Ci sono occasioni in cui riuscire a urinare in piedi si rivela molto utile per le donne, ad esempio quando il bagno pubblico è in condizioni igieniche deprecabili oppure durante una gita in campeggio libero, quando il bagno neppure c'è. All'inizio, la tecnica richiede molta pratica e la volontà di conoscere i dettagli della propria anatomia con lo scopo di ottenere una "buona mira". Inoltre, alcune donne affermano che una volta imparato a fare pipì in piedi, preferiscono farlo anche nella vita quotidiana e che non tornerebbero mai a sedersi. Continua a leggere per capire se puoi farlo anche tu.

Parte 1 di 3:
Sviluppare la Tecnica per Urinare in Piedi

  1. 1
    Esercitati. Se aspetti di avere bisogno di questa tecnica per fare il primo tentativo, incontrerai diversi problemi. Il successo nell'esecuzione di tale pratica dipende proprio dalla naturalezza e dalla familiarità con cui riesci a fare pipì in piedi.
    • Per esercitarti, entra nella vasca o nella doccia e prova la posizione corretta da assumere, così capirai quanto riesci a controllare il flusso di urina.
  2. 2
    Lava le mani. Accertati che siano pulite prima di iniziare ad "allenarti", per assicurarti che siano perfettamente igienizzate e senza agenti patogeni. Ricorda di lavarle di nuovo al termine della pratica.
  3. 3
    Togli i vestiti dalla vita in giù. La pratica ti permette di perfezionare la tecnica, ma c'è sempre un margine di errore. Per evitare di bagnare gli indumenti, togli quelli che ricoprono la parte inferiore del corpo, calzini inclusi.
  4. 4
    Impara a conoscere la tua anatomia. Per riuscire a fare pipì in piedi devi sapere quale postura assumere. Ripassa l'anatomia femminile osservando un diagramma oppure usa uno specchio per guardare il tuo corpo.
    • Individua le labbra. Con il termine grandi labbra si indicano i due lembi di tessuto carnoso che si trovano ai lati esterni dell'apertura vaginale e uretrale. Le piccole labbra, invece, sono le due pieghe interne che sono racchiuse dalle grandi labbra. La loro funzione è quella di chiudere e proteggere l'apertura della vagina e dell'uretra quando la donna sta in piedi con le gambe vicine fra loro.[1]
    • Trova l'uretra. È un tubo che conduce l'urina dalla vescica verso l'esterno attraverso un'apertura. L'apertura è un piccolo foro che si trova davanti alla vagina, ma dietro il clitoride. È davvero molto piccolo, quindi non preoccuparti se non sei in grado di vederlo immediatamente.[2]
  5. 5
    Impara ad assumere la giusta postura. In base a come scorre il flusso di urina e alle tue preferenze personali, puoi stare esattamente sopra o davanti al water (mentre ti alleni, invece, stai nella doccia o nella vasca da bagno). Divarica le gambe, in modo che i piedi si trovino a circa 60 cm l'uno dall'altro. Se necessario, accovacciati leggermente o inarca la schiena.
    • Allarga le labbra. Dopo esserti messa davanti o sopra il tuo "bersaglio", usa le dita di una mano per allargare le piccole labbra. In questo modo, l'apertura uretrale non sarà ostruita e potrai controllare il flusso di urina.
    • Posiziona l'uretra. Metti le dita dell'altra mano appena di fronte all'apertura uretrale, poi tirala verso l'alto e in avanti applicando una pressione uguale ai due lati del clitoride.
  6. 6
    Inizia a urinare. Ruota le anche per controllare la direzione del flusso. Ricorda di applicare pressione all'inizio e alla fine del flusso, per ridurre gli schizzi.
    • Devi fare in modo che l'urina fluisca in maniera costante e non a intermittenza, per evitare sgocciolii.
    • Pulisci. Risciacqua la vasca o la doccia; se ti sei esercitata sul water, ricorda di pulire ogni schizzo rimasto. Alla fine, non dimenticare di lavarti ancora una volta le mani.

Parte 2 di 3:
Tecniche Avanzate di Minzione in Piedi

  1. 1
    Evita gli spruzzi. L'appoggio corretto delle dita è la chiave per mantenere compatto il flusso di urina, dato che ti permette di allungare delicatamente le labbra.[3]
    • Non tirare eccessivamente le mucose. Se sollevi eccessivamente l'apertura uretrale, finirai per comprimerla e appiattirla leggermente, di conseguenza causerai degli schizzi. Con il tempo, svilupperai una certa sensibilità, quindi applicherai la giusta pressione e tensione con le dita in maniera naturale.
    • Tira le labbra. Applica una tensione sufficiente su queste mucose, in modo che non interferiscano con il flusso; questo è il dettaglio più importante per padroneggiare la tecnica. Con il passare del tempo ti accorgerai che le labbra si estenderanno leggermente meglio per permetterti di urinare in piedi.
  2. 2
    Evita gli sgocciolii. È abbastanza normale che cadano alcune gocce, anche alle persone più esperte (uomini inclusi). Per evitare che questo accada spesso, puoi migliorare la tecnica perfezionando la posizione delle dita.
    • Appoggia due dita ai lati del clitoride, leggermente sopra l'uretra. Quando applichi pressione direttamente ai lati dell'uretra, ne deformi l'apertura causando dei gocciolamenti.
  3. 3
    Esegui gli esercizi di Kegel. Concentrati sul basso addome e cerca di isolare i muscoli che devi contrarre per fermare il flusso di urina. Contrai per qualche secondo e presta attenzione a come tutta la zona genitale sembra rientrare verso il corpo. Questi sono i muscoli del pavimento pelvico; se riesci a rafforzarli, possono aiutarti a controllare la pipì ed evitare schizzi.[4]
    • Esercita i muscoli del pavimento pelvico contraendoli per 5 secondi e poi rilassandoli per altri 5. Aumenta gradatamente i tempi, arrivando a intervalli di 10 secondi. Stai attenta a non affaticarli eccessivamente, perché potresti avere qualche problema di minzione nell'immediato.
    • Concentrati sul gruppo muscolare corretto. Quando esegui gli esercizi di Kegel per la prima volta, ti accorgerai che i muscoli del pavimento pelvico sono deboli e difficili da controllare, potresti essere tentata di contrarre i glutei o gli addominali. Tuttavia, è importante concentrarsi solo sui muscoli corretti per imparare a gestirli volontariamente.
    • Ripeti gli esercizi almeno tre volte al giorno. I medici raccomandano tre serie di contrazioni per sessione, dieci volte al giorno. Se all'inizio questi ritmi sono eccessivi, allenati gradatamente fino a raggiungere questo obiettivo. Ricorda di fare solo quello che è comodo per te.
  4. 4
    Prova nuove tecniche. Man mano che il corpo si abitua a urinare in piedi e i muscoli rispondono meglio alla tua volontà, puoi provare a passare al metodo "con una mano sola". Questo richiede una grande destrezza, ma sarà più semplice, una volta imparato a padroneggiarlo.[5]
    • Inizia lavandoti le mani e togliendo gli abiti che potrebbero essere d'intralcio.
    • Forma una "V" con l'indice e il medio della mano che di solito usi per allargare le piccole labbra tirando verso l'alto. In questo modo, indirizzi il flusso d'urina in avanti ed eviti che scorra lungo le gambe.
    • Puoi controllare la direzione dell'urina modificando la pressione verso l'alto che eserciti con le dita, oltre che con la posizione del bacino.

Parte 3 di 3:
Prepararsi a Urinare in Piedi

  1. 1
    Pensa all'igiene. Se temi che i bagni pubblici siano molto sporchi o che addirittura non ci siano nel luogo dove ti stai recando, porta con te alcuni oggetti per essere sicura di rimanere pulita:
    • Fazzoletti di carta o salviette intime umidificate. Le confezioni da viaggio di questi prodotti sono perfette da portare sempre con te, in modo da avere qualcosa con cui pulirti dopo aver urinato.
    • Igienizzante per le mani. Svolge un doppio ruolo molto importante per una donna che deve urinare in piedi. Innanzitutto, ti permette di igienizzare le mani prima di utilizzarle per guidare il flusso di urina. Così facendo, eviti che i germi possano contaminare la regione genitale e scatenare infezioni nel tratto urinario.[6] In secondo luogo, questo prodotto può essere usato per pulire le mani dopo la minzione. Dato che l'igienizzante contiene alcol, ricorda di applicarlo solo sulle mani; per le zone più sensibili limitati ai fazzoletti di carta o alle salviette intime umidificate.
  2. 2
    Scegli un luogo riservato. Se devi fare pipì mentre ti trovi in campeggio o in un luogo senza bagni pubblici, allora accertati di poter godere di un po' di privacy. Se vieni interrotta mentre urini, potresti allarmarti, sobbalzare e bagnarti i vestiti.
    • Se devi farlo in una zona urbana o vicino a essa, sappi che è illegale urinare in un luogo pubblico, potresti essere accusata di atti osceni e comportamento indecente in luogo pubblico.[7]
  3. 3
    Fai pipì a intervalli regolari. Evita di tenerla fino a provare un senso di urgenza, altrimenti il flusso di urina uscirà in maniera imprevedibile causando schizzi e gocciolamenti. Cerca invece di urinare regolarmente per controllare meglio la direzione dell'urina.
    • Come regola generale, dovresti fare pipì subito dopo i pasti o aver bevuto.
  4. 4
    Vestiti in maniera appropriata. Questo dettaglio dipende solo da te. Alcune donne affermano che le gonne siano più adatte, altre sostengono di essere in grado di urinare in questo modo anche solo aprendo la cerniera dei jeans, dato che la tensione del tessuto denim sulle labbra aiuta a controllare il flusso.[8]
    • Valuta quali abiti indossare in base al tuo livello di abilità, di comfort e vestiti di conseguenza quando sai che avrai bisogno di fare pipì in piedi.

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 39 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 23 585 volte
Categorie: Igiene Personale
Questa pagina è stata letta 23 585 volte.

Hai trovato utile questo articolo?