Come Fare una Mappa Mentale di Te Stesso

È sin dall'epoca degli antichi greci che gli esseri umani si avvalgono di metodi pensati per incoraggiare l'abilità della mente ad associare e immaginare varie possibilità allo scopo di trovare soluzioni coerenti. La mappatura mentale è un approccio moderno che si basa sulle associazioni e sull'immaginazione per creare una visione generale di tanti pezzi di informazione apparentemente separati, con il fine di identificare e chiarire percorsi e soluzioni e organizzare le diverse questioni di un individuo.


Forse ti stai chiedendo come una mappa mentale può esserti personalmente d'aiuto. In effetti, può essere incredibilmente utile, giacché la mappatura mentale si può utilizzare come una fonte di potenziamento personale o di crescita individuale, come un modo per organizzare i problemi e le sfide, come un motivatore che ti aiuterà a superare i traguardi che hai stabilito per te stesso. E per noi è ancora più facile di quanto lo fosse per gli antichi greci, questo perché possiamo usare una sorprendente gamma di software per la mappatura mentale (o anche solo carta e penna). Il tuo cammino verso la scoperta di te stesso attraverso la mappatura mentale parte da qui.

Passaggi

  1. 1
    Comprendi i benefici della mappatura mentale. Il 60-65% circa della popolazione è composto da persone che imparano in modo visivo [1]. Questo significa che la mappatura mentale, strumento per l'apprendimento visivo, è ideale per una grande fetta di popolazione, contraddistinta da coloro che preferiscono vedere direttamente le cose mentre prendono forma, includendo i pensieri e le idee. Pur non essendo un individuo che impara in questo modo, la mappatura mentale è un mezzo molto flessibile per associare svariati pensieri e idee di diverso tipo, allo scopo di creare connessioni che non avrebbero potuto essere evidenti in precedenza. Usare una mappa mentale come parte di un programma personale per migliorare la tua creatività, il raggiungimento degli obiettivi o il discernimento dei sentimenti o dei problemi può darti un nuovo punto di vista riguardo a te stesso, che probabilmente non è stato reso evidente solo mediante la scrittura, il pensiero o la lettura. E la mappatura mentale è fantastica se non hai effettivamente un'idea solida riguardo al tuo obiettivo o a dove terminano i parametri di un problema e a dove inizia la soluzione; una mappa mentale può renderti queste cose istantaneamente più chiare.
    • Una mappa mentale ti permette di ottenere una sorta di obiettività che potrebbe non essere facile da conseguire usando altri metodi di sviluppo personale. Con una mappa mentale, sei obbligato a trovare parole e frasi chiave e poi a collegarle ad altri vocaboli e frasi. Questo esclude il ritornare sugli stessi pensieri, fattore che si individua spesso nella scrittura di un diario, che avviene mediante un'intensa ponderazione interna riscontrata nella riflessione e nell'auto-assorbimento di approcci non costruttivi, come preoccuparsi o essere pessimisti.
    • Una mappa mentale non è una tabella, un grafico o una lista. Questi sono tutti strumenti abbastanza analitici che richiedono allo scrittore di aver già concluso il suo pensiero. La mappa mentale riguarda le fasi di scorrimento, di connessione e di pre-pensiero, che poi si evolvono in un modo non strutturato, ma comunque utile.
  2. 2
    Trova un programma on-line o un software di mappatura mentale. Va comunque bene usare le buone vecchie penne, le matite e la carta. Le persone che preferiscono la sensazione tattile derivante dal lavorare con carta e penna potrebbero prediligere l'opzione manuale. Siccome stai leggendo su uno schermo però, sicuramente hai familiarità con la tecnologia e magari sei più abituato a lavorare al computer, utilizzando un programma; in alcuni casi questo metodo può essere più immediato.
  3. 3
    Comincia da qualche parte sullo schermo o sulla carta, con il tuo nome o con qualsiasi altra cosa scegli. È normale iniziare al centro, ma non devi farlo se non ti sembra il principio appropriato. Comincia a scrivere a mano o sulla tastiera quello che ti viene in mente.
    • Inizia con qualcosa che ti rappresenti. Potresti inserire una foto vera, un'immagine tratta da un cartone animato, una figura stilizzata o semplicemente il tuo nome o una forma geometrica. Usa qualsiasi cosa abbia senso per te.
    • Aggiungi le emozioni, i sentimenti, i fatti, i desideri, i pensieri, gli obiettivi, ecc. che si collegano a te in questo istante. Se stai realizzando la mappa mentale per una questione specifica, allora concentrati su quello che vuoi far emergere per questo particolare problema personale.
    • Comincia creando collegamenti (ramificazioni e sotto-ramificazioni) tra le varie cose che stai aggiungendo alla mappa. Scoprirai che alcune relazioni sono naturali, altre potrebbero non sembrare rilevanti, dunque lasciale solo in quanto allegate a tutto quello che rappresenta te per ora. Con il trascorrere del tempo, potresti renderti conto che il reticolato ha bisogno di crescere e che i collegamenti diventano più chiari per alcune cose che all'inizio non sembravano poi così ovvie. Nella stessa maniera, alcune cose potrebbero sempre restare emarginate e non connettersi mai ad altre parti della mappa.
    • Cerca di usare un linguaggio molto semplice per descrivere quello che aggiungi. Solitamente è preferibile una singola parola; se devi aggiungerne altre, fai in modo che sia tutto breve e che vada dritto al sodo.
    • Non soffermarti troppo sui tuoi pensieri. Un lavoro veloce produce un'auto-riflessione onesta, senza il tempo di aggiungere chiarimenti o abbellimenti. Scrivi semplicemente quello che ti viene in mente nel corso dell'elaborazione della mappa.
  4. 4
    Sii onesto con te stesso. Nessun altro la leggerà, a meno che tu non lo voglia. Censurarti non ti è d'aiuto, dunque butta giù tutti i tuoi sentimenti, le tue aspirazioni, le tue preoccupazioni, i tuoi problemi, le possibili soluzioni e così via, che si correlano a te in questo momento.
    • Cerca di capire che a volte gli esseri umani trovano sia difficile essere brutalmente onesti riguardo a se stessi. Potresti chiedere una mano ai tuoi amici per quanto concerne ciò che ti blocca, ciò che ti trattiene dal superare i tuoi traguardi, ecc.
  5. 5
    Scegli un tipo di schema di colore. Usa colori rilevanti che abbiano un significato personale per te. In questo screenshot, il rosso viene utilizzato per mettere in risalto le caratteristiche meno desiderabili. Nel corso del tempo, i colori possono essere cambiati mentre assumi nuove prospettive o cambi le cose che hai incluso nella mappa.
    • I colori possono indicare particolari categorie, come gli obiettivi, le preferenze, le emozioni, la famiglia, gli amici, i sogni, le responsabilità, i punti di forza o quelli deboli, ecc.
  6. 6
    Continua a metterti alla prova. Non obbligarti a creare l'intera mappa mentale in una sola seduta. Non solo sarà estenuante, ma sarai più propenso a lasciarti sfuggire le cose che devono essere aggiunte, e spesso esse sopraggiungono solo dopo averci riflettuto e dormito sopra. Una volta che la tua mente si trova nel flusso della creazione della mappa mentale, continuerà a suggerirti cose durante il giorno, e tu penserai a nuovi elementi da aggiungere. Di conseguenza, prenditi delle pause e torna ripetutamente sulla mappa.
  7. 7
    Non lasciarti tentare dalla voglia di creare una mappa mentale perfetta. Niente è permanente sulla mappa e puoi sempre cambiare il punto di un suo elemento. Infatti, questo viene incoraggiato perché, con il procedere del tempo, comincerai a vedere cambiamenti nella gravità o nell'importanza dei diversi fattori sulla mappa mentale e vorrai che essi lo riflettano (se hai bisogno di cambiare delle cose sulla carta, puoi semplicemente attaccare dei post-it o qualcosa di simile sulle parti già scritte). Inoltre, non esistono mappe mentali perfette; è qui che risiede la bellezza di questo strumento: fa uso del pensiero schematizzato e che salta da una cosa all'altra tipico del cervello umano, dunque segui o accetta qualsiasi cosa ti offra la mente ogni volta che lavori sulla mappa.
  8. 8
    Potresti usare la mappa mentale per creare il te stesso futuro in contrasto con il te stesso presente. Molti life coach, psicologi e altre persone coinvolte da transizioni e cambiamenti credono che visualizzarci come vogliamo essere in futuro sia una parte importante del lavoro verso la trasformazione in questi individui. Sebbene sia ovvio che tu debba comunque metterci del tuo e lavorare, avere una mappa mentale del te stesso futuro che vuoi diventare può essere uno strumento di guida mentre affronti diverse questioni; ti permette anche di fare paragoni tra quello che sei ora e come le cose stanno cambiando nella tua vita mentre progredisci verso la persona che stai scolpendo su te stesso in questo momento. Per esempio, una persona che ora pesa 150 kg ma vuole pesarne 100 potrebbe fare due mappe mentali inserendo i due diversi pesi. Le mappe potrebbero anche aiutare a dare copertura ai sentimenti, all'abilità o meno di fare cose, all'esercizio, allo stile di vita, ecc. e verrà immediatamente notato un contrasto tra i due diversi pesi.
    • Una variazione di questo approccio consiste nello sviluppare una serie di mappe mentali. La prima mappa serve come “deposito mentale”, perché ci conservi i tuoi sentimenti e pensieri. La seconda mappa mentale rappresenta una considerazione più riflessiva, dalla quale categorizzi il “deposito mentale” in cose più concrete, come un obiettivo, una cosa che non ti piace, un fattore che ti preoccupa o che ti stressa, un problema di salute, ecc. In seguito, realizza una terza mappa mentale, che combinerà le prime due, questo ti consentirà di creare quello che sei in quel dato momento. Questo processo non ti preclude di realizzare anche un io futuro, ma, come avrai già compreso, ciò richiede diverse mappe mentali e potrebbe dunque essere un approccio che consumerà più tempo.
  9. 9
    Rivedi regolarmente la mappa. Come affermato prima, ci si aspetta che tu faccia modifiche, aggiunte e sistemazioni alla mappa con il passare del tempo. È uno strumento in vita e che ha bisogno di un lavoro costante, si muove con te e cambia per riflettere i tuoi cambiamenti. Devi assolutamente conservare le copie dei punti stabiliti nel tempo per compararli, ma devi anche essere sicuro di mantenere la mappa attualizzata, riflettendo il tuo progresso e il tuo modo di pensare del momento.
    • Comincia nuove mappe mentali in qualsiasi momento tu ti senta motivato a farlo. Non c'è bisogno di essere intrappolato cercando di alimentare la mappa mentale originale. Se è tempo di eliminare alcune ramificazioni e crearne di nuove, allora fallo. Non c'è niente di sbagliato nemmeno nell'elaborare un gruppo di mappe mentali nello stesso momento. Ciò che conta è che funzionino per te. L'unica raccomandazione è che le conservi tutte nello stesso posto, per assicurarti di ritrovarle e di aggiornarle con facilità.

Consigli

  • Quando crei una mappa mentale per te stesso, potresti farne una più grande e generale che racchiuda te stesso in base alla considerazione che hai di te ora e realizzare una serie di mini mappe mentali che trattino questioni particolari che magari hai a cuore in questo momento, come trovare un lavoro, provare a fare networking, far correggere la tua tesi di dottorato, scrivere un libro, prenderti cura di un bambino disabile, ecc. Assolutamente qualsiasi cosa che abbia un'importanza schiacciante nella tua vita può essere inserita in una mappa mentale per osservare tutte le sue varie ramificazioni e i suoi approcci.
  • Questo metodo può aiutarti a preparare un curriculum realizzato sotto forma di mappa mentale, magari puoi usare un software per familiarizzare con questo strumento. Può anche essere usato per il pensiero positivo, per guarire dallo stress, per l'analisi personale e per altre cose che potresti considerare utili in questo momento.
  • Per le persone dalla memoria scarsa, una mappa mentale può essere un buon metodo per riportare dei ricordi positivi nella propria vita, specialmente se si pensa a lungo solo a quelli negativi. Una volta che comincerai a obbligare te stesso a ricordare più cose positive e ad annotarle sulla mappa, inizierai a riscrivere il tuo passato in un modo più ottimista. E questo ti fa sempre bene!
  • Tratta quella sola parola o frase semplice che hai in mente come elemento per avviare una storia; essa può ispirarti, farti pensare, incoraggiarti, motivarti, farti concentrare e aiutarti a formare idee più grandi una volta che sono state messe su carta.
  • Se riesci a procurarti i testi di Tony Buzan, scoprirai che l'autore ha già lavorato a lungo sulle mappature mentali. Per esempio, il suo libro “Head Strong: How to Get Physically e Mentally Fit” ha alcune eccellenti mappe a colori che ti ispireranno.

Avvertenze

  • Preparare una mappa mentale potrebbe sembrarti un lavoro disorganizzato se non l'hai mai fatto prima. Fidati del processo e seguilo. Presto diventerà evidente che quello che ti sembrava confuso in realtà presentava dei pensieri che si rincorrevano nella mente, dunque scriverli da qualche parte insieme ai relativi collegamenti può effettivamente organizzare ciò che era confuso!
  • Molte persone non faranno il tentativo di creare una mappa mentale di se stesse. E questo va bene, è una scelta personale. Tuttavia, se non ci provi davvero, non saprai quanto è sorprendente scoprire che tutta quella confusione all'interno della tua mente può essere tradotta in qualcosa di più organizzato e che avrà una direzione una volta che ci avrai fatto una mappa. Riconsidera la possibilità di usare una mappa mentale la prossima volta che avrai un dilemma e potresti rimanere positivamente sorpreso.
  • Prepara le mappe mentali in ambienti ordinati e silenziosi. Se vieni disturbato da troppe distrazioni, il processo di crearne una probabilmente non andrà a buon fine.

Cose che ti Serviranno

  • Software per le mappe mentali o foglio, matite ed evidenziatori colorati (gomma facoltativa)
  • Posto tranquillo e ordinato per lavorare sulla tua mappa mentale

Informazioni sull'Articolo

ARTICOLO IN PRIMO PIANO

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 10 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Sviluppo Personale

In altre lingue:

English: Mind Map Yourself, Español: hacer un mapa mental de ti mismo, Português: Fazer um Mapa Mental de Você Mesmo, Русский: создать свою интеллект—карту

Questa pagina è stata letta 11 092 volte.
Hai trovato utile questo articolo?