Scarica PDF Scarica PDF

Molti genitori di bambini ai primi passi ben presto capiscono il motivo per cui l'età dei loro figli viene definita i “Terribili Due Anni”. Oltre alle normali sfide che bisogna affrontare con un bimbo duenne, alcuni genitori hanno difficoltà per convincerlo a dormire da solo. Una volta compiuti i fatidici due anni, i bambini si sono ormai abituati al loro solito rituale per andare a nanna, e qualsiasi cambiamento fatto a questa routine probabilmente andrà incontro a una certa resistenza. Ci sono comunque dei semplici passaggi che i genitori possono seguire affinché il bimbo smetta di piangere e di opporsi e vada a dormire da solo tutte le sere.

Passaggi

  1. 1
    Fai in modo che il bimbo smetta di piangere. Trattieniti dal consentirgli di urlare. Una volta che tuo figlio piange al punto da diventare inconsolabile, diventa sempre più difficile per lui smettere di farlo. I bambini di due anni non capiscono come regolare le loro emozioni e, se vengono lasciati da soli a piangere di notte invece di essere confortati, ciò può portarli a sentirsi abbandonati. Per i bambini che sono vivaci, questo può anche essere un risultato di una produzione inferiore di serotonina, che in genere ha livelli più elevati nei bimbi più calmi e meno attivi. Certo, tuo figlio prima o poi potrebbe smettere di piangere e addormentarsi, ma è probabile che questo venga causato dalla sola stanchezza, e non perché ha imparato ad abituarsi alla routine serale.
  2. 2
    Assicurati che tuo figlio sia impegnato grazie a numerose attività fisiche durante il giorno. I bambini di due anni sono pieni di energia. Se non viene fornita loro l'opportunità di usarla nel corso della giornata, è probabile che essa sarà ancora lì quando arriverà l'ora di andare a letto. L'energia in eccesso si combina in maniera pessima con un orario della nanna stabilito presto. Inoltre, un'attività fisica regolare aiuta a incrementare i livelli di serotonina nel bimbo.
    • Portalo a giocare fuori affinché respiri dell'aria fresca se il tempo lo permette. Qualora non avesse un giardino in cui giocare, portalo al parco o nel cortile della scuola. Anche una semplice passeggiata nel quartiere può aiutarlo a usare la sua energia.
    • Incoraggia tuo figlio a giocare attivamente con i giocattoli. Anche l'attività più semplice utilizza la sua energia, dunque offrigli un sacco di attività adatte alla sua età. Colorare libri, modellare la plastilina, costruire con i mattoncini colorati e dipingere con le dita sono tutte attività creative che generalmente piacciono a un bimbo di due anni.
  3. 3
    Attento a non fargli praticare fin troppa attività fisica, la quale può sovreccitarlo. Le attività che prosciugano l'energia per tutto il giorno possono incrementare la produzione di cortisolo, un ormone dello stress, nel corpo. Quando i livelli di cortisolo sono elevati, essi possono interferire con l'orario della nanna e inibire il sonno. In generale, è meglio non includere più di una grande attività per consumare energia al giorno. Per esempio, se vai a fare shopping per tre ore in un centro commerciale affollato, probabilmente è meglio rimandare a un altro giorno la gita allo zoo o l'appuntamento preso per giocare con un altro bambino.
  4. 4
    Evita di permettere a tuo figlio di sedersi e guardare la televisione troppo a lungo. La visione della TV non è raccomandata per i bambini di meno di tre anni. Questo dipende in gran parte dal fatto che può interferire con il modo in cui il cervello processa le informazioni, e potrebbe condurre allo sviluppo dell'ADD/ADHD. Benché questa teoria non sia stata provata, sta acquisendo popolarità tra i professionisti del settore sanitario, inclusi i pediatri e gli psicologi infantili. Quello che sì è stato dimostrato è che molti bambini piccoli che guardano la televisione sperimentano un'impennata degli ormoni dello stress, che possono essere attivi per tutto il giorno e interferire con il sonno all'ora di andare a letto.
  5. 5
    Abbassa di un grado il livello di attività del bambino durante il tardo pomeriggio e le prime ore della sera. Fallo calmare per circa un'ora prima della cena. Fai in modo che il passaggio dalle ore di gioco industriose e dinamiche alle attività tranquillizzanti come leggere un libro, cantare canzoni o creare un gioco immaginativo con i giocattoli proceda senza scossoni.
    • Se la TV o lo stereo è acceso per tutto il giorno, spegnilo poco prima della cena e non accenderlo di nuovo finché il bambino non sarà andato a letto. Eliminare le distrazioni di questo tipo può aiutarlo a rasserenarsi.
    • Prepara un bagno caldo per tuo figlio dopo cena per aiutare a calmare sia la mente sia il corpo. Prova a usare del sapone o uno shampoo alla lavanda, che ha delle proprietà distendenti.
  6. 6
    Fai il tentativo di seguire la medesima routine prima di andare a letto ogni sera. Questo aiuterà il bambino a imparare velocemente cosa ci si aspetta da lui a quell'ora. Dopo una sola settimana di realizzazione delle stesse attività prima dell'ora della nanna, la maggior parte dei bambini si abitua alla nuova routine e sa che si determinerà ogni sera. Decidi a che ora farlo andare a letto e assicurati di avviare la routine serale alla stessa ora tutti i giorni.
  7. 7
    Fai qualsiasi cosa funzioni per te, tuo figlio e la tua agenda. Se hai solo un bambino, è probabile che per te sia più semplice incorporare queste abitudini nella routine per la nanna, mentre con più bimbi è più difficile. Per esempio, con un solo figlio, un giro con il passeggino nel quartiere è un incarico abbastanza facile. Tuttavia, se hai altri figli e anche loro hanno delle routine serali, per non parlare dei compiti e delle attività extracurricolari, una passeggiata serale potrebbe essere fuori questione.
  8. 8
    Fai in modo che la routine per la nanna sia semplice. I bambini di due anni non hanno ancora sviluppato tutte le loro capacità cognitive. Se la routine per andare a letto contiene molteplici passaggi, possono lasciarsi sopraffare, il che può essere controproducente. Un bagno, un piccolo bicchiere di latte tiepido seguito dal lavaggio dei denti e una favola della buonanotte costituiscono una routine per la nanna semplice, che può essere seguita facilmente ogni sera.
  9. 9
    Rimani sotto gli occhi del bambino nel periodo di adattamento alla nuova routine per la nanna. Questo può aiutarlo a sentirsi sicuro nel corso della transizione per dormire da solo.
    • Resta nella sua stanza ed esegui delle attività semplici e silenziose mentre lui è steso nella culla o sul letto. Piega i panni, occupati del bilancio domestico, apri la posta o leggi un libro.
    • Spiega a tuo figlio che rimarrai nella camera finché non si sarà addormentato, ma che all'ora di dormire non c'è spazio per giocare o per parlare. Deve infatti sapere che sarai lì a tenergli compagnia mentre cerca di addormentarsi.
    • Fallo ogni sera. Alla fine, il suo senso di sicurezza migliorerà, e probabilmente richiederà meno tempo per addormentarsi.
  10. 10
    Lascia che tuo figlio prenda delle decisioni ogni sera, ciò dovrebbe diventare parte integrante della routine per la nanna. Limita le sue opzioni affinché le sue scelte siano semplici.
    • Lascia che decida che storia vuole ascoltare prima di addormentarsi. Permettergli di scegliere un libro tra due o tre possibilità lo farà sentire come se esercitasse del controllo. Chiedergli di selezionare un volume da uno scaffale che ne contiene 20, invece, può scoraggiarlo.
    • Stendi due pigiami sul letto e permetti a tuo figlio di scegliere quale vuole indossare prima di andare a letto.
    • Mentre fa il bagnetto, chiedigli quali canzoni vuole che canti.
  11. 11
    Dai a tuo figlio altre opzioni limitate per andare a letto, come "Vuoi andare a dormire ora o tra 10 minuti?". Probabilmente ti dirà tra 10 minuti, ma dargli la possibilità di scegliere gli farà pensare di avere più controllo al riguardo, il che può permetterti di evitare le lotte per farlo addormentare. Trattieniti dal mettere in atto delle lotte di potere con tuo figlio. Una volta che imposti una regola, è importante che tu la faccia rispettare sempre.
  12. 12
    Non cedere ai pianti e alle suppliche di tuo figlio per rimandare l'ora della nanna. Se lo fai solo una volta, indirettamente gli comunicherai che le regole possono essere infrante. Un bambino di due anni non può comprendere le occasioni speciali come lo fa uno più grande, quindi imparerà solo che ogni sera potrà piangere per ottenere quello che vuole.
  13. 13
    Mantieni sempre la calma. Può essere frustrante avere a che fare con un bimbo che si rifiuta di andare a dormire di sera. È importante che tu mantenga il controllo e che non perda mai la calma. Non urlare né alzare la voce, comunica le tue regole con un tono fermo ma gentile.
  14. 14
    Ignora gli scatti d'ira o i pianti. Riconoscerli, in qualche modo, dimostra al bambino che i suoi sforzi per richiamare la tua attenzione stanno funzionando. Anche l'attenzione negativa è pur sempre attenzione, quindi è meglio evitare direttamente di dare peso ai capricci.
    Pubblicità

Consigli

  • Sviluppare una routine per la nanna efficace per tuo figlio non è di certo facile. I bimbi di due anni non hanno ancora una certa maturità e generalmente non si abituano subito ai cambiamenti. Ricorda che ci vorrà del tempo prima che si adatti alla nuova routine. Sii paziente e comprendi che hai bisogno di tempo, ma alla fine il bambino imparerà ad accettare le modifiche e andrà a dormire da solo, senza piangere.
  • I bambini sono noti per avviare delle lotte di potere con i loro genitori. Questi ultimi devono scegliere le loro battaglie, e l'ora della nanna potrebbe non essere il momento più adatto per mettere da parte le regole. Offrire al bimbo delle scelte semplici all'ora di andare a letto può aiutarlo a sentire di avere potere e ad alleviare le frustrazioni del caso.
  • La tecnica del pianto e degli urli, ovvero lasciare che il bambino gridi finché non si addormenta, una volta era comune tra i neo-genitori grazie a un libro popolare scritto da un pediatra che tesseva le lodi di questo tipo di abitudine. Sebbene alcuni medici sostengano ancora questa teoria, molti pediatri e professionisti del campo sanitario sono d'accordo sul fatto che lasciare il bambino strillare può avere conseguenze negative.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Rompere le AcqueFar Rompere le Acque
Riconoscere la Posizione del Bambino nell'UteroRiconoscere la Posizione del Bambino nell'Utero
Insegnare a un Bambino a GattonareInsegnare a un Bambino a Gattonare
Mettere Incinta la tua RagazzaMettere Incinta la tua Ragazza
Riconoscere i Segni di un Aborto SpontaneoRiconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Fingere una GravidanzaFingere una Gravidanza
Gestire un Bambino che Non Vuole Andare a ScuolaGestire un Bambino che Non Vuole Andare a Scuola
Girare un Bambino PodalicoGirare un Bambino Podalico
Far Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy HoggFar Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy Hogg
Bloccare la Produzione di Latte MaternoBloccare la Produzione di Latte Materno
Tenere un NeonatoTenere un Neonato
Ascoltare il Battito Cardiaco FetaleAscoltare il Battito Cardiaco Fetale
Aumentare le Possibilità di Concepire un MaschiettoAumentare le Possibilità di Concepire un Maschietto
Fare in modo che un Neonato faccia il RuttinoFare in modo che un Neonato faccia il Ruttino
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 26 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 19 460 volte
Categorie: Genitori
Questa pagina è stata letta 19 460 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità