Scarica PDF Scarica PDF

L'apprendimento è un processo molto soggettivo. In genere, non tutte le tecniche che permettono di acquisire concetti e nozioni garantiscono un successo indiscriminato e non è detto che le strategie che aiutano una persona a capire un certo tipo di argomento siano altrettanto efficaci per un'altra.[1] Tuttavia, non preoccuparti perché è assolutamente normale! In giro troverai una marea di consigli contraddittori, ma esistono tanti approcci validi, promossi da istituzioni e organismi accademici che chiariscono meglio la questione. Queste tecniche sono sicuramente gli strumenti migliori da cui partire, quindi se vuoi scoprire suggerimenti utili e pratici, continua a leggere l'articolo. Con un po' di perseveranza riuscirai a migliorare la concentrazione e assimilare le informazioni in maniera più efficace.

Parte 1 di 4:
Assimilare e Memorizzare le Informazioni

  1. 1
    Scopri quale metodo di studio è più adatto alle tue esigenze. Naturalmente, il metodo di studio varia da persona a persona, ma se vuoi puoi fare un quiz per scoprirlo. È importante che tu ne abbia consapevolezza perché il modo in cui studi, impari e prendi appunti è molto soggettivo. Esistono quattro stili di apprendimento principali. Non devi attenerti a uno solo, ma puoi combinarli.
    • Visuale: chi usa questo stile impara soprattutto guardando le immagini, tra cui grafici, diagrammi e tabelle.
    • Uditivo: chi impiega questo stile apprende ascoltando le informazioni e ripetendole ad alta voce.
    • Scrittura/lettura: chi ricorre a questo metodo di studio assimila meglio le informazioni sotto forma di elaborati e dispense.
    • Cinestetico: è un metodo che promuove il rendimento nello svolgimento di attività molto concrete. Ad esempio, chi utilizza questo stile potrebbe concentrarsi meglio quando esegue esperimenti in laboratorio per le materie scientifiche.
  2. 2
    Suddividi la materia che stai studiando in parti più gestibili. Se cerchi di assimilare tutto in una volta sola, ti ritroverai presto in difficoltà. Che si tratti di studiare un capitolo di un testo di storia o imparare a suonare il pianoforte, concentrati su un'informazione alla volta prima di passare a quella successiva. Quando hai raggiunto una certa padronanza della materia, puoi ricostruire organicamente le varie nozioni apprese.[2]
    • Per esempio, se devi studiare il capitolo di un libro di testo, potresti iniziare dando una rapida scorsa all'intero capitolo o anche semplicemente ai titoli per farti un'idea del contenuto. Quindi, leggi attentamente ogni paragrafo e cerca di individuare i concetti chiave.
  3. 3
    Prendi appunti man mano che studi. Gli appunti favoriscono una migliore concentrazione sulla materia da imparare, agevolando il compito di comprenderla e assimilarla. Se stai seguendo una lezione o una spiegazione, annota i passaggi più importanti man mano che ascolti. Se stai leggendo, scrivi le parole chiave, riassumi i concetti salienti e annota tutte le domande che ti vengono in mente inerenti all'argomento.[3]
    • Secondo alcuni studi, il fatto di scrivere a mano aiuta ad acquisire meglio le informazioni rispetto a quando si usa il computer. Quando prendi appunti con carta e penna, presti maggiore attenzione ai passaggi importanti invece di scrivere quello che senti o vedi senza riflettere.[4]
    • Se ti piace scarabocchiare quando prendi appunti, non esitare! Potrebbe effettivamente aiutarti a concentrarti sulla lezione.[5]
  4. 4
    Riassumi le nozioni che hai imparato. Il riassunto è un ottimo modo per verificare le conoscenze acquisite e chiarire la comprensione di un argomento. Appena impari qualcosa di nuovo – che tu lo abbia ascoltato durante una lezione o letto in un libro – trova un momento per scrivere un breve paragrafo o un elenco puntato che sintetizzi i passaggi chiave.[6]
    • Puoi anche provare a riassumere verbalmente le informazioni. Se prendi delle lezioni private, il professore può darti un consiglio diretto su quanto hai riepilogato e aiutarti a determinare se hai afferrato correttamente i concetti.
    • Per esempio, potresti dire: "Quindi, per trovare l'area di un rettangolo, moltiplico la lunghezza per la larghezza. È giusto?".
  5. 5
    Mantieni le tue sessioni di studio brevi e frequenti. Invece di passare tante ore su una singola materia, suddividi lo studio in varie sessioni di 30-60 minuti al giorno, distribuite nell'arco di qualche giorno o settimana. In questo modo, eviterai di stressarti e alla fine ricorderai meglio quello che impari.[7]
    • Anche il fatto di distanziare le sessioni di studio ti aiuta a smettere di procrastinare. Se ti applichi tutti i giorni su un determinato compito o argomento, a lungo andare ti sembrerà meno opprimente e non avrai la tentazione di rimandarlo.
  6. 6
    Utilizza vari metodi di apprendimento.[8] La maggior parte delle persone impara meglio combinando diverse tecniche o metodi di studio. Se puoi, abbina diverse strategie adatte al tuo stile di apprendimento. Ad esempio:
    • Se stai seguendo un corso, prova a prendere gli appunti a mano e registrare le lezioni in modo da poterle sbobinare quando devi studiare. Rafforza le tue conoscenze scegliendo letture appropriate e utilizzando qualsiasi ausilio visivo a tua disposizione (come grafici e illustrazioni).
    • Se possibile, cerca anche di applicare attivamente le conoscenze che hai appreso. Ad esempio, se stai imparando il greco antico, prova a tradurre un breve passaggio da solo.
  7. 7
    Analizza quello che stai imparando con altre persone. Parlando della materia che stai studiando, sarai in grado di acquisire nuove prospettive e creare collegamenti che potrebbero esserti sfuggiti leggendo o studiando da solo. Oltre a porre domande all'insegnante o ad altri studenti, esponi il tuo punto di vista in relazione a quanto hai appreso.[9]
    • Insegnare ad altre persone è un ottimo modo per consolidare la comprensione di una materia. Può anche aiutarti a individuare gli aspetti sotto i quali migliorare le tue conoscenze. Prova a spiegare qualcosa che hai imparato a un amico, un familiare o un compagno di classe.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Rimanere Concentrati sullo Studio

  1. 1
    Concediti qualche pausa mentre studi. Se ti accorgi di perdere la concentrazione, prova a suddividere ogni sessione di studio in intervalli di 25 minuti, inframmezzati da pause di 5 minuti. Si chiama "tecnica del pomodoro": è un metodo che ti permette di restare attivo e concentrato mentalmente.[10]
    • Durante le pause, non pensare a quello che stai studiando. Prova invece a meditare o immaginare qualcosa di rilassante.
    • Prova a utilizzare un'applicazione dedicata, come Pomodoro Time, per cronometrare le pause e le sessioni di studio.
  2. 2
    Dormi 7-9 ore ogni notte. Il sonno favorisce la concentrazione e ti aiuta a restare energico quando studi. Tuttavia, i suoi benefici hanno un ruolo essenziale anche nell'apprendimento e nel richiamare alla memoria le informazioni apprese.[11] Vai a letto presto in modo da poter dormire 7-9 ore (o anche 8-10 se sei adolescente). Puoi migliorare la qualità del sonno nei seguenti modi:
    • Spegnendo qualsiasi schermo almeno mezz'ora prima di coricarti;
    • Stabilendo una routine rilassante prima di addormentarti: ad esempio, potresti leggere un libro, ascoltare musica dolce o fare una doccia calda;
    • Assicurandoti che la camera da letto sia silenziosa, buia e confortevole durante la notte;
    • Evitando caffeina e altre sostane stimolanti fino a 6 ore prima di andare a letto.
  3. 3
    Mangia alimenti che stimolano l'attività cerebrale. Consumando cibi nutrienti ed energetici, resterai vigile e assimilerai le informazioni in modo più efficace. Inizia la giornata con una bella colazione corroborante, composta con uovo sodo, fiocchi d'avena e frutta fresca. Mentre studi, fai uno spuntino con pietanze che nutrono il cervello, come mirtilli, banane o un po' di salmone ricco di omega-3.[12]
    • Assicurati anche di mantenerti idratato: un apporto sufficiente di acqua può aiutarti a combattere la stanchezza e rimanere concentrato.
  4. 4
    Trova un ambiente tranquillo e confortevole. Se studi in una zona rumorosa, scomoda o scarsamente illuminata, avrai più difficoltà a concentrarti e assimilare la materia.[13] Anche questo è un aspetto soggettivo, quindi prova a studiare in luoghi diversi per capire quello più adatto alle tue esigenze.[14]
    • Per esempio, se i rumori tendono a distrarti, prova una tranquilla sala studio in biblioteca anziché perdere tempo in un bar affollato.
    • Cerca uno spazio in cui puoi sederti e circondarti comodamente di tutto l'occorrente per studiare, ma non troppo da farti addormentare. Ad esempio, evita di studiare sul divano o a letto.
  5. 5
    Metti via il telefono e altre distrazioni.[15] È facile farsi risucchiare dalle applicazioni e dai giochi dei social media o continuare a controllare la posta quando si dovrebbe studiare. Se il telefono o un altro dispositivo ti distrae, prova a spegnerlo o tenerlo lontano dalla vista (ad esempio, riponendolo nella borsa o nel cassetto della scrivania). Puoi anche utilizzare un'applicazione per la produttività, come BreakFree o Flipd, in modo da limitare l'utilizzo del dispositivo durante gli orari di studio o lavoro.[16]
    • Evita di studiare nei posti in cui la televisione potrebbe distrarti.
    • Se hai la tentazione di dare un'occhiata a siti web che ti fanno perdere tempo, prova a installare un'estensione sul browser del computer, come StayFocusd, per evitare questo rischio.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Valutare le proprie Necessità nell'Apprendimento

  1. 1
    Rifletti su quello che sai e non sai. La metacognizione, ovvero la capacità di riconoscere ciò che sai e non sai, è una parte importante dell'apprendimento. Considera la materia o l'abilità che stai cercando di acquisire e chiediti: "Che cosa ne so? Che cosa non so o ancora non capisco fino in fondo?". Una volta identificate gli aspetti sotto i quali migliorare le tue conoscenze o la tua comprensione, puoi dedicare loro la tua attenzione.[17]
    • Un ottimo modo per valutare le proprie conoscenze consiste nell'interrogarsi sulla materia. Se stai usando un libro di testo o seguendo un corso che include questionari o verifiche, approfittane.
    • Puoi anche provare a scrivere una breve spiegazione sull'argomento. Questo esercizio ti aiuterà a mettere in evidenza le conoscenze che già possiedi, ma potrebbe anche portarti a individuare le tue lacune.
  2. 2
    Considera il questionario VARK per conoscere il tuo stile di apprendimento. Sebbene la maggior parte delle persone utilizzi una combinazione di metodi di studio, potresti renderti conto di ottenere risultati migliori mediante tecniche visive, uditive, cinestetiche o basate sulla lettura e la scrittura. Una volta comprese le modalità di apprendimento più adatte alle tue esigenze, puoi adeguare il tuo stile di studio. Per individuare il tuo stile di apprendimento principale, prova a rispondere al questionario VARK a questo link.
    • Gli studenti visivi assimilano meglio le informazioni utilizzando fonti visive, come mappe, grafici, diagrammi e immagini.
    • Gli studenti uditivi traggono il massimo beneficio ascoltando lezioni e spiegazioni. Trovano utile anche ripetere ad alta voce quello che imparano.
    • Gli studenti portati per la lettura e la scrittura ottengono risultati migliori leggendo e scrivendo quello che devono imparare. Concentrati prendendo appunti e consultando testi sull'argomento da studiare.
    • Gli studenti cinestetici acquisiscono in modo più efficace i concetti quando mettono direttamente in pratica quello che imparano. Ad esempio, potresti imparare una lingua più parlandola che leggendola.
  3. 3
    Individua i tuoi punti di forza nell'apprendimento. Somigliano agli stili di apprendimento, ma riguardano per lo più abilità e settori particolari dell'intelligenza. Sottoponiti a un test che ti permetta di capire quali sono i punti di forza da usare per migliorare la tua attività cognitiva – come Strength Assessment al sito web http://www.literacynet.org/mi/assessment/findyourstrengths.html – per poi adeguare i tuoi metodi di studio.
    • Per esempio, se ottieni un punteggio alto nell'intelligenza motoria, potresti scoprire di memorizzare e comprendere meglio le informazioni passeggiando con un amico e parlando con lui di quello che stai studiando.[18]
    • Secondo la teoria delle intelligenze multiple, le 8 aree più importanti dell'intelligenza sono: linguistica, logico-matematica, spaziale, corporeo-cinestetica, musicale, interpersonale, intrapersonale e naturalistica.[19]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Applicare il Pensiero Critico

  1. 1
    Fai domande su quello che stai imparando. Per interagire davvero con la materia di studio, non basta assimilare e ricordare le nozioni. Mentre impari, fermati e poniti delle domande. Coltivando dubbi e cercando risposte, riuscirai ad acquisire una comprensione più profonda.[20]
  2. 2
    Istituisci collegamenti fra vari concetti. Quando studi un argomento, non considerarlo come una serie di informazioni separate. Piuttosto, cerca di relazionare le idee e le informazioni in esso contenute sia tra loro sia con le conoscenze e l'esperienze pregresse. Così facendo, imparerai a contestualizzare le nozioni che via via impari.[22]
    • Per esempio, se stai studiando il modo in cui gli antropologi fisici usano il materiale scheletrico per ricostruire la vita degli uomini delle civiltà antiche, pensa a come le tue attività un domani potrebbero influenzare la visione di un futuro antropologo o archeologo se scoprisse le tue ossa – per esempio, potrebbe notare l'usura delle articolazioni del gomito se giochi a tennis.
  3. 3
    Esamina le fonti di informazione in modo critico. Non dare per scontato che tutto quello che senti, vedi o leggi sia vero. Quando studi, chiediti da dove provengono le informazioni, quanto sono affidabili e se sono recenti o superate. Ad esempio, prova a domandarti:[23]
    • "Quali prove fornisce questo autore per sostenere le sue tesi principali?"
    • "Queste informazioni sono aggiornate?"
    • "Quali sono le fonti?"
    • "Quali titoli possiede chi fornisce queste informazioni? Risponde a qualche agenda o nutre pregiudizi?"
    • "Esistono interpretazioni alternative altrettanto valide in relazione a questo problema?"
  4. 4
    Cerca di identificare i concetti salienti. Che tu stia studiando per un esame o una singola lezione, prova a ricavare i temi e i concetti chiave. In questo modo potrai organizzare i tuoi pensieri e stabilire su cosa concentrare l'attenzione durante il tuo lavoro.[24]
    • Per esempio, se stai frequentando un corso di storia americana, potresti scoprire che i temi dell'identità e della diversità in America ricorrono continuamente. Considera in che misura le informazioni spiegate in classe si ricollegano a queste problematiche.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Informazioni su questo wikiHow

Jai Flicker
Co-redatto da:
Tutor Accademico
Questo articolo è stato co-redatto da Jai Flicker. Jai Flicker è un tutor accademico, CEO e fondatore di Lifeworks Learning Center, un’attività con sede nella San Francisco Bay Area che si occupa di tutoraggio, supporto ai genitori, preparazione ai test, assistenza nella scrittura di saggi per il college e valutazioni psicoeducative per aiutare gli studenti a trasformare la loro predisposizione nei confronti dell'apprendimento. Jai ha oltre 20 anni di esperienza nel settore della gestione del sistema educativo. Si è laureato in Filosofia alla University of California, San Diego. Questo articolo è stato visualizzato 12 314 volte
In altre lingue
Questa pagina è stata letta 12 314 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità