Come Fare un Bonsai da un Acero Giapponese

Fare un bonsai da un acero giapponese (Acer palmatum) è un progetto favoloso; si tratta di alberi che si prestano bene alla crescita dei bonsai. Il piccolo albero di acero crescerà esattamente come nella versione normale, incluso il cambiamento meraviglioso nei colori autunnali. Per realizzare questo progetto hai bisogno solo di alcune cose e di nutrire interesse nella cura dei bonsai.

Metodo 1 di 4:
Scegliere la Margotta di Acero

  1. 1
    Prendi una Margotta tenera della cultivar di acero che hai scelto all'inizio dell'estate. Gli alberi di acero sono facili da moltiplicare per talea. Seleziona un ramo dell'acero che abbia una bella forma. La dimensione del ramo può essere al massimo del diametro di un mignolo.
    • Ci sono molte cultivar di acero giapponese. Sceglilo a seconda di quello che vuoi – alcuni cresceranno più di altri, altri hanno la corteccia più dura e richiedono un innesto.
    • È una buona idea prelevare diverse margotte; in questo modo avrai la certezza che una attecchirà (a volte le radici sono deboli, marce o semplicemente non si formano).
    • Nota che le cultivar dell'acero giapponese a foglia rossa tendono ad avere radici deboli e di solito si innestano con altri portainnesti.[1] A meno che tu non sappia come innestare, o hai qualcuno che ti aiuti a farlo, sarebbe meglio evitare le cultivar a foglia rossa finché non avrai maggiore esperienza.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Preparare la Margotta

  1. 1
    Taglia alla base del ramo dove si formeranno le radici. Fai un taglio circolare attraverso la corteccia e nel legno sottostante.
  2. 2
    Fai un altro taglio, a distanza di due rami sotto il primo taglio.
  3. 3
    Fai un taglio dritto per collegare il primo al secondo taglio.
  4. 4
    Togli la corteccia tra i due tagli. La corteccia dovrebbe togliersi facilmente. Assicurati che non resti neanche lo strato verde.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Far Crescere le Radici dell'Acero Bonsai

  1. 1
    Passa sul taglio dell'ormone radicante o del gel. Avvolgi la zona con sfagno umido, poi metti della plastica e legali insieme.
    • Tieni il muschio umido. Dopo alcune settimane dovresti vedere le radici attraverso la plastica.
    • In alternativa, metti i rami in un concime sabbioso di buona qualità.[1] Mantieni il concime mediamente umido.
    • Le radici dovrebbero formarsi in 2-3 settimane, se la parte presa è sana e le condizioni climatiche sono calde e umide.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Piantare il Bonsai di Acero

  1. 1
    Separa l'albero. Quando le radici iniziano a ispessirsi e diventano marroni, separa il nuovo albero tagliandolo sotto alle nuove radici.
  2. 2
    Metti un po' di ghiaia sul fondo di un vaso per il drenaggio. Riempi parzialmente il vaso con terriccio di qualità – una buona miscela è fatta dall'80% di corteccia e dal 20% di torba, perché questa favorisce radici fibrose e rende buono il drenaggio[2]. Togli la plastica senza disturbare le radici, pianta il nuovo albero, aggiungendo altro terriccio quanto basta per tenere ben stabile l'alberello.
    • Aggiungere lo sfagno aiuta nelle zone con acqua dura.[3]
  3. 3
    Inserisci un piccolo bastoncino. Un bastoncino eviterà che l'albero si muova; mentre l'albero si sta consolidando, qualsiasi movimento potrebbe danneggiare le sue radici delicate.
  4. 4
    Goditi il tuo nuovo albero! Trova un luogo all'aperto dove tenere il tuo bonsai, come per esempio un portico, un’aiuola o un patio. I bonsai non sono piante da interno;[2] se vengono messe all'interno, tienile per un paio di giorni prima di riportarle di nuovo all'esterno; portale dentro solo quando emettono foglie o per un'oretta durante l'inverno.[3]
    • Tieni il bonsai di acero al riparo, per i primi anni. Non lasciarlo fuori dove può arrivare il gelo per i primi 2-3 anni, altrimenti potrebbe ucciderlo. Evita di mettere la pianta in un luogo ventoso e non lasciarla all'esposizione diretta del sole per tutto il giorno.[1]
    • Nutrila con elementi bilanciati dopo la formazione delle gemme fino a estate inoltrata. Durante l'inverno nutrila con fertilizzanti a basso o zero contenuto di azoto.[3]
    • Non lasciare mai che il bonsai si secchi. Deve essere tenuto costantemente leggermente umido.[2] Ove possibile, usa l'acqua piovana e non quella del rubinetto; è più sana per l'albero. Nebulizzare l'albero regolarmente con acqua favorisce una crescita sana.
    • Impara a “stilizzare” l'albero man mano che cresce. Qui imparerai a imitare quello che di solito fa la natura, dare all'albero l'aspetto di un vero albero.[2] Si tratta di potare e legare. Fare bene questi passaggi richiede molta pratica, ma fa parte del divertimento di curare il tuo bonsai.
    Pubblicità

Consigli

  • Gli aceri giapponesi da margotta aerea si fanno meglio in primavera, dopo che le foglie sono germogliate.
  • Per le descrizioni di molte cultivar di aceri giapponesi, vedi Japanese Maples: The Complete Guide to Selection and Cultivation, Fourth Edition, di Peter Gregory e J.D. Vertrees (ISBN 978-0881929324). Questo volume ti aiuterà anche a capire le abitudini di crescita, perché in generale gli alberi di bonsai crescono in modo simile a come farebbero nel terreno.
  • Gli aceri giapponesi per bonsai possono essere coltivati anche da seme, se si preferisce; richiederà ovviamente più tempo, ma può essere l'ideale se non vuoi fare talee dall'albero. L’Acer palmatum cresce facilmente dai semi; quando si coltiva da semi il suo aspetto può variare, questo è uno dei suoi tratti più interessanti.
  • I fili di alluminio o di metallo ramato possono essere usati per guidare l'albero in certe direzioni a tua scelta.[2] Inizia dalla parte più spessa del tronco dell'albero e avvolgi leggermente intorno. Non mettere i fili troppo stretti, altrimenti danneggerai l'albero, lasciando dei segni. Tocca la corteccia, ma non premere su di essa.
  • Rinvasa il bonsai ogni 2-3 anni per una crescita ottimale, durante la primavera.[2][3] Taglia le radici del 20% circa da entrambi i lati e pianta. Annaffia accuratamente un bonsai rinvasato.
  • Cima le punte dei nuovi getti dopo che si sono formate 2-4 foglie, durante l'anno.[3]
  • Nelle zone con acqua dura si raccomanda di aggiungere un acidificante per terriccio a quello presente in vaso due volte all'anno.[3]

Pubblicità

Avvertenze

  • Gli afidi amano i nuovi getti dell'acero giapponese. Eliminali velocemente o causeranno deformità alle foglie.
  • Il marciume delle radici causato dall'eccesso di acqua o da terriccio troppo umido è il nemico principale di un bonsai. Assicurati che il terriccio abbia un buon drenaggio e non annaffiare eccessivamente. Se vedi dell'acqua che ristagna in superficie, la qualità di drenaggio del terriccio è scarsa e va sostituito.[3]
  • Le nuove radici sono molto delicate e possono essere danneggiate facilmente. Fai attenzione quando togli la plastica e metti a dimora l'albero.
  • Non eliminare o disturbare lo sfagno durante il processo.
  • Quando metti i fili all'albero, non tirare troppo: può danneggiare il bonsai. Le cicatrici andranno via solo dopo anni e la forma dell'albero potrebbe rovinarsi mentre cresce.
  • Se le foglie restano verdi e non cambiano colore, questo significa che c'è poca luce,: va aumentata.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Un albero di acero
  • Forbici o coltello affilato (e pulito)
  • Sfagno (immergilo in acqua per almeno 15 minuti)
  • Un piccolo foglio di plastica spessa
  • Corde
  • Ormone radicante, disponibile nei vivai
  • Vaso con fori per un buon drenaggio (ci sono molti vasi adatti ai bonsai presso i vivai)
  • Ghiaia per il drenaggio dell'acqua alla base del vaso
  • Terriccio di media qualità (miscela di corteccia e torba)
  • Piccolo bastoncino, come una canna di bambù
  • Erba o altro per decorazione (facoltativo)
  • Fili per stilizzare o guidare l'albero, insieme alle forbici


Riferimenti

  1. 1,01,11,2http://www.bonsaiprimer.com/suitable/maple/maple.html
  2. 2,02,12,22,32,42,5Peter McMahon, Return to Lilliput, in Growing Today, pp. 30-34, (January 1995)
  3. 3,03,13,23,33,43,53,6Colin Lewis, Bonsai Basics, p. 73, (1997), ISBN 978-0-600-61213-1
  4. http://www.bonsaiprimer.com/suitable/maple/maple.html – research source
  5. http://www.evergreengardenworks.com/japmaple.htm – research source
  6. Peter McMahon, Return to Lilliput, in Growing Today, pp. 30-34, (January 1995) – research source
  7. Colin Lewis, Bonsai Basics, p. 73, (1997), ISBN 978-0-600-61213-1 – research source
  8. http://en.wikipedia.org/wiki/Japanese_maple – Wikipedia on the Japanese maple tree

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio
Questa pagina è stata letta 28 629 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità