Come Fare il Bagno al tuo Criceto

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

In questo Articolo:Escogitare Altre SoluzioniUsare un Panno UmidoFare il Bagno al Criceto6 Riferimenti

La tua stanza odora come un porcile a causa della gabbietta del criceto? Se esamini da dove arriva l'odore, potresti scoprire che non è la gabbia a puzzare, ma il tuo adorabile animaletto! Anche se in circostanze normali i criceti non dovrebbero mai fare il bagno, in quanto potrebbe alterare il sebo naturale del loro pelo ed essere persino nocivo per la loro salute, ecco alcuni metodi per lavare il tuo criceto.

1
Escogitare Altre Soluzioni

  1. 1
    Evita di fare il bagno al criceto, se puoi. Dovresti lavarlo solo se si è appiccicato qualcosa sul pelo o se è entrato in contatto con una sostanza chimica tossica. Mettendolo nell'acqua, infatti, andrai a eliminare il sebo naturale che protegge il suo manto e rischi di nuocere seriamente alla sua salute!
    • Quando le femmine sono in calore, possono anche emanare un odore diverso.
  2. 2
    Pulisci la gabbia più spesso. Il modo migliore per gestire il cattivo odore del criceto è quello di pulire la gabbia più spesso. Prima di provare a lavarlo, cambia la frequenza con cui pulisci il suo contenitore e vedi se la situazione migliora.
    • Dai ogni giorno una rinfrescata nelle zone più problematiche e cambia il materiale all'interno ogni settimana.
  3. 3
    Assicurati che abbia davvero bisogno di un bagno. L'unica volta in cui dovresti lavarlo è quando sul pelo è rimasto attaccato qualcosa che potrebbe nuocergli, ad esempio una sostanza tossica o appiccicosa, oppure qualcosa che potrebbe soffocarlo se cercasse di pulirsi.[1]
    • Se hai versato qualcosa di nocivo sul tuo criceto, probabilmente è necessario lavarlo.
  4. 4
    Prova prima a fargli un bagno con la sabbia. Se il tuo criceto non è così sporco da rischiare la vita, la sabbia dovrebbe bastare. Rotolandosi, riuscirà a liberare il pelo facendo cadere lo sporco.
    • Acquista la sabbia di cincillà presso un negozio per animali e versala in una ciotola di piccole dimensioni.
    • Assicurati di comprare la sabbia, non la polvere, altrimenti quest'ultima potrebbe causare problemi respiratori al tuo animaletto.
    • Se la gabbia è progettata per contenere in modo permanente la sabbia, cerca di controllarla ogni giorno, altrimenti il criceto potrebbe iniziare a usarla come lettiera.
  5. 5
    Sincerati che non vi sia nessun altro modo per rimuovere la sostanza che sta creando il problema. Ad esempio, se è rimasto appiccicato un pezzo di gomma da masticare sul pelo lungo del tuo criceto, potresti accorciarlo solo in quel punto.

2
Usare un Panno Umido

  1. 1
    Riempi una bacinella con una o due tazze di acqua a temperatura ambiente. Aggiungi una goccia di shampoo senza profumo per animali. Inumidisci un panno immergendolo in questa miscela. Se si forma un po' di schiuma o qualche bollicina, vuol dire che hai usato troppo shampoo. Ricomincia da capo.
  2. 2
    Tampona il criceto col panno. Strofinalo con molta cura, seguendo il verso del pelo, come quando lo accarezzi.[2]
  3. 3
    Massaggialo con un panno morbido e asciutto. Asciugalo delicatamente con un telo soffice, sempre seguendo la direzione del pelo, per eliminare l'acqua e l'umidità.
  4. 4
    Riportalo nella sua gabbia. Assicurati che sia pulita e fresca, quindi posizionala in un posto un po' più caldo del solito, se puoi. Evita assolutamente che vi siano spifferi d'aria fredda.

3
Fare il Bagno al Criceto

  1. 1
    Decidi di fargli il bagno solo se l'animale è entrato in contatto con una sostanza tossica che non si può eliminare facilmente e se non hai la possibilità di portarlo subito dal veterinario. Non è raro che i criceti muoiano in queste circostanze, sia perché rischiano di annegare sia perché si ammalano dopo aver fatto il bagno.[3] Alcuni casi in cui potrebbe essere necessario lavarlo integralmente sono i seguenti:
    • È caduto in una sostanza potenzialmente pericolosa o tossica, come un disinfettante aggressivo, acqua ragia o liquidi corrosivi, tra cui acidi o solvente per smalti.
    • Il pelo si è ricoperto di qualche sostanza che potrebbe essere tossica o causare mal di stomaco se l'animale la lecca e la inghiottisce (sostanze di origine non alimentare, come quelle suddette oppure cioccolato, marmellata, miele).
    • Il criceto è tutto ricoperto da una sostanza molto appiccicosa che potrebbe irritare la pelle (come una gomma da masticare che non si può rimuovere localmente o accorciando un po' il pelo), che causerebbe un'occlusione intestinale se la rosicchiasse per toglierla (come colla, stucco, cera) oppure una sostanza che danneggerebbe la pelle, come l'urina.
  2. 2
    Riempi una ciotola con un paio di centimetri di acqua. Se non hai altra soluzione che quella di fargli il bagno, prendi una ciotola e riempila con un po' di acqua tiepida.[4]
  3. 3
    Bagnalo molto delicatamente solo con l'acqua. Inumidiscilo avendo cura di non bagnare il muso. Puoi anche usare un panno o un vecchio spazzolino da denti con setole morbide, lavando il tuo animaletto piano piano. Anche in questo caso, assicurati che l'acqua non entri in contatto con il muso.[5]
  4. 4
    Aggiungi uno shampoo per animali senza profumo, se lo ritieni necessario. Se l'acqua da sola non rimuove la sostanza tossica o appiccicosa, puoi usare una piccola quantità di un detergente per animali privo di profumo e più delicato che riesci a trovare. Ancora una volta, muoviti con molta attenzione affinché lo shampoo e l'acqua restino lontani dal muso.
  5. 5
    Procedi al risciacquo. Se hai usato lo shampoo, risciacqua il criceto con un po' d'acqua tiepida corrente in modo da togliere completamente i residui del prodotto.[6]
  6. 6
    Tamponalo con un panno morbido e pulito per asciugarlo. Poggia il criceto sul bordo di un asciugamano asciutto e usa l'altra estremità del telo o un secondo asciugamano per tamponarlo delicatamente fino ad asciugarlo. Se lo frizioni, cerca di non essere troppo energico e segui il verso del pelo.
  7. 7
    Riportalo nella sua gabbietta. Assicurati di aver eliminato quasi tutta l'acqua prima di rimetterlo nella gabbia, in cui potrà smaltire l'agitazione causata dal bagno. Controlla anche che all'interno vi sia abbastanza substrato affinché possa asciugarsi bene e mantenersi caldo.

Consigli

  • Se questa è la prima volta che fai il bagno al criceto, leggi altri articoli o parla con persone che possiedono un criceto in modo da trovare il modo migliore per pulire il tuo animaletto.
  • Confortalo mentre lo lavi. In questo modo attenuerai l'agitazione e la paura che prova.
  • Non fargli il bagno per puro divertimento o perché vuoi che sia più pulito. Se desideri un animale per fare una gara di bellezza, il criceto non fa per te.
  • Inizia facendo scorrere qualche goccia d'acqua sulla schiena e premialo con qualche bocconcino per fargli prendere dimestichezza con l'acqua. Non costringerlo ad abituarsi al contatto con l'acqua, controllalo costantemente e assicurati che la testa fuoriesca sempre in modo che non anneghi.
  • Sii certo di usare esclusivamente la sabbia da bagno per cincillà e non la polvere, in quanto quest'ultima potrebbe causare gravi problemi respiratori al tuo amico peloso.
  • Se non sei sicuro di usare lo shampoo giusto, acquistane uno presso un negozio per animali. Un assistente alle vendite esperto è un'ottima fonte di consigli su shampoo e metodi di lavaggio.
  • Usa acqua a temperatura ambiente.
  • Puoi anche acquistare della sabbia profumata per fare il bagno al tuo criceto. Versane una piccola quantità in una ciotola e colloca l'animale all'interno. Il criceto rotolerà nella sabbia facendo cadere tutto lo sporco intrappolato nel pelo.
  • Fagli il bagno in una giornata calda, se puoi, perché i criceti sono molto sensibili al freddo.
  • Lavalo integralmente soltanto se non hai altra scelta, in quanto questa operazione può causare problemi di salute gravi e talvolta fatali.
  • Non usare assolutamente l'acqua a meno che non te l'abbia detto il veterinario. L'acqua può essere pericolosa per un criceto.
  • Non riportarlo nella gabbia finché non si sarà asciugato completamente.
  • Quando lo prendi in mano, tienilo sempre molto delicatamente perché è un animale piccolo e fragile.
  • Di solito, i criceti non hanno bisogno di fare il bagno perché usano la lingua per pulirsi.
  • Se hai un criceto capriccioso, sarebbe opportuno chiedere aiuto a un amico o un familiare, soprattutto per asciugarlo.
  • Non immergere completamente il criceto nell'acqua.
  • I criceti, in realtà, si lavano leccandosi.
  • Se non riesci a trovare la sabbia da bagno per cincillà, procurati quella che si usa per far giocare i bambini.

Avvertenze

  • Il bagno stressa il criceto e può indebolire il suo sistema immunitario. Una volta che avrai finito di lavarlo, tienilo sotto controllo per vedere se manifesta qualche malessere.
  • Ricorda che, se hai intenzione di mettere la sabbia per il bagno all'interno della gabbia, devi controllarla ogni giorno, perché il criceto potrebbe usarla come lettiera.
  • Non provare ad asciugare il criceto con l'asciugacapelli.
  • Non usare uno shampoo qualunque, in quanto potrebbe causargli irritazioni.
  • Portalo sempre a visita dal veterinario prima di fargli il bagno.
  • Non forzarlo a stare nell'acqua perché potrebbe stancarsi, smettere di nuotare e annegare.
  • Oltre a farlo raffreddare, l'acqua saponata neutralizza il sebo presente sul pelo e sulla pelle.
  • Se il criceto emana cattivo odore, potrebbe essere malato. Considera di portarlo dal veterinario.
  • Non fargli il bagno, a meno che non sia strettamente necessario per la sua salute.

Cose che ti Serviranno

  • Una ciotola di acqua tiepida
  • Un asciugamano
  • Shampoo per animali molto delicato (solo se il criceto è particolarmente sporco)
  • Un assistente, preferibilmente qualcuno che il criceto già conosce
  • Sabbia da bagno per cincillà e una ciotola destinata alla pulizia del criceto, anche in futuro
  • Uno spazio vuoto, in cui poggiare tutto il necessario
  • Tovagliolo di carta o un fazzoletto per raccogliere le feci del criceto
  • Bocconcini per ricompensare il criceto

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale.

Categorie: Animali

In altre lingue:

English: Give Your Hamster a Bath, Español: darle un baño a un hámster, Português: Dar um Banho em Seu Hamster, Русский: искупать хомячка, Deutsch: Deinen Hamster baden, Français: donner un bain à son hamster, Bahasa Indonesia: Membersihkan Hamster, Nederlands: Je hamster in bad doen, ไทย: อาบน้ำให้แฮมสเตอร์, 中文: 给仓鼠洗澡, العربية: إعطاء الهامستر الخاص بك حمامًا, 日本語: ハムスターをお風呂に入れる

Questa pagina è stata letta 37 722 volte.
Hai trovato utile questo articolo?