La frittura in padella è una tecnica di cottura che prevede di cucinare il cibo in olio bollente all'interno di una padella dal fondo alto. Puoi preparare praticamente qualsiasi ingrediente in questo modo, dalle verdure alla carne, pesce incluso. Esistono alcuni metodi differenti; si può soffriggere in padella, sfruttando un calore medio e poco olio per cucinare carni e verdure intere. Durante la frittura vera e propria si usa invece una dose maggiore di olio per immergervi alimenti in pastella, come il pollo o le melanzane per la parmigiana; infine, quando si saltano i cibi in padella, le temperature sono maggiori e le dosi di olio minime per preparare verdure e carni tagliate in bocconi. Una volta padroneggiata le varie tecniche, puoi fare una lista di tutti gli ingredienti che vuoi provare!

Metodo 1 di 3:
Tecniche di Base

  1. 1
    Prendi una padella pesante. Puoi usare una sauté oppure una normale padella, l'importante è che abbia il fondo piatto e i bordi alti, con pareti dritte o inclinate; assicurati che sia abbastanza ampia per le porzioni che intendi preparare, per evitare di "affollarla" eccessivamente.[1]
  2. 2
    Scalda il tegame a fuoco medio-alto. A meno che tu non abbia un una padella antiaderente, dovresti scaldarla prima di aggiungere l'olio, per evitare che la carne aderisca alla superficie. Questo metodo consente inoltre al grasso di scaldarsi più rapidamente; sono sufficienti due o tre minuti.[2]
    • Se hai una padella antiaderente, aggiungi l'olio a freddo e scaldalo insieme al tegame.
  3. 3
    Versa l'olio. Dovrebbero essere sufficienti un paio di cucchiai; inclina la padella per distribuirlo su tutta la superficie. Gli oli migliori da usare devono essere quasi insapori, come quello di oliva raffinato o di arachidi;[3] non utilizzare l'olio extravergine di oliva, se possibile.
    • L'olio extravergine di oliva può bruciare nella padella perché ha un basso punto di fumo, intorno ai 160-190 °C, contro i 240 °C di quello raffinato.[4] Dato che il cibo inizia a friggere intorno ai 180-190 °C, l'olio di oliva potrebbe bruciare prima ancora di iniziare a cuocere, conferendo un sapore amaro alla pietanza.[5] Se non hai altra scelta, monitora con cura l'olio; se inizia a emettere del fumo, togli il tegame dal fuoco e aspetta che si raffreddi prima di buttarlo via e ritentare.
  4. 4
    Attendi che l'olio si scaldi. Se lo hai versato in una padella calda, dovrebbe impiegare poco tempo, un minuto circa; se lo hai messo in un tegame freddo, potrebbe volerci di più. Ecco alcuni test per verificare se ha raggiunto la temperatura sufficiente:
    • Usa un termometro da cucina per conoscere il valore esatto. Intingi l'estremità metallica dello strumento nell'olio e aspetta 5 secondi per ottenere una rilevazione accurata; l'olio è pronto quando raggiunge i 185 °C.
    • Inserisci il manico di un cucchiaio di legno nell'olio; se si formano delle bolle che scoppiettano, è pronto.[6]
    • Se non hai un cucchiaio di legno, prova con una goccia di acqua (solo una!). L'acqua dovrebbe frizzare e scoppiettare quando l'olio è bollente; fai attenzione perché potrebbero svilupparsi schizzi ustionanti.
    • Non lasciare il tegame incustodito sul fuoco mentre l'olio si scalda; bastano pochi minuti, devi evitare che si bruci innescando un incendio.
  5. 5
    Aggiungi gli ingredienti all'olio. Assicurati che ciascun pezzo abbia spazio a sufficienza e che i tagli di carne non entrino in contatto tra loro. Se stai preparando delle verdure, disponile in un singolo strato, non dovrebbero essere impilate le une sulle altre. I cibi rilasciano del vapore quando friggono; se riempi troppo la padella, il vapore si accumulerà e otterrai un piatto molliccio.[7]
    • Ricorda che il lato inserito nell'olio per primo è quello che ottiene un aspetto migliore; di conseguenza, se il tuo obiettivo è una buona presentazione, disponi i petti di pollo con il lato tondeggiante verso il basso e i filetti di pesce con la porzione delle pelle verso l'alto.[8]
  6. 6
    Gira la carne a metà cottura. Se possibile, usa delle pinze da cucina al posto della forchetta; quest'ultima trafigge la carne facendole rilasciare i succhi. I vari tagli richiedono tempi di cottura differenti e devi calcolarli in base alle dimensioni e alla tipologia del prodotto. Se giri la carne con una frequenza eccessiva o in tempi troppo ravvicinati, rischi di rovinare la pastella.
    • Capovolgi il pollo e la bistecca dopo 4-6 minuti;[9] [10]
    • Gira il pesce e la carne di maiale dopo 3-4 minuti.[11] [12]
  7. 7
    Cuoci fino al livello desiderato. Puoi usare un termometro per assicurarti che la carne sia completamente cotta; infilane la sonda nella parte più spessa del taglio. In alternativa, puoi tagliare la pietanza per verificare se l'interno è cotto o meno. I vari tipi di carne devono raggiungere diverse temperature ritenute sicure per il consumo:
    • Le bistecche di manzo devono avere una temperatura interna di almeno 63 °C; possono essere rosate ma non rosse.
    • Il pollo e il tacchino si possono consumare in sicurezza quando cuociono almeno fino a 74 °C. Le fibre interne devono essere bianche, non rosa, e i succhi trasparenti.
    • La carne di maiale deve raggiungere almeno i 63 °C, la porzione interna dovrebbe essere soprattutto bianca o marrone, anche se è concessa una leggera tonalità rosata.
    • Il pesce deve essere cucinato fino a 63 °C; le carni si devono sfaldare con facilità usando una forchetta.[13]
  8. 8
    Togli il cibo dalla padella. Se possibile, usa delle pinze da cucina o una spatola e disponi la pietanza nel piatto. Se stai cucinando della carne di manzo o maiale, lascia che riposi tre minuti affinché riassorba i succhi e porti a termine il processo di cottura.[14] Servi immediatamente.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Frittura

  1. 1
    Versa 2,5 cm di olio in una padella. Il livello del liquido dovrebbe arrivare a metà dei lati del tegame. Puoi usare l'olio di semi, di girasole o quello di oliva raffinato.[15]
  2. 2
    Ricopri gli alimenti con la pastella prima di friggerli. Devono essere già pronti per quando l'olio sarà bollente. Puoi verificare la temperatura dell'olio intingendovi il manico di un cucchiaio di legno; se si formano delle bollicine attorno al manico, l'olio è pronto.
  3. 3
    Aggiungi il cibo all'olio caldo. Assicurati che ogni pezzo abbia molto spazio a disposizione; devi evitare di affollare il tegame, altrimenti non otterrai una frittura uniforme. Gli alimenti dovrebbero sfrigolare non appena toccano l'olio.[16] Se così non fosse, significa l'olio è troppo freddo; aspetta che la sua temperatura aumenti prima di aggiungere gli altri pezzi di cibo.
  4. 4
    Gira il cibo a metà cottura. Se possibile, usa le pinze ma puoi anche usare una forchetta, sebbene non sia l'ideale. Devi girare i pezzi solo una volta per garantire la cottura perfetta della pastella; se li capovolgi troppe volte o troppo spesso, la pastella si staccherà.[17]
  5. 5
    Trasferisci la frittura sulla carta assorbente. Una volta estratto il cibo dall'olio, disponilo ad asciugarsi un po' usando una spatola o delle pinze da cucina; la carta assorbente rimuove l'olio in eccesso lasciando la pastella croccante.[18] La carne dovrebbe riposare per qualche istante per portare a termine la cottura. Servi immediatamente.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Saltare in Padella

  1. 1
    Scegli un wok. Si tratta di un tegame molto capiente con le pareti inclinate e rappresenta lo strumento ideale per questa tecnica, perché consente di cuocere in diverse fasi. Anche se puoi usare una normale padella, il risultato non sarà altrettanto gustoso o costante.[19]
  2. 2
    Taglia la carne e le verdure. Questo metodo prevede che le pietanze siano ridotte in bocconi o listarelle prima della cottura; accertati che i vari pezzi abbiano più o meno le medesime dimensioni per fare in modo che cuociano in maniera uniforme. Preparali e tagliali prima di scaldare il tegame.[20]
  3. 3
    Scalda uno o due cucchiai di olio. Imposta il fornello a fuoco alto perché la cottura nel wok richiede temperature maggiori rispetto a quelle per le preparazioni in padella; l'olio di arachidi è particolarmente indicato, sebbene sia possibile usare quello di semi.
  4. 4
    Aggiungi gli ingredienti. Per prima cosa, rosola la carne mettendola nel wok e girandola dopo un minuto finché tutti i lati non sono dorati; aggiungi quindi le verdure, ma ricorda che alcune (come i broccoli, il mais e le carote) hanno bisogno di tempi più lunghi e devono quindi essere versati nel tegame per primi. Incorpora gli ingredienti più morbidi, come i funghi e il cavolo cinese, verso la fine della cottura.[21]
  5. 5
    Scuoti gli alimenti nel wok. Usa un cucchiaio di legno per mescolare, girare e agitare gli ingredienti; devi assicurarti che cuociano tutti in modo uniforme. Se hai la sensazione che qualche boccone sia troppo cotto, spostalo verso la parte più fredda del wok per evitare che bruci.
  6. 6
    Versa la salsa. Lascia che emetta del vapore e penetri nelle verdure; mescola la pietanza con cura e accertati che sia ben ricoperta di liquido. Esistono molte salse famose che puoi preparare o acquistare per saltare in padella, tra cui:
    • Soia;
    • Zenzero e soia;
    • Arance;
    • Hoisin;
    • Douchi.
  7. 7
    Togli gli ingredienti dal wok e servi la pietanza saltata in padella. Puoi accompagnarla con riso, noodle oppure gustarla da sola; mangiala mentre è ancora molto calda oppure lascia che si raffreddi e conservala per un secondo momento. Questa pietanza si conserva bene in frigorifero; puoi riscaldarla in seguito nel microonde o decidere di consumarla fredda.
  8. 8
    Finito.
    Pubblicità

Consigli

  • Prima di aggiungere la carne o le verdure, tampona leggermente gli alimenti per asciugarli; l'umidità forma una barriera che impedisce una buona frittura.
  • Tutti i tempi di cottura indicati nell'articolo sono approssimativi; rispetta sempre le istruzioni della ricetta che stai preparando.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non aggiungere l'acqua, non mettere il coperchio e non riempire troppo la padella.
  • Non surriscaldare l'olio; se emette fumo, significa che è troppo caldo.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Padella dal fondo alto
  • Wok
  • Olio da cucina (i migliori sono quelli di semi)
  • Carne o verdura
  • Fornello

wikiHow Correlati

Come

Mangiare i Cachi

Come

Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)

Come

Accelerare la Lievitazione dell'Impasto

Come

Utilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in Forno

Come

Mangiare il Burro di Arachidi

Come

Usare una Pietra Refrattaria

Come

Cuocere le Lenticchie Rosse Decorticate

Come

Preriscaldare il Forno

Come

Essiccare la Salvia

Come

Aprire una Scatoletta senza Apriscatole

Come

Bollire l'Acqua con il Microonde

Come

Aprire un Barattolo Sottovuoto

Come

Attivare il Lievito Secco

Come

Attenuare la Sensazione di Bruciore Causata dal Peperoncino
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 4 028 volte
Categorie: Cucina
Questa pagina è stata letta 4 028 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità