Hai finalmente deciso di svolgere regolarmente attività fisica, ma ogni volta che esci per la corsa mattutina, le gambe iniziano a prudere in maniera incontrollata non appena prendi il giusto ritmo. Si tratta di un disagio relativamente comune, chiamato "prurito del corridore" e colpisce numerosi podisti; per fermarlo, devi trovarne la causa. Non è un processo sempre facile, ma dovresti riuscire a trovare l'eziologia dopo diversi tentativi ed errori; in seguito, puoi risolvere il problema e tornare alle tue sessioni di esercizio senza provare prurito.[1]

Metodo 1 di 3:
Trovare Soluzioni Semplici

  1. 1
    Cambia il detersivo o l'ammorbidente per il bucato. Le sostanze chimiche in essi contenute potrebbero irritare la pelle; anche se non hai mai avuto problemi in passato, la pelle potrebbe diventare più sensibile quando si scalda e si ricopre di sudore.[2]
    • Passa a detersivi e ammorbidenti per pelli delicate oppure privi di coloranti o profumi; in genere, puoi trovarli nei supermercati a un prezzo analogo a quello dei prodotti che usi di solito per il bucato.
    • Lava i capi sportivi in acqua molto calda per eliminare i residui irritanti dei lavaggi precedenti.
    • Se dopo questi rimedi non noti alcun miglioramento del prurito, non significa necessariamente che i vecchi prodotti non siano i responsabili del disagio; il problema potrebbe essere causato da una combinazione di fattori diversi.
  2. 2
    Indossa indumenti differenti. Anche il cotone più morbido può irritare la pelle, quando questa suda. Utilizzando capi sintetici che assorbono e fanno evaporare il sudore puoi minimizzare il prurito che provi durante la corsa.[3]
    • Forse ti vesti troppo. Se sei troppo accaldato, la pelle reagisce con il prurito; quando ti prepari per l'allenamento, ricorda che la temperatura corporea si innalzerà di diversi gradi quando la frequenza cardiaca aumenterà.
    • Se vai a correre all'aperto e fa freddo, metti diversi strati leggeri di abbigliamento che puoi togliere facilmente una volta che ti sei scaldato.
    • Dovresti prestare attenzione anche a etichette e cuciture. I dettagli che normalmente neppure noti potrebbero irritare le gambe quando la pelle diventa calda e leggermente infiammata a causa dello sforzo. Tale accortezza è ancora più importante se indossi pantaloncini aderenti da corsa o pantaloni lunghi modellanti.
    • Se indossi dei pantaloncini e provi prurito alla pelle nuda, puoi escludere i vestiti (e quindi anche i prodotti del bucato) dalla lista dei possibili "colpevoli".
  3. 3
    Idrata l'epidermide. Devi farlo soprattutto in inverno, quando l'aria è più secca e di conseguenza anche la pelle; se fai la doccia più di una volta al giorno, è molto probabile che il corpo diventi pruriginoso non appena inizi a sudare.[4]
    • Devi idratarla indipendentemente dal fatto che tu indossi pantaloni lunghi o corti durante la corsa, sebbene quelli lunghi e i capi di abbigliamento aderenti rendano il prurito più intenso.
    • Applica una lozione idratante e non grassa dopo la doccia. Se sono trascorse diverse ore tra il bagno e la sessione di allenamento, forse devi spalmarne ancora mezz'ora prima di correre.
    • Cerca un prodotto veramente idratante al posto di quelli perlopiù cosmetici o profumati; questi ultimi tendono in genere a colare quando inizi a sudare rendendo le gambe più pruriginose del normale.
  4. 4
    Raditi le gambe. Se ti depili, devi mantenere questa abitudine per evitare il prurito durante la corsa; soprattutto se indossi pantaloni lunghi o quelli aderenti da corsa, il tessuto potrebbe strofinarsi sui peli duri che stanno ricrescendo irritando di conseguenza la pelle.[5]
    • Se non ti sei mai rasato le gambe (o se le gambe prudono quando indossi i pantaloncini, i peli non sono forse la causa del problema; tuttavia, l'abbigliamento da runner e i pantaloni modellanti possono sempre strofinarsi sui peli causando prurito anche se non ti sei mai depilato in vita tua.
    • Verifica di idratare adeguatamente le gambe e di usare un gel specifico per rasatura o una lozione per proteggere l'epidermide dalle abrasioni da rasoio.
    • Una volta rasato, se il problema si risolve, devi continuare a tagliare i peli; anche la ricrescita di un solo giorno può far scatenare il prurito.
  5. 5
    Aspetta un po'. In molti casi i corridori affermano di provare prurito alle gambe quando riprendono l'allenamento dopo alcuni mesi o perfino alcune settimane di interruzione, oppure quando decidono di svolgere attività fisica dopo aver condotto uno stile di vita relativamente sedentario.[6]
    • Sebbene gli esperti di medicina e fitness non siano assolutamente certi dei motivi, le gambe prudono quando il corpo non è abituato a un determinato livello di attività fisica e tale fenomeno potrebbe essere correlato alla cattiva circolazione negli arti inferiori;[7] se però provi anche dolore, vai dal medico quanto prima possibile.
    • Se hai cominciato – o ricominciato – recentemente a correre, resisti per alcune settimane e osserva se il disagio regredisce; nel frattempo, prova a eliminare le altre possibili cause con un processo di tentativi ed errori.
    • Se le gambe continuano a prudere dopo un mese di allenamenti, considera la possibilità di una qualche patologia.
  6. 6
    Corri al chiuso. Se di solito corri all'aperto e il disagio colpisce gli arti inferiori, vale la pena provare a usare il tapis roulant e vedere cosa succede; in questo modo, puoi eliminare la possibilità di un contatto con un allergene ambientale.[8]
    • Se non provi alcun fastidio quando corri sul tapis roulant, il prurito potrebbe essere scatenato da una reazione allergica al polline o altre sostanze presenti nell'ambiente. Potrebbe essere anche la risposta dell'organismo alla temperatura, all'umidità o alla generale qualità dell'aria all'esterno.
    • Se invece continui a lamentare il disagio anche quando ti alleni al chiuso o in un clima controllato, devi escludere l'ambiente come unica causa del prurito; ricorda però che potrebbe essere comunque un fattore che scatena il problema.
  7. 7
    Riduci il numero delle docce e usa acqua più fredda. Lavarsi troppo spesso o usare acqua molto calda può seccare la pelle e renderla pruriginosa.[9] Se fai più di una doccia al giorno, cerca di limitarti a una quotidiana, per esempio appena torni dalla corsa; ricorda inoltre che l'acqua deve essere tiepida e non caldissima. Questi semplici accorgimenti potrebbero evitare la secchezza cutanea e minimizzare il disagio mentre corri.
    • Se vai spesso a nuotare, tieni presente che anche l'esposizione al cloro potrebbe seccare l'epidermide; fai una doccia subito dopo per eliminare la sostanza dal corpo.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Valutare Possibili Allergie

  1. 1
    Prendi un antistaminico che non causa sonnolenza. Quando il corpo è sottoposto a stress o ha subito un infortunio rilascia maggiori dosi di istamina nella zona colpita. Questo fenomeno aumenta l'apporto di sangue e favorisce la guarigione, innescando però anche la sensazione di prurito.[10]
    • Forse puoi provare un po' di sollievo con gli antistaminici da banco. La marca non è molto importante, ma potrebbe essere necessario provare diversi prodotti prima di trovare quello più efficace per te. Ricorda che alcuni di questi farmaci, come la difenidramina, causano sonnolenza e non sono pertanto sicuri da utilizzare quando vuoi correre, dato che è necessario essere vigili durante l'attività fisica.[11]
    • Non prendere mai una dose superiore a quella consigliata o più antistaminici in una volta sola perché potresti sentirti assonnato e lamentare altri effetti collaterali; assumi il medicinale circa mezz'ora prima di uscire per correre.
    • Se ti accorgi che i farmaci riducono ma non eliminano il problema, dovresti andare dal medico per ottenere quelli su prescrizione.
  2. 2
    Mantieniti idratato. Si perde parecchia umidità attraverso la respirazione e la sudorazione; il prurito potrebbe essere causato dalla disidratazione, soprattutto nei mesi secchi invernali, perché non bevi abbastanza acqua.[12]
    • La disidratazione contribuisce alla produzione di istamina, che innesca il prurito, soprattutto se non hai questo disagio nei mesi caldi o quando corri al chiuso su un tapis roulant.
    • Quando il clima è freddo potresti non avere voglia di bere acqua; non devi necessariamente sorseggiare quella ghiacciata (che raffredda il corpo), ma dovresti bere un bicchiere 30-45 minuti prima di correre e un altro al termine dell'attività fisica.
    • Se possibile, porta una bottiglia d'acqua con te da sorseggiare durante l'allenamento, soprattutto se corri sul tapis roulant o per lunghe distanze.
  3. 3
    Osserva la presenza di pomfi o eruzioni cutanee. Se il prurito è accompagnato da manifestazioni dermatologiche, come arrossamento, orticaria o lesioni, potresti soffrire di orticaria indotta dall'esercizio fisico; si tratta di una reazione allergica scatenata dall'attività e che in genere si controlla con i farmaci.[13]
    • Se in passato hai già avuto sfoghi cutanei in risposta allo stress o all'ansia, è probabile che tu possa soffrire di questa patologia.
    • Se temi di avere tale problema, parlane con il medico o un allergologo; dato che è un disturbo relativamente raro, potrebbe essere necessario rivolgersi a diversi professionisti per trovare l'aiuto di cui hai bisogno.
  4. 4
    Vai dal dottore. Se il prurito persiste per più di 4-6 settimane, non risponde agli antistaminici da banco o è accompagnato da altri sintomi, potresti soffrire di una malattia grave.[14]
    • Raccogli tutte le informazioni prima dell'appuntamento con il medico per essere preparato a rispondere alle sue domande. Devi misurare la frequenza cardiaca 10 minuti dopo la corsa e prendere nota delle normali condizioni quando corri.
    • Informa il medico di ogni causa acuta, come la pelle secca o la reazione ai detersivi o ammorbidenti, che hai già eliminato.
    • Ricorda che per trovare un po' di sollievo dal disagio è necessario un processo per tentativi ed errori prima che il medico trovi il farmaco giusto o la terapia che funzioni nel tuo caso.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Trattare i Problemi più Gravi

  1. 1
    Interrompi immediatamente l'allenamento se provi capogiri o difficoltà di respirazione. Un prurito generalizzato, soprattutto agli arti inferiori, potrebbe essere indizio di un disturbo più grave, noto come anafilassi indotta dall'esercizio fisico; si tratta di una patologia rara, ma può rivelarsi fatale. Se ti fermi non appena noti i primi sintomi, nella maggior parte dei casi puoi riprenderti senza cure mediche;[15] tuttavia, se sospetti di soffrirne, dovresti comunque andare dal dottore per una diagnosi formale e farti prescrivere una terapia.
    • I sintomi da monitorare sono capogiri, perdita improvvisa del controllo muscolare, tensione o costrizione alla gola e difficoltà a respirare o a deglutire.
    • I disagi potrebbero essere relativamente lievi, al punto da poterli tranquillamente ignorare e continuare la sessione di attività fisica; se però peggiorano, dovresti interrompere la corsa. Quando la sintomatologia è minima, può regredire se rallenti o fai una pausa e in seguito puoi riprendere l'allenamento senza problemi.
  2. 2
    Rilassati e cerca di stabilizzare la respirazione. Se i disturbi ti inducono a fermarti, recati in una zona protetta e siediti con la schiena eretta; esegui degli esercizi di respirazione profonda e rilassa i muscoli. Con il tempo dovresti iniziare a sentirti meglio.[16]
    • Inspira lentamente dal naso ed espira dalla bocca. Quando il ritmo respiratorio diventa regolare, prova a bere un po' d'acqua; ricorda che i sintomi possono continuare per ore dopo la loro insorgenza.
    • Se la situazione sembra peggiorare anche dopo l'interruzione dell'attività, vai immediatamente al pronto soccorso.
    • Se riesci a stabilizzarti e i sintomi si riducono, non continuare a correre. Puoi provare a camminare, ma se riprendi un ritmo sostenuto subito dopo la crisi, i disagi potrebbero ripresentarsi rapidamente e con maggiore intensità.
  3. 3
    Tieni un diario di questi episodi. Il medico deve sapere ogni dettaglio possibile in merito a queste reazioni "allergiche" all'allenamento, incluso tutto quello che hai fatto nelle ore precedenti. Maggiori sono le informazioni a sua disposizione, più probabilità ci sono che possa identificare le potenziali cause del problema.[17]
    • Annota i posti in cui hai corso, l'ora, le condizioni climatiche (se corri all'aperto) e dopo quanto tempo hai cominciato a notare i primi sintomi; misura il polso, se possibile, o cerca almeno di stimare la frequenza cardiaca o l'intensità dell'esercizio.
    • Fai un inventario dei prodotti che usi solitamente per le pulizie domestiche e per l'igiene personale, oltre a tutto quello che hai consumato prima di correre. Il medico ha bisogno di tutti questi dettagli, anche se hai già escluso delle possibili allergie a queste sostanze.
    • Se hai cambiato recentemente saponi, detergenti o altri prodotti nel tentativo di eliminare il prurito, annotalo sul diario insieme ai risultati che hai ottenuto.
    • Inserisci dettagli in merito ai capi di abbigliamento che indossavi durante la corsa e se la pelle era calda in maniera anomala prima dell'insorgenza dei sintomi.
  4. 4
    Ascolta il tuo corpo. Comprendi che i sintomi che manifesti rappresentano degli indizi preziosi per il medico affinché possa trovare il modo di gestire la reazione. Annota tutto quello che succede il prima possibile, inclusi i dettagli che ritieni insignificanti o che credi non siano sintomi veri e propri.[18]
    • I disagi possono variare ampiamente, il che significa che non solo molti pazienti non sono consapevoli della propria patologia, ma anche che i dottori non hanno a disposizione tutte le informazioni indispensabili per una corretta diagnosi.
    • Il prurito generalizzato, soprattutto se accompagnato da orticaria o pomfi, è molto più comune; la costrizione in gola, la difficoltà a respirare e a deglutire sono sintomi classici di anafilassi, ma non è detto che tu li manifesti.
    • Altri disagi sono nausea, ipotensione, perdita improvvisa della forza o del controllo muscolare, capogiri, cefalea e svenimento.
  5. 5
    Sottoponiti a test per le allergie. L'anafilassi indotta dall'esercizio fisico potrebbe essere causata da una lieve allergia a qualche altra sostanza, fra cui crostacei, frumento o altri alimenti o medicinali.[19]
    • L'allergia potrebbe essere talmente lieve da non essere nemmeno consapevole di averla finché non inizi ad allenarti subito dopo esserti esposto all'antigene. L'innalzamento della temperatura corporea e della frequenza cardiaca dovuto all'allenamento innesca la reazione abnorme.
    • Tuttavia, non potrai mai sapere se questa è la causa finché non ti sottoponi ai test per le allergie comuni.
    • Se gli esami confermano questa situazione, hai trovato una semplice soluzione per impedire alle gambe di prudere quando corri: evitare l'esposizione alle sostanze che innescano la reazione allergica.
    • Gli antistaminici su prescrizione possono rivelarsi utili, ma devi parlare con il medico per sapere quali farmaci sono sicuri per un uso costante.
  6. 6
    Collabora con il dottore. L'anafilassi indotta dall'esercizio fisico è una patologia rara ma grave, i cui episodi sono difficili da prevedere; se il medico diagnostica questa malattia, devi apportare dei cambiamenti per poter continuare a correre senza mettere in pericolo la tua vita o il tuo benessere.[20]
    • Il dottore ti potrà consigliare misure preventive che devi mettere in pratica per evitare un'altra crisi e potrebbe perfino suggerirti di indossare un braccialetto medico; potrebbe inoltre rendersi necessario portare sempre con te un autoiniettore di epinefrina per evitare un'altra anafilassi.
    • Se ti è stata diagnosticata questa patologia non dovresti allenarti da solo, anche se i sintomi sono sotto controllo o se è trascorso molto tempo dall'ultimo episodio avverso.
    • Ricorda che questa patologia non implica di non poter correre mai più. Una caratteristica dell'anafilassi indotta dall'esercizio fisico (se questa è la tua diagnosi definitiva) è che i sintomi si presentano e poi scompaiono in maniera imprevedibile; potresti star bene per mesi o perfino anni e poi avere una crisi inaspettata.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Sparire un Succhiotto

Come

Curare Velocemente l'Herpes Labiale

Come

Sbarazzarti di un Brufolo in una Notte

Come

Eliminare un Brufolo Sottopelle

Come

Rimuovere un Fibroma Pendulo dal Collo

Come

Curare una Bolla di Sangue Sottopelle

Come

Eliminare l'Arrossamento di un Brufolo

Come

Sbarazzarsi del Prurito della Pelle con Rimedi Casalinghi

Come

Far Sparire una Crosta

Come

Trattare una Vescica Lacerata

Come

Eliminare i Fibromi Penduli

Come

Alleviare il Prurito di una Scottatura da Sole (Pelle Chiara)

Come

Sbarazzarsi di uno Sfogo Cutaneo Sotto il Seno

Come

Rimuovere un Pelo Incarnito
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Jennifer Boidy, RN
Co-redatto da
Infermiera Registrata
Questo articolo è stato co-redatto da Jennifer Boidy, RN. Jennifer Boidy è un'Infermiera Iscritta all'Albo che lavora nel Maryland. Ha conseguito il Diploma in Scienze Infermieristiche presso il Carroll Community College nel 2012. Questo articolo è stato visualizzato 14 082 volte
Questa pagina è stata letta 14 082 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità