Come Fare la Marmellata

In questo Articolo:Preparare gli IngredientiFare la MarmellataConservare la MarmellataRiferimenti

Nel mondo odierno dei supermercati aperti anche la domenica e del “tutto pronto”, è facile dimenticare che la marmellata non nasce nei negozi. La marmellata fatta in casa ha un sapore più fresco di quella confezionata ed è un bel regalo. Se vuoi scoprire come si prepara, basta seguire le istruzioni riportate in questo articolo.

Ingredienti

  • 2 kg di Frutta fresca dolce (fragole, mirtilli o albicocche)
  • 1 pacchetto di pectina (facoltativo)
  • 4 tazze di Zucchero (mettine 5 se usi della frutta amara come le arance)
  • 1/4 di tazza di succo di Limone
  • 1/2 cucchiaino di Burro o Margarina

1
Preparare gli Ingredienti

  1. 1
    Decidi se usare o meno la pectina. Non è necessario usarla per fare la marmellata; però aiuta la marmellata a prendere la consistenza di gelatina e può evitare che sia troppo liquida. La trovi nella maggior parte dei supermercati, nella corsia dello scatolame o dei prodotti da forno, la trovi sia in forma liquida che in polvere. Se decidi di non usare la pectina, leggi attentamente le proporzioni tra frutta e zucchero per gli ingredienti che userai. La ricetta cambierà leggermente.
  2. 2
    Sterilizza una dozzina di barattoli da marmellata. Non puoi usare dei barattoli vecchi a caso, devi procurarti dei vasetti specifici per fare questo lavoro. Falli bollire per 10 minuti. Mettili al contrario su un asciugapiatti pulito e coprili con un altro finché non sarai pronto a utilizzarli. Forse non avrai bisogno di tutti e 12 i vasetti, soprattutto se ne hai presi di grandi, ma è più facile prepararne qualcuno in più che non trovarsi alla fine che te ne mancano.
    • La sterilizzazione è molto importante perché il principio base di questa operazione è che i microorganismi che rovinano il cibo vengano eliminati completamente.
  3. 3
    Prepara la frutta. Prima di tutto lava la frutta e preparala come se la dovessi mangiare. Pelala, togli i noccioli, i piccioli, i torsoli o qualsiasi altra cosa tu tolga di solito. Poi taglia la frutta in pezzi piccoli. Se stai usando more o mirtilli non c'è bisogno di tagliarli ma se usi fragole, albicocche o comunque della frutta più grande delle bacche allora dovresti tagliarla in pezzetti di una grandezza mangiabile.[1]
  4. 4
    Schiaccia la frutta. Una volta che hai lavato e tagliato la frutta e che l'hai lasciato un po' di tempo a sgocciolare, devi schiacciarla con uno schiaccia patate o con un cucchiaio di legno. Non impazzire su questa cosa, comunque la frutta si ammorbidirà mentre la fai bollire. Quanto schiacciare la frutta dipende da che tipo di marmellata vuoi: se vuoi una marmellata a pezzi grossi, schiacciala poco, se no riduci la frutta in una purea.
  5. 5
    Prepara la frutta in una pentola o in una casseruola. Prima di tutto metti la frutta nella pentola, aggiungi il succo di limone e il burro. Aggiungi 1/4 di tazza di succo di limone e un cucchiaino di burro o margarina. Mescola lentamente gli ingredienti. Puoi scaldare il burro prima di aggiungerlo, così che amalgamarlo sia più semplice. Il succo di limone taglia un po' della dolcezza della marmellata.

2
Fare la Marmellata

  1. 1
    Porta la frutta a ebollizione. Deve raggiungere l'ebollizione completa e cioè a quel punto in cui il composto non smette mai di fare le bolle, neanche quando mescoli. Mescola costantemente facendo attenzione a toccare anche il fondo della pentola per evitare che si attacchi. Far bollire la frutta, ne farà uscire il succo e eviterà che il composto di bruci.
  2. 2
    Aggiungi lo zucchero. Aggiungi lo zucchero quando il calore è ancora alto e mescola per farlo sciogliere completamente. Vedrai che la frutta diventa di un colore più chiaro e brillante. Continua a mescolare costantemente. Per questa ricetta dovresti usare 4 tazze di zucchero per 2 kg di frutta (una proporzione di 1:2 zucchero a frutta), ma sappi che le proporzioni cambiano. Se stai usando della frutta amara, come le arance, la proporzione dovrebbe essere 2:3 (due tazze di zucchero per ogni 400 gr di frutta) [2].
    • Non lesinare sullo zucchero. Forse penserai che questo renda la marmellata più sana ma la realtà è che ne rovinerà la consistenza.
  3. 3
    Lascia che la frutta bolla per 5-20 minuti finché non diventa densa e raggiunge la giusta consistenza. Fai scaldare la frutta a fuoco basso finché non prende la giusta consistenza; il tempo necessario per questa operazione varia a seconda dal tipo di frutta che stai usando, perché alcuni frutti ci mettono di più ad ammorbidirsi. Se usi la pectina, controlla sulla confezione quanto tempo farla bollire. Continua a mescolare costantemente.
    • Puoi controllare la consistenza della marmellata con un cucchiaio freddo.
  4. 4
    Togli dal fuoco. Quando il composto è pronto, spegni il fuoco e togli la pentola dal fornello.
  5. 5
    Usa un cucchiaio per togliere l'eventuale schiuma dalla superficie. Potrebbe formarsi una schiuma biancastra e alcuni frutti possono darne più di altri. Non devi togliere proprio ogni traccia di bianco ma se la lasci, cambierà la consistenza della marmellata e anche il gusto.

3
Conservare la Marmellata

  1. 1
    Con un mestolo metti la marmellata dentro ai vasetti preparati. Usa un imbuto per aiutarti a mettere la marmellata nei vasetti. Assicurati di lasciare un dito di spazio tra la marmellata e il coperchio. Pulisci l'imboccatura del vasetto con della stoffa pulita e rimuovi ogni residuo che possa trovarsi sul vasetto. Fai attenzione specialmente a pulire bene la parte dove si avviterà il coperchio [3].
  2. 2
    Prepara i coperchi. Fai bollire dell'acqua in una pentola, togli dal fuoco. Metti i coperchi nell'acqua. Spingili giù per farli affondare e cerca di tenerli lontani gli uni dagli altri, così che si scaldino in maniera uniforme. Lasciali nell'acqua per un paio di minuti. Puoi farlo mentre pulisci i vasetti.[4]
    • Metti un coperchio per ogni vasetto. Una barretta magnetica ti aiuterà a toglierli dall'acqua senza bruciarti . Per aprire il sigillo, mettilo su un vasetto e piega la barretta. Se non hai una barretta magnetica usa un paio di pinze.
    • Avvita un coperchio sul vasetto e stringilo bene. Non stringere tanto da forzare il coperchio.
  3. 3
    Fai bollire i vasetti pieni di marmellata per 10 minuti. Metti i vasetti in una pentola grande dentro a un cestello. Se stai usando una pentola grande, metti il cestello sul fondo o qualcosa con cui evitare il contatto diretto dei vasetti con la pentola. Aggiungi abbastanza acqua calda per coprirli di 2 o 3 cm. Lo puoi misurare con le dita. Poi copri tutto e porta l'acqua a ebollizione.
  4. 4
    Fai raffreddare i vasetti. Togli i vasetti dall'acqua bollente. Puoi usare delle pinze per essere sicuro oppure estrai tutto il cestello. Metti i vasetti a raffreddare su un asciugapiatti pulito. Lascia raffreddare i vasetti pieni per 24 ore in un luogo protetto dalle correnti d'aria. I coperchi di metallo potrebbero emettere dei rumori. I rumori provengono dal raffreddamento del contenuto e dalla creazione del sottovuoto dentro al vasetto.
  5. 5
    Assicurati che i vasetti si siano chiusi bene. Il vuoto che si è creato all'interno del vasetto dovrebbe aver fatto scendere la parte centrale del coperchio. Se riesci a premere la parte centrale del vasetto significa che non si sono sigillati bene. Non dovrebbe tornare su. Se ci sono dei vasetti che non si sono sigillati bene, puoi metterci un coperchio nuovo e ripetere l'operazione, oppure metterli in frigo e usarli.
    • Lava i vasetti in acqua fredda e sapone per rimuovere i resti di marmellata che possono esserci sull'esterno. Ora puoi togliere le sicure perché i coperchi dovrebbero essere ben sigillati. Lascia asciugare bene prima di rimettere le sicure per evitare la formazione di ruggine.

Consigli

  • Puoi sminuzzare la frutta nel frullatore. Questo ti farà risparmiare tempo ed energia.
  • Consulta ricette on line o sui libri per controllare i tempi di cottura in relazione alla quantità di frutta e alla grandezza dei vasetti, soprattutto se usi una vecchia ricetta. I tempi di elaborazione sono cambiati nel corso degli anni, perché abbiamo imparato di più sulla sicurezza e, in alcuni casi, perché i cibi vengono prodotti in modo diverso.
  • Fai una eccellente marmellata usando 3/4 tazze di zucchero per ogni 400 gr di frutta fresca - non usare pectina. Porta a bollore lentamente e mescola solo ogni tanto per mezz'ora o un'ora. Metti un piatto di ceramica nel freezer. La marmellata è pronta quando, versando un cucchiaio del composto sul piatto freddo, si forma una scia. In questo modo il sapore della frutta rimane più integro.
  • Ottieni il risultato che vuoi. Usa della frutta quasi completamente matura. Se compri una grande quantità di frutta, prima chiedi di assaggiarla; dovrebbe essere matura al punto giusto e non troppo dolce.
  • Puoi sterilizzare i vasetti mettendoli in lavastoviglie con i gradi alti.
  • Se la tua marmellata non si è raddensata (solidificata dopo il raffreddamento), puoi recuperare il contenuto rimettendolo nella pentola e aggiungendo della pectina.
  • Tieni i vasetti in un posto sterile finché non li riempi di marmellata; magari nel forno a 180°C su una teglia coperta da un telo di spugna. Rimuovili uno alla volta.
  • Prova la marmellata sui muffins, su del pane dolce, su una torta, sugli scones, sui bagels (con o senza crema di formaggio), oltre che ovviamente sul classico pane da toast.
  • Si può fare la marmellata senza aggiungere pectina oltre a quella contenuta naturalmente nella frutta. Alcune vecchie ricette (o vecchio stile) te lo potrebbero suggerire. La pectina fa raddensare il composto più velocemente e con più certezza. Prova pure i vecchi metodi ma sappi che mescolerai molto più a lungo e aspetterai di più.
  • Se alla fine ti rimane un vasetto a metà, o lo aggiungi alla cottura successiva (aggiungilo alla frutta all'inizio del processo), mettilo in un vasetto più piccolo o mettilo in frigo e usalo. In questo modo puoi subito controllare il risultato del tuo lavoro.
  • Metti sui vasetti un'etichetta che riporti almeno l'anno. Potresti anche scrivere il contenuto perché, frutta come mele e pesche, dopo un mese, sono difficili da distinguere. Scrivi anche il tuo nome se il vasetto è destinato a diventare un regalo. Puoi usare un'etichetta o un pennarello indelebile. In ogni caso, assicurati che la superficie sia completamente asciutta. Fai un segno sulle guarnizioni se vuoi riutilizzare i vasetti facilmente.
  • La marmellata si può fare anche dalla frutta fresca. Scongelala prima di cominciare.
  • Metti i vasetti sigillati su una mensola, evitando l'eccessiva esposizione al calore e alla luce. Tenere in frigo dopo averli aperti.
  • Se riesci ad avere un ibrido di mirtilli o lamponi freschi o congelati, provali. Tutte le bacche e i frutti di bosco danno delle marmellate eccellenti.
  • Le pesche, le pesche noce e le prugne possono essere pelate dopo averle "sbollentate". Fai bollire dell'acqua in una grande pentola. Metti la frutta nell'acqua bollente e lasciacela finché la pelle non si crepa. Poi, estrai la frutta dall'acqua con un cucchiaio o con una ramina e mettila nell'acqua fredda così da riuscire a tenerla in mano senza bruciarti. La pelle si toglierà facilmente.
  • Le albicocche danno una marmellata deliziosa ma non si raddensano sempre bene. Se la tua marmellata di albicocche non si è ancora raddensata dopo due settimane, servila calda sul gelato alla vaniglia e chiamala salsa. É molto buona anche sui pancakes caldi e sui waffles.

Avvertenze

  • Non cercare di raddoppiare le dosi della marmellata o della gelatina. Se hai molta frutta da fare, preparala in due partite. Le doppie misure potrebbero non raddensarsi bene.
  • Conservali in un luogo fresco.
  • Il cibo messo sottovuoto in casa può provocare malattie anche mortali se non viene trattato nella maniera corretta. Cucina il cibo per il tempo raccomandato, lava e sterilizza nel modo giusto i vasetti prima di usarli e scarta tutti quei vasetti che non si sono sigillati bene. Scarta anche i vasetti il cui contenuto non odora nella maniera giusta o che ha cambiato colore.
  • Evita di mettere del vetro freddo nell'acqua calda e vice versa. Il cambio improvviso di temperatura può far crepare il vetro.
  • Puoi conservare i vasetti di cibo conservato ma i vasetti nuovi comprati per l'occasione, sono i migliori. Vengono prodotti con del vetro grosso quanto basta per sopportare il processo ripetuto di conservazione casalinga dei cibi. Usa i vasetti che non butti per conservare del cibo secco o la tua collezione di monetine.
  • Mettere il cibo bollente dentro a dei vasetti caldi, come si faceva una volta, non è un metodo raccomandato e nemmeno sicuro. Anche i metodi della paraffina non sono adatti. La cosa migliore è utilizzare dei coperchi di metallo e far bollire i vasetti chiusi nell'acqua per la giusta durata di tempo.
  • La marmellata è diversa dalla gelatina. La marmellata è fatta da frutta a pezzi mentre la gelatina dal succo.
  • Se una partita di marmellata è troppo grande e pensi che non riuscirai ad utilizzarla nel giro di 1 o 3 anni, pensa di regalarne un po'. Il cibo sotto vuoto dura a lungo, ma ha comunque un limite.
  • Le sicure e i vasetti possono essere riutilizzati. Le guarnizioni devono essere cambiate perché si deformano con l'uso.
  • Butta via le sicure arrugginite o deformate.
  • Se utilizzi dei vasetti vecchi, guarda bene che non siano rotti o crepati. Passa un dito sul bordo superiore del vasetto per controllare che non sia sbeccato.

Cose che ti Serviranno

  • Una grande pentola.
  • Una dozzina di vasetti di una misura a tua scelta.
  • Guarnizioni e sicurezze per i vasetti. I vasetti nuovi hanno tutto l'occorrente, ma queste parti si trovano in vendita anche separatamente.
  • Pinze (per togliere i vasetti dall'acqua bollente).
  • Un qualcosa di magnetico o delle piccole pinze.
  • Una grande pentola o l'elettrodomestico per il bagnomaria.
  • Un diffusore di calore se cucini su un fornello elettrico.
  • Cucchiaio di legno dal manico lungo.
  • Colino.
  • Imbuto.
  • Mescolino.
  • Grembiule(facoltativo ma raccomandato).
  • Un cucchiaio per schiumare il composto. Un cucchiaio da zuppa va benissimo.
  • Una ciotola dove mettere la schiuma.
  • Asciugapiatti vecchi ma puliti.
  • Schiaccia patate.
  • Timer.
  • Asciugapiatti e detersivo per piatti.
  • Tazze per misurare.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 37 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Condimenti & Conserve

In altre lingue:

English: Make Jam, Español: hacer mermelada, Português: Fazer Geleias, Deutsch: Leckere Marmelade selber machen, Русский: приготовить варенье, Français: faire de la confiture, 中文: 制作果酱, Nederlands: Jam maken, Čeština: Jak vyrobit marmeládu, العربية: صنع المربى

Questa pagina è stata letta 15 653 volte.
Hai trovato utile questo articolo?