Come Identificare le Pietre Preziose

In questo Articolo:Verificare che la Pietra Sia una Pietra PreziosaOsservazioni SempliciStudio in Dettaglio della Pietra Preziosa5 Riferimenti

Puoi identificare velocemente la maggior parte delle pietre preziose osservando alcune semplici caratteristiche, come colore e peso. Se vuoi un'identificazione più approfondita e precisa, però, dovrai usare strumenti speciali per esaminare l'interno della pietra.

Passaggi

Prima di Iniziare: Usare Tabelle di Identificazione

  1. 1
    Investi in una tabella di identificazione delle pietre preziose. Se pensi che dovrai identificare spesso pietre preziose, la scelta migliore è investire in una tabella stampata o un manuale.
    • Se hai dei dubbi, cerca un libro o una tabella autorizzata dal Gemological Institute of America (GIA).
  2. 2
    Cerca su internet tabelle semplici. Se devi identificare pietre preziose solo raramente, potresti riuscire a cavartela utilizzando delle tabelle specifiche su internet. Queste tabelle sono molto meno dettagliate e complete, ma possono funzionare in mancanza d'altro.

Parte 1
Verificare che la Pietra Sia una Pietra Preziosa

  1. 1
    Tocca la superficie della pietra. Una pietra con una consistenza rugosa o sabbiosa non dovrebbe essere considerata una pietra preziosa.
  2. 2
    Verifica la malleabilità. Una pietra malleabile – ovvero a cui è facile dare forma con un martello, schiacciandola o piegandola – è probabilmente un minerale metallico e non una vera pietra preziosa.[1]
    • Le vere pietre preziose hanno una struttura cristallina. Puoi dare forma a queste strutture con tagli, fratture e abrasioni, ma possiedono piani fissi che non possono essere alterati dalla semplice pressione.
  3. 3
    Impara quali materiali non sono classificati come pietre preziose. In particolare, le perle e il legno fossilizzato possono essere classificati per sbaglio come pietre preziose, ma non rientrano in questa categoria nel senso più stretto del termine.
  4. 4
    Fai attenzione ai materiali sintetici. Le pietre sintetiche condividono la stessa struttura, composizione chimica e proprietà fisiche delle controparti naturali, ma sono create in laboratorio e non dalla natura. Puoi individuare una pietra sintetica osservando diverse caratteristiche.
    • Le pietre sintetiche hanno spesso schemi di crescita curvi e non angolari all'interno della pietra.
    • Le bolle di gas rotonde e in lunghe strisce sono spesso un'indicazione di sinteticità, ma fai attenzione, perché sono presenti bolle di gas anche all'interno delle pietre naturali.
    • Delle piastrine di platino o oro possono aderire alle pietre sintetiche.
    • Nelle pietre sintetiche sono comuni inclusioni a impronta digitale, così come inclusioni a forma di unghia, schemi di crescita a forma di V, inclusioni sferiche velate, e strutture colonnari interiori.
  5. 5
    Fai attenzione alle imitazioni. Una pietra d'imitazione è un materiale che somiglia ha una vera pietra preziosa a prima vista, malgrado sia realizzata con un materiale completamente diverso. Queste pietre possono essere naturali o artificiali, ma esistono alcune buone tecniche che puoi usare per identificarle in entrambi i casi.
    • La superficie di un'imitazione può apparire bucherellata e non uniforme, come una buccia d'arancia.
    • Alcune imitazioni hanno segni a vortice conosciuti come flow lines.
    • Nelle imitazioni sono comuni grandi bolle di gas rotonde.
    • Le imitazioni spesso sono più leggere delle controparti naturali.
  6. 6
    Determina se la pietra preziosa è una pietra assemblata. Le pietre assemblate sono realizzate con due o più materiali. Queste pietre possono consistere interamente di pietre naturali, ma spesso sono aggiunti dei materiali sintetici.
    • Usa una torcia per illuminare la pietra quando cerchi segni di assemblaggio.
    • Cerca delle differenze di lucentezza e delle linee di assemblaggio colorate o incolori.
    • Cerca anche l'effetto anello rosso. Capovolgi la pietra e cerca un anello rosso nella parte esterna. Se individui l'anello rosso, probabilmente si tratta di una pietra assemblata.

Parte 2
Osservazioni Semplici

  1. 1
    Osserva il colore della pietra. Il colore è spesso il primo indizio. Puoi suddividere questa analisi in tre parti: tono, colore e saturazione.[2]
    • Non illuminare la pietra per analizzarne il colore a meno che non si tratti di una pietra scura e devi determinare se sia nera, blu scura o di un altro colore.
    • Colore si riferisce al colore generale del corpo della pietra. Sii il più specifico possibile. Se ad esempio una pietra è di un verde giallognolo, identificala come tale e non limitarti a scrivere "verde". La GIA ha individuato 31 colori per le pietre.
    • Tono si riferisce alla luminosità del colore, ovvero chiaro, medio, scuro o un tono intermedio.
    • Saturazione si riferisce all'intensità del colore. Determina se il colore è caldo (giallo, arancione, rosso) o freddo (viola, blu, verde). Per i colori caldi, cerca delle tonalità marroni nella pietra. Per i colori freddi, cerca delle tonalità grigie. Più la pietra è marrone o grigia, meno il colore è saturato.
  2. 2
    Osserva la trasparenza. La trasparenza descrive come la luce filtra attraverso la pietra preziosa. Una pietra può essere trasparente, traslucida o opaca.
    • Le pietre trasparenti sono quelle in cui è possibile vedere completamente attraverso (esempio: diamanti).
    • È possibile vedere anche attraverso le pietre traslucide, ma dei colori o dei veli alterano l'immagine (esempio: ametista o acquamarina).
    • Non è possibile vedere attraverso le pietre opache (esempio: opale).
  3. 3
    Controlla il peso o la gravità specifica stimata. Puoi determinare il peso di una pietra preziosa facendola rimbalzare in mano. Si tratta di un metodo semplice e veloce per stimare il peso di una pietra senza eseguire complessi esami di gravità specifica.
    • Per giudicare il peso, fai rimbalzare la pietra nel palmo della mano e chiediti se ti sembra pesante o leggera per la sua dimensione.
    • Le misure della gravità specifica sono piuttosto obsolete come pratica tra i gemmologi, e vengono preferite le misure del peso come stima relativamente precisa.
    • L'acquamarina ad esempio ha un peso ridotto, mentre il topazio blu, di aspetto simile, è più pesante. Allo stesso modo, il diamante ha un peso inferiore dello zircone cubico sintetico.[3]
  4. 4
    Nota il taglio. Anche se non si tratta di un metodo di identificazione infallibile, è più probabile che alcune pietre preziose siano tagliate in alcuni modi. Spesso, i tagli ideali sono determinati dal modo in cui la luce rimbalza sulla struttura cristallina della pietra.
    • Gli stili di taglio più comuni che incontrerai sono a brillante, a rosa, a gradini, a forbice e a smeraldo. Per ognuno di questi stili di base, esistono anche dei sottostili.

Parte 3
Studio in Dettaglio della Pietra Preziosa

  1. 1
    Chiediti se puoi eseguire delle prove di danneggiamento. Ci sono alcuni test identificativi che dovresti evitare se devi preservare l'integrità della pietra preziosa. Questi includono l'esame di durezza, venatura e scissione.
    • Alcune pietre sono fisicamente più dure di altre, e la durezza viene solitamente misurata con la scala Mohs. Usa le diverse sostanze fornite nel kit di durezza per graffiare la superficie della pietra preziosa. Se la pietra può essere graffiata, è meno dura della sostanza che hai usato per graffiarla. Se la pietra non può essere graffiata, è più dura.
    • Per esaminare la venatura, trascina la pietra su una piastra di ceramica. Confronta la venatura lasciata dalla pietra con quella di una tabella.
    • Scissione si riferisce alla modalità con cui un cristallo si rompe. Se noti delle schegge sulla superficie, esamina la zona all'interno delle schegge. Altrimenti, dovrai colpire la pietra con forza sufficiente a romperla. Chiediti se la zona è arrotondata come gli anelli di una conchiglia, dritta come dei gradini, granulare, scheggiata o non uniforme.
  2. 2
    Verifica i fenomeni ottici. Questi fenomeni si presentano solo all'interno di alcune pietre. Secondo la pietra, potresti osservare cambiamenti di colore, asterismi, fasce di luce in movimento o altro.
    • Controlla la presenza di fenomeni ottici facendo passare la luce di una torcia sulla superficie della pietra.
    • I cambiamenti di colore sono uno dei fenomeni ottici più importanti, e dovresti controllarli per ogni pietra. Cerca i cambiamenti di colore tra luce naturale, luce a incandescenza e luce fluorescente.[4]
  3. 3
    Osserva la lucentezza. La lucentezza si riferisce alla qualità e all'intensità con la quale una superficie riflette la luce. Quando esegui un esame di lucentezza, rifletti la luce sulla parte della pietra preziosa più levigata.
    • Per verificare la lucentezza, gira la pietra, permettendo alla luce di riflettersi sulla superficie. Osserva la pietra a occhio nudo e con una lente a 10x.
    • Determina se la pietra sembra opaca, cerosa, metallica, lucente (adamantina), vetrosa, unta o setosa.
  4. 4
    Osserva la dispersione della pietra preziosa. Il modo in cui una pietra separa la luce bianca nei colori dello spettro è chiamato dispersione, e l'effetto visibile della dispersione è chiamato fuoco. Esamina la quantità e l'intensità di questo "fuoco" per identificare la pietra.
    • Illumina la pietra con una torcia ed esamina il fuoco al suo interno. Chiediti se il fuoco è debole, medio, forte o estremo.[5]
  5. 5
    Determina l'indice di rifrazione. Puoi esaminare l'indice di rifrazione (IR) usando un rifrattometro. Usando questo dispositivo, potrai misurare quando il percorso della luce viene alterato all'interno della pietra. Ogni pietra preziosa ha un IR preciso, perciò scoprire l'IR di un campione ti aiuterà a identificarlo.
    • Metti una piccola noce di fluido IR sulla superficie di metallo del rifrattometro vicino alla parte posteriore dell'emicilindro di cristallo (la finestra dove metterai la pietra).
    • Metti la pietra a faccia in giù sul fluido e falla scivolare verso il centro del cristallo emicilindrico usando le dita.
    • Guarda nella lente senza ingrandimento. Continua a osservare finché non vedi il profilo di una bolla, poi osserva il fondo di questa bolla. Prendi la misurazione da lì, arrotondando i decimali al centesimo.
    • Usa la lente di ingrandimento per una lettura più specifica e arrotonda il risultato al millesimo.
  6. 6
    Considera un test di birifrangenza. La birifrangenza è legata all'IR. Per eseguire un test di birifrangenza, dovrai girare la pietra sul rifrattometro sei volte durante il periodo di osservazione, e prendere nota dei cambiamenti.
    • Esegui un normale test dell'IR. Invece di tenere la pietra ferma, ruotala gradualmente di 180°, in sei rotazioni di 30°. Per ogni rotazione, misura nuovamente l'IR.
    • Sottrai la misura più bassa da quella più alta per trovare la birifrangenza della pietra. Arrotonda al millesimo.
  7. 7
    Controlla la presenza di rifrazione singola o doppia. Usa questo test sulle pietre trasparenti e traslucide. Puoi determinare se la pietra è solo a rifrazione singola (RS) o rifrazione doppia (RD) per facilitare l'identificazione. Alcune pietre possono essere classificate come aggregate (AGG).
    • Accendi la luce di un polariscopio e posiziona la pietra a faccia in giù sulla lente più bassa (polarizzatore). Guarda attraverso la lente superiore (analizzatore), girandola finché la zona intorno alla pietra non diventa più scura. Questo è il punto di partenza.
    • Ruota l'analizzatore di 360° e osserva come cambia la luce intorno alla pietra.
    • Se la pietra è apparsa scura ed è rimasta scura, probabilmente è una pietra RS. Se la pietra è apparsa chiara e rimasta chiara, probabilmente è una pietra AGG. Se la pietra è passata da chiara a scura, probabilmente è RD.

Consigli

  • Pulisci la pietra preziosa con un panno apposito prima di esaminarla. Piega il panno in quarti e inserisci la pietra all'interno. Strofinala con decisione tra gli strati del panno usando le dita per rimuovere sporco, impronte e olio.
  • Tieni la pietra con delle pinzette quando la esamini, per evitare di sporcarla.

Cose che ti Serviranno

  • Tabella di identificazione delle pietre preziose
  • Panno per gemme
  • Pinzette
  • Lente 10x
  • Fonte di luce, luce naturale o luce che riproduce la luce naturale
  • Torcia elettrica
  • Rifrattometro
  • Fluido per l'esame dell'indice di rifrazione
  • Polariscopio
  • Kit per il test della durezza
  • Piastra di ceramica
  • Microscopio

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Gioielleria & Orologi

In altre lingue:

English: Identify Gemstones, Français: reconnaître des pierres fines, Español: identificar piedras preciosas, Русский: распознавать драгоценные камни, Português: Identificar Pedras Preciosas, Deutsch: Edelsteine identifizieren, Bahasa Indonesia: Mengidentifikasi Batu Permata, العربية: تمييز الأحجار الكريمة, Nederlands: Edelstenen identificeren

Questa pagina è stata letta 6 928 volte.
Hai trovato utile questo articolo?