Scarica PDF Scarica PDF

Il pane lievitato naturalmente si ottiene sfruttando solo batteri e lieviti spontanei. Per secoli questo è stato l'unico modo per produrre il pane, perché ancora non si conoscevano le forme di vita microscopiche e il lievito non veniva coltivato per essere venduto. Il pane a lievitazione naturale ha un gusto favoloso e si può ottenere con gli ingredienti più comuni che esistono. Seguendo questi passaggi, imparerai a farlo tu stessa.

Ingredienti

  • Farina
  • Acqua
  • Sale

Metodo 1 di 3:
Preparare la Madre

  1. 1
    Scegli dove creare la tua madre. Una "madre" è un composto di farina e acqua e serve per far sviluppare l lievito. Ti serve una grossa concentrazione di lievito per far lievitare il pane quindi una grossa colonia. Qualsiasi contenitore di plastica con un coperchio andrà bene.
    • I vasi da conserva sono eccellenti, anche quelli dei cetriolini o da marmellata.
    • Assicurati che sia pulito in modo che la madre non venga contaminata.
  2. 2
    Riempi con parti uguali di farina e acqua. Mescola in una ciotola a parte (i quantitativi non sono importanti, devi mescolarne abbastanza da riempire quasi tutto il contenitore). Rendi il tutto ben omogeneo. Versa nel barattolo e lascia un po' di spazio per l'aria.
    • Qualsiasi tipo di farina andrà bene, ma ricorda che ti serve un certo quantitativo di glutine per far crescere correttamente il pane (grano, orzo e segale contengono glutine).
  3. 3
    Metti il contenitore in un luogo che sia al buio e asciutto. Nel tuo mix ci sarà abbastanza lievito, presente nell'aria e nella farina. Il lievito esige quattro cose per riprodursi: calore, buio, acqua e amido o zucchero. Ora che gli hai fornito tutti quanti questi elementi, il lievito inizierà a crescere rapidamente. Lascia il barattolo (con il coperchio) a riposare per 24 ore.
    • La temperatura ambiente di solito è abbastanza per far sviluppare il lievito. Se casa tua ha un lato freddo, metti il barattolo al caldo in cucina.
    • Coprilo con un panno pesante per tenerlo al buio.
  4. 4
    Ogni 24 ore nutri il tuo lievito. Una volta al giorno butta metà composto e sostituiscilo con una dose nuova metà acqua e metà farina. Entro una settimana, la madre si svilupperà facendo delle bolle e producendo un odore acidulo piuttosto pronunciato. Quando succede, la madre è pronta e puoi fare il pane.
  5. 5
    Metti la madre in frigorifero. Se non vuoi usarla subito, sistemala in frigorifero. Il tuo lievito rimarrà vivo al freddo ma comunque dormiente. Può rimanere in frigo tecnicamente per sempre e se lo nutri una volta alla settimana come appena spiegato.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Fare il Pane

  1. 1
    Metti alla prova la tua pasta. Per farlo, versa tutta la madre in una ciotola e aggiungi parti uguali di farina e acqua mescolando. Il totale di acqua che aggiungi non deve eccedere quello usato per la ricetta del pane. 1 tazza (236 ml) è una misura sufficiente per una pagnotta. Copri la ciotola con un canovaccio e lascia che il lievito cresca per qualche ora. Questo processo si chiama "test." La pasta che ne risulta viene anche chiamata "spugna."
  2. 2
    Mescola sale e farina. Quando la spugna fa le bolle sei pronta per aggiungere il resto degli ingredienti. Metti una presa o due di sale e gradualmente aggiungi la farina finché la pasta non sarà soda e non appiccicosa.
    • La farina varia per quanto riguarda l'assorbenza, perciò usare le misure esatte non serve certo più che non usare il buon senso.
    • Per amalgamare bene la pasta puoi usare le mani.
  3. 3
    Copri la ciotola con un canovaccio e lascia lievitare per qualche ora. Il lievito funzionerà a seconda delle condizioni quindi porta pazienza. Quando ha raddoppiato il volume, è pronto per il prossimo passaggio.
    • La pasta cresce più velocemente quando è i un luogo caldo e asciutto. Se la tua cucina è fredda, accendi il forno, lascia la porta leggermente aperta e sistemaci dentro la ciotola.
    • Puoi lasciarla crescere anche nel frigorifero per tutta la notte.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Terminare

  1. 1
    Impasta. Metti un po' di farina su una superficie pulita e appoggiaci sopra la pasta. Lavorala e massaggiala per almeno dieci minuti. Aggiungi la farina quando è necessario per evitare che si attacchi alle mani.
    • La pasta dovrebbe diventare lucida e liscia. Continua a lavorarle finché non arriva alla consistenza esatta.
    • Puoi usare un impastatore elettrico con il braccio apposito invece delle mani.
  2. 2
    Lascia lievitare nuovamente. Forma una palla e coprila con un canovaccio. Lascia riposare finché non raddoppia il volume. Intanto, preriscalda il forno a 220°.
  3. 3
    Cuoci il pane. Quando la pasta ha raddoppiato il suo volume, sistemalo so una teglia, in una forma da pane o in una pentola spessa e mettilo in forno. Lascia cuocere per 45 minuti a 220°. Togli a fine cottura e lascia riposare per 10 minuti prima di tagliare.
    Pubblicità

Consigli

  • Metti da parte un po' di pasta e conservala come madre per la prossima pagnotta.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non usare un contenitore di metallo per la madre. Alcuni reagiscono e potrebbero rovinarla.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Vaso di vetro
  • Farina
  • Acqua
  • Ciotola
  • Frusta
  • Canovaccio
  • Sale
  • Teglia

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 13 901 volte
Categorie: Pane & Pasta | Ricette
Questa pagina è stata letta 13 901 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità