Ogni donna può avere sporadicamente un flusso mestruale abbondante. Se le mestruazioni durano più di 7 giorni e causano una forte perdita ematica, si parla di menorragia.[1] È una definizione che spaventa, ma non preoccuparti! Hai varie alternative per gestire il problema. Alcuni rimedi casalinghi possono aiutarti a tenerlo sotto controllo e alleviare il dolore. Tuttavia, se ogni volta il flusso mestruale è abbondante e prolungato, consulta il medico per escludere altri problemi di salute all'origine.

Parte 1 di 3:
Provare Trattamenti Alternativi Efficaci

Se hai passato molto tempo a fare ricerche su Internet, sicuramente ti sarai resa conto che esistono numerosi rimedi casalinghi e trattamenti naturali che promettono di alleviare le perdite di sangue mestruale abbondanti e prolungate. Molti non funzionano, ma alcuni offrono effettivamente qualche beneficio. Se vuoi vedere se forniscono il sollievo tanto assicurato, fai un tentativo. Abbi solo la premura di consultare il medico prima di assumere qualsiasi integratore fitoterapico, soprattutto se sei incinta o stai allattando, per escludere eventuali rischi per la salute.

  1. 1
    Allevia il disagio con l'agopuntura. Ti sembrerà strano, ma secondo alcuni studi l'agopuntura potrebbe essere un trattamento efficace per gestire il problema. Stimolando i punti di pressione giusti, è possibile alleviare il dolore e anche contenere il flusso mestruale quando è eccessivo. Prenota una seduta di agopuntura per vedere se funziona.[2]
    • Rivolgiti presso un agopuntore esperto e in possesso dei titoli necessari per essere certa di ricevere un trattamento efficace.
  2. 2
    Prendi l'estratto di agnocasto per contenere le perdite ematiche. L'agnocasto è una pianta in grado di tenere a bada i crampi e la menorragia. Prova a prenderne 15 gocce al giorno sotto forma di estratto liquido per vedere se ti aiuta.[3]
    • Questo prodotto ha un'azione lenta, quindi prima di poter notare qualche risultato, dovrai aspettare che il corpo lo accumuli nell'arco di 1-2 mesi.
    • L'agnocasto può provocare un aborto spontaneo, quindi non prenderlo se pensi di essere incinta.
  3. 3
    Prova le capsule di zenzero per fermare il flusso mestruale. Lo zenzero è una pianta dalle proprietà antinfiammatorie naturali che può avere una certa efficacia nel trattamento della menorragia. Prova a prenderlo quando hai il ciclo per contenere le perdite di sangue abbondanti.[4]
    • Sebbene non esista una dose da assumere, gli esperti ritengono che tra i 170 mg e 1 g al giorno non comporti nessuna controindicazione. Consulta le istruzioni relative alla posologia fornite nel foglietto illustrativo.[5]
  4. 4
    Usa l'achillea per controllare il flusso ematico. L'achillea è una pianta officinale utilizzata in caso di ferite cutanee che potrebbe risultare utile per alleviare le mestruazioni abbondanti.[6] Non esiste una posologia specifica contro la menorragia, ma in generale se ne consigliano 4,5 g al giorno.[7]
    • L'achillea può provocare aborti spontanei, quindi non usarla se pensi di essere incinta.
  5. 5
    Prendi la borsa del pastore per avere un po' di sollievo. La borsa del pastore è una pianta in grado di alleviare le contrazioni uterine e tenere a bada il dolore e le perdite ematiche. Potrebbe attenuare i sintomi che accompagnano un ciclo mestruale abbondante.[8]
    • Puoi assumerne 100-400 mg al giorno. Segui le istruzioni relative alla posologia a seconda della forma sotto cui viene assunta, ad esempio tisana o tintura madre.[9]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Modificare l'Alimentazione

Il regime alimentare è un fattore che può influire enormemente sul ciclo mestruale e sulle condizioni di salute generale. Se hai una carenza di vitamine e minerali, il flusso potrebbe essere abbondante. Prova ad adottare i seguenti suggerimenti per vedere se ti senti meglio.

  1. 1
    Prendi la vitamina A per regolarizzare il flusso. Potrebbe esistere un'associazione tra la carenza di vitamina A e le forti perdite ematiche dovute al ciclo mestruale. Uno studio ha rilevato che le donne che hanno assunto 60.000 unità internazionali (UI) di vitamina A per 35 giorni hanno beneficiato di un miglioramento dei sintomi.[10]
    • Questo tipo di supplementazione alimentare è efficace nel trattamento della menorragia solo in caso di ipovitaminosi A.
  2. 2
    Regolarizza i livelli di estrogeni con la vitamina B. Poiché la menorragia può dipendere da un elevato valore di estrogeni nel sistema, in tal caso sarebbe opportuno riportarli nella norma. La vitamina B svolge un ruolo di controllo dei livelli di questi ormoni e potrebbe farti sentire meglio.[11]
    • Ottime fonti di vitamina B includono latte e latticini, uova, carne, cereali integrali, pesce e cibi fortificati.[12]
    • Inoltre, la vitamina B aiuta il corpo a ricostruire le cellule ematiche e prevenire il rischio di anemia durante un ciclo abbondante.[13]
  3. 3
    Aumenta l'assunzione di ferro. Il ferro è un nutriente essenziale che contribuisce a prevenire mestruazioni caratterizzate da perdite ematiche eccessive. Segui una dieta ricca di questo minerale per regolarizzarle. In questo modo dovresti riuscire a prevenire del tutto il problema.[14]
    • Ottime fonti di ferro includono carni magre, pesce, frutta a guscio, semi, fagioli, verdure a foglia verde e cereali integrali.[15]
    • L'apporto di ferro è importante anche per prevenire l'anemia. Se il flusso mestruale è pesante, sei più esposta al rischio di sviluppare questa condizione.
    • Prendi un integratore di ferro se la tua alimentazione ne è carente. Tuttavia, consulta prima il medico perché in dosi massicce può causare dolore addominale, nausea, stitichezza e diarrea.[16]
  4. 4
    Incrementa l'apporto di vitamina C per aiutare il corpo ad assorbire il ferro. Sebbene quando si parla la vitamina C si pensi innanzitutto al sistema immunitario, bisogna considerare che questo nutriente è in grado di contenere le perdite ematiche mestruali grazie alla sua azione che va a rafforzare i capillari e la microcircolazione sanguigna. Inoltre, aiuta il corpo ad assorbire il ferro, quindi scongiurare il rischio di anemia durante un flusso abbondante.[17]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Gestire i Sintomi

Non è semplice affrontare le giornate quando il ciclo è particolarmente abbondante, ma sei fortunata. Esistono alcuni semplici passaggi da seguire per gestire il dolore e la menorragia. Si tratta di suggerimenti che non accorciano la durata della mestruazione, ma ti permettono di tenere sotto controllo il problema in modo che non interferisca con le attività quotidiane.

  1. 1
    Stai tranquilla nei giorni in cui il flusso è intenso. Quando la mestruazione è abbondante e anomala, può davvero drenare tutte le energie. Se ti senti senza forze, prova a riposare un po' di più durante questi giorni per riprenderti.[19]
    • In queste circostanze alcune donne preferiscono rimanere a casa, ma sentiti libera di uscire se sei sicura di avere accesso a un bagno.[20]
  2. 2
    Applica un impacco di ghiaccio sull'addome. Prendi un impacco di ghiaccio o una compressa fredda e tienilo sull'addome per 20 minuti consecutivi. Potrebbe aiutarti a ridurre il flusso mestruale. Se necessario, puoi ripetere il trattamento più volte durante il giorno.[21]
  3. 3
    Tieni sempre a portata di mano assorbenti o tamponi. Probabilmente è già una tua abitudine durante il ciclo, ma è importante soprattutto quando è il flusso abbondante. Portane qualcuno in più perché potresti avere la necessità di cambiarlo ogni paio d'ore.[22] >
  4. 4
    Fai attività fisica se ti aiuta ad alleviare il dolore. Probabilmente è l'ultima cosa che hai voglia di fare, ma lo sport durante il ciclo mestruale aiuta ad attenuare i crampi e il dolore. Se ti senti in grado, prova a muoverti e vedi se la situazione migliora.[23]
    • Non devi sottoporti a uno strenuo allenamento per riprenderti. Anche un esercizio a bassa intensità, come una passeggiata quotidiana, potrebbe essere utile.[24]
  5. 5
    Indossa indumenti scuri per evitare che si macchino. Se temi che il flusso abbondante possa sporcare i vestiti, scegli capi dai colori scuri.[25] Un paio di jeans a tinta scura o un gonnellone nero sono ottime opzioni!
  6. 6
    Metti una traversa impermeabile sul letto per proteggere il materasso. Se temi che le perdite ematiche possano macchiare le lenzuola mentre dormi, prova a usare una traversa impermeabile durante le mestruazioni.[26]
    Pubblicità

Promemoria per la Salute

Sebbene non sia facile gestire un flusso mestruale abbondante, fortunatamente esistono alcune misure naturali da prendere per tenerlo sotto controllo. Con le giuste precauzioni puoi contenere le perdite ematiche eccessive e calmare il dolore. Se tuttavia non risultano efficaci, consulta il ginecologo. In questo modo, potrai escludere un problema di salute all'origine.

Consigli

  • Se l'automedicazione non è sufficiente, prova a prendere un analgesico per alleviare il dolore.

Pubblicità

Avvertenze

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Stimolare l'Arrivo delle Mestruazioni

Come

Inserire gli Ovuli Vaginali

Come

Capire se Hai Avuto un Aborto Spontaneo

Come

Eliminare gli Odori Vaginali

Come

Evitare la Gravidanza senza Usare il Preservativo

Come

Prevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le Mestruazioni

Come

Riconoscere le Perdite di Sangue da Impianto

Come

Perdere la Verginità Senza Dolore (Ragazze)

Come

Far Cessare il Ciclo Mestruale

Come

Trattare le Lesioni Vaginali

Come

Trattare una Cisti Vaginale

Come

Sbarazzarsi della Cisti di Bartolini

Come

Fare gli Esercizi di Kegel

Come

Riconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Zora Degrandpre, ND
Co-redatto da:
Zora Degrandpre, ND
Medico Naturopata
Questo articolo è stato co-redatto da Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007. Questo articolo è stato visualizzato 247 177 volte
Categorie: Salute Donna

Esonero di Responsabilità per le Informazioni di natura Medica

Il contenuto di questo articolo non è inteso come sostitutivo di un parere medico professionale, esame, diagnosi o trattamento. Dovresti sempre consultare un dottore o altri professionisti qualificati del settore dell'assistenza sanitaria prima di cominciare, cambiare o interrompere qualsiasi tipo di terapia medica.

Questa pagina è stata letta 247 177 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità