Come Fermare un Lieve Sanguinamento durante il Primo Soccorso

Scritto in collaborazione con: Jonas DeMuro, MD

Un lieve sanguinamento dovuto a tagli, abrasioni, lacerazioni o altre ferite cutanee minori può in genere essere fermato e curato a casa. Nella maggior parte dei casi, anche le lesioni non gravi alla testa non richiedono l'intervento di un medico; la cosa principale da fare è applicare pressione, pulire la lesione e fasciarla.

Metodo 1 di 2:
Fermare l'Emorragia

  1. 1
    Lavati le mani. È importante farlo prima di prestare soccorso, se possibile, in modo da non contaminare la ferita con i batteri; se sono disponibili, dovresti anche indossare dei guanti medici.[1]
    • I guanti proteggono te e la vittima di cui ti stai prendendo cura da malattie che si trasmettono con il sangue, inclusi l'HIV e l'epatite virale.
    • Se non li hai, puoi sostituirli con dei sacchetti di plastica o di altro materiale impermeabile; in alternativa, usa molti strati di stoffa pulita. In tal caso, invece di applicare tu stesso la pressione sulla ferita, chiedi alla persona infortunata di farlo.[2] Usa le mani nude solo se si tratta di una grave, terribile emergenza medica: non mettere a rischio la tua salute.[3]
    • Lavati le mani per almeno 20 secondi con acqua e sapone, strofinandole accuratamente;[4] se non ci sono acqua e sapone, spalma un igienizzante alcolico.
  2. 2
    Verifica se il sanguinamento si è fermato. Un taglio minore, per definizione, dovrebbe smettere spontaneamente di sanguinare abbastanza in fretta; l'organismo reagisce coagulando il sangue sulla ferita chiudendola in breve tempo.[5]
    • Le lacerazioni addominali e toraciche sono spesso più gravi di quanto sembrino e dovrebbero essere sempre sottoposte all'attenzione di un medico.
    • Una leggera emorragia può trasformarsi in un problema grave per i pazienti in cura anticoagulante o se si tratta di una lesione perforante.
    • Per essere considerata lieve, la ferita dovrebbe interessare solo gli strati superiori della pelle; ad esempio, non devi essere in grado di vedere gli organi interni e il sangue non deve zampillare o uscire a fiotti seguendo il ritmo del battito cardiaco. In tal caso, sei di fronte a un'emergenza medica e devi immediatamente chiamare il 118; le lesioni minori rilasciano solo un flusso lento di sangue.[6]
  3. 3
    Se l'emorragia non si placa, applica pressione. Se sono trascorsi uno o due minuti senza che il sangue si sia fermato, devi premere sulla ferita dopo averla coperta con della garza sterile o un panno pulito. Tieni il tessuto fermo con una mano esercitando una pressione leggera e costante per 15 minuti; se il sangue impregna tutta la benda, non toglierla ma aggiungi altri strati di garza.[7]
    • Ricorda che se non hai dei guanti o altro materiale di protezione per le mani, chiedi alla vittima di applicare lei stessa la pressione.
  4. 4
    Solleva la zona ferita. Se la perdita ematica non si interrompe, cerca di portare l'arto in alto oltre il livello del cuore; così facendo, il sangue deve vincere la forza di gravità per raggiungere la lesione. Minore è la quantità di sangue che raggiunge la zona ferita e minori difficoltà incontra l'organismo per bloccare l'emorragia.[8]
    • Se pensi che ci sia una frattura ossea in prossimità del taglio, non spostare quella parte del corpo, perché potresti peggiorare la situazione dell'osso e delle strutture circostanti; in tal caso, ignora questo passaggio.[9]
    • Se non riesci a fermare il sanguinamento per quanto poco grave, chiama il 118 o porta la vittima al pronto soccorso.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Fasciare il Taglio

  1. 1
    Lava la ferita. Una volta bloccata l'emorragia, devi lavare la zona; usa acqua e sapone per detergerla, accertandoti di eliminare ogni residuo di sporcizia.[10] Questa operazione è più semplice se usi acqua corrente o sposti la vittima nella doccia.
    • Se ci sono dei detriti ostinati nel taglio, puoi estrarli con delle pinzette; assicurati che siano pulite e sterilizzate strofinandole con alcol denaturato, per evitare di contaminare ulteriormente la lesione.
    • Se non riesci a pulire completamente la ferita, vai dal medico.[11]
  2. 2
    Usa una pomata antibiotica. Applicane uno strato leggero sul taglio che, in teoria, dovrebbe restare leggermente umido; la pomata evita lo sviluppo di infezioni.[12]
  3. 3
    Copri la lesione. Dopo aver spalmato la pomata, proteggi la zona con un normale cerotto o della semplice garza sterile e nastro adesivo medico; controlla che la medicazione copra completamente la ferita.[13]
    • In caso di un graffio leggero, puoi anche lasciare la pelle esposta all'aria; lo scopo della medicazione è formare una barriera che tenga i batteri lontani.[14]
  4. 4
    Cambia quotidianamente la benda. Dovresti sostituirla almeno una volta al giorno e ogni volta che si bagna o si sporca. Di conseguenza, se la lesione si trova sulle mani, potrebbe essere necessario cambiare la medicazione anche più spesso, dato che le lavi più volte nell'arco della giornata.[15]
    • Durante questa operazione, approfitta per controllare il taglio. Quando il processo di guarigione è piuttosto avanzato e la maggior parte della ferita è ricoperta dalla crosta, puoi evitare di applicare il bendaggio.
    • Presta attenzione ai segni di infezione, che includono la presenza di pus, arrossamento, gonfiore, riduzione della mobilità e dolenzia; la pelle circostante potrebbe anche essere calda al tatto. Se temi ci sia un'infezione, rivolgiti al medico.[16]
    Pubblicità

Consigli

  • Per prima cosa, controlla sempre la scena dell'incidente. Se ti stai avvicinando a qualcuno che ha bisogno di aiuto, è importante esaminare la situazione per escludere eventuali pericoli; ad esempio, verifica che non ci siano cavi elettrici scoperti e che non ci sia il rischio di essere travolto da una vettura.[17]
  • Cerca anche altre ferite più gravi. Un taglio o un graffio leggero non sono pericolosi e te ne puoi prendere cura da solo; tuttavia, se sei intervenuto in aiuto di qualcuno, devi accertarti che non abbia lesioni importanti. Non puoi esimerti dal prestare soccorso a una persona che ha bisogno di intervento medico. Fai un rapido controllo per verificare che non ci siano ferite da punta, fratture, traumi agli occhi o alla testa, che sono indizi di problemi gravi; ricorda inoltre che il dolore toracico o le difficoltà di respirazione sono ancora più importanti.[18]
  • Assicurati che la vittima sia cosciente e respiri; ponile una domanda: se può rispondere, soddisfa questi due criteri. Puoi chiederle se si è ferita, dato che può capire se ha subito una lesione grave.
  • Se temi che il trauma sia potenzialmente mortale, chiama immediatamente il 118 o assegna questo compito a una persona specifica.[19]

Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Specialista in Chirurgia delle Emergenze e dell'Area Critica
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Jonas DeMuro, MD. Il Dottor DeMuro lavora come Chirurgo Specializzato in Chirurgia delle Emergenze e dell’Area Critica Iscritto all’Albo degli Specialisti a New York. Si è laureato in Medicina presso la Stony Brook University School of Medicine nel 1996.
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 2 711 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità