Come Giocare a Chi Sono

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 14 Riferimenti

In questo Articolo:Organizzare il GiocoIndovinare la RispostaRispondere alle Domande degli Altri GiocatoriSperimentare le Varianti del Gioco

Se stai organizzando una festa o una cena tra amici, il gioco "Chi sono?" è un ottimo modo per rompere il ghiaccio.[1] Si tratta di un semplice gioco di società, simile agli indovinelli, in cui i giocatori cercano di scoprire il nome del personaggio (o della cosa) che gli è stato assegnato. Anche se il gioco è estremamente semplice da organizzare e preparare, puoi personalizzarlo in modo che diventi difficile e competitivo in base alle tue preferenze. Il segreto per divertirsi è trovare la formula giusta per il gruppo di persone con cui stai giocando.[2]

Parte 1
Organizzare il Gioco

  1. 1
    Stabilisci le regole.[3] "Chi sono?" è un gioco piuttosto semplice. Tutti i giocatori scrivono un nome che appartiene a una categoria decisa di comune accordo, come personaggi famosi o storici. Una volta scritto il nome, lo passano al giocatore alla loro sinistra. A questo punto tutti prendono il biglietto che hanno ricevuto e se lo mettono sulla fronte, senza guardare la risposta. A turno, i giocatori fanno delle domande al resto del gruppo, cercando di scoprire il nome che devono indovinare. Il gioco termina quando uno dei partecipanti risponde correttamente.
    • Personalizza il tema e le regole pensando alle preferenze del gruppo di persone con cui stai giocando.
    • Ognuno deve rispondere alle domande solo con "Sì" o "No". Risposte più complesse possono rendere il gioco troppo semplice.
    • Se non hai intenzione di trasformare il gioco in una competizione, dovresti dare a tutti la possibilità di indovinare.
    • Non vi sono regole che devono essere seguite per forza. Il gioco è pensato per essere adattato ai desideri di chi lo gioca.
  2. 2
    Riunisci i partecipanti. "Chi sono?" è un gioco perfetto per una festa o per un dopo cena tra amici. Il numero minimo di giocatori è 2, ma vi divertirete di più in 6-8.[4] Di solito, più numerose saranno le persone presenti, più l'esperienza sarà caotica e piacevole.
    • Questo gioco è pensato come occasione per rompere il ghiaccio e socializzare in un clima divertente. È ideale per iniziare una sessione di studio o di lavoro. Se puoi scegliere i giocatori, preferisci quelli con il più spiccato senso dell'umorismo, perché metteranno tutti i partecipanti a proprio agio.
  3. 3
    Decidi il tema. Spesso sono scelti i personaggi famosi.[5] Anche se non è necessario stabilire un tema, farlo rende il gioco più interessante ed equo. Discuti alcune proposte con il resto del gruppo, oppure suggerisci tu qualcosa se sei il padrone di casa.
    • Dovresti scegliere un tema che possa interessare il gruppo di persone che stanno giocando. Per esempio, pensa a personaggi storici, nazioni e gruppi musicali.
    • Esistono alcune versioni molto note di questo gioco. Personaggi famosi e personaggi storici sono tra i temi più usati e spesso il secondo è accompagnato da domande e risposte di un buon livello culturale, come "Ho dipinto un quadro di Venere che esce dall'acqua?".
    • Se stai giocando alla versione con personaggi storici, ecco alcuni nomi che puoi utilizzare: Alessandro Magno, Napoleone, Cesare.
  4. 4
    Scrivi i nomi sui biglietti. Il modo più comune di giocare a "Chi sono?" è chiedere a tutti i giocatori di scrivere il nome da indovinare su un Post-It e passarlo al giocatore più vicino, che se lo attaccherà sulla fronte.[6] Se anche tu parteciperai al gioco, dovresti evitare di scrivere tutti i biglietti.
    • Scrivi i biglietti insieme a un'altra persona. In questo modo non avrai un vantaggio sugli altri giocatori, perché non conoscerai tutti i nomi da indovinare.
    • In alternativa, puoi scrivere i nomi su normali pezzi di carta, da attaccare alla schiena dei partecipanti. Questo metodo è più adatto se il gruppo gioca in piedi.
  5. 5
    Distribuisci i biglietti. Scrivi un nome, un luogo, una cosa o un concetto su un biglietto, che terrai coperto. Puoi realizzare tutti i biglietti insieme, oppure chiedere a tutti i partecipanti di scriverne uno da passare a qualcun altro.
    • Includi alcune informazioni sul biglietto.[7] Prima di distribuire le carte agli altri giocatori può esserti utile consigliare a tutti di includere alcune semplici informazioni sul biglietto. In questo modo, se qualcuno non conosce il nome da indovinare, può comunque rispondere alle domande.
    • Il gioco "Chi sono?" è diventato quasi un sinonimo del marchio Post-it, tanto che la società riporta le regole sul sito ufficiale (in inglese).[8]

Parte 2
Indovinare la Risposta

  1. 1
    Attacca il post-it sulla fronte. Fallo a occhi chiusi. Premilo bene per assicurati che resti ben aderente. Non leggere il nome, altrimenti rovineresti tutto il divertimento! Se per errore l'occhio ti capita sulla risposta, chiedi un altro biglietto e ricomincia.
  2. 2
    Inizia con domande generali. Hai a disposizione un numero limitato di domande. Dato che all'inizio le possibili risposte sono infinite, scegli i quesiti che ti permettono di restringere di più il campo. Chiedere "Sono un animale?" o "Sono vivo?" ti permette di indirizzare le domande seguenti verso la probabile risposta.
    • In quasi tutte le versioni di "Chi sono?" valgono solo le domande a cui è possibile rispondere sì o no. Questo rende il gioco più interessante.
  3. 3
    Fai domande specifiche sulla base della tua intuizione. Restringi sempre di più il campo. Ognuno dei quesiti che poni deve tenere conto delle risposte affermative che hai ricevuto in precedenza. Seguendo questo consiglio riuscirai a dividere categorie intere in sezioni più ristrette.
    • Per esempio, se hai scoperto di essere un animale, puoi insistere su quell'argomento, dicendo "Sono un animale terrestre?" o "Sono un mammifero?".
  4. 4
    Prova a indovinare. Qualsiasi siano le regole che avete stabilito, arriverà il momento in cui devi mettere alla prova la tua teoria. Quando sei ragionevolmente certo prova a rispondere ad alta voce. Non farlo prima di essere sicuro. Anche se non avete imposto penalità per chi non dà la soluzione giusta, tirare a indovinare a caso rovina il gioco per gli altri.[9]
    • Allo stesso tempo, non aver paura di provare a indovinare. Nella maggior parte dei casi, la posta in gioco non sarà molto alta. Non lasciarti stressare dall'importanza di trovare la risposta giusta, altrimenti non ti divertirai. Se invece avete deciso di rendere il gioco più competitivo, esitando troppo darai la possibilità a un avversario di anticiparti.

Parte 3
Rispondere alle Domande degli Altri Giocatori

  1. 1
    Rispondi alle domande degli altri giocatori. Ascolta con attenzione tutti i partecipanti e rispondi al meglio delle tue possibilità. Che tu stia giocando contro un solo avversario o aspettando il tuo turno in una partita di gruppo, ci sono molte occasioni nel gioco in cui dovrai rispondere alle domande. Se non riconosci il nome scritto sul biglietto o non sai la risposta alla domanda che ti è stata posta, lascia che sia un altro giocatore a parlare o chiedi di cambiare il quesito.
  2. 2
    Rispondi in modo semplice.[10] Se il gioco è competitivo, devi assicurarti che le risposte che ricevono i tuoi avversari non li aiutino. Anche se non puoi nascondere delle informazioni, alcune versioni del gioco consentono di rispondere con più di un semplice sì o no. In questo caso dovresti provare a rivelare il meno possibile con la tua risposta.
    • Questo significa anche che non dovresti dare segnali che facciano capire ai tuoi avversari quanto sono vicini a indovinare. Potrai comunque ridere e divertirti, ma cerca di non lasciare trapelare nulla che possa concedere agli altri un vantaggio competitivo.
  3. 3
    Sii sincero. Rispondi senza omettere nulla. Questo gioco non funziona se i partecipanti non sono onesti. Anche nel più competitivo degli scenari, una sola risposta sbagliata può rovinare l'intera partita. Rispondi sempre in modo corretto ai quesiti dei tuoi avversari.
    • In alcune circostanze informali, rispondere con informazioni false può essere considerato uno scherzo divertente.
  4. 4
    Gioca ancora. Potete decidere di iniziare una nuova partita quando tutti hanno indovinato il proprio nome.[11] In questo caso, crea una nuova serie di biglietti.
    • Le partite hanno la tendenza a essere più divertenti quando le persone si sono scaldate e l'ambiente si è fatto piacevole.

Parte 4
Sperimentare le Varianti del Gioco

  1. 1
    Chiedi al gruppo se vogliono fare qualche cambiamento alle regole. Creare regole personalizzate è un modo per rendere il gioco più interessante (e divertente) per tutti. Può anche essere una bella trovata per dare un handicap ai giocatori che sono decisamente più bravi degli altri.
  2. 2
    Considera alcune delle varianti più diffuse del gioco. "Botticelli" è una versione del gioco a tema storico (personaggi del passato famosi almeno quanto il noto pittore) che modifica alcune regole. Ogni giocatore è libero di scegliere il proprio nome e saranno gli altri a doverlo indovinare.
    • Esiste un'altra versione dedicata ai personaggi famosi. I giocatori scrivono i nomi di molte celebrità diverse su delle strisce di carta e li mettono in un cappello. Uno dei partecipanti deve prenderne uno e dare indizi agli altri, che cercheranno di indovinarlo. L'unica regola sugli indizi è che non devono citare il nome della persona. L'obiettivo è far indovinare la risposta il più velocemente possibile.
    • Esistono molte altre alternative. Se non ti piace l'idea di rispondere solo sì o no, puoi provare qualcosa di diverso. Puoi prendere in prestito le regole delle varianti più note anche per la tua versione personale.
  3. 3
    Varia l'ordine in cui si svolge la partita. Nella maggior parte dei casi, in "Chi sono?" i giocatori pongono le loro domande a turno, in senso orario. In alternativa, i partecipanti possono giocare uno alla volta e porre tutte le domande di cui hanno bisogno per arrivare alla risposta. In occasione di una festa movimentata, le regole sull'ordine possono essere del tutto messe da parte e puoi dare a tutti la possibilità di fare domande e rispondere in qualunque momento. Una volta apprese le basi del gioco, sperimenta pure con queste varianti.
  4. 4
    Giocate a squadre. Se ti piace l'aspetto competitivo del gioco di squadra, dividi il gruppo in due. Ogni squadra condivide lo stesso punteggio e questo può avere l'effetto di rendere più attivi tutti i giocatori.

Consigli

  • "Chi sono?" è noto anche come il gioco dei nomi.[12]
  • Dopo alcune partite probabilmente avrai delle idee su come rendere il gioco più divertente. I giochi di società come questo devono essere personalizzati, quindi non aver timore di sperimentare o mettere in palio qualcosa.[13]
  • Se stai organizzando una cena, puoi proporre più di un gioco. Esistono moltissimi altri giochi da fare in gruppo. [14]

Avvertenze

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Giochi

In altre lingue:

English: Play the "Who Am I" Game, Português: Jogar "Quem Sou Eu?", Deutsch: Das "Wer bin ich" Spiel spielen, Français: jouer au jeu « Qui suis‐je », Español: jugar el juego Quién soy yo

Questa pagina è stata letta 5 958 volte.
Hai trovato utile questo articolo?