gleditsia triancanthos inermis
  • Catalpa speciosa

Non tutte le piante possono crescere in qualsiasi zona climatica. Rivolgiti per maggiori informazioni al Dipartimento universitario più vicino, alle Associazioni di Giardinaggio o al Giardiniere di fiducia. Le informazioni che hai appena letto sono tratte da Il Giardino di Dave e dal servizio del Dipartimento dell'Università del Colorado (vedi Fonti e Citazioni di seguito).

Consigli

  • Installa delle lastre di pietra alternate a terriccio ghiaioso, sassoso o a pacciamatura, oltre alle piante che hai scelto.
  • Impara a risparmiare l'acqua.
  • Lavora con un architetto paesaggista, un giardiniere esperto o leggi libri sul giardinaggio nella tua zona. Lo xeriscaping è praticato dappertutto. Una palma non andrà bene nella Colombia Britannica (Canada), ma potrebbe essere adatta a Phoenix, in Arizona.
  • Pianta prima gli alberi e i frangivento, quindi le piante grasse e il prato. Gli alberi e i frangivento forniranno ombra e rallenteranno le raffiche di vento, proteggendo il tuo giardino.
  • Alcuni fiori resistenti alla siccità sono la Bella di notte (Mirabilis jalapa), il Garofano (Dianthus), la Portulaca grandiflora e il Nasturtium.
  • Rivolgiti al gestore idrico e presso il dipartimento agricoltura di un ateneo universitario per maggiori informazioni sullo xeriscaping.

Avvertenze

  • Rivolgiti alle autorità locali per vedere come procurarti le piante che hai scelto. La maggior parte dei cactus e delle piante del deserto come lo Yucca brevifolia sono considerati specie protette. In altre parole, non puoi disseppellire e piantare a casa tua piante del genere! Le piante desertiche possono essere acquistate presso i vivai locali.

Informazioni sull'Articolo

Articolo in primo piano

Categorie: Articoli in primo piano | Giardinaggio

In altre lingue:

English: Xeriscape, Español: practicar xeriscape, Português: Fazer Jardinagem de Xeriscape, Русский: разместить растения в саду, воспользовавшись ксерискейпом, Français: créer son jardin xérophile (jardinage sans eau), Bahasa Indonesia: Melakukan "Xeriscape"

Questa pagina è stata letta 4 108 volte.

Hai trovato utile questo articolo?