Scarica PDF Scarica PDF

Rompersi un braccio è normale e può succedere a qualsiasi età. La frattura può interessare l'omero, l'ulna o il radio, cioè le tre ossa che costituiscono questo arto [1] . Per trattare correttamente un braccio rotto, devi occuparti immediatamente della frattura, rivolgerti a un medico, avere pazienza e dedicargli le giuste cure affinché guarisca del tutto.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Sottoporsi a un Trattamento

  1. 1
    Valuta la situazione. A seconda della gravità della frattura, sarà necessario chiamare un'ambulanza o andare al pronto soccorso. Prima di procedere, fermati un attimo per valutare la situazione, in modo da evitare di aggravarla.
    • Se senti un suono simile a un colpo secco o a uno schiocco, è possibile che si tratti di una frattura [2] .
    • Altri sintomi classici di una frattura: dolore intenso che si acuisce se provi a muovere il braccio, gonfiore, ematomi, deformità, difficoltà a rivolgere il palmo verso l'alto o il basso [3] .
    • Se osservi determinati sintomi, chiama un'ambulanza o vai al pronto soccorso quanto prima possibile [4] . Qualche campanello d'allarme? La vittima della lesione ha perso conoscenza, non respira o non si muove. Osservi un'emorragia abbondante. Basta esercitare una pressione lieve o fare un movimento delicato per scatenare sensazioni dolorose. L'estremità del braccio interessato (per esempio un dito) è intorpidita o bluastra. Sospetti che si sia rotto un osso nella zona del collo, della testa o della schiena. Ti accorgi che l'osso intacca la superficie della pelle o il braccio si è deformato.
    • Se non puoi chiamare l'ambulanza o andare al pronto soccorso, leggi questo articolo.
  2. 2
    Allevia un'eventuale emorragia. Se la frattura ha causato un'emorragia, è importante fermarla quanto prima possibile. Esercita una leggera pressione sulla zona interessata usando una benda, un panno o un vestito pulito [5] .
  3. 3
    Evita di riallineare l'osso. Se fuoriesce o si è deformato, non provare a rimetterlo al suo posto, in nessun caso. Stabilizzalo e vai all'ospedale, in questo modo preverrai ulteriori lesioni e fastidi [7] .
    • Provare a riallineare l'osso può peggiorare la lesione e intensificare il dolore. Probabilmente causerà anche un'infezione [8] .
  4. 4
    Stabilizza il braccio rotto. È molto importante evitare di fare movimenti eccessivi, in modo da non danneggiare ulteriormente l'osso rotto. Colloca una stecca al di sopra e al di sotto della frattura per aiutare a stabilizzarla finché non potrai essere visto da un medico [9] .
  5. 5
    Applica una busta di ghiaccio istantaneo o del ghiaccio normale per attenuare il dolore e il gonfiore. Dopo aver avvolto la parte fratturata con un asciugamano o un panno, fai un impacco freddo. Può aiutare a tenere sotto controllo il dolore e il gonfiore finché non potrai andare dal medico [12] .
    • Non applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle, altrimenti rischi di congelarla [13] . Avvolgere il braccio con un panno o un asciugamano può aiutare a prevenire il congelamento [14] .
    • Lascia l'impacco freddo in posa per 20 minuti. Ripeti il trattamento finché non potrai andare all'ospedale o essere visto da un medico.
  6. 6
    Rivolgiti a un medico. A seconda della gravità della frattura, può essere necessario un gesso, una stecca o un tutore per stabilizzare la zona interessata. Il medico potrà decidere qual è il trattamento più indicato per la tua frattura [15] .
    • Il medico ti farà probabilmente una serie di domande mentre esamina il braccio rotto. Queste possono riguardare i sintomi, la loro intensità e i momenti in cui avverti un dolore più intenso [16] .
    • Il medico può prescriverti una radiografia o una risonanza magnetica per confermare qual è il trattamento più indicato [17] .
  7. 7
    Se si tratta di una frattura che ha causato la dislocazione dell'osso, il medico dovrà manipolarlo per rimetterlo a posto. Può essere doloroso, ma lo specialista può adottare delle misure per fare in modo che la procedura sia quanto meno spiacevole possibile [18] .
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Affrontare le Attività Quotidiane

  1. 1
    Ricorda di seguire i principi illustrati dall'acronimo inglese RICE, che sta per rest ("riposo)"), ice ("ghiaccio"), compression ("compressione") ed elevation ("elevazione"). Questo può aiutarti ad affrontare la giornata in maniera più facile e comoda [21] .
  2. 2
    Fai riposare il braccio nel corso della giornata. L'immobilità può favorire una corretta guarigione, nonché prevenire dolore o fastidi [22] .
  3. 3
    Fai un impacco di ghiaccio per attenuare il gonfiore e il dolore [23] .
    • Applica il ghiaccio per 20 minuti ogni volta che lo reputi necessario [24] .
    • Avvolgi il ghiaccio con un asciugamano per proteggere il gesso dall'acqua.
    • Se è troppo freddo o la pelle si intorpidisce, rimuovi il ghiaccio.
  4. 4
    Comprimi la lesione. Avvolgi una fascia elastica compressiva intorno al braccio. Può aiutare a ridurre il gonfiore e ad alleviare il dolore [25] .
    • Il gonfiore può causare una perdita della mobilità: la compressione aiuta a prevenirla.
    • Sfrutta la compressione finché la zona interessata non smetterà di essere gonfia o fino a quando il tuo medico ti dirà di farlo.
    • Le fasce e le bende compressive sono reperibili in farmacia e negli ipermercati.
  5. 5
    Solleva il braccio al di sopra del cuore. Ciò riduce il gonfiore e aiuta anche a conservare una buona mobilità [26] .
    • Se non riesci a sollevare il braccio, sostienilo con dei cuscini o un mobile.
  6. 6
    Proteggi il gesso dall'acqua. Sicuramente non avrai problemi a evitare piscine e vasche idromassaggio, ma hai pur sempre l'esigenza di farti la doccia o il bagno durante il periodo di guarigione. Quando ti lavi (prova questo metodo), è importante evitare che il gesso o il tutore si bagni. Questo può aiutarti a guarire correttamente e a prevenire infezioni o irritazioni cutanee.
    • Puoi avvolgere il gesso con della plastica spessa, come una busta della spazzatura o della pellicola trasparente. Assicurati di avvolgerlo bene e di fissare la plastica.
    • Per evitare che l'acqua filtri dall'interno, puoi infilare un piccolo asciugamano nel gesso. Questo non solo ti garantisce che il gesso si manterrà integro, aiuta anche a prevenire irritazioni o infezioni cutanee.
    • Se il gesso dovesse inumidirsi o bagnarsi leggermente, usa un asciugacapelli. Ti aiuterà a mantenerlo integro. Se dovesse inzupparsi, rivolgiti al tuo medico per sapere come procedere.
  7. 7
    Indossa vestiti pratici. Vestirsi con un braccio rotto può essere particolarmente difficile. Scegli capi di abbigliamento facili da mettere e da togliere, che non ti diano alcun fastidio.
    • Indossa capi di abbigliamento dalle linee morbide con aperture larghe per le braccia. Può anche essere più facile portare maglie a maniche corte o canotte.
    • Se fa freddo, puoi avvolgere un maglione intorno alla spalla del braccio rotto. In questo modo potrai tenere il braccio al suo interno e stare al caldo.
    • Se vuoi mettere i guanti ma non riesci a infilarli, prova ad avvolgere la mano con un calzino.
  8. 8
    Utilizza la mano e il braccio opposto. Se ti sei rotto il braccio dominante, usa quanto più possibile l'altro. Può volerci del tempo per abituarsi, ma questo può aiutare a essere più indipendenti.
    • Puoi imparare a lavarti i denti, i capelli o a usare gli utensili della cucina con la mano non dominante.
  9. 9
    Chiedi aiuto. Con un braccio rotto, può essere molto difficile fare da solo certe attività. Prova a chiedere una mano a un amico o a un familiare.
    • Puoi chiedere a un amico di prendere appunti a lezione o di battere al computer dei documenti. Puoi anche chiedere agli insegnanti di darti il permesso di registrare le lezioni.
    • Puoi anche notare che gli sconosciuti sono più inclini ad aiutarti. Dalla spesa al supermercato al lasciarti le porte aperte, approfitta di questo per far riposare il braccio.
    • Evita attività (come guidare) che ti mettono a dura prova con un braccio rotto. Chiedi ad amici o familiari di darti un passaggio o prendi i mezzi pubblici.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Favorire la Guarigione

  1. 1
    Evita di muovere eccessivamente il braccio. Mantenerlo quanto più fermo possibile può favorire il processo di guarigione. Che tu porti il gesso o una semplice fascia a tracolla, cerca di evitare i movimenti eccessivi o di sbattere il braccio contro gli oggetti [27] .
    • Questo è particolarmente importante se hai una frattura e il medico sta aspettando che il gonfiore si attenui per mettere il gesso [28] .
    • Ti conviene aspettare qualche settimana prima di riprendere le tue solite attività. Inoltre, dai retta a quello che ti dice il tuo medico [29] .
  2. 2
    Controlla il dolore e il fastidio prendendo dei medicinali. La frattura può essere piuttosto dolorosa. Assumere dei farmaci per alleviare il dolore può aiutarti a rilassarti e anche a evitare di muovere troppo l'arto [30] .
    • Puoi prendere antidolorifici da banco come aspirina, ibuprofene, naprossene o acetaminofene. L'ibuprofene e il naprossene aiutano anche a ridurre il gonfiore [31] .
    • I bambini e gli adolescenti di età inferiore ai 18 anni non dovrebbero prendere l'aspirina, a meno che non venga prescritta da un medico [32] .
    • Analogamente, dovresti evitare l'aspirina e altri medicinali che possono fluidificare il sangue se l'osso ha perforato la pelle o si è manifestata un'emorragia.
    • Se il dolore è piuttosto intenso, il tuo medico può prescriverti un antidolorifico associato a un narcotico per qualche giorno [33] .
  3. 3
    Fai fisioterapia. In molti casi, dopo il trattamento iniziale, è possibile cominciare la riabilitazione relativamente presto [34] . Puoi iniziare con dei semplici movimenti per ridurre la rigidità. Una volta che verrà tolto il gesso, il tutore o la fascia a tracolla, potrai passare gradualmente alla fisioterapia vera e propria [35] .
    • Fai fisioterapia solo con il permesso e la supervisione del tuo medico [36] .
    • La riabilitazione iniziale può includere dei semplici movimenti per promuovere la circolazione sanguigna e prevenire la rigidità [37] .
    • La fisioterapia può aiutare a recuperare il tono muscolare, la mobilità articolare e la flessibilità dopo la rimozione del gesso o del tutore. Inoltre, è efficace in seguito a un'operazione chirurgica, ovviamente dopo aver superato la fase di convalescenza [38] .
  4. 4
    In caso di grave frattura, dovrai sottoporti a un intervento chirurgico. Se hai una frattura composta o si è rotto l'osso, può essere necessaria un'operazione. In questo modo sarai sicuro che il braccio guarirà correttamente, inoltre ridurrai il rischio di ulteriori fratture [39] .
    • Durante l'operazione, un chirurgo ortopedico può inserire dei dispositivi di fissaggio per stabilizzare le ossa (come viti, chiodi, placche e fili) [40] . Aiuteranno a mantenere le ossa in posizione durante il processo di guarigione.
    • Prima che il chirurgo cominci a inserire e ad applicare i dispositivi di fissaggio, ti verrà somministrata un'anestesia locale [41] .
    • La guarigione dipende spesso dalla gravità della frattura e dal trattamento che le riservi.
    • Dopo l'intervento, può essere necessario fare fisioterapia per recuperare il tono muscolare, la flessibilità e la mobilità articolare.
  5. 5
    Mangia cibi che rafforzino le ossa. Un'alimentazione sana con cibi ricchi di calcio e vitamina D può aiutare a rafforzare le ossa. Permette anche di assumere i nutrienti necessari per ricostruire le ossa del braccio e prevenire lesioni future [42] .
    • Il calcio e la vitamina D possono collaborare per favorire il rafforzamento delle ossa [43] .
    • Alcune buone fonti di calcio: latte, spinaci, fagioli di soia, cavolo nero, formaggio e yogurt [44] .
    • Se la sola alimentazione non sopperisce alle tue esigenze, puoi prendere integratori di calcio, anche se dovresti cercare di assimilarlo quanto più possibile attraverso il cibo.
    • Ecco alcune buone fonti di vitamina D: salmone, tonno, fegato di manzo e tuorlo d'uovo [45] .
    • Come succede con il calcio, puoi assumere più vitamina D prendendo degli integratori.
    • Prova a mangiare cibi fortificati con calcio o vitamina D. Molti succhi di frutta, come quello d'uva o arancia, contengono queste sostanze. Alcuni prodotti lattiero-caseari sono fortificati con la vitamina D [46] .
  6. 6
    Fai degli esercizi per rafforzare le ossa. Molti pensano solo ai muscoli quando si allenano, ma anche le ossa traggono giovamento dall'attività fisica [47] . Chi fa sport presenta una densità ossea superiore rispetto a chi ha uno stile di vita sedentario [48] . Inoltre, l'esercizio fisico aiuta a migliorare l'equilibrio e la coordinazione, prevenendo cadute e incidenti [49] .
    • Prova sollevamento pesi, camminate, trekking, jogging, salire le scale, tennis e danza per rafforzare le ossa e averle in buona salute [50] .
    • Prima di intraprendere un programma di allenamento, assicurati di rivolgerti al tuo medico, specialmente se soffri di osteoporosi [51] .
    Pubblicità

Consigli

Pubblicità

wikiHow Correlati

Trattare un Braccio DoloranteTrattare un Braccio Dolorante
Ottenere Braccia ScolpiteOttenere Braccia Scolpite
Sviluppare i Bicipiti
Identificare una FratturaIdentificare una Frattura
Guarire le Fratture OsseeGuarire le Fratture Ossee
Guarire un Labbro SpaccatoGuarire un Labbro Spaccato
Rimuovere i Residui Adesivi di un Cerotto dalla PelleRimuovere i Residui Adesivi di un Cerotto dalla Pelle
Capire se hai la Nocca FratturataCapire se hai la Nocca Fratturata
Rimuovere un Cerotto Senza DoloreRimuovere un Cerotto Senza Dolore
Fasciare il Mignolo del Piede Fratturato con il Nastro Adesivo MedicoFasciare il Mignolo del Piede Fratturato con il Nastro Adesivo Medico
Trattare una Abrasione da AsfaltoTrattare una Abrasione da Asfalto
Togliere una Scheggia Sotto le UnghieTogliere una Scheggia Sotto le Unghie
Sapere se ti Sei Rotto un Dito del Piede
Stabilire se un Dito è FratturatoStabilire se un Dito è Fratturato
Pubblicità
  1. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  2. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  3. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  4. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  5. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  6. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/preparing-for-your-appointment/con-20031746
  7. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/preparing-for-your-appointment/con-20031746
  8. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/preparing-for-your-appointment/con-20031746
  9. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  10. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  11. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  12. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  13. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  14. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  15. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  16. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  17. http://www.mayoclinic.org/first-aid/first-aid-fractures/basics/art-20056641
  18. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  19. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  20. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  21. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  22. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  23. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/reyes-syndrome/basics/prevention/con-20020083
  24. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  25. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  26. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  27. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  28. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  29. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  30. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  31. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  32. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/treatment/con-20031746
  33. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/prevention/con-20031746
  34. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/prevention/con-20031746
  35. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/prevention/con-20031746
  36. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/prevention/con-20031746
  37. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/prevention/con-20031746
  38. http://www.niams.nih.gov/health_info/bone/Bone_Health/Exercise/default.asp
  39. http://www.niams.nih.gov/health_info/bone/Bone_Health/Exercise/default.asp
  40. http://www.niams.nih.gov/health_info/bone/Bone_Health/Exercise/default.asp
  41. http://www.niams.nih.gov/health_info/bone/Bone_Health/Exercise/default.asp
  42. http://www.niams.nih.gov/health_info/bone/Bone_Health/Exercise/default.asp
  43. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/broken-arm/basics/prevention/con-20031746

Informazioni su questo wikiHow

Jonathan Frank, MD
Co-redatto da:
Chirurgo Ortopedico Iscritto all’Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Jonathan Frank, MD. Il Dottor Jonathan Frank è un chirurgo ortopedico che vive a Beverly Hills specializzato in medicina dello sport e protezione delle articolazioni. Lo studio del dottor Frank si concentra sulla chirurgia artroscopica minimamente invasiva di ginocchio, spalla, anca e gomito. Si è laureato in Medicina alla University of California - Los Angeles School of Medicine. Ha completato un internato nel reparto di ortopedia del Rush University Medical Center di Chicago e una fellowship in medicina ortopedica dello sport e conservazione dell'anca presso la Steadman Clinic di Vail, nel Colorado. Lavora nel team di medici della squadra nazionale di sci e snowboard degli Stati Uniti. È attualmente un revisore scientifico per le migliori riviste scientifiche di revisione paritaria e le sue ricerche sono state presentate a conferenze di ortopedia regionali, nazionali e internazionali, vincendo diversi premi, tra cui i prestigiosi Mark Coventry e William A Grana. Questo articolo è stato visualizzato 44 143 volte
Categorie: Incidenti & Ferite
Questa pagina è stata letta 44 143 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità