Come Fare il Bagno a un Micio

In questo Articolo:Prepararsi per Fare il Bagno al GattinoFare il Bagno al MicioAsciugare il Gattino

Fare il bagno a un gatto è già abbastanza difficile, ma quando hai un gattino particolarmente indisciplinato può diventare una vera e propria sfida. Anche se i gatti e i cuccioli sono in grado di lavarsi da soli, a volte si rende necessario fare loro il bagno, se si sono sporcati con qualcosa di puzzolente o se il loro pelo sembra grasso e ha bisogno di cura. I gattini hanno bisogno di ricevere un sacco di amore e di affetto per imparare a fidarsi di te e dell'acqua, soprattutto se si tratta del loro primo bagno. Quindi, come puoi lavare il tuo micio senza che il cucciolo si faccia prendere dal panico o ti graffi? Continua a leggere per scoprirlo.

Parte 1
Prepararsi per Fare il Bagno al Gattino

  1. 1
    Capisci quando il micio ha bisogno di un bagno. A dire il vero, molti gatti non hanno bisogno affatto di essere lavati, dal momento che sono maestri nel prendersi cura di loro stessi e pulirsi. Tuttavia, se il tuo animale ha le pulci, se generalmente vive all'aperto ed è entrato in contatto con qualche sostanza sporca o semplicemente ti sembra sudicio, allora potrebbe essere il momento di fargli un bagno. Se il micio è molto giovane, dovresti pulirlo solo con un panno umido o inzuppato anziché immergerlo proprio nell'acqua.
    • Parla con il veterinario per determinare quando è il momento adatto per fare un bagno completo al tuo cucciolo. Le associazioni a difesa degli animali in genere consigliano di aspettare almeno finché il micio ha 8 settimane di vita, prima di lavarlo completamente.
    • Un vantaggio nell'iniziare a fargli il bagno quando è ancora giovane è che in questo modo si abitua facilmente alla pulizia, nel caso si sporcasse con regolarità. Devi comunque ricordare che i gatti passano circa il 30% del tempo a pulirsi da soli e che in realtà non dovrebbero essere lavati più di una o due volte all'anno, a meno che siano davvero sporchi.
  2. 2
    Taglia le unghie del gattino. Anche i cuccioli più miti ed educati protestano un po' quando vengono lavati, soprattutto se è la prima volta. Per proteggerti dai graffi della tua creatura pelosa preferita, devi assicurarti di tagliarle un po' le unghie, in modo che sia meno probabile che possa ferirti. Anche se i graffi di un gattino non sono così feroci come quelli di un gatto adulto, potrebbero comunque farti male. Pertanto è meglio tagliare le unghie per restare al sicuro, anche se questo significa qualche protesta da parte del micio.
    • Tuttavia, non dovresti tagliargli le unghie appena prima di fargli il bagno. È meglio farlo il giorno prima o almeno alcune ore prima, in quanto molti gatti diventano un po' esuberanti e agitati dopo la pedicure, mentre tu devi fare in modo che il tuo piccolo batuffolo di pelo sia mentalmente calmo e sereno prima di iniziare il bagno.
    • Se finora non hai mai tagliato le unghie al gattino, dovresti far trascorrere un bel po' di tempo tra questa operazione e il bagno, anche un giorno intero. Il taglio delle unghie può essere una nuova e traumatica esperienza per un micio ancora giovane e non devi peggiorare la situazione aggiungendo anche un bagno.
  3. 3
    Spazzola il pelo del cucciolo. Prima di immergerlo nell'acqua, devi spazzolargli la pelliccia, facendo attenzione a non trascurare nessuna parte del corpo, le zampe, la pancia e anche la parte superiore della testa. Si tratta di un passaggio importante, perché in questo modo liberi il pelo da grovigli e nodi. Se gli fai il bagno con tutta la pelliccia spettinata, i nodi e i grovigli peggiorano, creando un problema che avresti invece potuto evitare. Pertanto non sottovalutare questa importante procedura.
    • In realtà, ad alcuni gattini piace quando viene spazzolato loro il pelo e trovano questo processo molto rilassante. Altri, invece, si agitano e vengono presi dal panico. Se vedi che il tuo micio non si rilassa, poi aspettare almeno una o due ore, in modo che si calmi prima di iniziare a lavarlo. Puoi decidere di dargli qualche dolcetto al termine della toelettatura, così che associ il processo a un momento più positivo.
  4. 4
    Indossa indumenti protettivi. Non fare il bagno al gattino indossando semplicemente una canottiera striminzita che esponga le braccia e il petto. È opportuno invece indossare una camicia a maniche lunghe e di un tessuto piuttosto spesso, in modo che il micio abbia meno possibilità di graffiarti. Alcuni un po' esagerati dicono che bisogna anche proteggere le mani, ma questo è vero solo se sai già che il tuo micio ama mordere e graffiare. È sempre meglio prevenire che curare e indossare una camicia a maniche lunghe può evitarti dei graffi su tutte le braccia.
    • Cerca di scegliere anche un tessuto di cotone piuttosto spesso, in modo che il micio non incastri le unghie sui tuoi abiti. Scegli qualcosa che difficilmente gli artigli possano attraversare.
  5. 5
    Prepara lo shampoo e tienilo pronto per l'uso. I mici hanno bisogno di uno shampoo speciale per cuccioli, mentre, se il gatto ha le pulci, devi procurartene uno formulato specificamente per uccidere i parassiti adulti e le loro uova. Per i gatti senza pulci puoi usare un generico shampoo per gatti. Recati al negozio di animali, presso l'ambulatorio del veterinario oppure cerca un rivenditore online. Se hai dei dubbi, chiedi a un commesso per avere informazioni circa gli shampoo migliori. Non fare il bagno al tuo cucciolo con un sapone o uno shampoo generico, perché potresti danneggiargli o irritargli la pelle.
    • Non usare uno shampoo per cani, anche se lo hai a portata di mano. Devi prendere un prodotto specifico per gatti, per soddisfare le esigenze del tuo batuffolo di pelo.
  6. 6
    Prepara tutti gli accessori necessari. Quando sei pronto per lavare il tuo micio, procurati una tazza per versare l'acqua e un asciugamano con cui asciugare il gatto al termine; tieni pronto anche lo shampoo. Se riesci a trovare una persona che possa aiutarti, è anche meglio! Aver preparato in anticipo tutti gli strumenti ti sarà di grande aiuto nel momento del bagno. Non devi trovarti con il gattino finalmente pronto in bagno e accorgerti che hai lasciato lo shampoo o l'asciugamano nell'altra stanza.
    • È una buona idea anche chiudere la porta della stanza, per evitare che il micio possa scappare.
  7. 7
    Rendi il bagno un momento piacevole per il gattino. Se il cucciolo non è abituato ai bagni e per lui sono una novità, puoi cercare di rendergli l'esperienza meno traumatica. Per esempio puoi prendere alcuni dei suoi giocattoli preferiti e metterli nel lavandino o nella vaschetta che stai usando, oppure associare la zona in cui lo stai lavando a sensazioni divertenti e di gioia, in modo che il micio non la colleghi a un'esperienza traumatica. Puoi anche giocare con lui nel lavandino o nel catino senza fargli il bagno all'inizio, così impara a sentirsi a suo agio in questo ambiente.
    • Quando arriva il momento di lavarlo veramente, puoi mettergli alcuni dei suoi giocattoli preferiti o un paio di giochi da bagno, per farlo sentire a suo agio. Puoi abituarlo a giocare un po' con dei giocattoli da bagno senza introdurre l'acqua, prima di iniziare la procedura.
  8. 8
    Inizia a fargli il bagno quando si sente tranquillo. Questo è un momento molto importante. Non devi lavarlo immediatamente dopo aver giocato con lui per mezz'ora e averlo infastidito o dopo che si è agitato per aver visto un insetto nella stanza. Evita anche di bagnarlo poco prima del suo solito pasto o se ti sembra agitato, ansioso e manifesta il desiderio di mangiare anziché fare il bagno. Scegli piuttosto un momento in cui di solito è calmo, quando si riposa o semplicemente è rilassato e non ha bisogno di nulla.
    • Anche se questa creatura tende a emozionarsi naturalmente abbastanza velocemente, è meglio iniziare il processo quando è calmo, in modo da rendere più facile per entrambi la procedura del bagno.
    • Puoi anche programmare una sessione di gioco che lo stanchi molto e poi aspettare mezz'ora che si senta sfinito e voglia riposare, prima di lavarlo.

Parte 2
Fare il Bagno al Micio

  1. 1
    Prepara il luogo per il bagno. I contenitori più comuni per fare il bagno ai mici sono il lavandino o una vaschetta. Se gli spazi sono piuttosto piccoli, è più facile lavare il gattino e riuscire a gestirlo. Nella vasca grande diventa molto più difficile fargli il bagno. Anche se alcune persone preferiscono riempire il catino e poi "immergere" il micio nell'acqua, questo metodo può creargli del panico, pertanto dovresti metterlo in atto solo come ultima risorsa. La tecnica più diffusa e più indicata è quella di mettere il micio nella vaschetta e poi versarvi lentamente l'acqua tiepida.
    • Puoi anche considerare l'ipotesi di mettere un tappetino di gomma sul fondo del lavandino o bacinella per evitare che il gattino possa scivolare.
    • Alcune persone scelgono di riempire la vaschetta con qualche centimetro di acqua tiepida per abituare le zampe del cucciolo all'acqua prima di bagnarlo completamente. Puoi seguire questa procedura come fase preparatoria per fargli il bagno più tardi, se lo desideri. Se il tuo animale ha davvero paura dell'acqua, questo metodo può facilitare il lavaggio.
  2. 2
    Aiutalo a restare calmo. Molto probabilmente il cucciolo si aggrapperà a qualunque cosa nel tentativo di evitare il bagno. In questo caso, prendilo semplicemente con delicatezza prima per una zampa e poi l'altra e rimettilo nel lavandino. Prova a sorreggerlo delicatamente per il petto, in modo che la testa e le spalle siano fuori dall'acqua e il sedere nella bacinella e usa l'altra mano per insaponargli la schiena. Non avere un tono di voce allarmato e preoccupato, così il gattino molto probabilmente si sentirà a sua volta più calmo e rassicurato. Se inizi a farti prendere dal panico, il micio percepisce il tuo stato d'animo e inizierà a imitare le tue reazioni.
    • Accarezzalo, mantenendo una presa salda sulla schiena e sulle spalle. Se vedi che è più calmo tenendo le zampe anteriori parzialmente fuori dal catino, lascialo in questa posizione anziché mettergli tutto il corpo all'interno.
  3. 3
    Aggiungi l'acqua. Mentre il gatto è nel lavandino della cucina o nella vaschetta, inizia a usare la tazza per versargli sul corpo dell'acqua tiepida finché non è completamente bagnato. Versala delicatamente sopra il micio, accarezzando e lisciando nel contempo la sua pelliccia, in modo da farlo sentire tranquillo. Se c'è una persona che può aiutarti, uno dei due può mantenere il controllo del micio afferrandolo dalle spalle, mentre l'altro versa l'acqua. Non versarne più di mezza tazza alla volta ed evita di bagnargli il muso.
    • In alternativa, puoi riempire parzialmente il lavandino e immergere il gattino nell'acqua. Se scegli questo approccio, inizia inserendo il cucciolo in poca acqua tiepida giusto per bagnargli le zampe, complimentati con lui e lodalo, successivamente immergilo un po' di più. In questo caso, però, cerca di riempire il catino o il lavandino quando il micio è nell'altra stanza, perché alcuni gattini possono spaventarsi quando sentono scorrere l'acqua corrente.
  4. 4
    Applica lo shampoo sul corpo dell'animale. Usa una piccola quantità di shampoo e inizia a strofinarla sulla schiena del gatto. Assicurati di lavare la coda, le zampe posteriori, quelle anteriori e il collo, senza dimenticare la pancia. Se il gattino non gradisce davvero questo processo, puoi strofinare un po' di shampoo solo in alcune parti del corpo, risciacquare e quindi ripetere in altre aree. Devi evitare di coprirlo interamente di sapone e poi non riuscire a risciacquarlo perché scappa via prima. Puoi cercare di pulire il micio usando le mani o anche un panno.
    • Massaggia delicatamente lo shampoo sulla pelliccia e sul corpo del tuo amico. Trattali come se fossero i capelli di un bambino ed evita di strofinargli il pelo in maniera troppo energica. Se sei delicato e premuroso con il micio è più probabile che riesca a rilassarsi.
    • Il gattino potrebbe davvero non gradire lo shampoo; in questo caso rassicuralo e cerca di tranquillizzarlo restando calmo tu stesso.
    • Evita che il sapone possa entrare negli occhi dell'animale; non devi fargli male durante il bagno.
  5. 5
    Risciacqualo con acqua tiepida. Dopo averlo lavato e strofinato con lo shampoo, devi iniziare a risciacquarlo. Puoi versare delicatamente l'acqua direttamente sul micio da una brocca o usare le mani per lavargli la pelliccia, finché l'acqua che scende non risulta pulita e senza schiuma. Se il micio è nel lavandino, puoi semplicemente far scendere l'acqua dallo scarico in modo che scompaia l'acqua saponata. Continua a versare un po' d'acqua alla volta sul corpo del cucciolo finché non rimane alcuna traccia di shampoo. Per rendere più facile il risciacquo, puoi anche avvalerti di un panno umido e passarlo su tutto il corpo del gattino.
    • Alcuni mici amano i rubinetti e ne sono affascinati. Se anche il tuo non è spaventato dall'acqua del rubinetto e gli stai facendo il bagno in un lavandino, puoi far scorrere l'acqua (senza troppa pressione) per risciacquarlo più facilmente.
  6. 6
    Lavagli il muso con l'acqua. Non c'è alcun bisogno di lavargli questa parte del corpo con lo shampoo; è sufficiente un po' d'acqua per mantenerlo pulito e fresco. Se vuoi avere meno difficoltà a lavargli il muso, puoi usare un panno umido e tamponarlo delicatamente. Fai attenzione, in modo da evitare che possa entrare dell'acqua negli occhi o nel naso e sii delicato su quest'area. Ad alcuni gattini non piace essere toccati sul muso, soprattutto se c'è anche dell'acqua, quindi sii il più cauto e premuroso possibile.
    • Qualunque cosa tu faccia, non mettergli mai il muso sott'acqua; in questo modo è garantito che verrebbe colto dal panico.

Parte 3
Asciugare il Gattino

  1. 1
    Asciuga il micio tamponando. In un primo momento, può essere di aiuto tamponare il gattino con un asciugamano prima di avvolgerlo in un telo. In questo modo aiuti a ridurre un po' di umidità dal suo corpo ed eviti che possa sentirsi avvolto in un tessuto bagnato. Basta tamponargli delicatamente il muso, il corpo e la pelliccia per fare in modo che il micio si senta un po' più rilassato.
    • Alcune persone a volte usano anche un asciugacapelli, impostandolo alla temperatura più bassa. La cosa importante è scegliere il metodo più adatto al tuo gatto. Alcuni animali restano affascinati dall'elettrodomestico, mentre altri ne sono terrorizzati. Se il tuo micio è a proprio agio con il phon, puoi impostarlo alla temperatura più bassa e asciugargli delicatamente la pelliccia proprio come faresti con i tuoi capelli; assicurati solo di prestare un po' di attenzione per non spaventare il gattino o fargli del male.
  2. 2
    Avvolgi il cucciolo in un grande panno morbido per asciugarlo. Mentre ti accingi in questa operazione, cerca di asciugare velocemente il micio in modo da togliergli la maggior umidità possibile dal corpo. Tieni presente che negli animali piccoli la temperatura corporea può cadere repentinamente a causa del pelo umido, quindi cerca di asciugare il gattino il più possibile, prima di metterlo di fronte a una fonte di calore. Con l'asciugamano il cucciolo può sentirsi un po' claustrofobico e farsi prendere un po' dal panico, ma è importante cercare di asciugarlo il più possibile. In ogni caso, anche il gatto spesso tende a scuotere l'acqua dal proprio pelo, proprio come fanno i cani.
    • Se hai un gattino a pelo lungo, allora devi spazzolargli la pelliccia dopo il bagno, per eliminare eventuali nodi che potrebbero essersi formati durante il lavaggio.
  3. 3
    Premia il tuo piccolo batuffolo di pelo per il lavoro ben fatto. Al termine, offrigli dei dolcetti, coccole, abbracci e baci. Il tuo micio ha appena vissuto una delle sue peggiori esperienze, dato che la maggior parte dei gatti odia l'acqua (fanno eccezione le razze Turco Van e Bengala)! Anche se con il tempo il tuo micio si abituerà ai bagni, l'esperienza iniziale sicuramente è piuttosto traumatica per lui e devi riconoscerlo.
    • Inoltre, se lo premi con dei dolcetti al termine del bagno, egli assocerà questa esperienza a una cosa positiva, anziché a un brutto evento e sarà più disposto a farne altri in futuro.

Consigli

  • Dagli dei dolcetti al termine del bagno.
  • Assicurati di limitare il gatto o confinarlo in una determinata area per asciugarlo, oppure togli qualunque carta o documento importante. Se questi si trovano alla sua portata, il gatto potrà usarli per asciugarsi anziché avvalersi dell'asciugamano!
  • Ricordati di non fargli mai troppi bagni. L'acqua secca sia la pelle che la pelliccia! Due volte a settimana è il massimo assoluto!
  • Se gli tieni le zampe anteriori fuori dall'acqua gli permetti di avere maggior controllo sul suo bagno. È sufficiente fare in modo che restino a penzoloni sul bordo del lavandino o vaschetta. In questo modo inoltre è più difficile che possa bagnarsi il muso o le orecchie.
  • Una nota: se inizi a fargli il bagno quando è ancora molto piccolo, assicurati che associ delle cose piacevoli (come del cibo o dei dolcetti per gatti), in modo che abbia l'idea che si tratti di una cosa positiva. In questa maniera, crescendo, sarà meno recalcitrante al bagno.
  • Se lo shampoo per cuccioli esce un po' dalla tua fascia di prezzo, lo shampoo "Johnson's baby bagnetto dalla testa ai piedi" funziona alla grande!
  • Puoi afferrare il gattino dalla "collottola" (la carne sulla parte posteriore del collo da dove solitamente lo afferra la madre quando lo deve spostare), per permettergli di rilassarsi quanto basta per riuscire a immergerlo nell'acqua.
  • Una volta in acqua, il micio tende a scatenarsi e ad agitarsi. Assicurati sempre di mantenere la calma e strofinalo con lo shampoo. In seguito fallo sentire a suo agio e comodo, così si rilasserà.
  • Alcune fonti descrivono un metodo che prevede l'uso di un guanto di lattice (che non viene menzionato in questo articolo), sappi che si tratta anche di una buona alternativa per tagliare le unghie al micio.
  • Se l'animale tende ad affondare i suoi denti nelle tue mani mentre gli fai il bagno, usa 2 vecchi guanti da forno o acquistane 2 nuovi. Al termine del bagno, metti i guanti in lavatrice e asciugatrice e tienili a disposizione per il lavaggio successivo (assicurati di tenere questi 2 guanti lontano da quelli che usi abitualmente in cucina quando prepari i pasti; quelli per il gatto puoi tenerli sotto il lavello).
  • Per tenere fermo il gattino puoi anche provare a usare dei collant o una calzamaglia.
  • Una volta terminato il bagno, fai capire al micio quanto sei riconoscente per il fatto che è stato disponibile giocando con lui, dandogli dei dolcetti e/o facendogli delle coccole.

Avvertenze

  • Evita sempre che del sapone possa finirgli sul muso; in caso contrario lava rapidamente la zona e, se l'irritazione persiste, portalo dal veterinario.
  • Se hai più di un gatto, è abbastanza probabile che gli altri non riconoscano più il micio lavato e potrebbero sibilare contro di lui, dato che con l'acqua il micio perde l'odore che gli permette di essere riconosciuto dagli altri esemplari. Se puoi, lava tutti i tuoi gatti. In ogni caso, ci vorranno giorni prima che tornino ad avere il loro odore originario.
  • Il bagno può rappresentare un grave rischio per la salute dei gattini. Possono raffreddarsi facilmente, sia a causa dell'acqua fredda, ma anche per la perdita di isolamento e l'evaporazione quando si bagna il pelo. Se il tuo cucciolo è particolarmente sporco, dovresti consultare un veterinario. Lo stesso vale se non hai motivo di sospettare che la sostanza che sporca il gattino possa essere dannosa per la sua salute, sia per contatto che per ingestione.
  • Assicurati che al termine del bagno non restino tracce di sapone su nessuno di voi due!
  • Evita che possa spruzzarti dello shampoo sul viso, ma, se dovesse succedere accidentalmente, rivolgiti al medico.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 47 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Gatti

In altre lingue:

English: Bathe a Kitten, Español: bañar a un gatito, Português: Dar Banho em um Gatinho, Русский: купать котенка, Deutsch: Ein Katzenbaby baden, 中文: 给小猫洗澡, Bahasa Indonesia: Memandikan Anak Kucing, Nederlands: Een kitten wassen, Français: donner un bain à un chaton, Čeština: Jak vykoupat kotě, العربية: حموم قطة صغيرة, ไทย: อาบน้ำลูกแมว, 日本語: 子猫をお風呂に入れる, Tiếng Việt: Tắm cho Mèo, 한국어: 고양이 목욕시키는 방법

Questa pagina è stata letta 11 473 volte.
Hai trovato utile questo articolo?