Scarica PDF Scarica PDF

L'uva moscatina (Vitis rotundifolia) è perfetta per i produttori di vino amatoriali perché ha un'elevata acidità e un sapore robusto; utilizzando questa uva si possono saltare molti passaggi noiosi della vinificazione. Per procedere, acquista la strumentazione adatta e sterilizzala; realizza poi la tua ricetta personale partendo da una miscela di uva schiacciata, zucchero, lievito e altri additivi. Lascia che il mosto completi la fermentazione e trasferiscilo in una damigiana; quando l'effervescenza si è fermata, imbottiglia il vino e lascialo maturare per due o tre anni.

Ingredienti

Per circa 3 bottiglie di vino

  • 1,5 kg di uva moscatina fresca
  • 1,2 kg di zucchero semolato
  • 1 bustina di lievito per vini rossi
  • Nutrienti per il lievito
  • 1 compressa triturata di metabisolfito di sodio
  • Stabilizzatore come il sorbato di potassio

Parte 1 di 5:
Riunire e Sterilizzare l'Attrezzatura

  1. 1
    Acquista gli strumenti per la produzione di vino. Hai bisogno di circa 28 compresse di metabisolfito di sodio per sterilizzare gli attrezzi, 2 secchi per fermentazione da 4 litri o contenitori analoghi per uso alimentare, 2 damigiane di plastica o vetro, un tappo di sughero e una valvola airlock adatti per le damigiane, un filtro a sacchetto o un telo di mussola, un sifone di vinile lungo 1 m, 6 bottiglie in vetro con tappo di sughero, una tappatrice, un cucchiaio a manico lungo per mescolare e un grosso imbuto.[1]
    • Puoi acquistare il tutto online o presso un negozio di articoli per la vinificazione amatoriale.
  2. 2
    Lava la strumentazione con acqua e sapone. Se è sporca o è già stata usata in precedenza, devi lavarla prima di igienizzarla. Per farlo, riempi un lavandino con acqua calda e sapone per i piatti. Strofina accuratamente tutti gli attrezzi per eliminare sporco o residui; al termine, risciacquali con scrupolo per togliere ogni traccia di detersivo.
    • Se gli strumenti non sono mai stati usati, puoi saltare questo passaggio.
  3. 3
    Prepara una soluzione igienizzante. Se non sterilizzi la strumentazione, il vino deperisce prima ancora di poterlo assaggiare. Riempi i secchi di fermentazione con acqua lasciando un po' di spazio per permettere al livello del liquido di salire e aggiungi 14 compresse di metabisolfito di sodio in ogni recipiente;[2] mescola la soluzione per alcuni minuti in modo che le compresse si dissolvano.
    • È notoriamente difficile far sciogliere questa sostanza in acqua, potrebbero restare dei grumi galleggianti anche al termine del processo.
  4. 4
    Immergi gli attrezzi. Disponili delicatamente all'interno dei due secchi; questo significa che devi igienizzare le damigiane di vetro, il tappo e la valvola airlock, il filtro a sacchetto o il telo di mussola, il cucchiaio e il sifone di vinile. Lasciali a bagno per alcuni minuti per uccidere tutti i microrganismi.[3]
    • Puoi anche non sterilizzare le bottiglie finché non giunge il momento di trasferirvi il vino; dovrai comunque rispettare la medesima procedura.
  5. 5
    Estrai gli oggetti dal liquido. Accertati di aver lavato le mani prima di procedere e disponi gli attrezzi bagnati sopra un canovaccio asciutto e pulito, lasciando che l'umidità evapori all'aria; butta via la soluzione igienizzante che si trova nei secchi ed esponi anch'essi all'aria.
    • Prima di gettare il liquido, smuovilo nel contenitore per eliminare anche ogni frammento di compressa che si è depositato sul fondo.
    • Non risciacquare l'attrezzatura dopo averla igienizzata.
    Pubblicità

Parte 2 di 5:
Preparare il Vino

  1. 1
    Riunisci gli ingredienti. Hai bisogno di 1,5 kg di uva moscatina fresca, 1,2 kg di zucchero semolato, una bustina di lievito per vini rossi, i relativi nutrienti, una compressa di metabisolfito di sodio e uno stabilizzatore come il sorbato di potassio;[4] non usare l'uva congelata perché altera il sapore del prodotto finito.
    • Per conoscere la dose esatta del lievito, dei nutrienti e dello stabilizzatore, leggi le istruzioni riportate sulle rispettive confezioni; ogni marca indica linee guida leggermente differenti.
    • Togli ogni foglia, stelo o frutto marcio dai grappoli e lava gli acini.[5]
  2. 2
    Togli le bucce. Puoi tagliare ogni chicco a mano o congelarlo per far scoppiare la buccia; in questo secondo caso, trasferisci la frutta in una grande ciotola pulita e riponila in freezer per 3-4 ore. Aspetta quindi che si scongeli a temperatura ambiente per un paio d'ore; quando l'uva è scongelata, schiacciala con uno schiacciapatate o con le mani pulite.
  3. 3
    Prepara la miscela di fermentazione. Versa 3 litri di acqua in uno dei secchi di fermentazione igienizzati; aggiungi lo zucchero, la compressa triturata di metabisolfito di sodio, i nutrienti per il lievito e il sorbato di potassio. Mescola tutti gli ingredienti finché non sono ben amalgamati.
    • Accertati che il cucchiaio sia pulito e sterilizzato.
    • Leggi le istruzioni riportate sulle confezioni dei nutrienti per il lievito e del sorbato di potassio per conoscere le dosi esatte da usare.
  4. 4
    Versa le uve schiacciate nel filtro a sacchetto. Per evitare di sporcare eccessivamente la zona di lavoro, procedi sopra il secchio di fermentazione; quando il filtro è pieno, annodalo e depositalo delicatamente dentro la miscela di fermentazione.
    • Questo tipo di sacchetto permette di rimuovere facilmente i residui solidi dal vino senza doverlo filtrare.
  5. 5
    Copri il recipiente con un panno e mettilo da parte. Trova un posto tranquillo in cui nessuno possa urtare e rovesciare il secchio; lascia quindi riposare il composto per 24 ore. Durante questa fase il metabisolfito di sodio igienizza il vino.[6]
    • Non preoccuparti se il mosto ha un odore strano; il metabisolfito di sodio rilascia dei tenui fumi di zolfo durante il processo.
  6. 6
    Aggiungi il lievito. Una volta che il composto ha riposato per 24 ore, distribuisci questo ingrediente sulla superficie mescolando con un cucchiaio igienizzato; copri nuovamente il secchio con un canovaccio pulito e trasferiscilo in una stanza buia e fresca con una temperatura compresa tra 22 e 25 °C.
    • Leggi le istruzioni sulla bustina del lievito per conoscere la quantità da usare.
    Pubblicità

Parte 3 di 5:
Portare a Termine la Prima Fermentazione

  1. 1
    Lascia che il mosto fermenti per 5-7 giorni. Mescolalo quotidianamente con il cucchiaio sterilizzato per spingere il sacchetto sul fondo. Quando procedi, controlla la presenza di bolle; trascorsi 5-7 giorni il liquido non dovrebbe più emetterne mentre mescoli. L'assenza di bolle indica che il mosto ha completato la prima fermentazione.[7]
    • Ricorda di conservare il liquido in un posto fresco e buio con una temperatura compresa tra 22 e 25 °C.
  2. 2
    Usa un densimetro o un test per l'acidità. Entrambi permettono di definire la fase in cui si trova il liquido. Tuttavia, l'elevata acidità delle uve moscatine rende inutile un monitoraggio tanto frequente come quello per gli altri tipi di vino; se vuoi però usare questi strumenti, acquistali online o in un negozio di attrezzature per la vinificazione.
    • Se hai deciso di usare un densimetro, sappi che la prima fermentazione si conclude quando rilevi un valore pari a 1,030.
    • Se hai optato per un test dell'acidità, misura il vino dopo 24 ore di fermentazione e poi una volta al giorno; il livello di acidità deve rimanere al di sotto di 7 parti per trilione di acido tartarico.[8]
  3. 3
    Filtra il vino travasandolo nel secchio di fermentazione pulito. Per prima cosa, rimuovi il sacchetto e strizzalo per estrarre fino all'ultima goccia di liquido; fissa un telo di stamigna sopra l'apertura del secchio pulito usando un grande elastico o lo spago e avendo cura che il tessuto non sia teso. Versa il contenuto del primo secchio nel secondo, in modo che ogni residuo solido venga trattenuto dalla stamigna.
    • Dopo il travaso, butta via la stamigna e i residui raccolti.
  4. 4
    Trasferisci il vino filtrato nella damigiana. Se necessario, chiedi a un amico di aiutarti in questa fase. Inserisci l'imbuto nell'apertura della damigiana, versa quindi con attenzione il liquido fermandoti quando il livello si trova a qualche centimetro dalla sommità; se hai preparato parecchio vino, potresti aver bisogno di due damigiane. Infila strettamente il tappo di sughero e la valvola airlock nell'apertura.
    • Se non sai quanto serrare il tappo e la valvola, leggi le istruzioni del produttore della damigiana che hai acquistato.
  5. 5
    Fai fermentare il vino per tre settimane. Metti la damigiana nel luogo fresco e buio che hai usato per la prima fermentazione e lascia il liquido indisturbato per almeno 21 giorni; verifica quotidianamente la valvola e il tappo per accertarti che restino saldamente in sede.
    • Se si smuovono, serrali nuovamente, altrimenti i batteri e i residui possono entrare nel vino.
    • Verifica che le mani siano pulite prima di toccare questi elementi.
  6. 6
    Esamina il vino. Trascorse tre settimane controlla con scrupolo il liquido. Se la schiuma è assente o in quantità minima e noti un sedimento scuro sul fondo del recipiente, il vino è pronto per essere travasato;[9] in caso contrario, lascialo riposare per un'altra settimana prima di controllarlo di nuovo.
    Pubblicità

Parte 4 di 5:
Travasare il Vino

  1. 1
    Preparati per il travaso. Metti la damigiana piena sul tavolo o una sedia con la base piana, avendo cura di non mescolare il sedimento che si trova sul fondo; avvicina la seconda damigiana lasciandola a terra, a un livello inferiore. Assicurati che anche questo secondo recipiente sia pulito e igienizzato.
    • Se rimescoli il sedimento, lascia riposare il liquido per alcune ore prima di procedere; in questo modo, i residui precipitano nuovamente.
  2. 2
    Inserisci il sifone. Togli il tappo, la valvola airlock e mettili da parte su un panno pulito; infila il sifone nella damigiana finché l'estremità non si trova ad alcuni centimetri dal sedimento.
    • Se il tubo tocca i residui, li aspira e li trasferisce nel nuovo recipiente rendendo inutile tutto il lavoro.
  3. 3
    Aspira il vino. Succhia dall'estremità libera del tubo finché non senti il sapore della bevanda; porta quindi rapidamente il tubo nella seconda damigiana e riempila. Monitora attentamente il processo per assicurarti che il sedimento non venga trasferito.
    • Se temi di contaminare il vino con i batteri della tua bocca, usa una siringa a bulbo per iniziare il travaso.[10]
    • Puoi comprare le siringhe a bulbo online o nei negozi per attrezzature per la vinificazione.
  4. 4
    Inserisci nuovamente il tappo e la valvola. Avvitali strettamente usando le mani pulite; riponi la damigiana nel luogo freddo e buio per continuare la fermentazione.[11]
    • Pulisci e sterilizza la vecchia damigiana dopo il travaso; in caso contrario, i depositi solidi aderiscono al fondo e la loro rimozione diventa molto difficile.
  5. 5
    Continua a travasare il vino. Controlla la presenza di sedimenti ogni tre settimane e trasferisci il liquido da un recipiente all'altro per depurarlo; l'intero processo richiede fino a nove settimane.[12] Quando il liquido è perfettamente limpido, puoi imbottigliarlo.
    Pubblicità

Parte 5 di 5:
Imbottigliare il Vino

  1. 1
    Trasferisci il vino nelle bottiglie pulite usando il sifone. Prendi un tubo pulito e igienizzato per travasare il liquido in bottiglie parimenti sterilizzate; ricorda di lavorare in un ambiente facile da pulire, dato che il processo potrebbe creare un po' di disordine.[13]
    • Se non vuoi contaminare il vino con i batteri presenti nella tua bocca, usa una siringa a bulbo per aspirarlo.[14]
  2. 2
    Usa una tappatrice per sigillare le bottiglie. I modelli dei vari produttori sono tutti diversi, segui quindi il manuale di istruzioni per quanto riguarda l'utilizzo; accertati di avere un numero sufficiente di tappi di sughero per tutte le bottiglie.
    • Se la tappatrice si muove con fatica, usa il WD-40 per lubrificare le parti in movimento; tuttavia, non applicarlo sulle superfici che entrano in contatto con il vino o con il tappo.[15]
  3. 3
    Applica l'etichetta sulle bottiglie riportando la data e gli ingredienti. Puoi usare una macchina specifica o dei fogli di carta e del nastro adesivo per creare un'etichetta personalizzata per il tuo vino; non dimenticare la data e l'elenco degli ingredienti, queste informazioni permettono di capire quando potrai gustare la bevanda.
    • Sii dettagliato quando annoti gli ingredienti, in modo da sapere immediatamente qual è la ricetta che hai usato, nel caso il vino ti piacesse o volessi invece apportare delle modifiche.
  4. 4
    Lascia che la bevanda fermenti per due o tre anni. È difficile resistere alla tentazione di aprire una bottiglia di vino casalingo; tuttavia, il suo sapore è migliore dopo un periodo di invecchiamento. Se semplicemente non puoi aspettare, ricorda che la bevanda è sicura da consumare anche se il suo sapore non è dei migliori.[16]
    • Crea un nuovo lotto di vino a ogni stagione per avere una scorta costante di vino d'uva moscatina.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità.
Categorie: Ricette | Drinks
Questa pagina è stata letta 939 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità